Grub 2.04 rilasciato, supporto RISC-V, Secure Boot UEFI Nativo

Il bootloader preferito di Linux ogni tanto, si aggiorna, ed oggi potremo apprezzare le novità del rilascio 2.04 che vede diverse novità che faranno felici gli utilizzatori di SSD/M2 che amano utilizzare F2FS, Btrfs (la Release Candidate della 2.04 la trovate qui!).

Grub 2.04 vede grosse novità, come:

  • Supporto all’architettura RISC-V;
  • Supporto Secure Boot UEFI Nativo;
  • Supporto iniziale per immagini initrd multiple;
  • Supporto migliorato per Btrfs con Zstd che ora supporta RAID 5/6;
  • Supporto UEFI TPM 1.2/2.0;
  • Supporto compilatori GCC 8 e GCC9;
  • Supporto VLAN;
  • Supporto Xen PVH;
  • Supporto DHCP nativo;
  • Vari fix alle architetture, così come bugfix vari;

Se volete provarlo, scaricatelo qui!

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.