Quelle simpatiche backdoor che vivono nei modelli di machine learning su Hugging Face, la community AI open-source

Quelle simpatiche backdoor che vivono nei modelli di machine learning su Hugging Face, la community AI open-source

Di Hugging Face, la community che ospita modelli sfruttabili per il machine learning, abbiamo parlato in passato raccontando di Hugging Chat, il chatbot alternativo a ChatGPT emerso proprio quando quest’ultimo venne messo temporaneamente al bando in Italia da parte dell’authority della privacy.

Ma la community Hugging Face è ben più di quel singolo chatbot di cui abbiamo parlato, è uno spazio collaborativo in cui gli sviluppatori possono condividere modelli di “deep-learning” pre-allenati, codice sorgente e conoscenze. La forza di questa community sta proprio in quel “pre-allenamento” di modelli, poiché sono la parte più complicata e costosa (in termini computazionali). Tramite la condivisione di questi modelli, insieme ai tool ed alle risorse che consentono di interagirvi, Hugging Face è in sostanza diventato il GitHub dell’intelligenza artificiale.

Tutto magnifico, ma i lettori ben si ricorderanno di come giusto qualche giorno fa raccontavamo dei 100 mila repository infetti parte di una campagna di malicious repo confusion con cui GitHub sta facendo i conti. Bene, anche Hugging Face, in maniera per nulla sorprendente, deve fare i conti con modelli di machine learning che contengono quelle che JFrog ha definito Silent Backdoor.

Nel dettagliato articolo viene spiegato come sia possibile caricare un modello di machine learning che porti all’esecuzione di codice, mediante un video:

How can loading an ML model lead to code execution

Alla fine non è nulla di estremamente misterioso: di fatto si tratta di codice malevolo (in questo caso Python) che viene eseguito dall’utente, ignaro.

Come racconta l’articolo la piattaforma Hugging Face implementa già misure di sicurezza, come lo scan di malware, pickle (ossia un protocollo binario che consente di serializzare e de-serializzare strutture Python ad oggetti, quindi in pratica programmi nascosti) e secret.

Ma ovviamente, come insegna la storia, queste implementazioni non sono sufficienti per rendere perfettamente sicuro l’ambiente. Nel caso dei pickle di cui sopra ad esempio, questi vengono indicati come insicuri, ma non inibiti, quindi rimanendo disponibili, rimangono anche pronti ad infettare.

L’articolo fa una disamina dei vari tipi di attacchi che possono essere scatenati mediante i modelli infetti (e che lasciamo ai lettori il “piacere” di scoprire), ma la sostanza del discorso è una ed una soltanto: anche nell’ambito ML c’è poco da stare sereni quando si parla di sicurezza, ed è sempre bene tutelarsi.

Chiaramente JFrog propone i propri prodotti a tutela, ma ce n’è uno che non è in vendita e vale sempre comunque la pena aver con se: il buon senso.

790f89849d535c46ddf9fb9b8fa033b4?s=150&d=mp&r=g
Raoul Scarazzini

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.

Fonte: https://www.miamammausalinux.org/2024/03/quelle-simpatiche-backdoor-che-vivono-nei-modelli-di-machine-learning-su-hugging-face-la-community-ai-open-source/

Visited 3 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.