E’ giunta l’ora di Microsoft Linux. Ma ne avevamo bisogno?

 

Microsoft Linux

Ve lo accennavamo circa un mese fa, ma finalmente l’attesa è finita. Sappiamo che non state più nella pelle.

In questi giorni Microsoft ha rilasciato Windows build 18917, l’estiva developer preview a cui l’azienda di Redmond sta abituando i suoi utenti, che contiene il famigerato Windows Subsystem for Linux 2 e che, a differenza di quanto presente gli scorsi anni, contiene un kernel Linux custom fatto da Microsoft stessa.

Di fatto, cercando di capire quello che c’è sotto il cofano dei tool ad alto livello messi a disposizione da WSL2, quello che risulta è una versione di Windows con preinstallata un VM su cui gira questa Linux custom. La cosa è anche evidente se si cerca di accedere a servizi installati su questa distribuzione o se, viceversa, si vuole accedere ai servizi sul sistema host:

Since WSL 2 now runs in a virtual machine, you will need to use that VM’s IP address to access Linux networking applications from Windows, and vice versa you will need the Windows host’s IP address to access Windows networking applications from Linux. We aim to include the ability for WSL 2 to access network applications with localhost as soon as we can!

Visto che WSL 2 adesso viene eseguita in una macchina virtuale, avrai bisogno di utilizzare l’indirizzo IP di questa per accedere alle applicazioni di rete Linux da Windows, e vice versa avrai bisogno dell’indirizzo IP dell’host Windows per accedere alle applicazioni di rete di Windows da Linux. L’obiettivo è quello di includere la possibile per WSL 2 di accedere alle applicazioni di rete tramite localhost il prima possibile!

Un alto consiglio che viene dato, in contrasto con quanto consigliato da Microsoft fino ad oggi è quello di posizionare i file a cui accediamo da Linux nel disco della distribuzione, per una migliore performance e benefici, anche se l’integrazione pare decisamente migliore ed ora è possibile accedere ad applicazioni Windows molto facilmente da Linux, lanciandole semplicemente come fossero eseguibili nel PATH (non è dato sapere se l’inverso sarà altrettanto facile).

Il post sul blog Developer di Microsoft è abbastanza ermetico nei dettagli, ma anche solo guardando i comandi di WSL2 (brevemente esposti) pare che non si tratti altro che dell’N-esimo virtualizzatore: sicuramente molto integrato con l’OS, magari grazie a questo parecchio performante, ma di fatto non molto diverso da avere un VirtualBox ed utilizzarlo con la CLI.

Con l’aggiunta di questo fantomatico kernel “Microsoft Linux” che, si spera, nei prossimi giorni mostrerà il perché è così necessario investire in tal senso da parte dell’azienda di Nadella, piuttosto che fare affidamento ad aziende più specializzate in tal senso e con buona voglia di collaborare con lei.

Perchè ci sarà un motivo tecnico, vero?

 

Fonte: https://www.miamammausalinux.org/2019/06/e-giunta-lora-di-microsoft-linux-ma-ne-avevamo-bisogno/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.