I momenti del 2023 che hanno segnato il mondo open source

mondo open source

Come sempre, quando arriva fine anno, si tirano le somme dell’anno trascorso e si fa il punto della situazione per riassumere i punti salienti e questo articolo cerca di farlo sperando di cogliere tutti i momenti del 2023 che hanno segnato il mondo open source.

Dopo 30 anni, Linux raggiunge finalmente una quota di mercato del 3%

Linux ha una lunga storia che risale a più di 30 anni. Fortunatamente, secondo StatCounter, nel giugno 2023, Linux ha finalmente raggiunto una quota di mercato del 3% nel segmento desktop. Anche se alcuni potrebbero ritenere questa cifra modesta, essa indica una crescente accettazione e riconoscimento della potenza e della versatilità di Linux.

Da qualunque parte si guardi, il sistema operativo non è più quello di 20 anni fa: un’equazione complessa disponibile solo per hacker altamente esperti dal punto di vista tecnico.

Al giorno d’oggi, con distribuzioni GNU/Linux desktop eccezionalmente facili da usare e interamente incentrate sull’utente come Ubuntu, Linux Mint, Pop!_OS, Fedora, Manjaro, ecc., Linux è pronto a diventare un player ancora più formidabile nel mondo di sistemi operativi mirati alle esigenze informatiche quotidiane dell’utente desktop medio.

Linux supera macOS sulla piattaforma Steam

Storicamente, Linux è stato considerato principalmente come un sistema operativo per server, sviluppatori e appassionati di tecnologia, con i giochi in secondo piano. Ebbene, non è più così!

Come diretta conseguenza della crescente popolarità di Linux su desktop, facendo riferimento ai rapporti mensili di Valve, nel luglio 2023, Linux ha superato macOS di Apple come sistema operativo di gioco preferito per Steam piattaforma per la prima volta nella storia.

Secondo i dati, Linux è utilizzato dall’1,96% di tutti gli utenti di Steam, mentre macOS conta per l’1,84%, con Arch che continua a essere la distribuzione di giochi preferita nell’ultimo anno, seguita da Ubuntu, Manjaro e Linux Mint.

Naturalmente, gran parte del merito di questo risultato va a Valve. Nel 2018, l’azienda ha introdotto Proton, un livello di compatibilità basato su Wine e altre tecnologie open source, che consente a migliaia di giochi esclusivi di Windows su Steam per funzionare senza problemi su Linux. Quindi, grazie, Valve! Ti amiamo!

Red Hat limita l’accesso al proprio codice sorgente

Per quanto triste, uno dei due eventi con segno negativo nella nostra lista è uno dei più memorabili degli ultimi eventi del 2023. Indipendentemente da come sia stato spiegato o giustificato, Red Hat ha oltrepassato il limite a giugno compiendo un passo senza precedenti: limitando l’accesso ai suoi codici sorgente.

Anche se il risultato non è stato così positivo come quando l’azienda è riuscita a porre effettivamente fine all’usabilità di CentOS come piattaforma server, questa mossa ha avuto conseguenze significative per i principali derivati ​​RHEL, costringendoli a ripensare le strategie alla base delle loro distribuzioni.

Di conseguenza, AlmaLinux ha dichiarato che d’ora in poi manterrà la compatibilità ABI solo con Red Hat Enterprise Linux. Al contrario, Rocky Linux afferma il suo fermo impegno verso il suo obiettivo originale, impegnandosi a preservare una compatibilità 1:1 e bug-to-bug, pur non approfondendo i metodi specifici per questo risultato.

Per quanto riguarda Oracle, rimangono fedeli al loro approccio tipico, criticando la decisione di Red Hat senza mostrare imbarazzo per la situazione.

Tuttavia, la mossa di Red Hat ha portato anche a qualcosa di molto positivo per la comunità Linux aziendale: l’emergere del progetto OpenELA, dedicato a fornire e rendere disponibile gratuitamente il codice sorgente per tutte le distribuzioni downstream basate su RHEL.

Ubuntu ha detto addio al supporto Flatpak

Vogliamo essere chiari: Ubuntu è un fenomeno, una grande distribuzione, che possiede punti di forza innegabili riconosciuti anche dai suoi critici più severi. Inoltre, il suo contributo nel rendere Linux ampiamente popolare tra gli utenti generici di computer è incommensurabilmente significativo.

Tuttavia, alcune delle decisioni di Canonical sono difficili da accettare per la comunità open source. Uno di questi che ha segnato la fine del 2023 è stato quello di febbraio, a partire da Ubuntu 23.04 “Lunar Lobster”, le versioni di Ubuntu non includeranno più il supporto Flatpak per impostazione predefinita.

Sì, lo so, Ubuntu non ha mai incluso il supporto Flatpak nell’installazione predefinita delle sue versioni. Ma che dire delle sue versioni, tra cui Kubuntu, Xubuntu, Lubuntu, Ubuntu MATE, ecc., alcune delle quali fornivano tale supporto per impostazione predefinita?

Comprensibilmente, Canonical desidera promuovere il suo approccio di distribuzione del software indipendente dalla distribuzione sviluppato internamente, enfatizzando Snap su Flatpak. Tuttavia, la realtà è diversa, poiché la comunità Linux preferisce Flatpak come formato di pacchetto preferito.

Flathub ha un miliardo di motivi per festeggiare

A conferma di quanto sopra, nel maggio 2023, Flathub ha raggiunto un traguardo impressionante: 1 miliardo di download a prova della popolarità e dell’utilità dei Flatpak.

Uno degli aspetti più interessanti del successo di Flatpak è il suo approccio indipendente dalla distribuzione. Inoltre, affronta anche l’aspetto critico della sicurezza mediante il sandboxing delle applicazioni e le isola dal resto del sistema.

Sì, il formato Snap sviluppato da Canonical offre funzionalità simili. Tuttavia, la comunità open source ha chiaramente preferito un fornitore di servizi gestito in modo indipendente rispetto a uno controllato da una azienda. Qualcuno è sorpreso di questo?

Offrendo una soluzione sicura, universale e di facile utilizzo per gli sviluppatori, Flatpak non è solo un’innovazione tecnologica; è un catalizzatore per un ecosistema Linux più unificato e accessibile. Pertanto, poiché il panorama Linux continua ad evolversi, Flatpak svolgerà senza dubbio un ruolo fondamentale nel plasmare il suo futuro.

I kernel Linux LTS passano a un periodo di supporto di due anni

Di solito, le versioni del kernel Linux LTS (Long Term Support) sono supportate per 6 anni. Questo periodo di manutenzione include un periodo di supporto attivo più un periodo di supporto esteso, durante il quale vengono forniti aggiornamenti critici di sicurezza e correzioni di bug.

Tuttavia, durante l’Open Source Summit Europe a Bilbao, in Spagna, a settembre, Jonathan Corbet, sviluppatore del kernel Linux, ha informato che un cambiamento significativo è all’orizzonte per il supporto a lungo termine del kernel Linux. Si prevede che il supporto per le versioni del kernel Linux verrà ridotto da sei a due anni.

Ci sono due principali ragioni alla base di questa decisione. Come ha detto, il primo è che:

Non c’è davvero alcun motivo di mantenerlo così a lungo perché le persone non li utilizzano.

E siamo d’accordo, del resto chi nel 2023 si affida e ha bisogno del supporto per il kernel Linux 4.14?

Il secondo è che il mantenimento di versioni così vecchie richiede molto lavoro e uno sforzo di cui non ci rendiamo nemmeno conto. Sfortunatamente, solo pochi sviluppatori vengono pagati per il loro duro lavoro.

Il sipario finale di Xorg

Xorg è da decenni la pietra angolare della visualizzazione grafica in Linux, fornendo l’architettura fondamentale per le interfacce utente grafiche. La sua lunga storia e l’ampia adozione lo hanno reso una scelta predefinita per molte distribuzioni GNU/Linux.

Tuttavia, sta mostrando la sua età. L’architettura di Xorg, progettata negli anni ’80, fatica a tenere il passo con i requisiti grafici moderni, in particolare per quanto riguarda sicurezza ed efficienza.

Nel 2023, importanti distribuzioni GNU/Linux e progetti open source hanno annunciato i loro piani per la transizione a Wayland nel 2024. Ad esempio, l’imminente e attesissimo rilascio di febbraio, l’ambiente desktop KDE Plasma 6, sarà Wayland per impostazione predefinita.

Inoltre, GNOME non è molto indietro, poiché sta facendo passi avanti verso l’abbandono di X11. Allo stesso tempo, Fedora prevede di eliminare completamente il supporto X11 in Plasma 6. Infine, Red Hat ha annunciato che il suo futuro RHEL 10 si baserà interamente su Wayland.

Quindi, anche se la transizione non avverrà dall’oggi al domani, la tendenza nel 2024 indica una chiara preferenza per l’architettura moderna di Wayland.

Raspberry Pi 5 promette di essere un punto di svolta

Se sei un appassionato di tecnologia, un produttore o qualcuno che ama armeggiare con l’elettronica, Raspberry Pi 5 è in arrivo e disegna una nuova era della tecnologia fai-da-te.

Ma perché questo SBC è così cruciale per l’open source in generale? Funziona prevalentemente su sistemi operativi basati su Linux, come il sistema operativo Raspberry Pi OS. Ciò si allinea bene con le preferenze di milioni di appassionati di Linux e di tecnologia alla ricerca di una piattaforma affidabile per i loro progetti self-hosted.

E il Raspberry Pi non li deluderà in quanto rappresenta una revisione significativa della piattaforma, garantendo agli utenti un’esperienza fluida e senza compromessi. Più precisamente, vanta un impressionante incremento delle prestazioni, con le sue capacità di elaborazione che superano da 2 a 3 volte quelle del suo predecessore

Il nuovo PipeWire v1.0.0

PipeWire fornisce un unico framework per la gestione dei flussi audio e video. Questo è un passo avanti rispetto alla tradizionale infrastruttura audio Linux (come PulseAudio e JACK), che si concentra principalmente sull’audio.

Nel 2023, PipeWire ha raggiunto un traguardo significativo con il rilascio della versione stabile 1.0.0, che rappresenta un gigantesco passo avanti nell’audio e tecnologia video su Linux, che promette prestazioni migliorate, affidabilità e una serie di nuove funzionalità.

Rispetto ad altre soluzioni, PipeWire offre un’elaborazione audio a bassa latenza, fondamentale per la produzione audio professionale e le applicazioni audio in tempo reale. Allo stesso tempo, introduce funzionalità di sicurezza migliorate, incorporando funzionalità sandboxing che possono limitare l’accesso delle applicazioni ai dispositivi audio e video, migliorando la sicurezza complessiva del sistema.

Quindi, nel complesso, l’importanza di PipeWire per l’open source in generale risiede nella sua capacità di fornire un framework unificato, sicuro e a bassa latenza per la gestione dei flussi audio e video, aprendo la strada a future innovazioni multimediali su piattaforme Linux.

Detto questo, la versione 1.0.0 segna l’inizio di una nuova era, ponendo per molti anni le basi per tutte le esperienze multimediali della comunità open source.

Le migliori distribuzioni GNU/Linux del 2023

Ultimo ma non meno importante, quest’anno, la comunità Linux è stata fortunata con una serie di distribuzioni impressionanti, ognuna delle quali apporta funzionalità e miglioramenti unici che si rivolgono a un’ampia gamma di utenti, dagli appassionati esperti di tecnologia a coloro che hanno appena intrapreso il loro viaggio con Linux.

Ecco quelli che ci hanno colpito di più. La prima, senza alcuna sorpresa, è l’intramontabile Debian, con la sua edizione 12 “Bookworm”. Debian è qualcosa di più della semplice distribuzione GNU/Linux. Per molti anni ha stabilito lo standard con cui tutte le altre vengono confrontate.

A parte questo, tuttavia, vale la pena evidenziare diverse altre versioni degne di nota che alzano il livello e sono altamente raccomandate. Sul lato desktop, Linux Mint 21.2, LMDE 6, si sono distinti con versioni eccezionali.MX Linux 23 e openSUSE Leap 15.5, Ubuntu 23.10, Fedora 39

Conclusioni

Ebbene, questi sono stati gli eventi più significativi nel mondo dell’Open Source nel 2023. La speranza è che il 2024 sia altrettanto un buon anno per il mondo Open Source e in particolare per il mondo Linux e che ci porti ancora tante novità e possa Linux raggiungere ancora più alti livelli di conoscenza e diffusione.

Fonte: https://linuxiac.com/2023s-moments-that-marked-the-open-source-world/

Visited 13 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.