Rilasciato GIMP 2.10.8: migliorate le prestazioni su hardware di fascia bassa

By Marco Giannini

Il team di GIMP ha annunciato il rilascio di GIMP 2.10.8. Questa nuova minor release, sebbene non porti nuove funzionalità, introduce una serie di ottimizzazioni che migliorano la stabilità a le velocità del programma.
In questa nuova versione le dimensioni dei blocchi delle proiezioni di immagini sono ora determinate dinamicamente a seconda della velocità di elaborazione del computer in uso, consentendo una migliore reattività di GIMP su macchine meno potenti e al tempo stesso una maggiore velocità di elaborazione su quelle più potenti.
Grazie a Elle Stone, GIMP ora offre supporto iniziale per la lettura dei colori nello spazio colore CIE xyY.
La libreria di babl ha una correzione importante che riguarda direttamente gli utenti di GIMP: il colore dei pixel trasparenti è ora conservato durante la conversione in alfa premoltiplicato. Ciò significa che tutte le operazioni di trasformazione e deformazione ora mantengono il colore per i pixel completamente trasparenti, rendendo più affidabile la manipolazione di curva alfa e ininterrotta del canale alfa.
Sul lato GEGL è stata aggiunta una nuova API di iterazione del buffer (il codice GIMP è stato portato su questa interfaccia migliorata). Inoltre, il nuovo comando GEGL_TILE_COPY è stato aggiunto ai backend per rendere più efficienti le duplicazioni / copie del buffer.
Recentemente, Øyvind Kolås ha lavorato di nuovo sull’elaborazione multispettrale / iperspettrale in GEGL , che sembra essere il fondamento per l’ elaborazione CMYK . Questo è quindi il primo passo per un migliore supporto CMYK in GIMP!
Non mancano poi i miglioramenti per la versione per macOS grazie al lavoro del nuovo manutentore.
Potete scaricare GIMP 2.10.8 per Windows, macOS e Linux all’indirizzo https://www.gimp.org/downloads/
Se siete su Linux i developer di GIMP consigliano di installare GIMP dai repository della propria distro (ci sono ancora alcuni problemi di compatibilità con plugin di terze parti), tuttavia, se volete provarla fin da subito, senza dover aspettare i manutentori della vostra distro, potete installare GIMP tramite il flatpak ufficiale. Per sapere come fare vi rimando alla mia guida su come installare GIMP da flatpak.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.