Come masterizzare ISO

By Jessica Lambiase

La pratica di masterizzare ISO è sparita nel corso degli anni insieme ai supporti ottici.

Ci sono casi in cui, tuttavia, è ancora necessario affidarsi ad un CD o a un DVD per masterizzare immagini ed usarle all’occorrenza, ad esempio per installare un sistema operativo.

A tal proposito vi proponiamo una guida ai migliori strumenti per masterizzare ISO sui sistemi operativi Windows e Linux: un mix di programmi e strumenti integrati nel sistema che farà sicuramente al caso vostro.

Come sempre, quando si parla di masterizzazione, vi raccomandiamo di tenere sotto mano sempre un supporto in più in caso di errori di scrittura – che, in realtà, possono dipendere sia dal programma che dallo stato di masterizzatore e supporto stesso.

Come masterizzare ISO

Windows – Strumento integrato

A partire da Windows 7 è disponibile in Windows uno strumento integrato per masterizzare ISO in due click. Tutto ciò che c’è da fare è fare click destro sul file ISO e selezionare Masterizza Immagine Disco.

Il pannello successivo, assolutamente autoesplicativo, vi chiederà di selezionare il masterizzatore da usare.

master-windows

Selezionando l’opzione “Verifica il disco dopo la masterizzazione” potrete ottenere un ulteriore riscontro sulla bontà del disco ottenuto, tuttavia la procedura potrebbe allungarsi in termini di tempo.

Cliccate su “Masterizza” e attendete il termine della procedura.

Windows – CDBurnerXP

Se per qualche motivo non siete riusciti a masterizzare ISO con la funzionalità integrata del sistema operativo, potrete sempre usare il caro, buon, vecchio e compatibile con tutto CDBurnerXP.

Una volta scaricato ed installato il programma apritelo e, dalla schermata principale, selezionate Masterizza immagine ISO.

cdburnxp-1

Nel pannello successivo potrete selezionare l’immagine ISO da masterizzare, il masterizzatore e diverse opzioni – tra cui metodo di scrittura (lasciate predefinito se non sapete di cosa si tratta), velocità ed eventuale spegnimento del PC dopo il processo.

cdburnxp-2

Cliccate su Masterizza per avviare la procedura ed attendete il completamento.

Selezionando l’opzione “Verifica i dati sul disco dopo la scrittura” potrete ottenere un ulteriore riscontro sulla bontà del disco ottenuto, tuttavia la procedura potrebbe allungarsi in termini di tempo.

Linux – Brasero

Masterizzare un’ISO su Linux con Brasero è semplicissimo: basta selezionare Masterizza Immagine dalla schermata principale e, ove richiesto, inserire sia il percorso dell’immagine sia il masterizzatore da utilizzare.

masterizza-immagine

Linux – K3B

Dalla schermata principale di K3B selezionate Ulteriori azioni > Scrivi immagine.

scrivi-immagine_risultato

Inserite dove richiesto il percorso dell’immagine, il masterizzatore da utilizzare ed eventualmente il numero di copie, la velocità di scrittura, la modalità di scrittura (consigliamo automatica) ed il tipo di immagine da scrivere (vi consigliamo di lasciare il rilevamento automatico, funzionante nella maggior parte dei casi).

Selezionando l’opzione “Verifica i dati scritti” potrete ottenere un ulteriore riscontro sulla bontà del disco ottenuto, tuttavia la procedura potrebbe allungarsi in termini di tempo.

Linux – Xfburn

Masterizzare ISO con Xfburn è semplicissimo: basta selezionare il pulsante Masterizza Immagine dalla schermata d’avvio ed inserire, dove richiesto, il percorso dell’immagine ed il masterizzatore da utilizzare.

xfburn-masterizza-immagine

Linux – Terminale

Se proprio non volete usare un programma ma preferite agire alla vecchia maniera, wodim è lo strumento da linea di comando che fa per voi.

Per masterizzare ISO da terminale bisogna innanzitutto capire come il sistema identifica il masterizzatore. Per farlo, andiamo a digitare

wodim --devices

Seguito da Invio. L’output vi restituirà la lista di dispositivi di masterizzazione.

Supponiamo che il nostro masterizzatore sia identificato con /dev/sr1. A questo punto per masterizzare l’ISO in questione sarà sufficiente digitare

wodim -v dev=/dev/sr1 speed=10 -eject /home/nomeutente/immagine.iso

dove /dev/sr1 deve essere sostituito con l’identificativo del masterizzatore mentre /home/nomeutente/immagine.iso con il percorso completo del file.

L’articolo Come masterizzare ISO appare per la prima volta su Chimera Revo – News, guide e recensioni sul Mondo della tecnologia.

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.