Kernel Linux 4.20 RC1 rilasciato: Torvalds è tornato

By Salvo Cirmi (Tux1)

Abbastanza impressionante ma vero, nella stessa medesima giornata in cui il Kernel Linux 4.19.1 è stato rilasciato (ovvero il 4 Novembre), ecco che Torvalds torna con un annuncio, sostituendo Greg, rilasciando il 4.20 Release Candidate 1.

Greg Kroah-Hartman rilascia il Kernel Linux 4.19.1!

L’idea era di chiamarlo 5.0, ma alla fine si è optato per la serie 4.20, notando come Torvalds abbia intenzione di decidere per quella nuova numerazione l’anno prossimo. Il 4.20 include una merge windows enorme, una delle più grandi dai tempi del 4.13 dello scorso anno.

Giusto per darvi un’idea, parliamo di 50,097 files con 17,525,783 linee di codice, altre 3,332,172 linee di commenti, e 3,185,230 linee bianche…o in totale, 24.04 milioni di linee. Bang.

Il 4.20 finale potrebbe arrivare per il 30 Dicembre e, il changelog, lo trovate a questo link (maggior parte driver).

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.