La Damadelguilcier, intervista a Daniela Madau

By Matteo Enna

Daniela Madau

Da qualche mese, a Nuoro, viene organizzato un evento chiamato SorsiAperiWeb, organizzato da Sorsi di Web. Durante queste manifestazioni è facile conoscere diversi professionisti, come la protagonista di questa intervista. Questa volta ho il piacere di parlare con Daniela Madau, in arte damadelguilcier!

Vi presento Daniela Madau

Dopo aver conosciuto Daniela mi sono appassionato al suo blog ed i suoi articoli, sempre freschi e spontanei.

Tra le varie specializzazioni di Daniela Madau troviamo:

  • Storico e Critico d’Arte;
  • Travel Blogger & Dog Blogger;
  • Social Media Manager;
  • Guida Turistica;
  • Tecnico dei Servizi Educativi.

Ma ora tocca a lei parlare 🙂

Il Guilcier non ti ha dato solo una parte del tuo nome d’arte, quali sono i regali professionali che ti ha dato questo territorio?

Guilcier… in questo territorio ci vivo e indubbiamente mi ha conquistato il cuore, tanto da aver deciso di inserirlo nel mio “nome d’arte”. Premetto che, nonostante non sia ancora abbastanza conosciuto, ha una storia e delle tradizioni dal fascino indescrivibile.


Guilcier… in questo territorio ci vivo e indubbiamente mi ha conquistato il cuore, tanto da aver deciso di inserirlo nel mio “nome d’arte”.
Condividi il Tweet


A parte il mio “leggero” campanilismo (ironizzo ovviamente!), siamo in una posizione vantaggiosa: quasi equidistanti da tutto e a pochi km dalla 131 e dalla DCN, mi sembra impossibile vederci da qualche altra parte (ma chissà, se arriva qualche proposta si può ragionare!). Qui ho iniziato a muovere i primi passi e a scoprire la bellezza del mio territorio tra arte e archeologia; crescendo e spaziando gli orizzonti, credo che il Guilcier conservi un patrimonio materiale e immateriale che pian piano esce allo scoperto e si presenta al mondo nella sua veste migliore.

E poi… poi qui ci lavoro! Trascorriamo 24 ore a settimana nel Museo dell’Immagine e del Design Interattivo, tra mostre contemporanee e collezioni di fumetti, tra promozione territoriale e valorizzazione turistica, pensiamo che per ora questo sia abbastanza per farci amare incondizionatamente Norbello e il Guilcier!

Nei tuoi articoli riesci ad abbracciare diverse sfumature del travel blogging tra cui arte e viaggi con gli amici a 4 zampe. Come hai iniziato?

Dunque, vediamo… come ho iniziato, realmente non lo so. Come racconto nel mio blog, nasce tutto da uno sfarfallio nello stomaco quando durante una lezione in seconda media, abbiamo visitato una chiesa romanica. Le idee eran già ben chiare! Avevo capito che il mio futuro doveva essere nell’arte ma non sapevo ancora in che modo. Ogni mia scelta è sempre stata legata al mondo dell’arte e la laurea in Storia dell’Arte con tesi sul Medioevo si possono considerare la fine di un percorso e l’inizio di uno nuovo. Il resto, è stata una conseguenza… raccontare arte e Sardegna.


Avevo capito che il mio futuro doveva essere nell’arte ma non sapevo ancora in che modo.
Condividi il Tweet


Il blog, è arrivato ma come necessità di raccontare il nostro viaggio a 6 zampe dove arte e Sardegna si sposano alla grande.

Nella mia esperienza damadelguilcier, come hai premesso, abbraccio diverse sfumature che, in realtà, si sposano alla grande. Mi spiego meglio: studiare arte è stato alla base ma se non la sai raccontare, sei uno tra tanti. Se racconti arte (intesa anche come Sardegna a 360 eh!), anche la più difficile, ai bimbi, stai certo che diventi il miglior comunicatore, se poi se ne innamorano hai fatto bingo. Il dog… è un amore e una sfida! Lola l’ha accettata e io mi sono adeguata!

Per me sono tante sfaccettature del mio essere che si coniugano in ogni azione e in ogni articolo. Quando decisi di seguire il filone dogblogger, mi dissero che era un grande salto nel vuoto, io invece vedo e vedevo questa avventura come un modo per potermi vivere Lola e per essere la testimonianza che il 6 zampe è un valore aggiunto non da poco! Quegli occhioni sempre addosso e quel capirsi al volo, sono la risposta a ogni mio momento di sconforto!

Parlando con te, hai usato spesso parole come naturale, spontaneo e quotidiano, quanto Lola ha influito su questo?

Tanto, tantissimo anzi! Il viaggio a 6 zampe ha sempre una percentuale del 90% che si appella alla nostra capacità di riadattarci.

Nonostante ogni giornata è curata al dettaglio, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo e affrontare tutto con il sorriso e la spontaneità di Lola, rende la modifica della scaletta ancora più divertente!!! E poi tuffarmi nei suoi occhi e vedere la sua completa fiducia nella mia capacità di scegliere l’alternativa ideale mi mette sopra una grande responsabilità ma, allo stesso tempo, una fiducia e una carica sempre nuova!

Da poco con molto piacere ho riletto il tuo articolo intitolato “Io, onestamente, un whatsappino l’avrei gradito!”, vuoi raccontarci meglio questa storia?

A maggio una ragazza frequentante il liceo scientifico, decide di trascorrere le ore per raggiungere i crediti formativi da me, nel Museo dell’Immagine e del Design Interattivo a Norbello. Euforia a parte, da un momento all’altro, bum! Passo automaticamente dalla parte di “chi deve trasmettere e insegnare qualcosa”! Sono anni che organizzo visite guidate ma onestamente questa è stata tutta un’altra cosa; come scrivo nel blog, “la mia paura più grande era quella di non riuscire a trasmettere l’amore che provo per il mio lavoro”.

Nessuno ti avvisa e ti prepara ma oggi sono stra entusiasta perché Chiara, l’apripista, viene costantemente al Museo dell’Immagine e del Design Interattivo ed è un aiuto che proprio non ti so spiegare.

Che consiglieresti ad un giovane blogger che vorrebbe percorrere la tua stessa strada?

Domandona insomma! Sicuramente consiglierei un po’ di studio e un’analisi swot di partenza, tante tante letture e consulenza con esperti in comunicazione e in web. E poi pancia, tanta pancia. Nel mio lavoro è fondamentale “metterci la faccia” e “immedesimarsi nei propri utenti”, talvolta consapevole che il cambio rotta e l’aggiornamento sono sempre step per crescere!

Networking e intrecci con altri blogger, qual’è il guadagno umano di queste collaborazioni?

INESTIMABILE!

In tantissime escursioni e numerosi articoli, fanno capolino i nostri eccellenti compagni di viaggio: il bimboinspalla team! Una collaborazione nata con una naturalezza inspiegabile! Lola e Michele vanno d’accordissimo e io con Giuseppina abbiamo gli stessi gusti in termini di destinazioni e interessi. Poi i nostri articoli si confrontano e noi ci confrontiamo.


Lola e Michele vanno d’accordissimo e io con Giuseppina (@bimboinspalla) abbiamo gli stessi gusti in termini di destinazioni e interessi. Poi i nostri articoli si confrontano e noi ci confrontiamo.
Condividi il Tweet


Le nostre escursioni, sempre documentate nei social, diventano poi diari che sfoglio e leggo con piacere. Tra noi c’è un continuo scambio e un rapporto sincero e leale di collaborazione: tra foto e pensieri, i nostri articoli sono distinti ma riescono magicamente a intersecarsi. Quest’anno poi stiamo iniziando nuove collaborazioni con colleghi e operatori che ci permettono di creare una rete di reti, l’unico sistema, secondo noi, per crescere e far crescere il territorio che amo!

Grazie per le tue risposte, per chi ti volesse seguire quali canali suggeriresti?

Siamo presenti sui principali social come @damadelguilcier e poi il nostro piccolo blog: http://damadelguilcier.com/. Ci siamo molto affezionate perché è un vero e proprio diario del notro Viaggio a 6 Zampe!

L’articolo La Damadelguilcier, intervista a Daniela Madau proviene da Matteo Enna.

Monitor 4K G-Sync: quale comprare

By Fabrizio De Santis

Acer Predator XB271HKbmiprz Monitor, 27' IPS UHD, Risoluzione 3840x2160, Luminosità 300 cd/m2, Tempo di Risposta 4 ms, Tecnologia G-Sync, Nero/Rosso

Un buon monitor ci consente di godere appieno di tutti i dettagli offerti dall’hardware del nostro PC da gaming. Tuttavia, spesso gli utenti sottovalutano l’acquisto di un nuovo monitor, in quanto non viene fatta particolare attenzione alle caratteristiche di cui è dotato il prodotto. I monitor con risoluzione 4K ci consentono di godere di dettagli che difficilmente riusciamo a percepire con la risoluzione Full HD.

Per questo motivo, molti gamer preferiscono acquistare un prodotto di questa categoria. Alcune aziende hanno deciso di adottare la tecnologia NVIDIA G-Sync, in modo da migliorare la fluidità e abbattere lo screen tearing, problema molto comune alla maggior parte dell’utenza.

Indice

Come scegliere un monitor 4K G-Sync

La scelta di un monitor di questa categoria non è sicuramente da prendere alla leggera. Si tratta di un acquisto che deve essere effettuato con la massima attenzione, soprattutto considerato il prezzo che contraddistingue i vari modelli in commercio.

Infatti, devono essere presi in considerazione alcuni aspetti e alcune caratteristiche che determineranno la scelta del nostro nuovo monitor.

Tipologia del pannello

Se dobbiamo acquistare un monitor prettamente da gaming è consigliabile optare per un pannello di tipo TN o VA (Vertical Alignment). Se, invece, vogliamo utilizzare il monitor principalmente per editing e grafica, è consigliabile optare per un pannello di tipo IPS, tipologia affidabile che garantisce un’ottima resa dei colori.

Refresh rate e tempo di risposta

Questi due aspetti sono fondamentali nella scelta di un buon monitor. Il refresh rate è la frequenza di aggiornamento e rappresenta il numero di volte in un secondo in cui viene ridisegnata l’immagine. Questa caratteristica viene misurata in Hz, mentre il tempo di risposta, invece, viene misurato in ms. Il tempo di risposta varia anche a seconda del tipo di pannello di cui è dotato il nostro monitor. Solitamente, nei monitor 4K non troveremo dei valori di refresh rate molto alti come nei monitor Full HD, come ad esempio l’AOC AGON AG251FG.

Dimensioni

In questa categoria di prodotti è consigliabile acquistare un monitor con diagonale del display da 27 pollici. In questo modo potremo godere di tutti i dettagli offerti da questa risoluzione, in quanto una diagonale da 24 pollici sarebbe restrittiva per una risoluzione del genere.

I migliori modelli

Acer Predator XB271HK

Offerta

899,00 EUR
– 30%

629,00 EUR

Acquista su Amazon

Questo interessante monitor di Acer fa parte della serie Predator, linea dedicata ai prodotti da gaming realizzati dall’azienda. Stiamo parlando di un pannello di tipo IPS con rapporto 16:9 e diagonale da 27 pollici.

Il design di questo modello si contraddistingue dai suoi avversari per lo spessore minimo dei bordi. In questo modo potremo godere della qualità del display senza spessi bordi che infastidiscono la nostra vista. Il vero punto di forza di questo monitor è il refresh rate a 144 Hz che può essere portato fino a 165 Hz, sfruttabile al massimo abbassando la risoluzione.

Il tempo di risposta è di 4 ms, sconsigliato per il gaming competitivo, in quanto non regge il confronto con il tempo di risposta da 1 ms. Per un utilizzo non competitivo, il tempo di risposta è accettabile. Questo Acer Predator, inoltre, è dotato di alcune tecnologie che aiutano il giocatore durante le lunghe sessioni di gaming. Possiamo contare su ComfyView che riduce l’affaticamento degli occhi e su NVIDIA ULMB, la quale diminuisce gli effetti di motion blur e di ghosting.

AOC AGON AG271UG


AOC AGON AG271UG Monitor Gaming da 27″ IPS, 4K, 3840 x 2160, 4 msec, Speaker, HDMI, DP, 4 Porte USB, Nero

  • Monitor gaming con display da 27 pollici 4K con pannello IPS
  • Tempo di risposta di 4 msec; luminosità 250 cd/m2
  • Ampia connettività, ingressi HDMI, Display Port e 4 porte USB; base regolabile in altezza
  • Dotato della tecnologia G-Sync che offre un’esperienza di gioco mozzafiato con immagini nitide
  • FlickerFree e Low Blue Light che riducono l’affaticamento della vista per una visione più confortevole

656,88 EUR

Acquista su Amazon

I monitor di AOC della serie AGON si sono sempre contraddistinti per la propria qualità costruttiva. Questo modello è caratterizzato da un pannello di tipo IPS con diagonale di 27 pollici, rapporto 16:9 e risoluzione 4K (3.840 x 2.160 pixel).

Esso è dotato di un refresh rate di 60 Hz a risoluzione massima e di un tempo di risposta di 4 ms, nella norma per un pannello di tipo IPS. In questa categoria di prodotti difficilmente si trovano dei prodotti con un tempo di risposta ridotto a 1 ms. Il vero punto di forza di questo monitor è la qualità costruttiva. Può essere regolato in altezza e può essere ruotato fino a 180°, in modo da utilizzarlo come secondo monitor in verticale.

La tecnologia Flicker Free riduce drasticamente i livelli di sfarfallio nelle immagini visualizzate. Unita alla tecnologia G-Sync, potremo godere di un’esperienza di gioco fluida e senza screen tearing.

Asus ROG Swift PG348Q

Offerta


Asus ROG SWIFT Curved PG348Q Gaming Monitor, 34″ UWQHD (3440×1440), IPS, up to 100Hz, DP, HDMI, USB3.0, G-SYNC

  • Monitor curvo Ultra-Wide da 34″ (3440 x 1440) con un formato 21:9 per il gaming panoramico
  • Tecnologia display NVIDIA G-SYNC con refresh a 100 Hz per una fluida esperienza di gioco
  • Le tecnologie Ultra-Low Blue Light, Flicker-Free, GamePlus e GameVisual sono un supporto ottimo per i giocatori
  • Angolo visuale (verticale): 178°
  • Contenuto: Asus PG348Q, cavo di alimentazione, cavo DisplayPort, cavo USB, cavo HDMI, CD di supporto, guida rapida
1.551,99 EUR
– 42%

899,99 EUR

Acquista su Amazon

Veniamo ora a uno dei modelli preferiti dai vari utenti. L’Asus ROG Swift si è sempre contraddistinto per la qualità del pannello e per quella dei materiali con il quale è realizzato. Esso è dotato di un display da 34 pollici curvo con rapporto 21:9 e risoluzione UWQHD, ovvero 3.440 x 1.440 pixel. Il pannello di tipo IPS ci consente di godere di colori realistici e di una qualità d’immagine davvero ottima.

Il refresh rate di questo modello è di 100 Hz, mentre il tempo di risposta è di 5 ms. I due valori sono perfettamente in linea con la filosofia del prodotto, in quanto non è pensato per il gaming competitivo, ma per offrire all’utente un’esperienza videoludica coinvolgente e immersiva.

Inoltre, è dotato di un pratico alloggiamento grazie al quale potremo sistemare i vari cavi, in modo da realizzare un cable management pulito e ordinato.

Altre guide interessanti

Di seguito vi riportiamo una lista di guide correlate che troverete sicuramente di vostro interesse.

PC Gaming 400 euro: quale comprareEcco a voi la guida per un PC gaming 400 euro! Vi proponiamo due configurazioni, una basata su processore Intel e una basata su processore AMD.

PC Gaming 500 euro: quale comprareEcco a voi la guida per un PC gaming 500 euro! Vi proponiamo due configurazioni, una basata su processore Intel Core i3 e una basata su processore AMD Ryzen 3.

PC Gaming 600 euro: quale comprareIn questa guida vedremo due configurazioni di PC Gaming 600 euro con processore Intel e AMD. Vediamo insieme quali sono i vari componenti.

PC Gaming 1000 euro: quale comprareAvete un budget di 1000 euro, ma non sapete quali componenti acquistare? Vediamo insieme quali sono le configurazioni per un PC Gaming per questa cifra.

Monitor per PC: i migliori da comprareAvete deciso di cambiare monitor o state assemblando un nuovo computer? Ecco a voi i migliori monitor per PC: dal gaming all’ufficio fino all’uso casalingo!

Migliori monitor gaming: quale comprareSiete in cerca di un nuovo monitor gaming? Vediamo insieme come scegliere il monitor perfetto e quali sono i migliori modelli.

Usare TV come monitor PCCome usare TV come monitor PC? Occorre un cavo (ma non necessariamente), qualche click e alcune precisazioni riportate in questo articolo!

PC fisso (studio, lavoro, internet, gioco): guida all’acquistoNon sappiamo mai quale PC fisso scegliere? Ecco una guida esaustiva sulle componenti migliori.

PC fisso assemblato: guida all’acquistoVolete acquistare un PC fisso già pronto all’uso, senza dover montare pezzi? Ecco a voi la lista dei migliori PC assemblati.

Migliori Computer All-in-OnePC All-in-One, ossia il computer tutto integrato nel monitor: ecco a voi i migliori per casa e ufficio in questa nostra guida d’acquisto.

Come contattare TIM

By Dionisio Ciccarese

Per risolvere i problemi con la linea telefonica mobile o fissa nella maggior parte dei casi è strettamente necessario parlare con un operatore. Non è sempre cosi semplice. Tempi abbastanza ristretti e inesattezze sul numero da chiamare possono rendere una cosa così semplice una lunga agonia. Vediamo quindi come contattare TIM nel modo più semplice e veloce.

Indice

Assistenza telefonica

L’assistenza telefonica, nonostante permetta di raggiungere un operatore più velocemente, è quella dove è possibile incontrare maggiore difficoltà a causa di tecnicismi o distrazione. Spesso il numero da digitare sul tastierino varia nel tempo e non corrisponde più alla stessa opzione, pertanto ci rifaremo solo alle frasi udite in fase di selezione. Nello specifico:

  • Chiamare il 119 da mobile
  • Digitare il numero corrispondente ad assistenza commerciale, tecnica e amministrativa
  • Digitare il numero corrispondente ad assistenza amministrativa e commerciale
  • Scegliere l’opzione che più assomiglia al problema ed attendere l’operatore

Il numero è attivo 24h/24h ed è gratuito chiamando da uno dei paesi dell’UE, diversamente verrà applicato il normale costo di una chiamata dall’estero. Per chi chiama dall’estero è anche disponibile il numero +393399119 o, solo per ricaricabili, *101*+393399119#.

Per l’ assistenza da fisso è invece necessario chiamare il 187, digitare sul tastierino il numero corrispondente alla dicitura assistenza e seguire le istruzioni. Al termine dell’ operazione risponderà un operatore.

Assistenza online

Se l’assistenza telefonica non dovesse essere momentaneamente disponibile o non si ha tempo da dedicare ad una chiamata allora è il caso di utilizzare l’assistenza online attraverso Facebook, Twitter o il sito TIM. L’assistenza online è valida sia per mobile che per fisso.

Facebook

In questo caso contattare l’assistenza è molto semplice ed intuitivo. Basta raggiungere il profilo TIM e scrivere un messaggio in cui si specifica brevemente il problema. Aggiungere l’hashtag #TIMmobile o #TIMfisso può essere determinante per poter velocizzare la procedura. In poco tempo si verrà contattati da un operatore in chat.

Twitter

Anche Twitter rappresenta un’ ottima alternativa. È necessario postare un nuovo tweet esponendo dettagliatamente la richiesta o il problema e menzionando all’ inizio del messaggio:

In pochi minuti il customer care risponderà indicando la procedura e richiedendo i dati.

Sito TIM

Anche se poco intuitivo, utile potrebbe essere il sito di TIM. Nella sezione dedicata all’assistenza infatti è possibile accedere alle FAQ o leggere le ultime comunicazioni in cui potrebbero essere specificati i problemi riscontrati.

Altri articoli utili

Alcuni dei problemi o delle informazioni di cui si va a caccia potrebbero già essere presenti in alcuni dei nostri articoli.

Come verificare copertura TIM Fibra e ADSLSe avete deciso di passare a TIM è bene che ne verifichiate la copertura nella vostra zona! Ecco la procedura da seguire:

Offerte TIM Fibra e ADSL del momentoState cercando le migliori offerte TIM ADSL o fibra ottica? In questa guida abbiamo raccolto tutte le informazioni utili per scegliere la giusta promozione.

Offerte TIM Internet, chiamate e SMSAbbiamo raccolto per voi in questa pagina le migliori offerte TIM del momento. Grazie al nostro comparatore le tariffe sono sempre aggiornate.

Come verificare credito residuo TIMSiete dei nuovi clienti TIM e non sapete come verificare il credito residuo? Vediamo insieme come fare e quali sono le migliori offerte del momento.

Canonical dona (nuovamente) smartphone e tablet ad UBports

By Matteo Gatti

canonical ubports Nexus 7 nexus 10

Gli sviluppatori di UBports hanno annunciato che Canonical gli ha donato alcuni device (smartphone e tablet) per facilitare lo sviluppo di Ubuntu touch. Ora che Canonical, come sapete, ha smesso di sviluppare sia Unity 8 che Ubuntu touch ha ritenuto di fare un bel gesto aiutando il team di Marius Gripsgård.

Questa, in realtà, non è la prima donazione, infatti lo scorso 21 Febbraio vi ho informati circa una prima donazione di ben 38 smartphone (18 x BQ Aquaris E5 HD e 20 x Meizu MX4) da parte di Canonical nei confronti di UBPorts.

Altri 9 device per UBports

Stavolta UBports ha ricevuto 4 Nexus 10 (tablet), 4 Nexus 7 (tablet), e un solo Meizu MX4. Grazie alla donazione UBports potrà testare Ubuntu Touch su un maggior numero di dispositivi. Il porting di Ubuntu touch su Nexus 10 per ora non è previsto (nè preventivabile) mentre per quanto riguarda Nexus 7 la cosa è più probabile.

Marius Gripsgård si è detto grato per la donazione da parte di Canonical e ha confermato che sono al lavoro per migliorare il supporto per questi dispositivi che gli torneranno molto utili per development & testing.

Lo sviluppo di Ubuntu Touch procede un po’ a rilento, chiaramente UBports non è paragonabile a Canonical come forza lavoro. Attualmente siamo in attesa del rilascio definitivo dell’OTA-4 che è in fase di testing da oltre un mese.

Attualmente i dispositivi supportati sono i seguenti: Fairphone 2, Nexus 5, OnePlus One e BQ Aquaris M10 FHD. Per ulteriori dettagli vi rimando al sito ufficiale.


Last updated on 25 luglio 2018 0:42

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Canonical dona (nuovamente) smartphone e tablet ad UBports sembra essere il primo su Lffl.org.

Tastiera wireless: le migliori da comprare

By Manuel Baldassarre

Perixx PERIDUO-711 Tastiera e Mouse Senza Fili - Layout Italiano - Dimensione Standard con Tastierino Numerico - Grandi Stampa - AES 128 Bit - Nero

Non c’è cosa più soddisfacente di avere una scrivania ordinata e senza quei brutti cavi dappertutto, e per avere uno stile minimal il primo gadget dal quale partire è proprio la tastiera wireless. Ecco perché in questo articolo vi guideremo nell’acquisto di quella che fa al caso vostro!

Con una tastiera wireless infatti, vi basterà inserire un piccolo ricevitore USB nel vostro PC (o in un altro dispositivo come un tablet, un TV Box o una TV) e potrete finalmente dire addio ai cavi ingombranti, con tutta la comodità di potervi muovere e portare con voi la tastiera. Ma vediamo qualche altro dettaglio:

Tastiera wireless: le differenze

Parlare di tastiere wireless è un po’ generico, e ne esistono infatti di vari tipi. Dire che una tastiera sia wireless infatti, significa solamente che essa funzioni senza l’ausilio di cavi, ma come ben sapete esistono diverse tecnologie di collegamento senza fili.

In questa guida ci occuperemo di tastiere con collegamento wireless grazie all’ausilio di un ricevitore USB: molto semplicemente insieme alla tastiera wireless riceverete anche una piccola USB da inserire nel vostro PC, e grazie ad essa i due dispositivi potranno comunicare senza fili.

Questo tipo di collegamento wireless consente generalmente di tenere contenuti i costi e molto spesso l’utilizzo di un adattatore fa sì che possiate usare la tastiera wireless anche sulla vostra Smart TV o con un TV Box per godere appieno della multimedialità di casa.

Il ricevitore USB riceve alimentazione dal dispositivo al quale è collegato mentre la tastiera ha bisogno di un’alimentazione propria che, nella maggior parte dei casi, è affidata a delle semplici batterie che possono essere o meno integrate in confezione.

Raramente, e con un costo superiore, le tastiere sono ricaricabili (come uno smartphone) poiché integrano una batteria al litio. Di solito comunque, le comuni batterie hanno una durata molto soddisfacente, che viene indicata dal produttore. Non di rado infine, insieme alla tastiera avrete anche un mouse (anch’esso wireless).

Se queste sono le caratteristiche che stavate cercando, allora seguiteci nel prossimo paragrafo dove vedremo le tastiere wireless più vendute del momento. Altrimenti potete dare un’occhiata anche a queste alternative:

Tastiera wireless: le più vendute

A breve vi consiglieremo quelle che per noi sono le migliori tastiere wireless da comprare. Prima però potete dare un’occhiata alla lista qui in basso che contiene le 10 tastiere wireless più vendute su Amazon attualmente. Come potrete immaginare, il fatto che siano le più vendute non significa che siano le migliori da comprare, ma ci danno comunque un buon metro di paragone.

OffertaPiù venduto N. 1

Logitech MK270 Kit Tastiera e Mouse Wireless [Italiano]

Logitech – Personal computer

34,99 EUR
– 41%

da 20,58 EUR

OffertaPiù venduto N. 2

OffertaPiù venduto N. 4

Logitech K360 Tastiera Wireless, Layout Italiano QWERTY, Nero

Logitech – Personal computer

39,90 EUR
– 22%

31,29 EUR

OffertaPiù venduto N. 7

OffertaPiù venduto N. 8

OffertaPiù venduto N. 9

Ogni tastiera wireless che troverete poi, godrà quasi sicuramente di trattamento Prime che vi consentirà di ricevere l’oggetto con spedizione gratuita e veloce, ma avrete bisogno di attivare un account Amazon Prime. Se in questa lista non siete riusciti a trovare quello che cercavate, allora lasciatevi consigliare da noi:

Le migliori tastiere wireless

Se nel paragrafo precedente non siete riusciti a trovare la tastiera wireless che fa per voi, non disperate. Nelle prossime righe, in ordine di prezzo, abbiamo selezionato alcune delle migliori tastiere wireless con caratteristiche diverse tra loro per poter abbracciare i vostri gusti e le vostre necessità. Vediamole subito:

Il miglior rapporto qualità/prezzo

Offerta


Perixx PERIDUO-711 Tastiera e Mouse Senza Fili – Layout Italiano – Dimensione Standard con Tastierino Numerico – Grandi Stampa – AES 128 Bit – Nero

  • Grandi lettere stampate:…
  • Tecnologia wireless avanzata a…
  • Tastiera di dimensioni…
  • Mouse compatto: Porta con te…
  • [Perixx Computer GmbH -…
39,90 EUR
– 62%

14,99 EUR

Acquista su Amazon

Si chiama Perixx DUO e se avete un budget limitato, qui non potete davvero chiedere di più: layout italiano full-size (quindi anche con tastierino numerico sulla destra) con indicatori LED, tasti grandi e comodi – con delle stampe ben visibili – mouse wireless in dotazione e ben 2 anni di garanzia!

Tastiera wireless + Touchpad


VicTsing Tastiera Wireless con Touchpad, Layout Italiano QWERTY All-in-One 2.4Ghz Tastiera Senza fili con Touchpad Multi-tocco per Windows, Android, Chrome e Smart TV, Nero

  • All-in-One Media Tastiera: Bid…
  • Facile Accesso Controls: 12…
  • Intervallo di Trasmissione di…
  • Ultra Portabilità Design:…
  • Ampia Compatibilità:…

19,99 EUR

Acquista su Amazon

Per pochi euro in più rispetto alla precedente questa tastiera wireless firmata VicTsing include (al posto del tastierino numerico laterale) un comodissimo mouse touchpad con tasti dedicati. Questo genere di tastiera è particolarmente adatta alla multimedialità ed è infatti compatibile anche con Smart TV, tablet, TV Box e molto altro.

La nostra scelta

Offerta


Tastiera e Mouse Wireless Italiano,TOPELEK Kit Tastiera Mouse Senza Fili Design Ultra-Sottile,Keyboard Mouse Silenzioso con 3 DPI Regolabile,per PC Windows XP/7/8/10/VISTA/Mac,PS4, XBOX,Ufficio e Casa

  • 【Tastiera Italiana e…
  • 【 Ultra-sottile con il Mouse…
  • 【 Wireless a 2,4 GHz】 Un…
  • 【12 Tasti Multimediali e…
  • 【 Modalità a Riposare per…
29,99 EUR
– 18%

24,49 EUR

Acquista su Amazon

Se dovessimo consigliarvi una tastiera wireless, la nostra scelta ricadrebbe su questo kit tastiera e mouse di TopElek (ecco la nostra recensione) che si è distinta per il buon rapporto qualità/prezzo ma anche per il suo design elegante e minimal. Il mouse wireless in dotazione può regolarsi fino a 1600 DPI ed il Kit ha una modalità di standby per risparmiare batteria.

Per gli amanti del design


JOYACCESS Tastiera e Mouse Wireless Full-size Tranquilla Slim Tastiera Combo [Layout Italiano QWERTY]-Nero

  • Connessione Wireless 2.4Ghz…
  • Basta inserire il ricevitore…
  • Compatta e sottile occupa poco…
  • Tastiera dotata di indicatori…
  • Mouse regolabile con 3 livelli…

da 26,99 EUR

Acquista su Amazon

Ancora una volta una full-size, stavolta marcata JOYACCESS, che si contraddistingue per il suo design pulito, compatto e minimale. Anche qui parliamo di una tastiera wireless accoppiata ad un mouse con DPI regolabili che viene elogiata per la sua estrema silenziosità. Perfetta per chi usa il PC molte ore e non vuole rinunciare allo stile.

Tastiera wireless professionale


Microsoft Wireless 900 Desktop Tastiera e mouse senza fili [Italia]

  • Layout Italiano QWERTZ
  • Tasti silenziosi
  • Tasti di scelta rapida per…
  • Ricetrasmettitore…
  • Mouse di dimensioni standard

33,80 EUR

Acquista su Amazon

Da un marchio come Microsoft non potevamo aspettarci di meno: questo Kit tastiera wireless + mouse è stato studiato per offrire il massimo del comfort e della sicurezza. L’ottimizzazione fatta dal marchio infatti, le permette di avere una grande autonomia – di circa 2 anni – molta silenziosità ed una crittografia AES a 128 bit durante la digitazione.

Ultra compatta

Cercate una tastiera wireless super compatta e di ottima qualità? Rapoo è uno dei migliori marchi del settore ed il Kit 9060 è quello che fa per voi! Esso comprende un comodo mouse da 1000 DPI ed una tastiera ultrasottile in alluminio di soli 55 grammi! Perfetta per i PC ma anche e soprattutto per dispositivi come Smart TV, tablet o TV Box.

La tastiera wireless TOP

Offerta


Rapoo E9270 Tastiera Wireless Laser, Nero

  • 5 GHz
  • 112 tasti
  • Tasti FN/multimediali
  • Layout Italiano
  • 4 mm spessore
59,99 EUR
– 22%

46,60 EUR

Acquista su Amazon

Dulcis in fundo ecco a voi la Rapoo E9270, una tastiera wireless full-site con layout italiano a 112 tasti di estrema qualità. Vincitrice del premio IF Design, questa tastiera è realizzata in alluminio con tasti multimediali a sfioramento intelligenti con feedback di vibrazione. Inoltre la frequenza di collegamento è di 5 GHz, donando una velocità di risposta pari a quella di un collegamento via cavo! Non c’è il mouse in dotazione, ma poco male.

Altri gadget interessanti

Dunque queste erano secondo noi le migliori tastiere wireless: se conoscete altre tastiere altrettanto valide o avete bisogno di aiuto, lasciate un commento qui in basso o scriveteci un messaggio tramite il nostro Bot di Messenger (Facebook) per mettervi in diretto contatto con noi.

Ma come detto per rendere il vostro piano di lavoro pulito e minimale ci sono tantissimi altri gadget – spesso anche molto economici – che potrebbero cambiare totalmente il vostro setup! Ecco dunque qualche articolo che potrebbe interessarvi:

Migliori cuffie Wireless BluetoothViaggio alla scoperta delle migliori cuffie wireless bluetooth del momento: dai modelli economici entry-level a quelle top di gamma.

Tastiera wireless senza fili: le migliori da comprareSiete alla ricerca di una tastiera Wireless senza fili? Sono compatibili anche con console, Smart TV, TV Box, Smartphone, Tablet e PC. Ecco le migliori.

Monitor per PC: i migliori da comprareAvete deciso di cambiare monitor o state assemblando un nuovo computer? Ecco a voi i migliori monitor per PC: dal gaming all’ufficio fino all’uso casalingo!

Migliori supporti PC portatilePer chi utilizza molto il PC portatile a casa, un supporto può essere sicuramente utile, andiamo a vedere i migliori sul mercato.

Disponibile ReactOS 0.4.9: ecco tutte le novità

By Matteo Gatti

reactos 0.4.9

Una nuova versione del “clone” di Windows, ReactOS è disponibile per il download. Questa nuova versione dell’OS introduce una buona serie di piccole novità rispetto alla precedente release. Gli sviluppatori hanno migliorato sensibilmente la stabilità e l’usabilità complessiva.

Prima di spiegarvi nel dettaglio le novità introdotte dagli sviluppatori ci tengo a ricordarvi che ReactOS non è basato su Linux. E’ infatti basato su un kernel custom NT-like ed è compatibile con i driver Windows. A bordo trovate diversi tool e app installate di default, il package manager è RAPPS (simile a Synaptic). La pagina wiki lo definisce “un’alternativa open-source a Windows” niente di più e niente di meno.

Ad oggi il progetto si considera ancora in versione alpha quindi lungi dall’essere completo sotto il profilo delle funzioni implementate.

ReactOS 0.4.9

Il team di sviluppo ha deciso di rilasciare una nuova versione di ReactOS ogni tre mesi quindi queste micro-release non sono molto corpose.

ReactOS 0.4.9 è la prima versione self hosted release, ovvero la prima che è in grado di compilare se stessa. Questa funzionalità era già stata introdotta in passato ma poi rimossa perchè ancora acerba.

Introdotta la possibilità di estrarre il contenuto da un file .zip, presente una nuovo dialog per le impostazioni del mouse e la riparazione automatica dei filesystem identificati come danneggiati durante la procedura di boot.

Sono stati corretti ben 137 bug e risolte alcune situazioni che portavano al crash del sistema o all’esaurimento delle risorse disponibili. Sicuramente uno dei punti su cui gli sviluppatori devono lavorare è la grafica, il sistema è veramente antiquato da questo punto di vista.

Per ulteriori informazioni vi rimando all’annuncio ufficiale.

P.S: ReactOS assomiglia talmente tanto a Windows che hanno deciso di inserire anche questa ‘feature’:


Last updated on 25 luglio 2018 14:36

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Disponibile ReactOS 0.4.9: ecco tutte le novità sembra essere il primo su Lffl.org.

Fortnite: dove trovare le torte di compleanno

By Fabrizio De Santis

In concomitanza con il lancio della nuova patch 5.10, Fortnite ha festeggiato il suo primo compleanno. In occasione del suo primo anniversario, i ragazzi di Epic Games hanno pensato bene di organizzare delle sfide dedicate a tutti i giocatori con in palio quattro premi a tema.

Le sfide sono:

  • Infliggi 1.000 danni ai nemici per sbloccare un’emote;
  • Gioca 14 partite per ottenere 5.000 exp (punti esperienza);
  • Balla davanti a 10 torte di compleanno per sbloccare lo spray.

Quest’ultima è la sfida che richiede più tempo, in quanto le torte sono collocate in punti differenti della mappa. Il nostro compito sarà quello di trovare i vari punti di interesse e danzare davanti alle torte. Più in basso abbiamo inserito un’immmagine illustrativa delle posizioni dei vari oggetti.

Per facilitare il completamento della missione, abbiamo deciso di realizzare questa guida su dove trovare le torte di compleanno su Fortnite.

  • Boschetto Bisunto: vicino al campo da Basket;
  • Corso Commercio: al centro della città;
  • Laboratorio della Latrina: sotto la statua del WC;
  • Lande Letali: al centro del posto;
  • Nuovo Borgo Bislacco (a Nord della mappa): a Sud Est in mezzo ai campi da Golf;
  • Palmeto Paradisiaco: nella zona Nord;
  • Parco Pacifico: a Est tra la testa del burger e la casa;
  • Rapide Rischiose: a Sud della città sulla collinetta;
  • Rifugio Ritirato: a Ovest della baita di rifugio;
  • Sponde del saccheggio: a Sud del lago, più o meno sopra la cascata.

I ragazzi di thesquatingdog hanno realizzato un’immagine illustrativa con tutte le posizioni dettagliate delle 10 torte di compleanno.

Non è necessario trovare tutte le torte in una singola partita. L’importante è portare a termine la partita, anche con una sconfitta, altrimenti i progressi della sfida non verranno conteggiati.

Una volta completate le tre sfide, riceveremo in omaggio uno zainetto raffigurante una torta da applicare al dorso del nostro personaggio.

Portatile gaming GTX 1050: i migliori da comprareSiete in cerca di un portatile da gaming con scheda video NVIDIA GeForce GTX 1050? Vediamo insieme quali sono i migliori modelli.

Portatile gaming GTX 1060: i migliori da comprareSiete in cerca di un nuovo portatile, magari con scheda video NVIDIA GeForce GTX 1060? Vediamo insieme quali sono i migliori modelli.

Portatile gaming GTX 1070: i migliori da comprareSiete in cerca di un nuovo portatile da gaming, magari con GPU NVIDIA GeForce GTX 1070? Vediamo insieme quali sono i migliori modelli.

Portatile gaming GTX 1080: i migliori da comprareDesiderate acquistare un portatile da gaming con scheda video NVIDIA GeForce GTX 1080? Vediamo insieme quali sono i migliori modelli presenti in commercio.

PC Gaming 400 euro: quale comprareEcco a voi la guida per un PC gaming 400 euro! Vi proponiamo due configurazioni, una basata su processore Intel e una basata su processore AMD.

PC Gaming 500 euro: quale comprareEcco a voi la guida per un PC gaming 500 euro! Vi proponiamo due configurazioni, una basata su processore Intel Core i3 e una basata su processore AMD Ryzen 3.

PC Gaming 600 euro: quale comprareIn questa guida vedremo due configurazioni di PC Gaming 600 euro con processore Intel e AMD. Vediamo insieme quali sono i vari componenti.

PC Gaming 1000 euro: quale comprareAvete un budget di 1000 euro, ma non sapete quali componenti acquistare? Vediamo insieme quali sono le configurazioni per un PC Gaming per questa cifra.

Portatile gaming GTX 1080: i migliori da comprare

By Fabrizio De Santis

Asus GX501VI-GZ021T Notebook, Display da 15.6', Processore i7-7700HQ, 2.8 GHz, SSD da 512 GB, 16 GB di RAM, nVidia GeForce GTX1080, Nero [Layout Italiano]

Assemblare un PC da gaming non è un’operazione alla portata di tutti, soprattutto per quanto riguarda l’assemblaggio in sé. Per questo motivo, molti utenti preferiscono acquistare dei portatili da gaming, una soluzione molto più comoda. Si tratta di prodotti che ci accompagnano sempre e ci permettono di giocare ovunque grazie alla portabilità, caratteristica peculiare di questi prodotti.

Un portatile di questa categoria deve essere dotato di un componente in particolare per poter essere inserito in questa categoria. Stiamo parlando della scheda video dedicata, superiore di gran lunga alle schede video integrate presenti nella maggior parte dei portatili. Con il lancio della serie 10 di NVIDIA, alcune aziende hanno deciso di adottare queste componenti per realizzare le proprie macchine da guerra.

Dopo aver visto i migliori portatili con GTX 1050 e i migliori portatili con GTX 1060, vediamo come scegliere il portatile gaming GTX 1080 perfetto per le nostre esigenze.

Indice

Come scegliere un portatile da gaming

La NVIDIA GeForce 1080 è una delle migliori schede video presenti attualmente in circolazione. Per questo motivo, i prodotti che andremo ad analizzare presentano un costo molto elevato, al pari con le caratteristiche tecniche di cui sono dotati.

Le caratteristiche da tenere in considerazione nel momento della scelta di un nuovo portatile da gaming non sono poche.

La temperatura, ad esempio, è una delle problematiche che affligge questo genere di portatili. Temperature troppo elevate non fanno altro che diminuire drasticamente le prestazioni del nostro portatile. Un buon sistema di dissipazione, quindi, è fondamentale e riesce a fare la differenza in game.

Ultima, ma non meno importante, è la portabilità. In questa categoria sono presenti prodotti sia da 15 pollici che da 17 pollici. Ovviamente, i primi hanno il vantaggio di poter essere trasportati comodamente, mentre i secondi ci consentono di godere appieno di tutti i dettagli offerti dalla scheda video.

I migliori modelli

Asus ROG Zephyrus GX501VI-GZ021T

Offerta


Asus GX501VI-GZ021T Notebook, Display da 15.6″, Processore i7-7700HQ, 2.8 GHz, SSD da 512 GB, 16 GB di RAM, nVidia GeForce GTX1080, Nero [Layout Italiano]

  • Pannello 15,6″ Full HD (1920 x 1080) wide-view, anti-riflesso Refresh rate 120Hz con NVIDIA G-SYNC
  • Scheda grafica NVIDIA GeForce GTX 1080 with Max-Q Design 8 GB DDR5
  • Design ROG sottile e leggero: Profilo di 17.9mm, peso 2.2Kg
  • Tastiera evoluta con effetti Aura RGB e innovativo touchpad con funzionalità tastierino numerico
  • Audio coinvolgente: tecnologia ASUS Sonic Studio
3.299,00 EUR
– 29%

2.340,13 EUR

Acquista su Amazon

Se cerchiamo un computer leggero e sottile, ma allo stesso tempo con delle caratteristiche tecniche eccellenti, questo è il modello che fa per noi. È proprio questa una delle peculiarità di questo notebook da gaming.

È equipaggiato con un processore Intel Core i7-7700HQ Kaby Lake di 7° generazione con 4 core e 8 thread. Ha una frequenza base di 2,80 GHz e può essere spinto fino a 3,80 GHz grazie alla tecnologia Turbo Boost di Intel. La memoria RAM è da 16 GB di tipo DDR4 ed è accompagnata da un SSD da ben 512 GB dedicato all’archiviazione interna. Inoltre, troviamo una scheda video dedicata NVIDIA GeForce GTX 1080 da 8 GB di memoria DDR5, la quale ci permette di giocare anche ai giochi più recenti con settaggi e dettagli al massimo.

Il display è da 15.6 pollici con risoluzione Full HD e trattamento anti-riflesso. È dotato di refresh rate da 120 Hz e tecnologia NVIDIA G-SYNC, il che ci consente di giocare in modo fluido, senza preoccuparci di lag e screen tearing. La tastiera è dotata di retroilluminazione Aura RGB di ASUS.

La peculiarità di questo prodotto è la possibilità di usare il touchpad come tastierino numerico.

HP OMEN X 17-ap006nl

Questo portatile di HP fa parte della serie OMEN, la famosa linea di prodotti da gaming dell’azienda. Il design che caratterizza questo prodotto è molto simile a tutti i portatili da gaming dell’azienda. La qualità costruttiva è davvero ottima, degna di un portatile di questo livello.

Esso è equipaggiato con un processore Intel Core i7-7820HK Kaby Lake di 7° generazione con 4 core e 8 thread. La frequenza di base è di 2,90 GHz e può arrivare a massimo 3,90 GHz con la tecnologia Turbo Boost proprietaria di Intel. Troviamo ben 32 GB di memoria RAM (2 banchi per 16 GB l’uno) di tipo DDR4 con frequenza di 2800 MHz. Per quanto riguarda l’archiviazione interna troviamo una soluzione ibrida, ovvero un HDD da 1 TB e ben due SSD da 512 GB. Come scheda video, ovviamente, troviamo una NVIDIA GeForce GTX 1080 con 8 GB di memoria GDDR5X che ci garantisce delle prestazioni eccellenti.

Il display IPS è un 17.3 pollici con risoluzione Full HD e refresh rate a 144 Hz. Il facile accesso ai componenti interni ci permette di aggiornare l’hardware in tutta semplicità. Inoltre, è dotato di una tastiera meccanica con retroilluminazione RGB e tasti programmabili, personalizzabile tramite l’apposito software preinstallato nel PC.

MSI GT75VR 7RF Titan Pro


MSI GT75VR 7RF(Titan Pro)-033 2.9GHz i7-7820HK 17.3″ 3840 x 2160Pixel Nero Computer portatile

  • uebertaktbarer – 7820hk processore Intel Core i7 di settima generazione (fino a 3,90 GHz)
  • GeForce GTX 1080 – Scheda grafica di classe desktop con 8 Gbyte memoria GDDR5 X e G-SYNC sostegno
  • ‘17,3 (43,9 cm) di diagonale 4 K UHD Anti-Glare con classe e Wide View True Color Technology (IPS)
  • Super RAID 4 con due HDD dati estremamente rapido 256 GB PCI Express Plus 1TB SSD NVMe grande
  • Esclusiva: tastiera da gioco meccanica di SteelSeries con illuminazione RGB programmabile einzeltast

4.810,16 EUR

Acquista su Amazon

Cerchiamo un portatile da gaming che ci offra il meglio delle prestazioni? Allora questo MSI Titan Pro è il prodotto che fa decisamente per noi. Il cuore pulsante di questo computer è un Intel Core i7-7820HK a 4 core, 8 thread e frequenza base di 2,90 GHz (massima di 3,90 GHz con Turbo Boost).

La CPU è affiancata da ben 32 GB di memoria RAM di tipo DDR4, da un HDD da 1 TB e un SSD M.2 da 512 GB, il quale ci consente di ospitare il sistema operativo e migliorare di gran lunga le prestazioni generali.

La parte frontale è dominata da un bellissimo display da 17.3 pollici con risoluzione 4K che ci permetterà di godere di tutti i dettagli offerti dalla potente NVIDIA GeForce GTX 1080. Inoltre, è dotato di un’ottima tastiera meccanica della SteelSeries con retroilluminazione RGB e possibilità di personalizzare ogni singolo tasto.

MSI GT83VR 7RF-206 Titan SLI


MSI GT83VR 7RF-206 Titan SLI Notebook

  • MSI COMPUTER
  • Personal computer

Attualmente esaurito

Acquista su Amazon

Veniamo ora a un prodotto che difficilmente può essere definito “portatile”. Siamo di fronte a un vero e proprio mostro di potenza. Questo MSI Titan SLI è caratterizzato da delle dimensioni molto generose. Esso racchiude in sé tutta la potenza di un vero e proprio PC desktop da gaming.

Il processore è un Intel Core i7-7920HQ con 4 core e 8 thread. La frequenza base è di 3,10 GHz e frequenza massima di 4,10 GHz con la tecnologia Turbo Boost. Ad affiancarlo troviamo ben 64 GB di memoria RAM di tipo DDR4, un HDD da 1 TB e un SSD da ben 512 GB.

Come si può notare dal nome stesso, la vera peculiarità di questo modello è la presenza di ben due NVIDIA GeForce GTX 1080 con 8 GB di memoria dedicata di tipo GDDR5, le quali ci permettono di ottenere delle prestazioni eccellenti, al di sopra di qualsiasi altro portatile. Il display è da 18,4 pollici con risoluzione Full HD e trattamento anti-riflesso.

Altre guide interessanti

Di seguito vi proponiamo una lista di guide correlate che troverete sicuramente di vostro interesse.

Miglior portatile: quale comprareDovete sostituire il vostro PC portatile o avvicinarvi a questo mondo? Vediamo insieme quali sono i migliori modelli suddivisi per fascia di prezzo.

Portatile 200€: classifica e quale comprareChi ha detto che è impossibile conciliare performance accettabili e prezzo basso? Cerchiamo di sfatare questo mito analizzando i migliori notebook economici.

Portatile 300€: classifica e quale comprareBudget limitato ma necessità di comprare un nuovo Notebook? Ecco i migliori portatili a massimo 300€ ed i nostri consigli per l’acquisto!

Portatile 400€: classifica e quale comprareSulla fascia dei 400€ iniziamo a trovare dei prodotti davvero interessanti. La scelta non è sempre facile ma in questo vi aiutiamo noi.

Portatile 500€: classifica e quale comprareAvete un budget interessante per acquistare il vostro prossimo notebook ma non sapete quale modello scegliere? Oggi cercheremo di aiutarvi a compiere questo passo.

Portatile 600€: classifica e quale comprare600 euro iniziano ad essere una bella cifra da spendere per acquistare un notebook. Seguite i nostri consigli per l’acquisto dei migliori portatili da 600€.

Portatile per fare grafica e montaggi video: quale comprareState cercando un portatile che vi permetta di fare editing fotografico e video senza problemi? Ecco i nostri consigli e quale acquistare.

PC Gaming 400 euro: quale comprareEcco a voi la guida per un PC gaming 400 euro! Vi proponiamo due configurazioni, una basata su processore Intel e una basata su processore AMD.

PC Gaming 500 euro: quale comprareEcco a voi la guida per un PC gaming 500 euro! Vi proponiamo due configurazioni, una basata su processore Intel Core i3 e una basata su processore AMD Ryzen 3.

PC Gaming 600 euro: quale comprareIn questa guida vedremo due configurazioni di PC Gaming 600 euro con processore Intel e AMD. Vediamo insieme quali sono i vari componenti.

PC Gaming 1000 euro: quale comprareAvete un budget di 1000 euro, ma non sapete quali componenti acquistare? Vediamo insieme quali sono le configurazioni per un PC Gaming per questa cifra.

Ubuntu 18.10: in arrivo il Community theme Yaru

By Matteo Gatti

roche announcement

Didier Roche ha annunciato l’arrivo di un nuovo community theme per Ubuntu 18.10. Cosmic Cuttlefish, questo il nome in codice della prossima release di Ubuntu, potrà contare su Yaru, nuovo tema sviluppato da diversi membri della community cui inizialmente si faceva riferimento con “Communitheme”.

Yaru è qui e siamo felici di aver lavorato per rendere Ubuntu migliore. Il progetto è stato portato avanti dai membri della community e anche il nome è stato scelto da noi. Speriamo che vi piaccia e che vi permetta di fare cose interessanti con Cosmic Cuttlefish” queste le parole di Didier Roche.

Yaru è pronto per diventare il tema di default di Ubuntu 18.10

Il lavoro su Yaru è iniziato un po’ di mesi fa, praticamente dopo il rilascio di Ubuntu 18.04 LTS (Bionic Beaver). Ad oggi, secondo Roche, il tema è “fantastico, nitido, elegante e colorato”.

Yaru presenta un tono caldo per le headerbars, per lo sfondo della sidebar e per i colori delle finestre, i bottoni saranno più eleganti e luminosi. Troverete un blu più discreto per la selezione del testo anziché l’arancione intenso utilizzato fino ad ora, notifiche più belle, e una specie di trasparenza che dovrebbe rendere il desktop environment più simile a Unity 7 e Unity 8.

roche announcementYaru è fondamentalmente basato sul tema Adwaita, questo ha facilitato lo sviluppo. Nei prossimi giorni arriverà nelle daily builds di Ubuntu 18.10 (Cosmic Cuttlefish) e chiunque potrà testarlo e dare il proprio feedback agli sviluppatori.

Per maggiori informazioni su Yaru vi lascio i seguenti link:

28,87€
44,99
125 new
from 26,28€

Amazon.it
Free shipping


Last updated on 24 luglio 2018 22:53

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Ubuntu 18.10: in arrivo il Community theme Yaru sembra essere il primo su Lffl.org.

Tecnologia MIMO: cos’è e come migliora la Wi-Fi

By Manuel Baldassarre

tecnologia MIMO

Dalla nascita della connessione Internet wireless sono stati fatti enormi passi avanti volti ad aumentare la velocità del Wi-Fi, ma soprattutto la qualità del segnale. Lo scopo è sempre stato quello di avere una connessione senza fili ma allo stesso tempo stabile e veloce come quella cablata: ecco che nasce la tecnologia MIMO!

MIMO infatti è la risposta ad un numero sempre crescente di dispositivi interconnessi nelle nostre case, che con i modem tradizionali non potevano coesistere senza avere una drastica riduzione della banda disponibile o della velocità di connessione. Senza questa tecnologia, forse, la Domotica non avrebbe neanche avuto senso di esistere.

Tecnologia MIMO: cos’è?

Facciamo un po’ di storia: la parola MIMO è stata coniata nel lontano 2007 e non è altro che l’acronimo di: Multiple Input Multiple Output. Letteralmente dunque, MIMO vuole dire “tanti ingressi, tante uscite”. Per capire bene questa affermazione bisogna ripensare ai vecchi modem.

I vecchi apparecchi modem/router infatti, prima dello standard IEEE 802.11n, potevano comunicare solamente con un dispositivo per volta. Pensate a tutti gli apparecchi Wi-Fi che avete in casa adesso e immaginate come possa essere il “dover aspettare” che un’altro dispositivo compia un operazione prima di avere banda a disposizione.

Con la tecnologia MIMO il router poteva finalmente interfacciarsi con più dispositivi insieme poiché era stata implementata la possibilità di inviare/ricevere dati contemporaneamente da più dispositivi. Così facendo con la stessa banda a disposizione è possibile interfacciarsi con più dispositivi ed in maniera più veloce.

SU-MIMO e MU-MIMO

Probabilmente non avete mai sentito parlare di SU-MIMO, ma questo è il nome che si dà alla “prima generazione” di questa tecnologia. SU sta per “Single User” (utente singolo) e indica che il router poteva interfacciarsi con un solo dispositivo per volta.

In pratica inizialmente, seppur l’apparecchio poteva gestire più dispositivi simultaneamente, la connessione era di tipo “prioritaria” e veniva soddisfatta la richiesta del “più veloce”. Insomma se c’erano due richieste di scambio dati simultanee, una delle due avrebbe avuto priorità sull’altra.

tecnologia MIMO

Con il MU-MIMO come potete immaginare, c’è stata la vera svolta! Con “Multiple User” (più utenti) si indica la capacità del modem/router di stabilire una connessione di invio/ricezione dati con più utenti contemporaneamente. Questo è possibile grazie all’utilizzo di più antenne e frequenze differenti.

In pratica possiamo dire che con il SU-MIMO vi era una connessione 1 x 1 (un solo flusso di dati in invio/ricezione). Con il MU-MIMO invece si è potuto creare una connessione 2 x 2 (due flussi in invio/ricezione con due diversi dispositivi), 3 x 3, 4 x 4 e così via.

MU-MIMO: come funziona

Questo tipo di tecnologia si basa sul fenomeno del multipath (percorso multiplo): in pratica un segnale per raggiungere la sua destinazione (in aria) utilizzerà percorsi differenti a seconda degli “ostacoli” che incontra, rimbalzando su muri o mobili.

Così facendo (in uno scambio di dati tra router e dispositivo) è possibile fare invii multipli – anziché uno solo – elaborati poi in ricezione per risparmiare tempo e quindi aumentare la velocità di scambio dati. Questo appunto, permette l’aumento del troughput.

tecnologia MIMO

C’è però da dire che attualmente la stragrande maggioranza delle persone non hanno o non possono sfruttare questa tecnologia proprio perché il MU-MIMO deve essere supportato sia dal trasmettitore che dal ricevitore! Lo standard utilizzato infatti è il 802.11ac (con la banda a 5 GHz).

Ne consegue che se il vostro router ha a disposizione questa banda, ed ha delle antenne compatibili con la tecnologia MIMO, non è detto che possiate sfruttarla se non userete dispositivi (come smartphone o PC) che hanno una scheda wireless MU-MIMO. Ma ci sono anche altri svantaggi.

Gli svantaggi del MU-MIMO

Il fatto che – attualmente – non ci siano ancora molti dispositivi compatibili con tale tecnologia, è irrilevante. Col passare del tempo lo standard sarà sempre più diffuso e tutti potranno beneficiarne.

Il problema maggiore sta nel fatto che (in media) ci sono più di 10 dispositivi Wi-Fi connessi nelle nostre case oggigiorno, e questo numero è destinato a raddoppiare nel giro di pochi anni. D’altro canto attualmente la tecnologia MU-MIMO è limitata a pochi dispositivi nell’ambiente domestico.

Affinché essa sia disponibile per tutti infatti, ci sarebbe bisogno di installare sempre più antenne (aumentando considerevolmente la potenza generata). Inoltre troppi dispositivi – soprattutto quando vicini tra loro – andrebbero a condividere lo stesso canale poiché non riuscirebbero a trovare il miglior canale Wi-Fi in quel raggio.

Migliorare la connessione Wi-Fi

Ad oggi comunque esistono altri metodi per migliorare la connessione Wi-Fi, e come primo fra tutti c’è l’utilizzo di apparecchi che riescono a prendere il segnale Wi-Fi proveniente da una sorgente lontana, amplificare la loro potenza e ripeterli nuovamente.

Questo tipo di apparecchio è chiamato ripetitore Wi-Fi e in genere può avere anche un costo molto contenuto (a seconda dell’impiego che se ne deve fare). E con lo stesso principio dei ripetitori, ma più avanzati, ci sono gli Access Point Wi-Fi al quale abbiamo dedicato un’interessante guida all’acquisto.

Ovviamente però, questi sono solo degli apparecchi che gravitano attorno al corpo centrale della vostra connessione di casa: il router! E per questo se state pensando di migliorare la vostra connessione, vi consigliamo di dare anche una rapida occhiata a queste nostre guide dedicate:

Come potenziare segnale WiFiState riscontrando problemi con la vostra Wi-Fi e volete assolutamente potenziare il vostro segnale? Ecco a voi alcuni utili trucchi.

Come estendere segnale WiFiNulla è più frustrante di una rete domestica con poco raggio d’azione. Per fortuna ci sono molte soluzioni adatte a risolvere questo problema. In questa guida analizzeremo le più adatte alle vostre esigenze.

Dove trovare WiFi gratisSe viaggiate spesso e avete bisogno di trovare connessioni alternative a quella del vostro smartphone, non potete assolutamente perdervi questo articolo.