Sistema operativo Collapse OS: Non rimanere senza computer quando arriva l’apocalisse

El sistema operativo Collapse OS corre sobre componentes reciclados

Il sistema operativo Collapse OS è progettato per una crisi spaventosa. Non la crisi che altri temono per mancanza di acqua o guerra nucleare. La crisi a cui mi riferisco è quella che più preoccupa quelli di noi che amano la tecnologia. Che per mancanza di componenti rimaniamo senza computer.

Qual è lo scopo del sistema operativo Collapse OS?

Collapse OS nasce dalla convinzione del suo autore che un orribile futuro ci aspetta. Nelle sue parole:

Spero che la nostra catena di approvvigionamento globale crollerà prima del 2030. Con questo collasso, non saremo in grado di produrre la maggior parte dei nostri dispositivi elettronici perché dipende da una catena di approvvigionamento molto complessa che non saremo in grado di raggiungere di nuovo per decenni (mai?).

Il rapido ritmo del progresso che abbiamo visto dall’avvento dell’elettronica si è verificato in condizioni molto specifiche che non si verificheranno dopo il crollo, quindi non possiamo aspettarci di essere in grado di lanciare una nuova tecnologia elettronica velocemente come abbiamo fatto senza un Buon “kit di base” per aiutarci a farlo.

Immagina anche cosa accadrà quando verrà tagliata la catena di forniture

L’elettronica produce un enorme potere, un potere che darà vantaggi significativi alle comunità che continueranno a dominarla. Questo segnerà l’inizio di una nuova era nel riciclaggio dell’elettronica: i pezzi non possono più essere fabbricati, ma abbiamo miliardi di pezzi là fuori. Coloro che riescono a creare nuovi prodotti da quei pezzi con strumenti a bassa tecnologia saranno molto potenti.

Tra queste parti recuperate ci sono i microcontrollori, che sono particolarmente potenti ma hanno bisogno di strumenti complessi (spesso computer) per programmarli. I computer, dopo un paio di decenni, si guasteranno irreparabilmente e non potremo più programmare i microcontrollori.

Oh! E ora chi può difendermi?

In questo caso non sarà Chapulín Colorado, ma Virgil Dupras ovvero l’autore di Collapse OS che ci propone la soluzione. La soluzione che Virgil immagina è la seguente:

Per evitare questa destinazione, è necessario disporre di un sistema che può essere progettato da parti recuperate e programmare microcontrollori. Abbiamo anche bisogno della generazione di ingegneri che ci seguono per poter creare nuovi progetti invece di ereditare un’eredità di macchine che non possono essere ricreate e difficilmente possono essere mantenute.

È qui che entra in gioco il sistema operativo Collapse OS.

Questo sistema operativo open source è destinato all’uso nei processori a 8 bit. Dupras spiega perché li preferisce agli ARM più potenti e recenti a 32 bit.

Perché arrivare fino alle macchine a 8 bit? Esistono alcuni chip ARM a 32 bit compatibili con le protoboard.

Innanzitutto perché penso che ci siano più chip a 8 bit adatti al riciclaggio rispetto ai chip a 16 o 32 bit.

Secondo, perché quei chip saranno più facili da replicare in fabbrica dopo il crollo. Lo Z80 ha 9000 transistor. 9000! Rispetto ai milioni che abbiamo in qualsiasi CPU moderna, non è niente! Se i primi chip che saremo in grado di creare dopo il crollo hanno un basso numero di transistor, potremmo anche progettare un sistema che funzioni bene su chip più semplici.

Obiettivi del progetto

Gli obiettivi del progetto Collapse OS sono i seguenti:

Collapse OS consisterà in un kernel compatibile con i processori z80 e una raccolta di programmi, strumenti e documentazione che ti permetteranno di assemblare un sistema operativo che, una volta completato, sarà in grado di fare quanto segue.

  • Funzionare su macchine minimali e improvvisate.
  • Interagire attraverso supporti improvvisati (seriale, tastiera, display).
  • Modificare file di testo.
  • Compilare i file sorgente in assembler per una vasta gamma di MCU e CPU.
  • Leggere e scrivere su e da una vasta gamma di dispositivi di archiviazione.
  • Replicare se stesso.

In breve, l’obiettivo di questo progetto è di essere il più autonomo possibile. Con una copia di questo progetto, una persona capace e creativa dovrebbe essere in grado di costruire e installare il sistema operativo Collapse OS senza risorse esterne (ovvero Internet) su una macchina di loro progettazione, costruita da parti recuperate con strumenti a bassa tecnologia.

Non ho idea se si verificherà la crisi, ma come dice lo stesso Virgilio

… questa idea sembra troppo potente per non metterla in pratica. E anche se è inutile, è molto divertente da provare.

Se vuoi partecipare al progetto puoi farlo su GitHub. Puoi anche trovare maggiori informazioni qui.

Fonte: http://feedproxy.google.com/~r/LinuxAdictos/~3/1efsBgcVB9c/sistema-operativo-collapse-os-no-te-quedes-sin-computadora-cuando-llegue-el-apocalipsis.html

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.