IBM a gamba tesa: acquisita Red Hat per $34 miliardi

By Matteo Gatti

ibm red hat

IBM ha annunciato l’acquisizione di Red Hat per $34 miliardi. Con questa mossa l’azienda statunitense diventa di fatto l’azienda leader a livello mondiale per quanto concerne il cloud computing ibrido, un settore che attualmente ha un valore stimato di 1000 miliardi di dollari. Stando ai comunicati ufficiali, li trovate in fondo a questo articolo, IBM acquisirà tutte le azioni Red Hat per 190 dollari (USD) l’una, molto più del valore di mercato (pari a circa 116$ l’una).

Va detto che Red Hat e IBM avevano già una forte partnership da molti anni incentrata sullo sviluppo di Linux a livello enterprise sul portare ai clienti soluzioni aziendali Kubernetes e hybrid cloud.

IBM, primo fornitore di cloud a livello mondiale

Red Hat è un’azienda leader per quanto concerne il software open source, i servizi enterprise e il cloud computing. Nel 2012 Red Hat è stata la prima azienda della storia che pur fornendo software open source ha superato quota 1 miliardo di ricavi (dato in USD). Red Hat sarà una componente (e che componente!) della divisione Hybrid Cloud di IBM.

Ginni Rometty, Presidente e CEO di IBM, ha definito questa mossa un “game changer”, sottolineando come cambi del tutto il mercato cloud:

IBM diventerà il primo provider assoluto sul mercato dell’hybrid cloud

L’unione delle tecnologie IBM e Red Hat fa nascere una super azienda con tantissime tecnologia interessanti: dall’uso di Linux ai container passando per Kubernetes, arrivando alle avanzate soluzioni cloud. Nel comunicato ufficiale IBM ha dichiarato che l’acquisizione espanderà enormemente la propria offerta per quanto riguarda il cloud. I loro clienti potranno più facilmente spostare le proprie operazioni online.

Stando a Reuters questo è il più grande deal della storia di IBM che recentemente non ha ottenuto i risultati operativi attesi.

Questi i comunicati delle due aziende:

40,67€
76,99
in stock
145 new
from 38,72€

Amazon.it
Free shipping


Last updated on 28 ottobre 2018 22:10

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo IBM a gamba tesa: acquisita Red Hat per $34 miliardi sembra essere il primo su Lffl.org.

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 7 Agosto 2019

    […] Dopo la tanto discussa acquisizione, recentemente confermata e conclusa, molti (noi per primi) stanno cercando di capire in che modo questa porterà benefici -o per lo meno cambiamenti- nell’una o l’altra azienda. Red Hat rimarrà una costola totalmente indipendente? I prodotti da lei offerti verranno inglobati da Big Blue? […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.