I 10 motivi per cui Facebook ha rovinato… la vita sociale!

By Jessica Lambiase

feeling-blue

“Facebook ti aiuta a tenere in contatto con le persone della tua vita”, semplifica tremendamente l’interazione tra persone di tutto il mondo, è un mezzo di comunicazione piuttosto diffuso ed immediato, ormai può rappresentare un vero e proprio album fotografico online… insomma, questo social network ci ha migliorato la vita!

Eppure… ci sono alcuni “effetti collaterali” che la rete di Mark Zuckerberg & Co. ha portato con sé i quali, seppur forse involontariamente, hanno ottenuto l’effetto contrario andando a complicare notevolmente le relazioni sociali “vere”, trasformandosi di fatto in un a-Social network!

I dieci scenari elencati qui di seguito vi faranno capire il perché di questa (apparentemente) bizzarra affermazione!

Addio agli auguri di compleanno, quelli veri

Prima di Facebook gli auguri di compleanno erano quasi un rito: una telefonata per sapere dove fosse il festeggiato, così da raggiungerlo e dargli i fantomatici due baci sul viso.. magari accompagnati da una sonora tirata di orecchie.

Era così simpatico fingere di arrabbiarsi con chi invece lo aveva dimenticato, ascoltare le loro scuse e perdonarli con un sorriso…

Oggi invece è tutto più vuoto semplice: Facebook segnala e grazie a due click si augura buon compleanno con due parole o un’immagine casuale presa da Internet.

E chi s’è visto… s’è visto.

Le notizie importanti? Sempre dopo tutti gli altri

La moglie del vostro migliore amico ha partorito oppure vostra sorella ha deciso la data del suo matrimonio… In tempi un po’ meno moderni sarebbero arrivate le telefonate per annunciare a voi, si proprio a voi, le belle notizie.

Perché si sa, sapere una cosa del genere – e sapere che qualcuno ci tenga al fatto che ne siate al corrente – fa sempre piacere!

Anche oggi grazie a Facebook potete scoprire cose del genere. In tempo reale e senza telefonate. Sì, ma dopo che anche il profilo “Sono un bot di Facebook” ha messo “Mi piace” al post del vostro amico o di vostra sorella.

Invidia, tremenda invidia…

Facebook è un enorme contenitore di foto e la vostra lista contatti trabocca di personaggi più o meno eccentrici la cui vita sarà pur sregolata, ma estremamente più movimentata della vostra routine casa-lavoro-famiglia-uscita del Sabato sera. E piano piano, soprattutto quando siete un po’ giù di corda, iniziate a chiedervi perché lui ha la sua vita “esagerata” e voi no.

Si ragazzi, questa si chiama proprio invidia.

Invidia, tremenda invidia… (2)

Vedete i post dei vostri amici totalizzare almeno 10 Mi Piace e 3 commenti per volta. Poi guardate i vostri post, il cui unico “Mi piace” è di quel piccolo stalker del vostro fratellino di 10 anni.

Improvvisamente vi sentite noiosi, ma così noiosi, ma così noiosi… da chiedervi perché gli altri fanno tanta simpatia e voi no, magari ignorando il fatto che Facebook sceglie con un criterio neanche tanto chiaro cosa mostrare sulle timeline dei contatti e cosa no.

E l’invidia ritorna!

Spoiler, spoiler, spoiler!

Le pagine ufficiali di quella serie TV, di quel libro o di quel cinema sono assolutamente IL MALE!

spoiler-alert

Immaginate di essere iscritti ad una di queste pagine dedicate e che, da un momento all’altro, compaia sulla vostra timeline un post del tipo

Abbiamo appena trasmesso su #emittenteBellissima l’ultimo episodio di #StupendaSerieDiTendenza! Voi cosa ne pensate? Vi è piaciuto?

E giù i commenti di coloro che quell’episodio l’hanno visto davvero e che conversano amabilmente degli avvenimenti rappresentati fregandosene altamente di rivelare dettagli sconosciuti a chi, come voi, avrebbe voluto goderselo ma ha dovuto lavorare.

Questo si chiama spoiler. E si, la vostra si chiama rabbia.

Addio alla dieta!

Personalmente credo che la cosa più complicata da portare avanti, dopo lo smettere di fumare, è mettersi a dieta dopo un periodo di eccessi.

E vedere quell’amico che mette su Facebook foto di torte invitanti, primi fumanti ed intere tavole imbandite, magari accompagnate dalla bellissima frase “Buon Appetito”, di certo non aiuta!

“Buon appetito un c***o” penserete voi. E avete ragione, perché a quel punto o cadete in tentazione o avrete un broncio lungo quanto il vostro braccio per almeno un’ora a venire.

Una volta mi interessavi….

Bella, bellissima. Quella ragazza vi ha proprio preso il cuore e siete curiosi di conoscerla pian piano e scoprire tante cose di lei, magari portarla a cena fuori…

Ma posta su Facebook 300292039 link che accentuano la sua spiccata indole animalista, nel suo profilo sono specificate la sua vita, la sua morte, i suoi miracoli, le sue imprese, la sua famiglia….

Insomma, sapete già tutto. E per quanto resti bella… non c’è già più nulla da scoprire. Bocciata.

FOMO, FOMO ovunque!

Si chiama “Fear of Missing Out” – letteralmente paura di essere esclusi – ed è uno stato emotivo che trova nascita proprio nei social network.

Se avete visto due o più vostri contatti taggati nella stessa foto, magari seduti al bar a sorseggiare un aperitivo, e vi state chiedendo perché non vi abbiano avvertito sentendo già in fondo al cuore la “sindrome dell’eterno escluso”… beh, allora siete in preda di un attacco di FOMO.

E grazie a Facebook attacchi del genere diventano sempre più frequenti.

L’autostima, questa sconosciuta…

Gli anglofoni lo chiamano “feeling blue” e… non c’entra niente (forse) con il colore dominante di Facebook, ma si tratta di quello stato d’animo in cui improvvisamente:

  • i rotolini di pancia vi sembrano più rotolini del solito;
  • i vostri denti vi sembrano troppo gialli;
  • guardate un capello e vedete le doppie punte;
  • iniziate a tastarvi la pelle per constatare se è troppo grassa o troppo secca;
  • il mondo vi crolla addosso;
  • vi sentite perennemente fuori luogo…

…e così decidete di perdere un po’ di tempo su Facebook. Ma i suoi annunci mirati non vi aiutano: “Hai bisogno di un estetista?” “Dentisti italiani a poco prezzo: ecco come!” “I migliori parrucchieri della tua città”.

E da blue il vostro umore diventa black.

Il tempo è denaro…

…e Facebook ne porta via tanto, forse fin troppo! Evitare di finire nel tunnel degli affari altrui, una volta aperta la timeline di Facebook, è praticamente impossibile: foto collega foto, post collega post, persona collega persona, link collega link, condivisione attira altre condivisioni….

E così quel “passo dieci minuti su Facebook e poi mi preparo ad uscire” si trasforma improvvisamente in “Porca paletta ho due ore piene di ritardo”.

E voi siete Facebook-moderati o Facebook-dipendenti? Avete mai sperimentato una di queste situazioni? Fatecelo sapere!

L’articolo I 10 motivi per cui Facebook ha rovinato… la vita sociale! appare per la prima volta su Chimera Revo – News, guide e recensioni sul Mondo della tecnologia.

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.