Addio a Google Chrome a 32 bit per Linux

By Jessica Lambiase

google-chrome-icon

Le distribuzioni Linux a 64 bit, tramite un particolare gioco di librerie e dipendenze, permettono sin dai primi rilasci di eseguire nativamente applicazioni a 32 bit sul sistema operativo, cosa che in molti hanno apprezzato – vista l’assenza, per la maggiore, di build a 64 bit dei programmi più utilizzati.

Col passare del tempo questa situazione è andata scemando, con sempre più software house che – visto l’hardware odierno e vista la sempre minor diffusione dei sistemi operativi a 32 bit – tendono a rilasciare build dei propri programmi Linux esclusivamente per architetture a 64 bit, risparmiando un bel po’ in termini di tempo e risorse. Insomma, la situazione si è capovolta.

Anche questa volta un forte indicatore arriva da Google: l’azienda di Mountain View ha infatti recentemente dichiarato tramite il gruppo di sviluppo Chromium che presto il supporto per Google Chrome a 32 bit per Linux sarà interrotto, insieme con il supporto per il browser su distribuzioni fuori supporto. La data, come recita l’annuncio, è Marzo 2016:

Per offrire la migliore esperienza a vantaggio delle versioni di Linux più usate, interromperemo il supporto per Google Chrome su Linux a 32 bit, su Ubuntu Precise (12.04) e su Debian 7 (Wheezy) all’inizio di Marzo 2016. Chrome continuerà a funzionare su tali piattaforme, ma non riceverà più aggiornamenti né fix di sicurezza.

In poche parole, se vorrete utilizzare Chrome a 32 bit e/o su una distribuzione non più supportata sarà tutto a vostro rischio e pericolo; Google informa tuttavia che la controparte open source del browser, Chromium, continuerà ad essere disponibile su Linux a 32 bit.

Abbiamo intenzione di continuare a supportare le configurazioni di compilazione a 32 bit su Linux per compilare Chromium.

Dunque se avete un sistema operativo Linux a 32 bit avete tre possibili scelte: la prima è quella di continuare ad utilizzare Chrome dopo Marzo 2016 – cosa che sconsigliamo caldamente, visto l’enorme rischio di sicurezza a cui si sarebbe poi esposti.

La seconda è quella di utilizzare il browser Chromium, altrettanto valido e del tutto simile a Chrome ma privo delle parti closed source aggiunte da Google, la terza è invece quella di migrare verso un browser alternativo che supporti le piattaforme a 32 bit – come ad esempio Mozilla Firefox o Opera.

L’articolo Addio a Google Chrome a 32 bit per Linux appare per la prima volta su Chimera Revo – News, guide e recensioni sul Mondo della tecnologia.

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.