Dieci anni dopo ecco Slackware 15.0: è la distro GNU/Linux più longeva

Slackware 15.0
Il 28 settembre 2012 è stato rilasciato Slackware 14.0, sono passati quasi 10 anni!
A bordo aveva Xfce 4.10.0 e KDE 4.8.5 unitamente al kernel Linux 3.2.29: medioevo informatico. Oggi possiamo dare il benvenuto a Slackware 15.0, nuova versione stabile della distribuzione GNU/Linux più longeva ancora in sviluppo (ben 29 anni di vita!).

Lo sviluppo di Slackware continua ad essere guidato dal fondatore del progetto, Patrick Volkerding, che ha parlato di questa nuova release in questi termini:

Questo è stato un ciclo di sviluppo interessante. Chiunque abbia seguito il percorso di Linux negli ultimi anni avrà notato la crescita del kernel e un lento ma costante allontanamento dalla struttura UNIX-like. La nostra sfida è consistita nell’adottare quante più cose buone possibile senza cambiare il carattere del sistema operativo.

Slackware 15.0

Ad alimentare Slakware 15.0 c’è Linux 5.15.19.

Linux 5.15 è una LTS release che sarà supportata almeno fino ad ottobre 2023.

Introduce aggiornamenti importanti dal punto di vista architetturale, con nuove funzionalità core. Non mancano nuovi driver e supporto per hardware next-gen.

Il desktop environment predefinito è KDE Plasma 25th Anniversary Edition (aka KDE Plasma 5.23). Come per ogni versione di Plasma abbiamo un buon numero di modifiche per Plasma Shell, per le KDE Applications, per Wayland, pulizia del codice, miglioramenti delle prestazioni, centinaia di correzioni di bug e altro ancora. In alternativa, per chi volesse una versione più leggera di Slackware, è possibile optare per Xfce 4.16.

Rispetto a Slackware 14 ci sono, ovviamente, tantissime novità. Gli sviluppatori hanno adottato PAM e sono passati da ConsoleKit2 a elogind, allineandosi con gli standard XDG. È stato aggiunto il supporto per PipeWire, come alternativa a PulseAudio, e per le sessioni Wayland. Abbandonato Qt4, Slackware 15.0 si basa interamente su Qt5, inoltre sono state aggiunte diverse nuove librerie al sistema.

Novità in pillole:

  • Sendmail è stato rimpiazzato da Postfix
  • Rimossi imapd e ipop3d, sono stati rimpiazzati da Dovecot IMAP e da POP3
  • Aggiornato il pkgtools (package management utilities)

Per ulteriori dettagli vi invito a leggere l’annuncio ufficiale. Potete scaricare Slackware 15.0 da qui.

sharing-caring-1

Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

Fonte: https://www.lffl.org/2022/02/dieci-anni-dopo-ecco-slackware-15-0.html

Visited 2 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.