Installa una vera Debian sul Raspberry Pi 3+

Se avete mai usato un dispositivo Raspberry Pi, probabilmente già sapete che raccomandano una distribuzione GNU/Linux chiamata Raspbian.

Raspbian è una distro pesantemente personalizzata di Debian da eseguire su processori ARM a bassa potenza. Non è male. In effetti, è un sistema operativo eccellente per i dispositivi Raspberry Pi, ma non è la vera Debian.

I puristi di Debian come me preferirebbero eseguire l’attuale Debian invece della versione personalizzata di Debian per Raspberry Pi. Ho fiducia in Debian più di ogni altra distribuzione perchè fornisce una grande quantità di pacchetti software correttamente controllati. Inoltre, un progetto come questo potrebbe aiutare anche altri dispositivi ARM.

Soprattutto, eseguire Debian ufficiale su Raspberry Pi è una specie di sfida e mi piacciono queste sfide.

Real Debian on Raspberry Pi

Non sono l’unico a pensarla così. Ci sono molti altri utenti Debian che condividono la stessa sensazione ed è per questo che esiste un progetto in corso per creare un’immagine Debian per Raspberry Pi.

Circa due mesi e mezzo indietro, un Debian Developer (DD) di nome Gunnar Wolf ha preso il comando sul progetto di generazione di immagini Raspberry Pi non ufficiale.

Ti mostrerò rapidamente come installare questa immagine di anteprima di Raspberry Pi Debian Buster sui tuoi dispositivi Raspberry Pi 3 (o successivi).

Debian su Raspberry Pi [Per Esperti]

Tieni presente che questa immagine di Debian è molto grezza e al momento non è supportata. Anche se è molto nuova, credo che gli utenti esperti di Raspberry Pi e Debian dovrebbero essere in grado di usarla.

Ora, per quanto riguarda Debian, ecco l’immagine Debian e le istruzioni da usare per inserire l’immagine preparata di Debian sul modello B+ di Raspberry Pi 3.

Passo 1: Scaricare l’immagine di Debian Buster per Raspberry Pi

È possibile scaricare l’anteprima dell’immagine utilizzando il comando wget:

wget https://people.debian.org/~gwolf/raspberrypi3/20190206/20190206-raspberry-pi-3-buster-PREVIEW.img.xz

Passaggio 2: Verificare il checksum (opzionale)

È facoltativo ma è necessario verificare il checksum. Puoi farlo scaricando l’hash SHA256 e confrontandolo con quello dell’immagine Raspberry Pi Debian scaricata.

Alla mia fine avevo spostato entrambi i file .sha256 come img.xz in una directory per facilitare il controllo anche se non è necessario.

wget https://people.debian.org/~gwolf/raspberrypi3/20190206/20190206-raspberry-pi-3-buster-PREVIEW.img.xz.sha256 

sha256sum -c 20190206-raspberry-pi-3-buster-PREVIEW.img.xz.sha256

Passo 3: Scrivere l’immagine sulla scheda SD

Dopo aver verificato l’immagine, dai un’occhiata. Si tratta di circa 400 MB nel formato xzip compresso. Puoi estrarlo per ottenere un’immagine della dimensione di circa 1,5 GB.

Inserisci la tua scheda SD. Prima di continuare con il prossimo comando, cambia sdX con il nome corretto che corrisponda alla tua scheda SD.

Il comando estrae sostanzialmente l’archivio img.xz sulla scheda SD. Lo switch /flag di avanzamento consente di visualizzare una linea di progresso con un numero per sapere quanto l’archivio è stato estratto.

xzcat 20190206-raspberry-pi-3-buster-PREVIEW.img.xz | dd of=/dev/sdX bs=64k oflag=dsync status=progress$ xzcat 20190206-raspberry-pi-3-buster-PREVIEW.img.xz | dd of=/dev/sdX bs=64k oflag=dsync status=progress

Dopo aver flashato la scheda SD, si dovrebbe essere in grado di testare se l’installazione è andata a buon fine collegandosi via ssh al vostro Raspberry Pi. La password di root di default è: raspberry.

ssh root@rpi3

Se sei curioso di sapere come è stata costruita l’immagine Raspberry Pi, puoi guardare gli script di compilazione.

Puoi trovare maggiori informazioni sulla homepage del progetto.

 

Come contribuire allo sviluppo di Raspberry Pi Buster

C’è una mailing list chiamata debian-arm in cui le persone potrebbero contribuire con i loro sforzi e porre domande. Come puoi vedere nella lista, c’è già un nuovo firmware che è stato rilasciato pochi giorni fa, il che potrebbe rendere il boot una realtà invece della soluzione alternativa condivisa sopra.

Se vuoi puoi creare una nuova immagine usando le specifiche dell’immagine raspi3 sopra o aspettare che Gunnar crei una nuova immagine che potrebbe richiedere del tempo.

La maggior parte dei manutentori si incontrano anche su vmdb2 presso OFTC. È possibile utilizzare il client IRC o il client Riot, registrare il proprio nome su Nickserv e connettersi con Gunnar Wolf, Roman Perier o/e Lars Wirzenius, autore di vmdb2.

La Strada Da Percorrere

Se ci sono abbastanza interessi e contributori, ad esempio, il frutto più piccolo potrebbe essere quello di assicurarsi che le pagine wiki del port ARM64 siano le più aggiornate possibili. I benefici sono e possono essere enormi.

Ci sono un numero enorme di progetti che potrebbero trarre vantaggio dall’avere una Pi farm per realizzare il tuo server multimediale o un telefono SiP o qualsiasi altra cosa tu voglia giocare/lavorare con.

Un’altra cosa a basso impatto potrebbe essere la sincronizzazione tra i dispositivi, ad esempio un cluster ARM che condivide i report su un desktop Debian tramite notifica o su cellulare o in entrambi i modi.

Ho condiviso questa realtà su Raspberry Pi, ma ci sono già molti computer single-board sul mercato e molto altro in arrivo, sia da MIPS che da OpenRISC-V, quindi ci sarà molta concorrenza nei giorni a venire.

Si dice che anche MIPS sia più aperto e che possa sfidare ARM sempre se MIPS e OpenRISC-V saranno in grado di ottenere la giusta logistica e prezzi migliori, ma questa è un’altra storia.

Ci sono molti altri venditori, sto solo condividendo quelli che sono più interessati a mio vedere per quello che hanno creato.

Spero che quanto scritto sopra possa chiarire perché ha senso avere Debian sul Raspberry Pi.

Com’è quello che hai letto? Si prega di condividerlo con gli altri.

Fonte: https://itsfoss.com/debian-raspberry-pi/

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne.
Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie!

 


Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.


Cosa ne pensi della nuova versione?
Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.

Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.


Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.