KDE potrà usare systemd per l’avvio

KDE systemd logos

Un articolo di David Edmundson, sviluppatore KDE di lungo corso, racconta di come, e perché, abbia iniziato la revisione del codice del diffuso desktop environment (DE) per permetterne l’avvio tramite systemd. Il post è davvero dettagliato e interessante, ma non scende troppo nel tecnico: risulta una piacevole lettura.

Sintetizzandolo molto, la questione è semplice: l’avvio di un DE prevede una serie di programmi e di azioni da fare in sequenza, con un groviglio di dipendenze che è difficile gestire. Prima del suo intervento KDE risolveva la questione con un programmone (ksmserver) che si occupava di fare le cose una dietro l’altra, ma lo svantaggio principale è la poca flessibilità: per poter cambiare un comportamento, inserire o togliere qualche passaggio, l’unica è andare a modificare il codice sorgente. Di certo, non alla portata di tutti, e prono a problemi ed errori.

Confrontandosi con alcuni sistemisti è diventata chiara una cosa: il programmone per gestire avvii e dipendenze (ormai) è diffuso e disponibile praticamente su ogni distribuzione Linux, ovvero systemd. E in effetti systemd è nato proprio per questo: avvio simultaneo dei servizi, con file di configurazione che possano stabilire l’ordine, indicare dipendenze e precedenze, ma anche impostare limiti e dettagli per l’esecuzione sfruttando specifiche del Kernel Linux come i CGroup.
Bisognava solo spezzettare nelle sue componenti il programmone attuale, ognuna specifica per un pezzetto di avvio, e dire a systemd in che ordine chiamarle. Approccio KISS ordinario, ironicamente.

Facile no? No. Perché i singoli pezzi devono comunicare l’un l’altro, usando variabili d’ambiente impostate da un altro pezzetto prima. Cosa che finché l’ambiente è uno solo, un unico programma, è più o meno implicito sia così, ma quando si avviano i pezzetti in maniera indipendente ognuno ha il suo ambiente con le sue impostazioni.

Difficile ma non impossibile, in un paio d’anni David Edmundson è riuscito a fare esattamente questo, e nel processo ha scovato molti punti di miglioramento o bug veri e propri. E, con la versione 5.21 in uscita a breve, sarà possibile scegliere di usare systemd per avviare la propria sessione di KDE. Qui lo schema delle dipendenze (preso dal post): capirete al primo sguardo la complessità del lavoro svolto. Complimenti!

KDE systemd dependences

Sì, lo sappiamo: systemd non piace ad alcuni. Ma c’è, e tanti lo stanno accettando, se non addirittura apprezzando, per i suoi lati positivi.
I detrattori sostengono che sia troppo totalizzante, andando oltre le competenze previste per un gestore di processi. Noi non vogliamo prendere posizione su questo, in quanto – di fatto – sono valutazioni.

Quello che a noi interessa è la possibilità di scelta dell’utente, e in questo l’integrazione di KDE con systemd è molto diversa da quanto fatto per GNOME: systemd non sarà una dipendenza di KDE, ma una possibilità di avvio. Rimarrà (almeno per un po’) il sistema attuale, basato su script, ma (dice Edmundson) sulla carta i due sistemi faranno le stesse cose con gli stessi tempi: semplicemente si potrà scegliere il direttore d’orchestra.

Ho coltivato la mia passione per l’informatica fin da bambino, coi primi programmi BASIC. In età adulta mi sono avvicinato a Linux ed alla programmazione C, per poi interessarmi di reti. Infine, il mio hobby è diventato anche il mio lavoro.
Per me il modo migliore di imparare è fare, e per questo devo utilizzare le tecnologie che ritengo interessanti; a questo scopo, il mondo opensource offre gli strumenti perfetti.

Fonte: https://www.miamammausalinux.org/2020/10/kde-potra-usare-systemd-per-lavvio/

Visited 3 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.