Dopo aver definito il concetto di open-source, Bruce Perens lo giudica fallito, proponendo una nuova via: il post-open

Dopo aver definito il concetto di open-source, Bruce Perens lo giudica fallito, proponendo una nuova via: il post-open

Lo scorso 6 e 7 febbraio si è svolta a Londra la conferenza tecnologica SOOCON24State of Open Conference 2024, interessantissimo evento dedicato all’open-source ed al suo stato, con speaker d’eccezione che hanno animato le discussioni ed esplorato temi che per i lettori di questo blog sono fondamentali.

Tra questi c’era Bruce Perens, figura che chiunque abbia utilizzato con cognizione di causa la parola “open-source” dovrebbe conoscere, poiché a tutti gli effetti creatore della sua definizione. Di Perens avevamo parlato sul blog anni fa, quando avevamo raccontato con le dimissioni dalla Open Source Initiative che aveva contribuito a fondare, e la conseguente battaglia per un open-source coerente.

Nelle affermazioni di Perens si trovavano già al tempo la ricerca di una dimensione più affine alle origini del concetto di open-source, specificamente delle sue licenze. Ricorderete la causa vinta dallo stesso Perens contro Open Source Security Inc. per violazione della GPL e di come la causa stessa servì da pretesto per innescare una necessaria revisione di quelle che sono le licenze open-source oggi.

Arriviamo alla SOOCON24, all’interno della quale, senza mezzi termini, Perens si pronuncia con molto pessimismo in merito allo stato attuale delle cose. Ecco le sue parole riportate da DevClass:

I’m not the happy speaker. Everyone else is going to tell you how great open source has been, and I’m going to tell you how we failed.

Non sono lo speaker gioviale. Altri vi diranno quanto è stato importante l’open-source, ma io sono qui per dirvi come abbiamo fallito.

Continuando poi a spiegare come l’open-source sia un…

great corporate welfare program. Our users are the richest companies in the world …in contrast, our developers who aren’t working for those companies probably go uncompensated.

ottimo programma di welfare aziendale. I nostri utenti sono le aziende più ricche del mondo… al contrario, i nostri sviluppatori che non lavorano per quelle aziende probabilmente non ricevono alcun compenso.

Per chiudere descrivendo quanto il mercato sia…

unfairly structured to reward corporate licensees rather than us, the licensors who create the software.

strutturato ingiustamente per premiare le aziende che usano le licenze piuttosto che noi, che creiamo il software e lo licenziamo.

E per rompere il cerchio propone una soluzione, denominata post-open: richiedere cioè alle entità che generano entrate specifiche, fissando ad almeno 5 milioni di dollari di revenue questa quota, di pagare una tariffa che dia loro il diritto di utilizzare tutto il software post-open con un’unica licenza.

I soldi raccolti verrebbero pagati ai contributori tramite organizzazioni intermediarie fidate, sulla base della verifica del software utilizzato e dell’analisi dei contributori all’interno dei progetti stessi.

Quanto applicabile possa essere questa “regola” è tutto da stabilire, ma prima di pensare a come sarà impossibile far rispettare una regola simile alle big corporation vale la pena ricordare nuovamente la causa citata in precedenza e vinta da Perens contro Open Source Security Inc. ed a come pochi avrebbero scommesso su una sua vittoria.

Certo è che ripensando alla narrativa recente in merito alle licenze, discusso nel recente Saturday’s Talks dal titolo “se la Linux Foundation continuerà con i fork non risolverà mai il problema delle licenze open-source che diventano closed”, la posizione di Perens dimostra come un’alternativa costruttiva rispetto ai fork sia effettivamente percorribile. Magari da correggere, modificare e discutere ancora, ma sicuramente possibile.

Probabilmente per il futuro stesso dell’open-source prestare orecchio a chi lo ha definito potrebbe essere una buona idea.

790f89849d535c46ddf9fb9b8fa033b4?s=150&d=mp&r=g
Raoul Scarazzini

Da sempre appassionato del mondo open-source e di Linux nel 2009 ho fondato il portale Mia Mamma Usa Linux! per condividere articoli, notizie ed in generale tutto quello che riguarda il mondo del pinguino, con particolare attenzione alle tematiche di interoperabilità, HA e cloud.
E, sì, mia mamma usa Linux dal 2009.

Fonte: https://www.miamammausalinux.org/2024/02/dopo-aver-definito-il-concetto-di-open-source-bruce-perens-lo-giudica-fallito-proponendo-una-nuova-via-il-post-open/

Visited 2 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.