Debian ora supporta ufficialmente RISC-V e dice addio a GNU/kFreeBSD

Debian logo

La notizia è stata recentemente rilasciata dagli sviluppatori del progetto Debian che sono finalmente riusciti a portare ufficialmente la distribuzione per sistemi basati sull’architettura RISC-V a 64 bit (riscv64).

Vale la pena ricordare che questa è un’ottima notizia, dal momento che con il supporto ufficiale di Debian per RISC-V, si fornisce un sistema aperto per l’architettura RISC-V e quindi si aggiunge all’elenco di compatibilità RISC-V che esiste sin dal versioni di glibc 2.27, binutils 2.30, gcc 7 e kernel Linux 4.15.

Per quelli di voi che non conoscono RISC-V, dovreste sapere che consente la creazione di SoC e processori completamente open source. Attualmente, sulla base della specifica RISC-V, diverse aziende e comunità con varie licenze libere (BSD, MIT, Apache 2.0) stanno sviluppando diverse dozzine di varianti di core di microprocessori, più di un centinaio di SoC e chip già pronti.

Dopo molti anni di sforzi, sono felice di annunciare che Debian riscv64 è ora un’architettura ufficiale!

Questo traguardo non è la fine del viaggio, ma l’inizio di uno nuovo: il port dovrà essere riavviato nell’archivio ufficiale, i build daemon dovranno essere reinstallati e consegnati a DSA, molti bug dovranno essere corretti. Se tutto va bene, l’architettura verrà finalmente rilasciata con Trixie. Tieni presente che questo processo sarà lungo e richiederà diversi mesi.

Si dice che il processo di integrazione del nuovo port con l’archivio Debian ufficiale avverrà gradualmente. Nella prima fase, basata sulla base di pacchetti disponibile in debian-ports, progettano di compilare un set minimo di circa 90 pacchetti sorgente, trasferirlo nell’archivio ufficiale e firmarlo con una chiave GPG separata.

Nella seconda fase, si prevede di modificare l’infrastruttura di assemblaggio utilizzata per sviluppare il port riscv64 per pubblicare le build nell’archivio ufficiale e con la quale inizieranno anche i lavori per la rifinitura finale delle build e la rimozione dei bug identificati. Salvo problemi imprevisti, la prima versione ufficialmente supportata per il port a riscv64 sarà realizzata in circa 2 anni e farà parte del rilascio Debian 13.

I pacchetti per RISC-V sono disponibili per l’installazione dal repository Debian Sid (Unstable). Circa il 96% dei pacchetti sorgente totali nei repository Debian sono attualmente compilati per i sistemi RISC-V.

D’altra parte, gli sviluppatori Debian hanno anche dato la notizia che i port Debian GNU/kFreeBSD (kfreebsd-amd64 e kfreebsd-i386) sono stati rimossi dall’archivio Debian (debian-port).

Tuttavia, si dice che i pacchetti GNU/kFreeBSD possono ancora essere scaricati dal server e che l’unica piattaforma Debian attivamente sviluppata basata su un kernel non Linux è Debian GNU/Hurd, che continua a generare build non ufficiali.

Per coloro che non hanno familiarità con Debian GNU/kFreeBSD, dovresti sapere che questa è una delle poche distribuzioni che all’epoca creava versioni che non utilizzavano il kernel Linux e combinavano invece il kernel FreeBSD con un ambiente utente basato su “glibc” e utilità GNU.

Nel corso degli anni, il port Debian GNU/kFreeBSD ha attraversato diverse fasi. Dopo molti anni di sviluppo, è stato rilasciato come innovazione tecnologica con il rilascio di Squeeze e infine è diventato un’architettura ufficiale con il rilascio di Wheezy. Tuttavia, ha smesso di essere un’architettura ufficiale un paio di anni dopo con il rilascio di Jessie, sebbene nell’archivio ufficiale fosse disponibile una suite jessie-kfreebsd. Alcuni anni dopo, è stato spostato nell’archivio debian-ports, dove si è lentamente ritirato nel corso degli anni.

Debian GNU/kFreeBSD era tra i port ufficialmente supportati in Debian 6 e Debian 7, ma è stato deprecato in Debian 8 e da allora si trova in uno stato semi-abbandonato.

Ad esempio, l’ultimo download di build per kfreebsd-amd64 e kfreebsd-i386 risale a più di un anno fa. L’anno scorso, i port per kfreebsd-i386 non sono stati caricati una volta e per kfreebsd-amd64 solo 11 volte. Il numero totale di pacchetti effettivi per GNU/kFreeBSD è stato ridotto al 30%.

Infine, se sei interessato a poter saperne di più , puoi controllare i dettagli nel seguente link.

Fonte: https://www.linuxadictos.com/debian-ya-admite-de-manera-oficial-risc-v-y-dice-adios-a-gnu-kfreebsd.html

Visited 1 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.