Nuovi device e vecchi PC: nessun problema con RaspberryPi e Linux

duke3d

Che sia per il puro gusto del vintage, del desiderio di usare un software sull’hardware per cui era stato pensato originariamente o se ci si trova in una di quelle decine di situazioni in cui è ancora in uso computer degli anni 90 (o precedenti), si potrebbe incappare in un grosso problema: le periferiche.

Già perchè se sicuramente il mercato dell’usato c’è ed è vivido, come risolviamo in breve tempo il problema della tastiera PS/2 (e no, non stiamo parlando della console) inutilizzabile a causa del tè versato dalla lontana zia che usa ancora con soddisfazione il suo Packard Bell 486SX2-50, quando oramai da anni non abbiamo che dispositivi USB o bluetooth?

Ma il problema è stato risolto da dekuNukem che, recentemente, ha anche lanciato una campagna kickstarter per USB4VC, ovvero un adattatore che permette di collegare periferiche di ultima generazione, come tastiere, mouse e controller di gioco a computer di una certa età.

Oltre alla modularità del dispositivo, che permette di sostituire solo le “Protocol Card“, ovvero le interfacce verso i computer (attualmente sono supportati gli IBM PC -e compatibili- ed i dispositivi ADB -Apple Desktop Bus-), la cosa molto interessante è vedere cos’è la baseboard (ovvero la parte del dispositivo che rimane fissa) ed il software che gestisce la conversione. Si tratta infatti nientemeno che un RaspberryPi B 1/2/3/4 farcito di tanto tanto open-source ed, ovviamente, Linux.

Già perchè tutti i dettagli del progetto, della “pinnatura” della board e quant’altro sono disponibili in un repository GitHub su cui è possibile guardare i dettagli e, perchè no, dare una mano al progetto.

Certo, la baseboard del Kickstarter è sicuramente più completa, mettendo a disposizione anche uno schermo OLED, connettività bluetooth (anche qualora il Raspberry utilizzato non lo abbia integrato) ed un’interfaccia per gestire update del sistema e del firmware delle protocol board direttamente via USB, oltre all’alimentazione diretta tramite USB-C, ma nulla vieta di tentare di replicare in maniera casalinga il dispositivo.

Il progetto è interessante, se non per altro per la sua apertura, ed in effetti anche il finanziare la campagna Kickstarter potrebbe essere un buon modo per far sapere allo sviluppatore che il progetto è apprezzato. E poi, volete mettere giocare a Duke Nukem su un 486 con un prodotto di dekuNukem?

Utente Linux/Unix da più di 20 anni, cerco sempre di condividere il mio know-how; occasionalmente, litigo con lo sviluppatore di Postfix e risolvo piccoli bug in GNOME. Adoro tutto ciò che può essere automatizzato e reso dinamico, l’HA e l’universo container. Autore dal 2011, provo a condividere quei piccoli tips&tricks che migliorano il lavoro e la giornata.

Fonte: https://www.miamammausalinux.org/2022/02/nuovi-device-e-vecchi-pc-nessun-problema-con-raspberrypi-e-linux/

Visited 1 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.