Samantha Ballard: PhD in fisica marina

Come per Yolixtly Anderson, anche  questa sarà un intervista per “la settimana del Rosadigitale”. In questa vi farà conoscere la dottoranda in fisica marina: Samantha Ballard.

If you do not speak Italian, skip to the English version.

Questa volta ci troviamo a Miami, ci allontaniamo dallo sviluppo fine a se stesso e ci avviciniamo ad una professionista che sfrutta il coding nel suo lavoro di ricerca.
Samatha è una dottoranda in fisica marina e  sta preparando la sua tesi sul rapporto tra aria e mare.

Proviamo a conoscerla meglio.

Com’è nata la tua passione per la fisica marina?

La mia passione per la fisica marina è nata quando ero molto giovane. In realtà avevo paura dell’oceano e delle forti tempeste. Mi sono resa conto che la mia paura derivava dal non avere abbastanza conoscenza dell’oceano e dell’atmosfera, che mi ha portato al desiderio di saperne di più su queste paure. Perciò ho deciso di intraprendere la carriera in meteorologia nel mio programma universitario e infine un programma di dottorato in fisica marina. Ora non posso immaginare la mia vita senza l’oceano! Vivo sull’acqua e questo mi porta tanta gioia e pace ogni giorno nel mio lavoro.

Qual è il tuo dottorato di ricerca?

La mia ricerca è nelle interazioni aria-mare con un focus sul telerilevamento satellitare. Il mio progetto di dottorato è chiamato Coastal Land Air Sea Interaction (CLASI) e finanziato dall’Ufficio di ricerca navale degli Stati Uniti. L’obiettivo di questo progetto è comprendere meglio l’ambiente costiero di Monterey Bay, in California, le interazioni di vento e onde e le caratteristiche su scala ridotta come i rulli di confine, le onde gravitazionali e le fronti del vento per migliorare la previsione della mesoscala sull’atmosfera dell’oceano accoppiata della Marina modello di previsione (COAMPS). La campagna sul campo CLASI consisteva in una varietà di dati, tutti utilizzati nella mia ricerca, da boe, telecamere polarimetriche, navi, torri costiere, isole grezze, stazioni di marea e immagini radar con apertura sintetica basata su satellite.

Sebbene questo esperimento si concentri principalmente sulle basse velocità del vento e sull’ambiente costiero, le mie tecniche saranno applicate anche a eventi meteorologici estremi, come gli uragani, in mare aperto o vicino alla costa.

Nel tuo lavoro scrivi spesso codice. Quali lingue usi e per quale tipo di lavoro?

Sì, dopo aver raccolto i dati e acquisito la mia ricerca è principalmente basata sulla codifica. Uso algoritmi di elaborazione delle immagini, algoritmo di recupero del vento SAR e algoritmo di trasformazione wavelet, scritto in Matlab. Sono in grado di tracciare funzioni come il vento, le onde atmosferiche e le onde dell’oceano attraverso la programmazione.

Anch’io lavoro con il modello atmosferico / oceano in Matlab. La scienza dei dati è estremamente utile per la codifica scientifica e rende l’elaborazione dei dati, i dati e l’analisi statistica molto più facili per gli scienziati! Io uso Matlab e Python per creare grafica. Ho anche esperienza con FORTRAN e IDL.

Per chi è interessato a intraprendere un percorso simile al tuo, quale consiglio daresti?

Non mollare mai! Continua a lavorare per rafforzare le tue capacità, essere versatile e provare nuove cose. Leggere! Fai le tue ricerche e connettiti con i mentor e i professori per ottenere consigli.

Se vuoi perseguire la ricerca scientifica in un programma di dottorato, avere un’esperienza di ricerca è fondamentale, ottenere uno stage e imparare come programmare per essere in gamba in qualsiasi campo tu ambisca! Comunicare il tuo lavoro è così importante, se non riesci a comunicarlo è perchè non lo capisci abbastanza bene!

Grazie mille, per coloro che leggono e desiderano saperne di più su di te e sul tuo lavoro, dove possono seguirti?

La settimana del Rosadigitale

Questo articolo è stato per la settimana del Rosadigitale, una settimana dedicata alle pari opportunità nelle STEM.
Per vedere la lista completa, la può trovare qua: link.

Original version (English)

How was your passion for marine physics born?

My passion for marine physics was born when I was very young. I actually was afraid of the ocean and severe storms. I realized that my fear came from not having enough knowledge about the ocean and the atmosphere, which led to a desire to learn more about these fears. Therefore I decided to pursue a career in meteorology in my undergraduate program and eventually a doctorate program in marine physics. Now I could not imagine my life without the ocean! I live on the water and it brings me such joy and peace every day in my work.

What is your research doctorate?

My research is in air-sea interactions with a focus on satellite remote sensing. My PhD project is called Coastal Land Air Sea Interaction (CLASI) and funded by the United States Office of Naval Research. The goal of this project is better understand the coastal environment in Monterey Bay, California, interactions of wind and waves, and small-scale features such as boundary layer rolls, gravity waves and wind fronts in order to improve the Navy’s Coupled Ocean Atmosphere Mesoscale Prediction forecast model (COAMPS). The CLASI field campaign consisted of a variety of data, all of which I utilize in my research, from buoys, polarimetric cameras, ships, coastal towers, rawinsondes, tidal stations, and satellite based synthetic aperture radar images. Although, this experiment focuses on primarily low wind speeds and the coastal environment, my techniques will also be applied to extreme weather events, such as hurricanes, in the open ocean or near the coast.

In your work you often write code. Which languages do you use and for which type of work?

Yes, after we collected data and acquired my research is primarily coding-based. I use image processing algorithms, SAR wind retrieval algorithm and wavelet transform algorithm, written in Matlab. I am able to track features like wind fronts, atmospheric waves, and ocean waves through programming. I work with the atmospheric/ocean model in Matlab as well. Data science is extremely useful for scientific coding, and makes data processing, data and statistical analysis a lot easier for scientists! I use Matlab and python for creating graphics. I also have experience with FORTRAN and IDL as well.

For those interested in taking a path similar to yours, what advice would you give?

Never give up! Keep working to strengthen your skills, be versatile and try new things. Read! Do your research and connect with mentors and professors to get advice. If you want to pursue scientific research in a doctorate program then having research experience is crucial, get an internship and learn how to code to have a leg up no matter what field you are in! Communicating your work is so important, if you can’t communicate it than you don’t understand it well enough!

Thank you very much, for those who read and would like to know more about you and your work, which links can I put?

Rosadigitale Week

L’articolo Samantha Ballard: PhD in fisica marina proviene da Matteo Enna.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.