Ubuntu Touch, le app e i rimborsi “facili”

By Redazione TPN

Ubuntu-Touch

Se acquisti un’app dal Click Store di Ubuntu Touch ma non ti soddisfa, hai 15 minuti di tempo per ottenere un rimborso automatico. Ecco tutti i dettagli. Con cadenza settimanale, nuove funzionalità approdano in Ubuntu Touch, la distro mobile firmata Canonical che sembra aver già catturato l’interesse di migliaia di utenti. Questa volta è il …

Il BQ Aquaris E4.5 Ubuntu Edition arriva online sul Media World tedesco

By Marco Giannini

I primi device equipaggiati con Ubuntu Phone OS iniziano a sbarcare negli store online della grande distribuzione.
Ebbene si, Media Markt (la versione tedesca del nostrano Media World) ha annunciato che a breve verrà venduto tramite il

Media Markt lo venderà al prezzo di € 179, dieci euro in più rispetto al prezzo di vendita tramite lo store di bq.
Ora c’è da capire se tale offerta verrà replicate anche nel nostro paese (magari con il più recente Aquaris E5 HD Ubuntu Edition annunciato agli inizi di Giugno).

Via Popescu Sorin su Google+

Come diffondere musica su rete LAN

By Giuseppe F. Testa

musica su rete LAN

Molti di noi ascoltiamo spesso la musica su PC in camera , nonostante in soggiorno abbiamo un impianto 5.1 o un amplificatore HiFi moderno non sfruttato; scenario molto simile se abbiamo una console da gioco: sia i sistemi Xbox che PlayStation permettono di ascoltare musica mentre giochiamo, musica che però è accessibile solo su PC.

Vi mostreremo oggi un programma per Windows che consente di trasmettere i suoni emessi dal PC su protocolli sfruttabili via LAN, basta che i dispositivi siano connessi sulla stessa rete (wired o wireless che sia).

NOTA BENE: l’app richiede la presenza del .NET Framework 4 installato su PC con versioni inferiori a Windows 8 (dove è già integrato).

Stream What You Hear: trasmettiamo la musica su rete LAN

L’applicazione Stream What You Hear permette di trasmettere la musica su rete LAN sfruttando UPnP/DLNA, protocollo che garantisce ottimo supporto a televisori, stereo moderni, console e decoder. Basta avviarlo e automaticamente si porrà nella barra di sistema, pronto a trasmettere musica (e in generale qualsiasi suono emesso dal PC) verso una destinazione o su tutta la rete.

L’applicazione è in grado di riconoscere praticamente qualsiasi periferica o dispositivo con supporto DLNA e funziona bene anche con applicazioni come Spotify e altri servizi simili.

Se invece di un dispositivo DLNA vogliamo trasmettere la musica su un PC, un tablet o uno smartphone l’app offre anche l’HTTP live streaming, di fatto un indirizzo IP a cui collegarci per ascoltare cosa viene trasmesso dal PC primario. Basterà copiare l’URL dello streaming in un’app compatibile, tipo VLC Media Player, per sintonizzarsi sul flusso audio,

Stream What You Hear 2

Il software supporta un’altra feature molto interessante: possiamo registrare l’audio in riproduzione su un PC selezionando Strumenti -> Record.

Le impostazioni del programma consentono ad esempio per passare lo stream da MP3 a PCM/L16 (molto utile per il 5.1), di modificare il formato di acquisizione e il bitrate o cambiare la porta di default.

Stream What You Hear 3

In conclusione un programma utile se si vuole diffondere musica per tutta la casa senza installare troppi programmi e con una compatibilità molto elevata.

DOWNLOAD | Stream What You Hear

L’articolo Come diffondere musica su rete LAN appare per la prima volta su Chimera Revo – News, guide e recensioni sul Mondo della tecnologia.

Ubuntu MATE Welcome: ecco la schermata di benvenuto che troveremo su Ubuntu MATE 15.10

By Marco Giannini

Il Maggio scorso vi avevamo parlato delle novità che gli sviluppatori di Ubuntu MATE stanno preparando per Ubuntu MATE 15.10, la prossima versione semestrale della variante comunitaria con MATE di Ubuntu.
Fra le novità illustrate da Martin Wimpress vi era l’idea di aggiungere una schermata di benvenuto stile Manjaro.
Bene, i lavori di sviluppo di questa schermata di benvenuto sono a buon punto tanto che Martin ha pubblicato sul blog della distro una preview delle varie schermate.
Come potete vedere gli utenti troveranno varie informazioni:

  • Una introduzione alla distro dove viene spiegato Ubuntu MATE e quali sono gli obiettivi della distro
  • Quali sono le applicazioni di base
  • Una selezioni di consigli sul post installazione (ad esempio per l’installazione dei driver, completare il supporto lingue o installare altro software)
  • Informazioni su come raggiungere la community di Ubuntu MATE (forum e canali social su Facebook, Google+ e Twitter)
  • Un link diretto al canale irc #ubuntu-mate
  • Un piccolo “software center” con una serie di applicazioni consigliate che si integrano al meglio con Ubuntu MATE
  • Come contribuire
  • E infine un link allo shop ufficiale dove è possibile comprare dei gadget e contribuire finanziariamente al progetto

Come evitare di essere tracciati da Facebook e altri

By Jessica Lambiase

Selezione_005

Qualche tempo fa vi abbiamo parlato di alcuni metodi per rendere più sicura la propria navigazione impedendo la tracciatura da parte dei servizi Google. Già all’epoca, tuttavia, vi avevamo accennato che non è soltanto Google a tracciare i propri utenti ma un po’ tutte le aziende che offrono pubblicità, grazie ai cookie presenti nel browser, sono in grado di offrire annunci contestualizzati in base alla propria esperienza di navigazione.

Prendiamo l’esempio di Facebook: la piattaforma annunci del social network di Mark Zuckerberg è in grado di modificare gli annunci visualizzati in base ai “likes” espressi dagli utenti su questo o quel sito web grazie ai pulsanti di Facebook. In parole povere, vista la diffusione dei tasti sociali (sono presenti ovunque), la piattaforma pubblicitaria di Facebook è potenzialmente in grado di conoscere le abitudini e gli interessi di un utente e di offrire a questi annunci pubblicitari contestualizzati.

Se proprio non ve la sentite di disattivare i cookie, poiché ciò comporterebbe anche alcune limitazioni nella navigazione, potrete affidarvi ad un pratico servizio online offerto dalla DAA (Digital Advertising Alliance) che permette, in pochi secondi, di disattivare il monitoraggio della navigazione da parte delle più note agenzie di advertising digitale, tra cui Facebook e svariati partner di AdSense.

Come fare? Semplicissimo: recatevi su questa pagina e spostatevi su “All participating Companies” per visualizzare tutte le agenzie pubblicitarie per cui è possibile disattivare la tracciatura; a questo punto fate click su “Select All Shown” e poi sul tasto “Submit Your Choices”.

Dopo pochi secondi un messaggio vi notificherà la riuscita dell’operazione: da questo momento in poi, grazie a dei particolari cookie, non sarete più tracciati dalle agenzie pubblicitarie.

Bisogna tuttavia specificare alcune cose:

  • questo metodo blocca il tracking e non l’intera piattaforma, per cui i banner pubblicitari continueranno ad apparire;
  • non è possibile garantire la presenza di tutte le aziende pubblicitarie operanti su Internet;
  • l’intero meccanismo è basato sui cookie: se si eliminano i cookie dal browser, bisognerà ripetere l’operazione. Inoltre l’operazione va ripetuta per ogni browser che si utilizza.

Sfortunatamente il metodo opt-out non funziona per i browser mobile, tuttavia potrete ottenere un risultato abbastanza simile intervenendo sulle impostazioni del sistema operativo: se avete iOS, recatevi in Impostazioni > Privacy > Promozione e mettete su “On” l’interruttore “Limita Ad Tracking”. Se avete Android, invece, recatevi in Impostazioni > Google > Annunci e mettete un segno di spunta su Disattiva annunci basati sugli interessi. Con Windows Phone 8.1 invece il percorso da seguire è Impostazioni > ID Annunci e spostare lo slide in corrispondenza di “ID Annunci” su No.

E’ tutto!

L’articolo Come evitare di essere tracciati da Facebook e altri appare per la prima volta su Chimera Revo – News, guide e recensioni sul Mondo della tecnologia.