Librem 5 è già un successo, anche se…

By Dario Cavedon

Ammetto di essere strabiliato del consenso generale ricevuto da Librem 5, il progetto di uno smartphone basato su Linux, lanciato della statunitense Purism e di cui è in corso una campagna di crowdfunding per il finanziamento.

Librem 5 è un progetto finalizzato a realizzare uno smartphone che utilizzi un sistema aperto, sicuro e rispettoso della privacy – qualità che nè Google-Android nè Apple-iOS potranno mai garantire ai propri utenti. A un mese dalla conclusione della campagna, il progetto ha superato un terzo dei 1,5 milioni di dollari necessari al suo finanziamento, e sembra davvero prematuro capire se mai Librem 5 vedrà la luce.

I motivi del mio stupore sono molteplici. Innanzitutto sia la comunità KDE che quella di GNOME hanno annunciato il loro supporto al progetto. Certo, un bene per il progetto, ma mi domando come Purism riuscirà a conciliare le diverse esigenze tecniche di KDE e GNOME. Librem 5 monterà PureOS, una distribuzione basata su Debian Testing, con ambiente desktop GNOME, ma sarà possibile installarci – a detta di Purism – molte altre distribuzioni Linux.

Altra perplessità riguarda l’effettiva capacità di GNOME nel proporre una propria piattaforma adatta alle esigenze mobile. Se KDE può vantare fin da ora Plasma Mobile, mi risulta che l’ultima iniziativa di GNOME in tema risalga a più di 10 anni fa (!), con l’annuncio di GNOME Mobile & Embedded Initiative, di cui si sono perse le tracce da tempo. Sempre che GNOME non progetti di utilizzare GNOME Shell (l’interfaccia desktop) come unica piattaforma convergente.

Sono ancora più perplesso poi per le app che ci gireranno. Anche attingendo alla generosa dotazione di applicazioni presenti per Debian, e Linux in genere, molte di queste dovranno essere adattate per un uso in mobilità. Questo è un po’ lo stesso problema che ha affrontato Ubuntu Phone, e uno dei motivi del suo fallimento.

L’ultimo dubbio riguarda il posizionamento sul mercato del telefono. Per la campagna di crowdfunding il prezzo è stato fissato in 599 dollari (compreso caricabatteria e spedizione in tutto il mondo), un prezzo medio-alto, che difficilmente può (potrà) essere alla portata di tutti. Se Linux su desktop gira tranquillamente su PC e notebook con qualche anno sulle spalle, il cui prezzo è accessibile a moltissimi utilizzatori, Linux su smartphone rischia di nascere già elitario, un pessimo segnale anche dal punto di vista etico: la privacy se la può permettere solo chi ha soldi.

Nonostante queste incognite, sinceramente, auguro il meglio al progetto. Il mercato è praticamente saturo di proposte, con Android a maramaldeggiare, ma c’è bisogno di un sistema indipendente che si prenda cura della privacy dei propri utenti.

– by Dario Cavedon – dariocavedon.blogspot.com

Offerte Dodocool su Amazon: ecco i coupon

By Gaetano Abatemarco

dodocool Caricatore Wireless Qi 10W Mini

Mano al portafoglio perché su Amazon sono comparse alcune importanti promozioni lanciate dal brand Dodocool. In particolare parliamo di sconti fino al 62% su gadget che potrebbero tornarvi molto utili ogni giorno. I coupon sono validi fino al 25 Settembre 2017.

Di seguito la lista completa degli sconti.

dodocool Caricatore Wireless Qi 10W Mini

Semplicemente inserendo il telefono sul pad, è possibile caricare tutti i dispositivi Qi compatibili senza collegare il telefono ad un cavo.

Coupon: S6SJY6GJ

Prezzo passa da 22.99€ a 8.99€. Acquistabile su Amazon.

dodocool Hi-Res Auricolari Sport In-Ear

dodocool Hi-Res Auricolari Sport In-Ear

Auricolari intercambiabili e anti-goccia, con ganci per l’orecchio regolabili e sicuri: forniscono vestibilità e blocco dal rumore ambientale.

Coupon: XPK8TMMP

Prezzo passa da 20.99€ a 7.99€. Acquistabile su Amazon.

dodocool Luce Notturna 5 LED Movimento Automatico

dodocool Luce Notturna 5 LED Movimento Automatico

Questo sensore con LED è compatto ,portatile e facile da usare. Ideale per la notte, è dotato di sensori sensibili che consentono di accende la luce automaticamente quando viene rilevato un movimento. Ideale per l’illuminazione di notte e illuminazione d’emergenza durante l’interruzione dell’alimentazione.

Coupon: NDJFQ7VT

Prezzo passa da 13.99€ a 6.99€. Acquistabile su Amazon.

dodocool Funda iPhone 7

dodocool Funda iPhone 7

Si tratta di un campanello wireless che ha la flessibilità necessaria per essere montato o collocato ovunque intorno alla vostra casa. Il trasmettitore autoalimentato è classificato IPX7 e non richiede batterie. Ci sono 38 suonerie diverse da campanello e 4 livelli di volume regolabile. Può essere utilizzato in case, uffici, fabbriche e altro ancora.

Coupon: 2CN3VSP7

Prezzo passa da 23.99€ a 13.99€. Acquistabile su Amazon.

dodocool Hub USB 3.0 a 7 Porte

dodocool Hub USB 3.0 a 7 Porte

Hub con 4 porte USB 3.0 per traferire dati e 3 porte di ricarica: viene fornito con un alimentatore da 60W.

Coupon: YN8LVJV8

Prezzo passa da 31.99€ a 18.99€. Acquistabile su Amazon.

L’articolo Offerte Dodocool su Amazon: ecco i coupon appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come eliminare il pop-up batteria su Samsung Galaxy S6/S6Edge!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Alcuni utenti hanno avuto un problema abbastanza comune sul Samsung Galaxy S6/S6 Edge, un problema che si verifica su tutte le edizioni di Android inserite sullo smartphone, da Lollipop a Nougat.

Problema?

Parliamo di un pop-up batteria con diverse informazioni (e diversi consigli su come risparmiare la batteria rimanente) che fa vibrare il telefono abbastanza spesso arrivati al 25% di carica, rendendo non solo l’esperienza utente fastidiosa ma portando un messaggio praticamente inutile sullo schermo dell’utente (ben conscio del livello di carica).il vero problema però sta nel fatto che non esiste, nelle impostazioni, una opzione per disattivarla. Dovrete disattivare una voce all’interno di una applicazione, vi spiego quale.

Come disattivare il fastidioso pop-up batteria su S6!

  • Aprite l’applicazione Peel Remote (quella per controllare dispositivi con l’IR);
  • andate nelle impostazioni del programma, poi su notifiche e dentro troverete un’opzione del tipo “avviso livello batteria”. Disabilitatela.
  • Fatto!

il pop-up non apparirà più per annoiarvi.

Recensione Xiaomi Redmi Note 5A

By Giuseppe Monaco

Xiaomi Redmi Note 5A

Nonostante ultimamente si stia concentrando molto sui dispositivi di fascia alta, la vera fortuna di Xiaomi la fanno gli smartphone entry level con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo.

Il dispositivo che andremo ad analizzare quest’oggi fa parte proprio di questa categoria ed è lo Xiaomi Redmi Note 5A!

Confezione

La confezione di vendita dell’ultimo Note della serie Redmi si presenta in colorazione totalmente rossa, con il nome del prodotto in bianco sulla zona frontale a caratteri cubitali. Il retro, come di consueto, lascia spazio ad alcune delle principali specifiche tecniche e ad altre informazioni.

Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A

Sollevato il coperchio troviamo ad attenderci il nostro Redmi Note 5A, protetto da una pellicola protettiva opaca sulla zona frontale e da un adesivo riportante i codici IMEI sul retro. Subito al di sotto, negli appositi alloggiamenti, abbiamo il libricino illustrativo in lingua cinese, il caricabatterie da parete con attacco anch’esso cinese, il relativo cavo USB Micro-USB e la graffetta per la rimozione del vano SIM.

Design ed ergonomia

Rispetto al modello standard precedente notiamo alcuni cambiamenti dal punto di vista estetico, anche se non vanno di fatto a stravolgere più di tanto il look della serie Redmi Note.

La zona frontale, infatti, rimane quasi del tutto invariata, con l’ampio display da 5.5 pollici nella zona frontale, i tasti soft touch non retroilluminati nella parte bassa e la solita componentistica nella parte alta, con sensori di prossimità/luminosità, speaker per l’ascolto in chiamata e fotocamera interna.

Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A

Sul retro notiamo il medesimo look scelto anche nei precedenti modelli delle altre serie Xiaomi targate A, con una backcover in alluminio opaco e, per questo, piuttosto scivoloso. Sulla sua superficie troviamo la fotocamera principale con flash led in alto a destra e il piccolo lettore d’impronte subito al di sotto nella zona centrale.

Sui bordi vediamo poi la solita componentistica, con il sensore a infrarossi nella parte alta e l’ingresso per il cavo Micro USB nella parte bassa.

  • Dimensioni: 76.2 x 153 x 7.55 mm;
  • Peso: 150 g.

In generale le dimensioni e l’alluminio che costituisce la scocca non consentono un grip sicuro e il feeling al tatto è quello di materiali piuttosto cheap, adeguati a uno smartphone di fascia bassa.

Hardware

Le specifiche tecniche del device realizzato da Xiaomi sono tutt’altro che al top, ma l’intento della casa cinese era proprio quello di proporre sul mercato uno smartphone low cost con la solita qualità che contraddistingue l’azienda.

  • Processore: Qualcomm Snapdragon 425 MSM8917 Quad-core ARM Cortex-A53;
  • Display: 5.5 pollici IPS / 720 x 1280;
  • GPU: Adreno 308;
  • RAM: 3 GB;
  • Archiviazione: 32 GB;
  • Fotocamera anteriore: 16 MP f/2.0;
  • Fotocamera posteriore: 13 MP f/2.2;
  • Batteria: 3080 mAh non removibile.
  • Software: Android 7.1.2 Nougat

Le prestazioni delle componenti sopracitate sono discrete e consentono un utilizzo quotidiano soddisfacente. Il processore prodotto da Qualcomm smaltisce il carico di lavoro in modo ottimale durante le operazioni più semplici, come apertura/chiusura delle applicazioni e navigazione tra le schermate.

Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A

Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A

Il comparto videoludico è ben supportato, certo non potrete giocare in modo fluido a titoli in 3D particolarmente pesanti, ma nel resto non ho riscontrato alcun problema.

Nella media la connettività, con buona ricezione sotto rete Vodafone anche dell’LTE, ma la mancanza della banda 20 a 800 MHz potrebbe dare qualche problema agli utenti Wind.

Software e prestazioni

Come tutti i più recenti dispositivi Xiaomi, anche sul Redmi Note 5A troviamo la MIUI 9, interfaccia proprietaria dell’azienda basata su Android 7.1.2 Nougat. Come abbiamo già avuto modo di vedere, la MIUI offre tutta una serie di funzionalità aggiuntive rispetto alla versione pura del sistema operativo di Google.

Tra queste, vediamo un ottimo screen recorder integrato, un’applicazione dedicata al controllo remoto di dispositivi tramite sensore a infrarossi e un gestore di temi ricco di scelte grazie alla community sempre attiva.

Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A

Nei settaggi, poi, troviamo la modalità a una mano, la possibilità di clonare le applicazioni, permettendo di utilizzarle con più account, la modalità Spazio secondario e tanto altro ancora.

Alla luce delle numerose ottimizzazioni portate dall’azienda e del buon lavoro svolto sulla MIUI 9, nonostante le diverse animazioni e i servizi offerti lo smartphone gira bene e con poche attese.

Fotocamera

Il comparto fotografico è la componente che mi ha deluso di più su questo smartphone. La fotocamera principale da 13 MP, infatti, non regala buone soddisfazioni e, anzi, credo faccia parte di uno dei punti su cui Xiaomi ha voluto risparmiare per tenere basso il prezzo. Di giorno e con buona illuminazione la qualità dello scatto è buona ma non eccezionale, mentre la sera potremo avere non poche difficoltà a ottenere uno scatto non mosso.

Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A

La fotocamera interna, nonostante i suoi 16 MP, merita lo stesso discorso, con immagini non molto definite e che anzi, forse a causa del software della fotocamera, tende a spalmare troppo i colori a causa della riduzione del rumore. Per i filmati, invece, la risoluzione massima raggiungibile dalla fotocamera principale è il Full HD e la qualità dell’immagine appare nella media, con dettagli poco definiti e fluidità buona ma solo in scene ben illuminate.

Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A

L’applicazione dedicata è, come sempre, ben realizzata e consente di scegliere numerosi settaggi sia nella schermata principale, con filtri e modalità differenti, che nelle impostazioni vere e proprie regolando parametri più tecnici.

Display

Lo schermo montato a bordo dello Xiaomi Redmi Note 5A è caratterizzato da un pannello IPS LCD da 5.5 pollici con risoluzione 1280 x 720. Sicuramente viste le dimensioni del display ci si aspetta, di solito, un pannello Full HD, ma considerando come ci troviamo di fronte a un dispositivo di fascia bassa, anche in questo caso la scelta è stata dettata dal prezzo.

In ogni caso, le immagini vengono visualizzate in modo chiaro e i colori risultano correttamente bilanciati. Certo è che la bassa dimensione non va a braccetto con le dimensioni, cosa che comporta una griglia dei pixel piuttosto vistosa se ci si avvicina allo schermo.

Audio

L’altoparlante mono posto sul lato basso del dispositivo si comporta bene, garantendo una qualità nella media in fase di riproduzione anche ad alti volumi.

Buono anche l’audio in chiamata, con la capsula auricolare che riproduce la voce del nostro interlocutore in modo chiaro e pulito.

Batteria

Come spesso mi capita di riscontrare sui dispositivi della serie Redmi Note di Xiaomi, anche in questo caso l’autonomia è la vincitrice tra tutti i reparti analizzati.

Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A
Xiaomi Redmi Note 5A

La batteria da 3080 mAh, infatti, è riuscita a portarmi tranquillamente a più di 1 giorno di utilizzo e a superare ampiamente le 6 ore di schermo acceso.

Xiaomi Redmi Note 5A – Prezzo e conclusioni

Proponendosi come un dispositivo di fascia bassa, lo Xiaomi Redmi Note 5A presenta un prezzo al lancio decisamente concorrenziale. Sono diversi gli store online dai quali potrete acquistare il dispositivo della casa cinese e il prezzo tende ad aggirarsi attorno ai 150€.

Dove acquistare lo Xiaomi Redmi Note 5A

Per acquistare dispositivi Xiaomi solitamente è preferibile affidarsi a store che lo importano direttamente in Italia. In particolare vi consigliamo Honorbuy.it che offre garanzia Italia e, grazie al codice sconto CHIMERA, risparmierete anche 5€ sull’acquisto.

Scegliendo altri store forse meno affidabili e meno rapidi nella consegna,è possibile acquistare il dispositivo anche a prezzi più bassi. Su Gearbest, ad esempio, è possibile acquistarlo a 120€ circa.

Insomma, a giudicare dal prezzo al quale è possibile trovarlo sul mercato, questo ripaga ampiamente i servizi offerti. Abbiamo potuto osservare alcuni difetti, certo, ma alla luce di quanto si spende per portarlo a casa sono compromessi ai quali si può scendere.

L’articolo Recensione Xiaomi Redmi Note 5A appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Auricolari Sport Dodocool: qualità del suono anche durante lo sport!

By Manuel Baldassarre

Auricolari Sport Dodocool

Perché rinunciare alla buona musica mentre pratichiamo attività fisica? Gli auricolari Sport Dodocool Hi-Res che vedremo in questa nostra recensione infatti, nascono esattamente per questo!

Parliamo per la precisione di auricolari in-ear leggeri e dal design elegante, adattati specificatamente per praticare sport e rispondere comodamente alle chiamate. Ma vediamoli più nel dettaglio:

Migliori auricolari in ear: quale acquistareIndecisi su quali cuffiette acquistare? Vi aiutiamo a scegliere i migliori auricolari in ear tra tutti quelli esistenti, suddivisi per fascia di prezzo.

Unboxing & Design

La confezione di vendita prevede un semplice scatolino in cartone che nasconde al suo interno una bellissima sacca da trasporto semi-rigida caratterizzata da un rivestimento in finta fibra di carbonio: davvero accattivante!

All’interno di questa confezione, oltre gli auricolari Sport Dodocool, troveremo un piccolo manuale utente e, adagiati in una retina di sicurezza, dei tappi auricolari intercambiabili con quelli già montati sulle cuffie.

Auricolari Sport Dodocool

Il design infine, pulito e minimale, è caratterizzato da un cavo antigroviglio (indispensabile per chi fa sport) al quale è annesso un piccolo e comodo pulsante fisico multi-funzione, utile soprattutto a rispondere alle chiamate grazie al microfono incorporato.

Auricolari Sport Dodocool
Auricolari Sport Dodocool

Degne di nota sono le appendici sulle cuffie che non sono esageratamente grandi e possono adattarsi alla maggior parte delle orecchie anche ruotando. Peccato la mancanza di adattatori di altre misure per poter essere sfruttate su qualunque tipo di orecchio.

Migliori auricolari e cuffie: guida all’acquistoIn-ear, auricolari, cuffie con o senza bluetooth o microfono: ecco i migliori prodotti del momento per gli amanti dell’audio!

Comfort & Qualità audio

Come detto, gli auricolari Sport Dodocool sono pensati per chi fa sport, e se resistono alla prova “corsetta mattutina” allora non c’è altro da dire! Utilizzandole per un po’ infatti, ci si dimentica di averle in dosso e sono un vero piacere.

Anche i movimenti sussultori durante la corsa infatti, non sembrano avere effetto sugli auricolari che, tra l’altro, essendo in-ear sono ben saldi nelle orecchie. Anche il sudore (seppur non specificato) non sembra aver creato mai danni o problemi!

Auricolari Sport Dodocool

Nulla da ridire poi, sulla qualità audio, resa pulita e prorompente dalla tecnologia 24-bit che permette una pulizia maggiore del suono e quindi una maggiore resa in frequenza (fino a 40 KHz!). Insomma, non si rinuncia alla buona musica neanche durante lo sport!

Auricolari Sport Dodocool

Ed ecco infatti, un’immagine che spiega la tecnologia adottata da questi auricolari Sport Dodocool, nella quale si può notare il resistente diaframma in titanio. Tuttavia il volume non è altissimo (si punta più sulla qualità) e potrebbe essere un problema in strada o in palestra.

Smartband e bracciali fitness: guida all’acquistoI migliori bracciali fitness e smartband per atleti o semplicemente tenere traccia della vostra attività fisica giornaliera.

Conclusioni & Prezzo

Insomma, se siete dei veri intenditori e volete delle cuffie che vi soddisfino anche mentre fate attività fisica, allora non troverete altro in giro come questi auricolari Sport Dodocool!

Tuttavia la qualità dei materiali e la (inutile a mio parere) sacca da trasporto, ne gonfiano leggermente il prezzo, che si aggira attorno ai 21 euro su Amazon Italia. Se volete aggiudicarvele, ricordate che con un account Amazon Prime avrete la spedizione gratuita e veloce in omaggio!

E voi, comprerete questi interessanti auricolari? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!

Amazon Prime: cos’è e come funzionaEcco cos’è Amazon Prime, incluso il nuovo servizio Prime Now, e come iscriversi provandolo gratuitamente.

L’articolo Auricolari Sport Dodocool: qualità del suono anche durante lo sport! appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Xiaomi Mi Band 3? No: Amazfit Band!

By Salvo Vosal

Amazfit Band i 6 colori

La Mi band e poi la Mi Band 2 sono stati degli autentici successi per Xiaomi, che con dispositivi semplici dall’ottimo rapporto qualità prezzo è riuscita a conquistare il mercato degli indossabili.

Sulla scia di questo successo Xiaomi ha creato una azienda satellite Huami dedicata solo agli indossabili che ha già lanciato sul mercato diversi validi prodotti sotto il brand Amazfit, l’ottimo Amazfit Pace e il buon Amazfit Bip.

Adesso che è passato più di un anno dalla presentazione dell’ultima Mi Band sono in molti a chiedersi che fine abbia fatto la Mi Band 3. Xiaomi o nella fattispecie la sua costola Huami ha percepito l’interesse del mercato e ne ha rilasciato il probabile erede Amazfit Band.

Quali sono le caratteristiche di Amazfit Band?

La nuova smartband di Xiaomi ha un design molto lineare e minimale a mio parere molto elegante, con un ampio display touch a colori di forma rettangolare allungata (con risoluzione 80×160 RGB) da 1,23 pollici con vetro 2.5D e corpo in acciaio inox.

Il display con ogni probabilità avrà tecnologia transflettiva come quello degli altri Amazfit che dovrebbe permettere una ottima visibilità sotto il sole. Andando a eliminare uno dei principali difetti della Mi Band 2.

Amazfit Band è progettato per garantisce impermeabilità fino a 50 metri di profondità. L’autonomia grazie alla batteria da 170mAh è stimata da Huami in 12 giorni, un buon dato viste le tante capacità di questa band.

Sono presenti infatti tutte le funzioni legate alla salute e al fitness che abbiamo imparato ad amare nella Mi Band 2: il monitoraggio del battito cardiaco, la distanza percorsa, i passi, le calorie bruciate e il monitoraggio della qualità del sonno.

In più grazie al sistema che pare lo stesso di quello dell’Amazfit Bip, sono presenti funzioni meno usuali per le smartband come: le notifiche comunicate per esteso (grazie all’ampio display), il cronometro, il timer e le previsioni meteo per 7 giorni.

Amazfit Band le previsioni meteo

A differenza del Bip Amazfit Band non dispone di GPS, quindi per tracciare i vostri percorsi vi tocca virare sul prodotto precedente.

Da segnalare anche: il cavo di ricarica con aggancio magnetico, il supporto al Bluetooth 4.1 BLE, il peso particolarmente ridotto di 32 grammi.

La nuova Xiaomi Amazfit Band è già stata lanciata sul mercato cinese ad un prezzo molto concorrenziale di 299 Yuan, che al cambio sono circa 38€. Le band è in disponibile con braccialetti in 6 colori (arancione, verde, grigio, rosso e due varianti di blu) che sono probabilmente abbastanza per accontentare gran parte dei potenziali acquirenti.

Potete sapere di più direttamente dalla pagina dedicata al prodotto.

Quando Amazfit Band avrà una versione internazionale?

Questa è una domanda da un milione di dollari, il Peace ha ricevuto una versione internazionale abbastanza presto, per il Bip ancora dopo mesi si attende.

La differenza fra la versione internazionale e quella quella cinese sta nel firmware,e quindi nella lingua la versione internazionale è in inglese, quella cinese purtroppo solo nella incomprensibile per noi lingua patria.

In ogni caso grazie al lavoro di solerti sviluppatori italiani, è già disponibile una completa traduzione del Bip in italiano ( di cui vi abbiamo già parlato), e visto che il sistema operativo dovrebbe essere lo stesso non credo che dovremo aspettare molto per vedere anche l’Amazfit Band in Italiano.

Dove acquistare Amazfit Band?

Ad oggi il prodotto non è ancora apparso sui grandi portali internazionali che di solito noi occidentali utilizziamo per fare compere in Cina.

Abbiamo fatto un approfondimento su quali sono gli store cinesi più affidabili per evitare fregature.

Siti e store cinesi sicuri e affidabili per acquisti onlineVoglia di shopping online dal paese dei dragoni? Vediamo insieme i migliori siti cinesi per acquistare e risparmiare in sicurezza.

Il prodotto dovrebbe apparire sui vari store presto nelle prossime ore o forse giorni. Appena sarà disponibile aggiorneremo questo post per segnalarvi le migliori offerte per acquistare Amazfit Band.

Quindi non vedremo mai una Mi Band 3?

Probabilmente no, oramai Xiaomi pare abbia deciso di puntare su un solo brand di indossabili gli Amazfit. Però non abbiamo molto da recriminare Amazfit Band pare la perfetta erede della Mi Band 2, migliora sotto praticamente ogni aspetto il predecessore offrendo un prodotto valido economico ed affidabile.

Il nostro post su Amazfit Band è arrivato al termine fateci sapere con un commento se anche secondo voi si tratta di una buona erede delle Mi Band o se vi aspettavate qualcosa di diverso. Per gli aggiornamenti sui migliori prodotti Xiaomi e non solo seguiteci anche tramite i nostri canali social Facebook e Twitter.

L’articolo Xiaomi Mi Band 3? No: Amazfit Band! appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

dodocool USB C Hub: fino a 7-in-1 !

By Gaetano Abatemarco

dodocool USB C Hub 7 in 1

Una delle tendenze della tecnologia attuale è quella di introdurre porta USB C anche sui portatili: addirittura i nuovi MacBook sono dotati solamente di USB C e questo induce gli utenti a dover acquistare degli adattatori. Oggi vi parleremo di uno di questi, ovvero il dodocool USB C Hub disponibile su Amazon in vari prezzi e combinazioni.

Le caratteristiche

Ci soffermeremo sul modello da 7 in 1 perché è quello più interessante e che merita più attenzione. Il dodocool USB C Hub 7 in 1 è una soluzione ideale per i computer portatili e altri dispositivi dotati di porta USB C o porta Thunderbolt 3 (USB-C). Permette di caricare tutti i dispositivi compatibili con MacBook Pro, MacBook, Google Chromebook Pixel o altri dispositivi USB C.

Ma non solo! Potete contemporaneamente effettuare uno streaming video fino a 4K UHD (3840 da 2160) verso il vostro televisore, monitor o proiettore e trasferire file tramite le porte USB 3.0, oltre a sfruttare lo slot per schede di memoria.

Questo Hub è infatti dotato di una porta output HD, tre porte SuperSpeed USB 3.0, uno slot SD per memory card e uno slot per schede di memoria TF, oltre ad una porta Thunderbolt (USB-3C) o USB-C.

Chiavette USB: quale conviene acquistare?Ne esistono tantissimi modelli ma non sono tutte uguali. Cerchiamo di capire cosa rende diverse le chiavette USB e quale dovete acquistare!

Alcune avvertenze

dodocool USB C Hub 7 in 1

  • Assicuratevi che la porta USB C sul vostro dispositivo sia conforme alla specifica USB 3.0 / USB 3.1. Questo Hub non è compatibile con i dispositivi Type C USB 2.0.
  • Per utilizzare la porta di uscita HD, la porta USB C del vostro dispositivo deve supportare la DisplayPort Alt Mode.
  • Per utilizzare la funzione Power Delivery per alimentare e caricare un computer portatile USB C collegato, la porta USB C del dispositivo deve supportare l’alimentazione USB. La porta di caricamento dell’ingresso USB C non può essere utilizzata per la trasmissione dei dati.
  • Non contate sulle porte USB-A per la ricarica di smartphone, tablet o altri dispositivi. Le tre porte USB 3.0 Type-A dsupportano un’uscita totale fino a 5V e 900mA.
  • Per una connessione stabile, non utilizzare questo hub con dispositivi ad alta potenza. Supporta al massimo un disco rigido max.
  • Non supporta la ricarica di portatili e di tablet HP tramite la porta di ricarica PD USB-C.
  • Non è compatibile con i tablet Samsung e ASUS Zenbook UX330UA.
  • Lo slot per schede SD e lo slot per schede TF possono essere utilizzati contemporaneamente.
Cavo USB Tipo-C: guida all’acquistoEcco a voi i migliori cavi USB Type-C, recensiti su Amazon.it direttamente da un’ingegnere Google. Scopriamo insieme i migliori!

Prezzo e acquisto

Il prodotto è disponibile su Amazon e venduto da un fornitore ufficiale Dodocool (ma viene spedito da Amazon). Di seguito il badge per l’acquisto:

Se avete esigenza di un Hub allora forse il dodocool USB C Hub 7 in 1 merita una possibilità!

L’articolo dodocool USB C Hub: fino a 7-in-1 ! appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Risparmiate sui consumi con Genius di Eni gas e luce

By Andrea Rossi

Genius

Siete stanchi di passare ore ed ore a pensare come risparmiare un po’ sulla bolletta? Estenuanti calcoli fatti a tavolino che poi puntualmente si scontrano con la realtà. Da oggi basta! Eni Gas e Luce ha messo a punto Genius, un assistente personale che con poche domande riesce a calcolare il vostro profilo energetico e a fornirvi preziosissimi consigli su come diminuire consumi e sprechi.

Siete curiosi di scoprire come funziona Genius?

Come cambiare le cattive abitudini

La maggior parte degli errori che compiamo e che portano ad avere fastidiosi sprechi energetici, derivano dalle nostre disattenzioni e cattive abitudini. Tanti piccoli inutili consumi, infatti, se sommati a fine mese possono portare ad un notevole incremento della spesa per la bolletta.

Le aziende, anche di piccole dimensioni, si avvalgono sempre più spesso di professionisti che sono in grado di analizzare, determinare e risolvere le cause che portano a dispersioni energetiche.

Per un privato questa procedura sarebbe decisamente troppo costosa e si tende quindi a ricorrere al fai da te. E se vi dicessimo che esiste uno strumento che può aiutarvi e che è
completamente gratuito?

Genius, il vostro assistente personale

Proprio per aiutarvi a risolvere questi problemi, Eni gas e luce ha creato Genius, un insieme di strumenti digitali che vi aiuterà a stabilire il profilo energetico della vostra abitazione. Nono solo! Genius vi fornirà anche tanti preziosissimi consigli che vi aiuteranno ad abbattere i vostri consumi.

Risparmio bolletta

Il processo inizia con un velocissimo questionario che grazie ad alcune semplici domande stabilirà i a cosa sono dovuti i consumi della vostra abitazione. Basteranno davvero pochi minuti per compilare tutti i campi. Una volta elaborato il piano avrete a disposizione tantissime informazioni per migliorare i vostri consumi energetici.

A partire dall’analisi degli sprechi dovuti agli elettrodomestici, fino alla comparazione con altre abitazioni che hanno caratteristiche simili. Per usufruire di tutte queste funzionalità non dovete fare altro che collegarvi al sito ufficiale di Genius e iniziare il test.

Eni Genius: non solo corrente elettrica

Una delle parti più interessanti del servizio Genius di Eni Luce e Gas è la sua completezza. Oltre a poter analizzare e correggere i problemi legati alla componente elettrica, sarà possibile seguire la stessa procedura anche per quanto riguarda acqua calda, riscaldamento e cucina.

Risparmio consumi casa

In questo modo avrete a disposizione un check-up completo e preciso di tutto ciò che riguarda i consumi della nostra abitazione. Vengono presi in esame i dettagli più importanti, come il tipo di caldaia, la temperatura del riscaldamento e l’isolamento termico.

Potrete infine avere accesso all’area personale My Eni semplicemente iscrivendovi, anche se non siete clienti Eni gas e luce, dove potrete trovare delle offerte su misura per il vostro piano energetico.

Genius

Tramite il tool “La Tua Offerta Ideale” potrete quindi trovare l’offerta giusta per le vostre necessità. Vi basterà rispondere ad alcune domande su come utilizzate l’energia di casa per scoprire l’offerta più adatta e analizzarne i dettagli e i vantaggi.

Starà poi a voi decidere se applicare i preziosi consigli e attivarla subito online o continuare sulla vecchia strada. Fidatevi di Genius!

[In collaborazione con Eni gas e luce]

L’articolo Risparmiate sui consumi con Genius di Eni gas e luce appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

100€ di sconto su questo Gimbal per smartphone! [codice sconto]

By Manuel Baldassarre

codice sconto Tomtop FeiyuTech SPG ChimeraRevo

Ciao ragazzi, oggi vogliamo deliziarvi con un offerta al dir poco imperdibile! Avete mai desiderato acquistare un Gimbal per smartphone? Beh oggi è il vostro giorno, ma dovete affrettarvi perché l’offerta è limitata nel tempo!

Con questo Gimbal per smartphone potrete stabilizzare alla perfezione ogni vostro video grazie alla tecnologia a 3 assi adottata da FeiyuTech: per aggiudicarvelo seguite le istruzioni qui di seguito!

Le offerte e coupon Gearbest di oggiRaccogliamo per voi, ogni giorno, le migliori promozioni e offerte Gearbest. Il noto store Cinese propone sempre molti sconti: eccoli tutti.

Come sfruttare l’offerta

Usufruire dell’offerta è semplicissimo. Come prima cosa recatevi al link qui di seguito, nello store di TomTop, per visualizzare il Gimbal:

ACQUISTA| FeiyuTech SPG 3-assi da TomTop.com

A questo punto vi troverete di fronte una pagina simile alla seguente. Se il prezzo è mostrato in un’altra valuta, andate vicino la scritta “Price” e scegliete “EUR“:

A questo punto cliccate sul pulsante “Buy Now” proprio al di sotto del prezzo e verrete rimandati ad una pagina simile alla seguente dove vi verranno chiesti tutti i vostri dati di fatturazione per ricevere il Gimbal a casa vostra. Non lasciate nessun campo vuoto:

codice sconto Tomtop FeiyuTech SPG ChimeraRevo

Nella parte bassa della pagina potete lasciare la spedizione gratuita indicata oppure sceglierne una più veloce con la specifica sovratassa indicata. Infine, scendendo in fondo alla pagina, indicate il metodo di pagamento che volete usare e passiamo all’ultimo passo:

codice sconto Tomtop FeiyuTech SPG ChimeraRevo

Ora che abbiamo inserito tutti i dati, non rimane che inserire il codice sconto! In alto a destra, nella scheda “Order Summary” proprio sotto il prezzo finale noterete la scritta “+ Have a Promotion Code?“: cliccate su di essa e nel campo inserite il seguente coupon:

WLFY115

codice sconto Tomtop FeiyuTech SPG ChimeraRevo
codice sconto Tomtop FeiyuTech SPG ChimeraRevo

Cliccate infine su “Apply” per applicare il codice sconto e vedrete che il costo totale verrà scontato di ben 96 euro! Non resta che cliccare su “Place Your Order” per ordinare questo fantastico Gimbal e fornire i dati per il pagamento.

Miglior smartphone fotocamera: quale comprareAmanti della fotografia? Allora sicuramente starete cercando lo smartphone con la migliore fotocamera. Ecco la nostra lista.

Perché dovete affrettarvi!

Questa incredibile offerta ha una durata limitata nel tempo ma, ovviamente, dovete affrettarvi soprattutto perché potrebbero finire le scorte in magazzino!

Il codice coupon che vi abbiamo fornito infatti, è illimitato negli utilizzi (ne potete comprare quanti volete) ma la durata dell’offerta è limitata:

DURATA| 12 Settembre 2017 – 10 Ottobre 2017

E voi, ne prenderete uno? Fateci sapere se avete usufruito dell’offerta o se ci sono problemi!

Migliori Smartphone: quale comprareIndecisi su quale sia il miglior smartphone da comprare? Ecco la classifica sempre aggiornata con i migliori smartphone (e le migliori offerte) del momento!

L’articolo 100€ di sconto su questo Gimbal per smartphone! [codice sconto] appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Installare MIUI 9 su Xiaomi

By Luca

Xiaomi ha rilasciato la MIUI 9, un aggiornamento che introduce tanti miglioramenti a livello grafico e prestazionale, oltre al passaggio ad Android 7.0. Questo update, però, è disponibile solo per le Global beta al momento, quindi chi ha la stable non potrà installarla.

Se non sapete bene di cosa si tratta e Global Beta e stable vi sembrano paroloni, consultate il nostro seguente approfondimento:

Versioni MIUI: guida alle differenzeViste le numerose varianti della MIUI disponibili sul web, facciamo chiarezza e vediamo cosa contraddistingue ogni versione

Come installare la MIUI 9

PREMESSA: Le guide presenti qui di seguito potrebbero danneggiare il vostro telefono anche in maniera irreversibile. Noi di ChimeraRevo non ci assumiamo nessuna responsabilità per danni causati dall’utilizzo scorretto dei passaggi seguenti.

Procedura tramite OTA

Il metodo più semplice per aggiornare il proprio devices alla nuova versione della MIUI è utilizzare l’aggiornamento OTA. Questo tipo di aggiornamento (acronimo di Over in the Air) consiste nello scaricare il software direttamente sul dispositivo, senza passare dal PC.

Recatevi nelle impostazioni del vostro dispositivo, nella voce “info sul telefono” e poi tappate su “Aggiornamenti di sistema“. Una volta aperto il menu, lo smartphone cercherà automaticamente l’aggiornamento (se già disponibile per il vostro modello) e, con molta probabilità, lo troverà chiedendovi di installarlo.

Procedura tramite Recovery

Se l’aggiornamento OTA non ha prodotto risultati, potete comunque installare il software aggiornato tramite la recovery. In questo caso dovrete andare sul forum della MIUI e scaricare il pacchetto “recovery” dedicato al vostro smartphone (fate attenzione al modello, deve essere quello giusto e relativo al vostro).

Una volta scaricata la versione giusta, mettete il file zip nella memoria interna del dispositivo (senza decomprimerlo) e spegnete il cellulare. Ora dovrete accendere lo smartphone in modalità recovery, seguendo questi passaggi:

  • Premete il tasto power e volume su contemporaneamente fino a quando non compare il logo Mi.
  • Rilasciate i tasti alla comparsa del logo per far avviare lo smartphone in revovery mode.

Ora utilizzate i tasti volume per spostarvi nelle voci del menu e il tasto power per entrarci dentro. Scegliete di installare un file zip e selezionate quello appena scaricato. Una volta finito il flash tornate indietro e premete su “Reboot system now” per riaccendere il dispositivo.

Passare da MIUI stable a beta con fastboot

Come abbiamo detto prima, chi ha la versione stable non può seguire le procedure descritte in precedenza, ma dovrà installare la beta via fastboot. I file per scaricare la versione di fastboot li potete trovare a questo link (è lo stesso dei file per la recovery). Anche in questo caso dovrete scaricare il firmware per fastboot per il vostro modello, facendo attenzione che sia esattamente quello.

Una volta scaricato l’archivio dovrete scompattarlo utilizzando un programma come WinZip o 7-Zip. Scaricate anche Mi Flash che vi servirà per installare la ROM. Installate i driver ADB e Fastboot che trovate nell’articolo sottostante:

ADB e Fastboot Android: link diretti del downloadFinalmente sia ADB che Fastboot sono stati separati dall’SDK di Android e possono essere scaricati separatamente. Ecco i link al download!

Ora siete pronti a flashare la MIUI 9 sul vostro smartphone! Ecco la procedura:

  • spegnete il telefono
  • premete contemporaneamente il tasto power e volume giù finché non uscirà la scritta Mi
  • il telefono si avvierà in Fastboot Mode.
  • Collegate lo smartphone al PC e aprite Mi Flash

  • Cliccate su “Browse“, poi “Questo PC“, selezionate la cartella in cui avete salvato i files estratti, cliccate su “images” e poi OK.
  • Aprite il menu a tendina accanto a Browse e poi cliccate su “Advanced“.

  • Nella schermata che vi esce premete “browse” corrispondete alla riga “fastboot script” e selezionate il file “flash_all.bat” presente nell’archivio che avete scompattato.
  • Tornate alla schermata iniziale e premete su “flash

A questo punto dovrete solo attendere l’installazione della ROM, senza scollegare il dispositivo dal computer. Al termine dovrebbe riavviarsi da solo con la nuova MIUI 9 installata.

L’articolo Installare MIUI 9 su Xiaomi appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.