No, Ubuntu non sta passando a Snap abbandonando APT (purtroppo)

Lo scorso Gennaio su Launchpad è stato pubblicato un blueprints in cui un utente sosteneva un piano di migrazione da APT a Snap per la prossima versione di Ubuntu.

Questo blueprints è recentemente salito alla ribalta a causa di uno YouTuber che ha ripreso la notizia sul suo canale.
La notizia è stata segnata anche ad Alan Pope, Community Manager at Canonical, che su Twitter è intervenuto per fare chiarezza sulla vicenza.

Purtroppo, o per fortuna, dipende dal vostro punto di vista, questa notizia non è vera. Alan Pope ha ribadito che il blueprints è stato scritto da un utente di Canonical ma la sua esistenza non significa che sia una notizia ufficiale o validata a livello di team di sviluppo.

Chiunque abbia un account launchpad può creare blueprints. Chiunque può dare suggerimenti su come cambiare o migliorare Ubuntu. Il team di Ubuntu può discutere e lavorare su queste cose, parcheggiarle, migliorarle o rifiutarle.
Fra l’altro è da qualche anno che il team di Canonical non utilizza più i blueprints come strumento di pianificazione.
Nella discussione su Twitter, alcuni utenti hanno fatto notare come in passato Will Cooke, Ubuntu Desktop Manager presso Canonical, aveva nel 2015 sostenuto che in futuro Snap sarebbe diventato il default su Ubuntu. Questo però era legato a doppio filo con Unity 8, e tutti sappiamo come è andata a finire. A seguito dell’abbandono dello sviluppo di Unity 8 l’utilizzo di Snap è stato de priorizzato.

La mia opinione

Personalmente auspico un futuro Snap centrico per Ubuntu. Avendo provato a lungo i pacchetti Snap in questi anni, non posso che apprezzare questo sistema di pacchettizzazione. Gli Snap, così come i flatpak, sono estremamente comodi e consentono di poter avere sul proprio PC software sempre aggiornato infischiandosene di problemi di dipendenze. Quante volte vi sarà capito su di una Ubuntu, specie una LTS, di essere costretti ad aggiungere repository esterni, spesso mantenuti saltuariamente da utenti hobbistici, e di aver avuto difficoltà nell’aggiornare la vostra applicazione preferita o aver dovuto aspettare molto tempo per poter ricevere l’ultima release stabile. Con Snap problemi di questo tipo sono pressoché scomparsi. Giusto in questi giorni ho avuto la necessità di voler provare LibreOffice 6.2 e per farlo, su Ubuntu 18.04 LTS, mi sono rivolto allo Snap. Con un semplice comando ho installato la suite senza dover ricorrere al PPA LibreOffice Fresh che è ancora fermo alla vecchia versione.

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.