Grav: il CMS senza database

Pubblicato da TheJoe il 13 Settembre 202113 Settembre 2021

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Con il termine “CMS” (Content Management System) s’intende un applicativo web che permette all’utente di creare / modificare / cancellare i dati tramite una interfaccia amministrativa rendendo i dati inseriti fruibili dagli utenti o dagli iscritti all’applicativo stesso.

I CMS più famosi, quelli più usati su internet al giorno d’oggi sono open source. Possiamo citare WordPress, Drupal, Joomla, PHP-nuke, TYPO3, OpenCMS… e molti altri. Esistono anche svariati CMS a licenza chiusa, sviluppati direttamente dalle software house, ma solitamente hanno uno sviluppo più lento e un costo maggiore.

Tutti i CMS citati fin’ora separano l’interfaccia dai contenuti. L’interprete (solitamente PHP) si occupa di trasferire il contenuto al database. Il database “salva” il contenuto e lo rende disponibile qualora venisse richiamato.

Oggi invece parliamo di Grav: un CMS che funziona come tutti quelli già citati, ma i cui dati vengono salvati anziché in un database nei file di testo.

grav logo

Questo blog più di dieci anni fa era realizzato appunto con un CMS senza database: FlatPress. Nel 2010 migrai a WordPress mentre FlatPress negli anni venne abbandonato, ma da un paio d’anni lo sviluppo pare sia ripreso.

Installazione

Esistono due versioni di Grav. Una, Grav Core, permette l’installazione “standalone” senza il plugin amministrativo. L’altra, Grav core + admin plugin, include un plugin che gestisce il backend e permette l’amministrazione del sito.

L’installazione è piuttosto elementare. Una volta scaricato l’archivio va scompattato e caricato sul server (requisito essenziale: PHP 7.3.6 o versioni superiori). Chi volesse usare Grav con il plugin amministrativo deve configurare il file .htaccess (su Apache) o i file di configurazione di NGINX. Trovate degli esempi nella directory “webserver-configs“. Una volta effettuate le modifiche basterà visitare la homepage del sito per iniziare l’installazione.

Uso

grav screen

Il pannello di amministrazione è simile a quello di WordPress. Da li l’utente può creare pagine, articoli, configurare il sito, aggiornare plugin e temi.

Una volta che approfondisci le sezioni però ti rendi conto che WordPress gestisce alcuni aspetti in modo migliore. Il menu “Configuration” contiene una miriade di impostazioni, alcune delle quali organizzate in modo poco intuitivo. Per contro WordPress ha l’essenziale corredato dagli aiuti inline che evitano all’utente di dover ricorrere alla documentazione.

.u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 , .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .postImageUrl , .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .centered-text-area { min-height: 80px; position: relative; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 , .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3:hover , .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3:visited , .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3:active { border:0!important; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .clearfix:after { content: “”; display: table; clear: both; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 { display: block; transition: background-color 250ms; webkit-transition: background-color 250ms; width: 100%; opacity: 1; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; background-color: #E67E22; box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -moz-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -o-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -webkit-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3:active , .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3:hover { opacity: 1; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; background-color: #D35400; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .centered-text-area { width: 100%; position: relative; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .ctaText { border-bottom: 0 solid #fff; color: #ECF0F1; font-size: 16px; font-weight: bold; margin: 0; padding: 0; text-decoration: underline; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .postTitle { color: #2C3E50; font-size: 16px; font-weight: 600; margin: 0; padding: 0; width: 100%; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .ctaButton { background-color: #D35400!important; color: #ECF0F1; border: none; border-radius: 3px; box-shadow: none; font-size: 14px; font-weight: bold; line-height: 26px; moz-border-radius: 3px; text-align: center; text-decoration: none; text-shadow: none; width: 80px; min-height: 80px; background: url(https://thejoe.it/wordpress/wp-content/plugins/intelly-related-posts/assets/images/simple-arrow.png)no-repeat; position: absolute; right: 0; top: 0; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3:hover .ctaButton { background-color: #E67E22!important; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .centered-text { display: table; height: 80px; padding-left: 18px; top: 0; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3 .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3-content { display: table-cell; margin: 0; padding: 0; padding-right: 108px; position: relative; vertical-align: middle; width: 100%; } .u1f39226171dd5f69b9531eed5a0b48a3:after { content: “”; display: block; clear: both; }

Guarda qui:  Migrare un sito in PHP/MySQL da un server Apache a un altro

Plugin e temi

Grav integra un gestore temi e un gestore plugin. Sia i temi che i plugin possono essere installati manualmente o scaricati dal repository collegato. Essendo un progetto relativamente giovane (di certo più giovane di WordPress) non ci possiamo aspettare le migliaia di componenti disponibili per i CMS più famosi.

SEO

Grav offre i permalink SEO in automatico ma lascia il resto allo sviluppatore o agli eventuali plugin. Chi usa WordPress può contare su plugin di rodata esperienza come YOAST o All-in-one-SEO-Pack, chi inizia a usare Grav invece si accorge ben presto che i plugin dedicati alla SEO sono ancora indietro, gli sviluppi forse ci saranno ma gli sviluppatori si sono concentrati più su altro.

Documentazione

La documentazione di Grav è davvero il suo fiore all’occhiello. Tutto è spiegato bene e in modo intuitivo.

Versione premium

Grav è open source, rilasciato sotto licenza MIT. La maggior parte dei plugin e dei temi sono disponibili liberamente tramite repository e crearne di nuovi è relativamente semplice. Esistono però temi e plugin premium disponibili nel repository, sviluppati direttamente dal “Grav team” o da sviluppatori esterni. Quelli premium sono ovviamente dei contenuti avanzati, anche se non essenziali.

In conclusione Grav mi sembra un ottimo progetto, sviluppato attivamente, al momento supportato da una piccola community, ben documentato. Durante il mio utilizzo sono rimasto piuttosto soddisfatto dal progetto e dal prodotto, anche solo per la semplicità d’utilizzo.


Fonte: https://thejoe.it/2021/09/13/grav-il-cms-senza-database/

Visited 2 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.