Il Governo della Corea del Sud vuole migrare a Linux

Il Governo della Corea del Sud ha annunciato che cambierà sistema operativo sui computer del Ministero dell’Interno e della Sicurezza passando da Windows a Linux.

Il Ministero dell’Interno ha fatto sapere che nella prima fase verranno eseguiti una seri di test con Linux sui propri PC e, in assenza di problemi di sicurezza, Linux verrà introdotto massivamente sui computer governativi.

La decisione di migrare a Linux è stata presa a seguito delle preoccupazioni sorte circa il costo per continuare a beneficiare del supporto tecnico a Windows 7 che scadrà nel gennaio 2020.

Choi Jang-hyuk, capo dell’ufficio del servizio digitale del ministero, ha detto che il Ministero si aspetta una riduzione dei costi attraverso l’introduzione di Linux.

Via The Korea Herald

Fonte: http://feedproxy.google.com/~r/MarcosBox/~3/bm3e4ZWtVtQ/il-governo-della-corea-del-sud-linux.html

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.