Epic Games continua a non essere redditizia, la sua idea di dare il 100% agli sviluppatori non ha funzionato 

Epic Games

Epic Games Store è un negozio di videogiochi digitale creato da Epic Games e qualche settimana fa aveva annunciato Epic First Run, il programma che promette un reddito del 100% per 6 mesi agli sviluppatori, a patto di non lanciare il loro gioco in altri negozi, allo scopo di attirarne il maggior numero.

Fortunatamente, e su richiesta di molti, questo programma non è stato seguito perché se fosse stato ampiamente accettato dagli sviluppatori, il negozio di Epic Games sarebbe praticamente diventato un monopolio, dal momento che altri negozi di giochi difficilmente avrebbero potuto competere, inoltre non ci sarebbe modo di trovare giochi in offerta esclusiva o a prezzi più bassi (cosa che di solito accade quando un gioco è disponibile su varie piattaforme e negozi di giochi).

Per coloro che ancora non conoscono Epic Games Store, posso dirti velocemente che si tratta di una piattaforma di distribuzione di videogiochi online e il suo obiettivo era quello di competere con Steam. Tuttavia, 5 anni dopo il suo lancio, l’Epic Games Store deve ancora raggiungere la redditività, secondo i documenti giudiziari rivelati durante il processo tra Epic Games e Google. Vale la pena ricordare che la causa di Epic contro Google non sarà una ripetizione esatta della causa intentata contro Apple.

La rivelazione che l’Epic Games Store deve ancora raggiungere la redditività è arrivata durante una battaglia legale in corso tra Epic e Google sugli sforzi della prima per evitare di dare a Google il 30% del denaro reale speso per gli acquisti in-app nella versione mobile di Fortnite, secondo quanto riportato da Google.

La decisione di Epic di incentivare i giocatori ad acquistare valuta di gioco (V-Bucks) direttamente da loro offrendo uno sconto del 20% ha portato Google a rimuovere Fortnite dal suo negozio Android nel 2020, dando vita ad una causa per accuse antitrust (a cui Google ha risposto con una causa per presunta inadempienza contrattuale).

È stato durante quest’ultimo episodio della loro battaglia legale che il capo di Epic Games Store, Steve Allison, lo ha rivelato:

Epic non ha ancora realizzato un centesimo di profitto dal suo lancio nel dicembre 2018.

Allison ha affermato che Epic ha ancora intenzione di crescere ma da allora, Epic ha continuato a investire milioni in giochi gratuiti settimanali e ad aggiudicarsi esclusive per PC, offrendo agli utenti un rimborso sui giochi acquistati tramite il programma Epic Rewards.

Del resto disse all’epoca il CEO Tim Sweeney, fondatore di Epic Games:

Da qualche tempo spendiamo molti più soldi di quelli che guadagniamo!

Sembra che questo sia vero anche per l’Epic Games Store, e potrebbe rimanere così per un po’, anche se Epic spera che alla fine ottenga un profitto.

E sebbene Epic Games affermi che questi investimenti sono necessari per costruire una base di utenti fedele e diversificata che generi entrate a lungo termine e affermi che spera di raggiungere la redditività attraverso la crescita del suo catalogo di giochi, il miglioramento della sua esperienza utente e l’espansione del suo ecosistema di servizi, come Unreal Engine, la piattaforma di creazione di contenuti Core o il social network Houseparty.

La realtà è che Epic Games ha ammesso che i suoi grandiosi piani di spendere centinaia di milioni di dollari in giochi gratuiti per consentire ai suoi utenti di far crescere il proprio negozio a un ritmo artificialmente veloce non sono andati a buon fine e non l’hanno ancora reso redditizio.

Tuttavia, alcuni analisti sono scettici sulla capacità di Epic Games Store di competere con Steam così com’è, evidenziando le abitudini dei giocatori ma anche le funzionalità offerte da Steam.

L’Epic Games Store deve affrontare una grande sfida per trovare un posto nel mercato dei videogiochi online, poiché la società dovrà continuare a investire in modo massiccio per attirare sviluppatori e giocatori, migliorando al tempo stesso la propria offerta di servizi e la qualità tecnica.

Se infine siete interessati a saperne di più , potete consultare i dettagli nel seguente link.

Fonte: https://www.linuxadictos.com/epic-games-sigue-sin-ser-rentable-su-idea-de-dar-el-100-a-desarrolladores-no-ha-funcionado.html

Visited 1 times, 1 visit(s) today
Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a pubblicare più contenuti come questo. Grazie!

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo noi!

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram.
Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.
Amazon Music
Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.