Google: un milione e mezzo di dollari per chi riesce a bucare Android

Google dal 2010 a oggi ha già pagato oltre 15 milioni di dollari in bounty program e ha deciso che vuole spendere ancora di più per garantire la sicurezza di Android e dei device Pixel. Big G ha ulteriormente aumentato i premi per il programma Android Security Rewards quadruplicandoli.

I bug bounty program spingono gli hacker a cercare i bug e a segnalarli. Big G pagherà fino a 1 milione di dollari per gli exploit più gravi presenti sulla famiglia di smartphone Android proprietaria, Google Pixel. Inoltre, se l’exploit viene trovato e dimostrato su una specifica developer preview di Android, il premio incrementa del 50%: si può arrivare a 1.5 milioni di dollari. Il precedente top prize si fermava a $200,000. Google aveva già quadruplicato il top prize nel 2017 da 50’000$ a 200’000$.

Google paga bene

Ottenere questi soldi non è chiaramente banale: bisogna riuscire a scovare e segnalare un exploit in Android. Qualcuno che ci riesce però c’è: il colosso di Mountain View ha già offerto 1800 premi nel corso degli anni.

Il reward più lauto pagato nella storia da Google è andato alla ricercatrice cinese Guang Gong per la scoperta di un exploit sul Pixel 3. Gong ha ottenuto $161,337 dall’Android Security Rewards program e $40,000 dal Chrome Rewards per un totale di $201,337.

Nel solo 2019 Google ha già pagato oltre 1.5 milioni di dollari in bounty program a oltre 100 ricercatori con una media di $15’000 l’uno (+20% rispetto allo scorso anno).

Android: gli exploit critici

android google reward program

Vedi anche

Ecco i top prize:

  • 1 milione di dollari per chi scopre un “exploit full chain di esecuzione remota di codice con prova di persistenza nella compromissione dell’elemento Titan M sui dispositivi Pixel”. Con il bonus del 50% si arriva a 1.5 milioni;
  • 500 mila dollari per chi rivela exploit che consentono di esfiltrare dati da uno smartphone Pixel o l’aggiramento della schermata di blocco. Con il bonus del 50% si arriva a 750 mila dollari.

Titan M è un chip progettato internamente da Google, completamente separato dal SoC del sistema operativo o da altri chipset, ed è delegato a gestire tutti i dati e le funzioni più sensibili legati alla sicurezza degli smartphone: blocco dello schermo, bootloader, transazioni nelle third-party apps. È il corrispettivo sui Pixel della Secure Enclave degli iPhone, o della TrustZone dei dispositivi che usano un processore con architettura ARM.

Per ulteriori dettagli vi rimando alla pagina di ASRP.

Fonte: https://www.lffl.org/2019/11/google-un-milione-e-mezzo-di-dollari-android.html

Visited 1 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.