Fino al 20% del codice opensource ha dipendenze abbandonate

Tidelift logo on dark

Tutti noi amiamo il codice open source, e il motivo principale lo abbiamo ripetuto spesso: la libertà di usare il codice fatto da qualcun altro per creare la propria applicazione, che sia la modifica dell’applicazione stessa o l’uso di una libreria.

Spesso, molto spesso, si tratta del secondo caso: le applicazioni usano librerie open source per poter offrire o sfruttare una funzionalità. Direi che il caso più sotto gli occhi di tutti sia openSSL: praticamente tutti usano questo codice per le comunicazioni sicure HTTPS.

Tidelift, società dedicata che al supporto degli sviluppatori open source (vendendo servizi appositi), ha fatto una indagine interna tra i repository che gestisce, alla ricerca di software abbandonato. Il risultato (ed il metodo usato) è pubblicato in un articolo che si apre con un’affermazione notevole:

After taking an early look at the data we’re getting back, it appears that about 10-20% of commonly-in-use OSS packages aren’t actively maintained.

Dopo aver preso una prima visione dei dati che stiamo raccogliendo, sembra che circa il 10-20% dei pacchetti OSS [OpenSource Software] di uso comune non sono attivamente manutenuti.

La motivazione data da alcuni sviluppatori per tanto software abbandonato è semplice: si crea un programma per risolvere un problema, e quando è risolto non serve più sviluppo.
Ma questa certezza è falsa per qualsiasi software: il linguaggio evolve, e il software dovrebbe evolvere con esso. Inoltre, un software potenzialmente contiene sempre degli errori (bug) da dover sistemare.

L’intento dell’articolo è chiaramente commerciale: mostrare che c’è un problema, per il quale offrire una soluzione, dietro un piccolo compenso. Ma il dato rimane.

La vera causa di questi numeri è probabilmente di natura economica: mantenere il software è un impegno, che chiede tempo e dedizione. In altre parole: un lavoro.
Gli sviluppatori open source spesso sono volontari, e prima o poi diventa impossibile regalare il proprio tempo, anche per i più motivati. Avete detto Debian?

Fonte: https://www.miamammausalinux.org/2019/04/fino-al-20-del-codice-opensource-ha-dipendenze-abbandonate/

Visited 1 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.