Perspective: l’algoritmo di Google contro odio e troll

By Davide Macrelli

perspective

Non solo le notizie “bufala” ma anche il linguaggio violento, insulti, troll e flame avvelenano i commenti e le conversazioni sotto i post in internet. Come si può risolvere questo fenomeno? Ci pensa Google, che contro i commenti ritenuti “tossici” lancia Perspective: una tecnologia ad uso dei media per stanare l’odio.

Questo sistema sfrutta una sorta di apprendimento automatico e analizza i commenti assegnando a ciascuno un rating, ovvero una valutazione da 1 a 100.

Chi lo potrà usare?

Al momento pare che verrà lasciato solo nelle mani degli editori americani come il New York Times, coinvolto nella fase di sviluppo insieme a Wikipedia. Entrambi hanno lavorato a lungo per creare algoritmi in grado di fare una prima scrematura dei commenti che i redattori dovranno poi moderare. Si parla di circa 11 mila commenti al giorno per un team di 14 persone e solo per il 10% degli articoli online.

Sarà però possibile usare Perspective anche in altri modi, ad esempio mostrando allo stesso utente il “punteggio” del suo commento, per avvisarlo preventivamente e metterlo in guardia da una possibile ingiuria ai danni di altri.

Come funziona in dettaglio?

Perspective confronta le frasi con un enorme database iniziale e si affina sempre di più, proprio come Terminator, ogni volta che trova nuovi esempi di commenti potenzialmente offensivi. Al momento è disponibile solo per analisi in inglese: per funzionare anche in italiano servirà una fase di addestramento dell’algoritmo insieme ad organizzazioni editoriali che lavorano nella nostra lingua.

Chi ci lavora?

Contemporaneamente al Times e Wikipedia USA si sono aggiunti altri due partners: il Guardian e l’Economist. La tecnologia comunque è disponibile e gratuita per tutti (ovviamente non ai privati cittadini).

A chi rimangono i dati?

L’editore può scegliere se permettere a Google di salvarli. Anche Twitter sta pensando di arginare il moltiplicarsi del linguaggio scorretto e violento in rete, rafforzando la lotta ai troll e abusi.

Instagram ha introdotto dei filtri anti-bullismo. Facebook invece è stato a lungo spronato a fare qualcosa e grazie alla propria policy (condizione di utilizzo) i contenuti considerati discriminatori possono essere segnalati e l’impegno è di cancellarli entro 24 ore. Nel nostro Paese è nato anche il manifesto Parole Ostili: un decalogo per un uso consapevole della Rete.

È presente anche la pagina Facebook, dove spesso vengono postati aggiornamenti sulla diffusione del manifesto.

Come sarà il futuro?

Secondo voi questo strumento potrà debellare il continuo incitamento all’odio o nelle mani dei media si trasformerà nell’arma ideale per la censura online? Fatecelo sapere nei commenti!

L’articolo Perspective: l’algoritmo di Google contro odio e troll appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.