Il nuovo Chrome OS Flex è diventato definitivamente una distribuzione GNU/Linux?

Chi non segue il mondo Chrome OS può farsi un’impressione completamente sbagliata ma ad ogni aggiornamento diventa un sistema operativo più robusto. 

Google continua ad evolversi e ad aggiungere funzionalità anche a Chrome OS Flex, la versione di Chrome OS per computer tradizionali, rendendolo utilizzabile non solo per i computer più deboli, visto che Chrome OS è molto leggero, ma anche versatile per chi vuole fare qualcosa di più che altro che semplicemente navigare in Internet.

Un mezzo di installazione più tradizionale

Una delle maggiori lamentele su Chrome OS Flex al momento del rilascio era che non aveva un’immagine di sistema da scaricare e creare una chiavetta USB avviabile o qualcosa del genere. Dovevi utilizzare un’utilità di Google Chrome disponibile solo per Windows e macOS, il che potrebbe essere piuttosto scomodo poiché un’immagine di installazione non è niente di speciale.

Ora puoi scaricare un file direttamente dal sito, è in formato .bin, da quasi 8GB, e può essere utilizzato con qualsiasi applicazione per creare pendrive avviabili, come Balena Etcher per esempio.

Se il file non viene riconosciuto dall’applicazione di creazione dell’unità di avvio, prova a cambiare il suffisso del file .bin alla fine del file in .img o .iso, e dovrebbe funzionare.

L’installazione del sistema è molto semplice, bastano pochi passaggi, il che rende più semplice l’esecuzione della procedura per gli utenti con poche conoscenze tecniche ma potrebbe infastidire gli utenti più avanzati. Non c’è ancora modo di eseguire il partizionamento manuale, il dual boot o addirittura scegliere su quale unità si desidera installare il sistema.

Quali sono le novità di Chrome OS Flex?

La differenza più significativa tra Chrome OS che arriva su un vero Chromebook e la versione Chrome OS Flex che possiamo installare su qualsiasi computer è senza dubbio la presenza di Google Play, la versione Flex purtroppo non dispone di questo supporto. FydeOS, un sistema simile a Chrome OS, è riuscito a aggirare questo problema e, poiché Chrome OS Flex è di Google, probabilmente l’unico ostacolo è la loro volontà.

Il lato positivo di Chrome OS Flex è proprio che può essere installato su hardware più robusto, noi l’abbiamo installato su un notebook con 16GB di RAM, SSD da 1TB e Core i7 di 12a generazione. Non esiste un modello di Chromebook che si avvicini a questo.

L’ultima versione di Chrome OS ha ricevuto un aggiornamento nella gestione delle finestre, forse ispirato a Windows 11 o macOS. Lasciando il cursore del mouse sull’icona di ingrandimento, ora abbiamo alcune funzioni di affiancamento, potendo lasciare le finestre affiancate equamente divise, o con una un po’ più grande dell’altra, a schermo intero, con un pannello superiore, come in macOS o mobile.

Il nuovo Chrome OS Flex è diventato definitivamente una distribuzione Linux?

Con la crescente popolarità del sistema nelle aziende, è stata aggiunta di default una nuova applicazione che permette di gestire le code di stampa, non molto entusiasmante, ma sicuramente utile. Anche l’applicazione che mostra i collegamenti di sistema è stata rinnovata e potrebbe essere una buona idea andarci per imparare come utilizzare più risorse di sistema, come i desktop virtuali.

Sembra che Chrome OS stia guadagnando molta attenzione nel mondo degli affari, poiché può essere gestito da Google Workspaces, un vero sogno consumer per chiunque voglia organizzare più parchi di macchine diverse, almeno in termini di facilità.

Per coloro che ne faranno un uso personale, presenta alcune buone novità, alcuni vecchi problemi, ma soprattutto ha un futuro molto interessante davanti a sé con un progetto chiamato “Lacros”, acronimo di “Linux e Chrome OS”.

Una Debian su Chrome OS

Chrome OS Flex senza Google Play sembra una cosa da poco finché non inizi a utilizzare il sottosistema Linux integrato. Per impostazione predefinita, quando attivi Linux sul tuo Chrome OS Flex (che sarebbe già anch’esso Linux), avrai Debian 11, non è la versione più recente di Debian, ma può essere fatto con garbo, ha anche repository backport attivi.

La cosa interessante è che è contenuto in un formato “container”, dove puoi installare qualsiasi programma dal repository Debian in Chrome OS, grafico o meno, incluso il supporto Flatpak, aumentando notevolmente le possibilità di eseguire software più recenti, incluso Steam stesso.

Abbiamo installato diversi programmi in questo modo, incluso Firefox per consentirci di eseguire benchmark. Software come GIMP, Steam, VLC e molti altri funzionano senza problemi, se installi Bottles, puoi anche eseguire alcune applicazioni Windows anche tramite Wine.

Alcune applicazioni riscontrano problemi, come OBS Studio, che si lamenta di essere eseguita in un “container”. Ciò potrebbe essere dovuto alla limitazione dell’accelerazione grafica da parte della GPU in un ambiente virtualizzato, o anche al software che fa sì che la gestione grafica di Chrome OS sia Freon, invece di qualcosa che OBS supporta in Linux, come Xorg o Wayland. Ecco perché il progetto Lacros è così importante.

Il futuro di Chrome OS

Chrome OS è un sistema altamente integrato al giorno d’oggi, e non in modo eccezionale. La schermata di accesso, Ash, che è il Window Manager, Freon, che è il Display Manager, e il browser Chrome stesso sono tutti una cosa, un unico binario.

L’idea di Google è quella di separare il sistema operativo dal browser in almeno 2 file binari diversi, quindi il browser Chrome di Chrome OS sarà sostanzialmente lo stesso Chrome di Linux, mentre il sistema rimane indipendente e si concentra sul supporto anche in Wayland.

Ciò potrebbe avere buone ripercussioni su Chrome OS e altre distribuzioni GNU/Linux, come accade con Valve e SteamOS, portando a miglioramenti nei driver video e nella grafica, nonché al supporto delle periferiche in Linux.

Google Chrome di Chrome OS è lo stesso di Linux tradizionale, significa maggiore attenzione e supporto per la qualità del browser sul sistema Linux. Lo spostamento dell’attenzione su Wayland non solo potrebbe apportare miglioramenti al protocollo per tutti i sistemi, ma renderà anche Chrome OS più attraente. Forse con una modifica del genere, OBS Studio stesso potrebbe funzionare, i giochi Steam potrebbero funzionare meglio su Chrome OS e così via.

È naturale pensare che una simile virtualizzazione dell’ambiente genererebbe una perdita di prestazioni, è vero?

Come si comporta Chrome OS Flex?

Quando è stata rilasciata Debian 12, l’abbiamo testata utilizzando lo stesso laptop su cui installiamo ora Chrome OS FlexChrome OS Flex utilizza Debian 11 con Backport nel suo “container Linux“, sebbene non sia la stessa cosa, è un’approssimazione interessante, ricordando che Debian 12 è stata testata con GNOME come interfaccia.

Nel test di rendering delle scene con Blender, non c’è praticamente alcuna perdita nell’usare Chrome OS Flex in questo modo, in una delle scene era addirittura meglio di Debian 12 installato sulla stessa macchina, ma leggermente indietro nelle altre 2.

Blender 3.xClassroomMonsterJunkshop
Debian1218.5741,7525.87
Chrome OS Flex 11518.0443.3924.39

Non è stato possibile effettuare il Test con Unigine Superposition, così come OBS, questo era un altro software che si lamentava di essere eseguito in un container.

Ma Geekbenck ha funzionato senza problemi, sia in modalità single core che multicore, Chrome OS è rimasto indietro rispetto a Debian 12, ma date le circostanze, i risultati sono stati buoni.

GeekbenchSingle coreMulti core
Debian1215695320
Chrome OS Flex 11514585165

Ironicamente, Firefox su Chrome OS Flex ha ottenuto molti più punti prestazionali nei test Web Basemark rispetto a Firefox su Debian, Chrome nativo del sistema ha ottenuto 1062 punti in confronto.

FirefoxWeb Basemark
Debian12789.06
Chrome OS Flex 115957.41

L’installazione di Steam e il funzionamento dei giochi sono cose diverse. Tra i giochi che testiamo di solito, non abbiamo avuto successo con nessuno, alcuni si sono anche aperti, ma si sono chiusi in sequenza, l’unico gioco che ha funzionato tra quelli che abbiamo testato è stato il classico Penumbra, di Frictional Games.

Ma Google comprende l’importanza dei giochi, di Steam e anche il ruolo di Linux e Proton in questo mercato, soprattutto dopo il lancio di SteamDeck. Steam per Chrome OS è attualmente in versione Beta e funziona in modo leggermente diverso.

A seconda delle attività che si svolgono sul computer, Chrome OS Flex, senza Google Play, può funzionare in molti casi, ancor più con il supporto di applicazioni Linux e repository di software come Flathub.

Forse l’unico problema è che per poter utilizzare Flathub, o per sfruttare appieno i “container Linux” di Chrome OS, è necessario essere un utente con un po’ più di abilità. Se Chrome OS accettasse Flatpaks per impostazione predefinita sarebbe fantastico ma sfortunatamente non è così e devi giocherellare con le impostazioni e utilizzare la riga di comando per far funzionare le cose.

Se per te questo non è un problema, bene, Chrome OS risulta non essere poi così diverso da una distribuzione GNU/Linux tradizionale, e con il progetto Lacros forse la distanza tra le 2 cose diminuirà ancora di più.

Fonte: https://diolinux.com.br/video/chrome-os-flex-virou-uma-distro-linux.html

Visited 21 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 23 Settembre 2023

    […] Oggi utilizzo ancora il Pixel Chromebook vintage di Google del 2013: sì, esisteva un Pixel Chromebook molto prima che esistesse un telefono Pixel. Ovviamente non è più supportato da molto tempo, ma gli ho dato nuova vita con ChromeOS Flex. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.