Gli irriducibili della consulenza gratuita

By Simone Aliprandi

Sulla mia pagina Facebook, attraverso la funzione di messaggeria/chat, mi scrive una persona che senza nemmeno presentarsi e chiedere “posso sottoporle una questione?”, parte con un bel po’ di messaggi in cui lamenta di aver subito una violazione di diritti d’autore.
Appena leggo, rispondo subito secondo un cliché standard che ho “collaudato” più volte in situazioni come questa: chiedo cortesemente di contattarmi attraverso il form contatti del mio sito leggendo l’informativa ivi presente e fornendomi i dati per l’eventuale preventivo. Il mio form contatti è strutturato in modo tale da scoraggiare richieste di consulenza gratuita e in generale gli approfittatori e i perditempo (di cui internet è piena).
La persona dice “ok, grazie” e dopo pochi minuti mi scrive dal form contatti un messaggio che è il banale copiaincolla di quanto ha già scritto via Facebook e ovviamente facendo notare di non aver minimamente prestato attenzione a ciò che spiego sul sito in modo molto chiaro e trasparente.
E infatti nel campo “oggetto del messaggio” scrive espressamente “consulenza (gratuita possibilmente)”, tra l’altro indicando il livello di urgenza come “alta”. Ecco lo screenshot del messaggio che il form fa arrivare sulla mia casella email.
Io, sempre con tono educato e paziente, spiego che per una questione così complessa la consulenza gratuita è da escludere e che posso fornire un normale consulto a pagamento. Risponde che va bene ma che la sua situazione di precariato (assegnista di ricerca) non permette di pagare somme troppo alte. Essendo passato anch’io di lì, capisco e invio un preventivo con una tariffa “agevolata”: 90 euro per un’ora di consulto. Conosco avvocati che per lo stesso tipo di intervento chiederebbero il triplo.
Quella persona mi risponde con tono scocciato che non è interessata a una cosa del genere. E sparisce.
Sarei davvero curioso di sapere quanto pensava di pagare una consulenza professionale su una materia così specialistica e su una questione così delicata come quella che mi aveva descritto. Forse pensava di poter pagare quanto si paga per una taglio dal parrucchiere o il lavaggio a secco di un cappotto in tintoria.
E rimango ancor più perplesso dato che si tratta di una persona con un titolo di studio molto alto (dottorato e post-doc) la quale dovrebbe quindi comprendere il valore del lavoro intellettuale. Ma forse sono io che ho aspettative troppo alte verso la gggente.

La storia che vi ho appena raccontato è solo una delle tante che potrei raccontare tra quelle che ogni tanto (per fortuna sempre meno di frequente) mi trovo a dover fronteggiare nel mio lavoro. Episodi che mi fanno perdere sempre tempo prezioso e che mi lasciano sempre un po’ di tristezza.

A quella persona ho risposto che anche noi liberi professionisti siamo tecnicamente “precari” e che lo saremo sempre di più se ci saranno in giro persone come lui.

La vostra auto ha un menu nascosto. Lo sapevate?

By Simone Aliprandi

Da un amico informatico scopro un trucco che funziona su molte automobili di progettazione tedesca (la sua è una Skoda, ma funziona anche sulle VolksWagen): premendo una combinazione di tasti del pannello climatizzatore si accede ad alcune funzioni nascoste del computer di bordo.
Nulla di sconvolgente e di pericoloso (e nulla che non fosse già abbastanza noto agli operatori del settore). Sostanzialmente si tratta di un metodo utilizzato dai tecnici riparatori e collaudatori per fare alcune verifiche sul funzionamento del veicolo, nonché in alcuni casi anche dalle forze dell’ordine.

Ad esempio, tra le funzioni nascoste c’è un tachimetro che mostra la velocità effettiva del veicolo, che è sempre leggermente minore rispetto a quella indicata dal tachimetro presente nel cruscotto. Per intenderci, i 50 km orari del cruscotto corrispondono a 46 km orari effettivi. Così le forze dell’ordine riescono ad avere un’ulteriore strumento (rispetto a quelli più “ufficiali”) per capire se un auto che stanno seguendo sta superando i limiti di velocità o meno.

Nella foto (scattata da me sulla Skoda del mio amico) indico la combinazione di tasti per i condizionatori di quel modello e di tutti i modelli del gruppo VolksWagen che montano lo stesso pannello. Bisogna premere contemporaneamente il tasto ECON e il tasto SBRINATORE del parabrezza.
Nel display di sinistra vedrete un numero che indica quale menu state utilizzando (il tachimetro corrisponde al 19) e nel display di destra vedrete invece la velocità effettiva (nell’immagine è a ero perché l’auto era ferma). Con una delle rotelle del condizionatore potrete scorrere tra i vari menù. Provare per credere.

Ovviamente a seconda del modello di auto il modo per accedere a questi menu nascosti è diverso. Quindi dovete cercare sui vari forum online le informazioni specifiche per la vostra auto.

Per approfondimenti sul tema:

20 tutorial CSS che non hai mai saputo potrebbero essere così semplici

Sono finiti i tempi in cui un sito web parlava solo di testo. Ora l’apprendimento dell’HTML non è sufficiente perché i CSS (Cascading Style Sheets) sono diventati lo standard per la creazione di fantastiche esperienze online. Alimenta l’aspetto generale di un sito Web e lo rende attraente per gli utenti. Quando ho iniziato (8 anni fa), mi è stato detto di imparare sia HTML che CSS; poiché queste erano le lingue obbligatorie per lo sviluppo di pagine web. Ora mi rendo conto che imparare i CSS di allora mi è sembrato un compito scoraggiante per me. Tuttavia, con una guida adeguata, sono riuscito a ingurgitarlo in un paio di giorni.

Internet si è evoluto così rapidamente che quasi tutto è disponibile e l’apprendimento di qualcosa di nuovo è diventato questione di pochi clic. Questo è il caso dei CSS, dove diversi designer e sviluppatori hanno messo insieme lezioni gratuite per aiutarti ad apprendere le basi dei CSS così come le tecniche più avanzate per migliorare le tue abilità. Ma scegliere un buon tutorial dal lotto non è sempre così facile.

Quindi, vuoi imparare i CSS? Buone notizie: ci sono un sacco di risorse online gratuite là fuori, che coprono da principianti a livelli avanzati. Ho raccolto questi 20 tutorial CSS per aiutarti a iniziare. Sono in inglese ma con Google Translate con un click si ottiene una traduzione in italiano comprensibilissima.

Introduzione ai CSS – Mozilla Developer Network (MDN)

css di mdn

Questa è la guida completa alla soluzione per tutti coloro che non vedono l’ora di imparare i CSS. Gli sviluppatori possono iniziare a padroneggiare il linguaggio dalle basi ai concetti avanzati come cascata, ereditarietà, debugging, ecc.

Tutto su “float”

tutto su galleggianti

L’allineamento è parte integrante del design. Quindi, gli sviluppatori devono prendersene cura. Questo è uno dei tutorial più precisi sull’apprendimento del concetto di float nei CSS. È una proprietà di posizionamento che può essere assegnata a sinistra o a destra.

Transizioni e animazioni

transizioni rimbalzanti

Un elemento web che si modifica al passaggio del mouse non è nuovo. Potresti aver riscontrato questo effetto mentre trascini il cursore sui pulsanti di chiamata ai pulsanti di azione. Tale effetto è ottenuto tramite una proprietà di transizione nei CSS. Indica al browser quali aspetti di un elemento deve animare se le sue proprietà cambiano. Questo è un incredibile tutorial per aggiungere animazioni e transizioni in CSS.

Considerazioni sull’altezza delle colonne nei CSS

considerazioni sull'altezza delle colonne

Lynda è una grande risorsa per gli sviluppatori e questo tutorial spiega come personalizzare la dimensione delle colonne del tuo sito web. Ciò consente ai browser di calcolare diverse altezze degli elementi.

Navigazione in dissolvenza a schermo intero

navigazione in dissolvenza su larga scala

Questo semplice tutorial mostra come è possibile ottenere l’effetto di una navigazione sbiadita senza scrivere una singola riga di JavaScript.

Introduzione a Griglie CSS

Le griglie sono parte integrante di un sito Web che potrebbero non essere viste fisicamente, ma sono sempre presente. Con questo tutorial, puoi iniziare a creare rapidamente le tue griglie.

Crea un menu a effetto in CSS3

La barra di navigazione svolge un ruolo importante nella definizione dell’esperienza utente di un sito web. Esistono diverse tecniche per caricare il menu del tuo sito ma fare tutto con i CSS è una mossa intelligente. Questo semplice tutorial ti aiuta a raggiungere l’obiettivo senza ulteriori problemi.

Effetto bordo “cucito” nei CSS

Questo tutorial ti aiuterà a creare un blocco rettangolare arrotondato con un aspetto “cucito” (o tratteggiato). Scoprirai come costruirlo guardando CodePen.

Le ombre aggiungono un aspetto vivace al design del tuo sito e migliorano l’esperienza utente. Questo tutorial coprirà ogni opzione a tua disposizione durante la progettazione di vari tipi di ombre.

Vetrina dei prodotti con CSS3

Se stai costruendo un sito Web per mostrare un prodotto, visualizzarlo correttamente è fondamentale. Dovrebbe essere fatto con le giuste proprietà stilistiche. Questo tutorial completo ti aiuterà a costruire uno di questi layout da zero.

Elegante menu a discesa per Impostazioni utente

Treehouse  è il punto di riferimento per esercitazioni, articoli e video per imparare i CSS. Qui puoi imparare a creare un menu delle impostazioni utente personalizzato in CSS3.

Triangoli CSS

Questo è un tutorial passo-passo interattivo per creare triangoli animati con CSS.

In questo tutorial CSS, approfondisci i dettagli sulla creazione di pulsanti in CSS3.

Creazione di caselle di controllo e pulsanti di scelta personalizzati

Questo non è un normale tutorial per creare caselle di controllo e pulsanti di opzione personalizzati. Invece, imposta i selettori predefiniti per renderli invisibili configurando la loro opacità a zero e quindi li sostituisce con la grafica. Ciò consentirà di alternare la grafica tra le versioni selezionate e deselezionate.

Esercitazione CSS reattiva a una pagina

Questa spiega come creare un semplice tutorial reattivo di una pagina in CSS3. Imparerai sia perché e come usarlo acquisendo una conoscenza di base dei CSS.

CSS Flexbox Grid

Flexbox è una delle modalità di layout in CSS che ha guadagnato molta popolarità. Questo tutorial si propone di fornire una conoscenza di base di CSS Flexbox e dimostrare come è possibile utilizzarlo nelle tue pagine web.

Tipografia fluida

A seconda delle dimensioni dello schermo, puoi regolare la dimensione del carattere e altre proprietà correlate per creare un effetto fluido per il testo del tuo sito web. Questo tutorial spiegherà come modificare le unità viewport e calc() per aiutarti a raggiungere tale effetto.

Lettore video in CSS3

I video svolgono un ruolo fondamentale nel migliorare la leggibilità dei contenuti del tuo sito. Non commercializza solo un prodotto ma garantisce anche un migliore coinvolgimento dell’utente. Questo è un tutorial dettagliato che spiega il processo di codifica di un lettore video con CSS3.

Nascondere cose con i CSS

Impostare i valori di opacity0visibilityhidden e  display a nonesono alcuni dei modi per nascondere un elemento nei CSS. Questo tutorial fa esattamente la stessa cosa, cioè ti guida a rendere le cose invisibili con i CSS.

SVG Christmas icona illuminata e animato con CSS

Animare SVG per creare bellissime icone è un effetto sorprendente nei CSS. Questo video dimostra come creare un’icona ispiratrice per le luci di Natale nei CSS. Puoi leggerlo e crearne uno per te stesso.

In chiusura!

Sono certo che questi tutorial ti aiuteranno a migliorare non solo le competenze di base ma anche a fornire un apprendimento avanzato. Per una migliore comprensione, ogni tutorial offre diversi concetti che forniscono esempi visivi e basati su codice. Quale di questi ti è piaciuto di più?

fonte: https://creativemarket.com/blog/easy-css-tutorials


I migliori software 3D gratuiti da scaricare

Il numero e la varietà di pacchetti software 3D sul mercato è piuttosto sbalorditivo ma sfortunatamente molte delle principali applicazioni utilizzate da film commerciali, giochi e studi di effetti costano centinaia o addirittura migliaia di dollari.

È vero che la maggior parte delle applicazioni commerciali offre prove gratuite limitate nel tempo o anche aggiunte di apprendimento abbreviato per studenti e hobbisti: se stai cercando un giorno di lavorare nel settore della computer grafica, vale la pena di esplorare anche se non puoi permetterti un licenza completa, semplicemente perché le competenze nei pacchetti commerciali sono ciò che alla fine ti faranno avere un lavoro.

Tuttavia, ci sono anche serie di software 3D gratuiti per hobbyisti, registi indipendenti che non hanno budget per software costosi, o professionisti freelance attenti al budget che hanno trovato tutti gli strumenti e il potere di cui hanno bisogno in soluzioni a costo zero come Blender o SketchUp.

Solo perché il seguente software è gratuito non lo rende necessariamente meno prezioso. Questo elenco non è necessariamente esaustivo: ci sono dozzine di altri strumenti 3d gratuiti disponibili oltre a quanto menzionato qui. Tuttavia, questi sono i più forti del gruppo, e quindi i più utili.

Blender

Immagine 3D sul tablet

The Pixel Agency / Getty Images

Blender è il più versatile e per molti aspetti si confronta positivamente con i migliori strumenti di creazione di contenuti digitali come Cinema 4D, Maya e 3ds Max. Ad oggi è uno dei più grandi progetti di sviluppo open source mai concepiti.

Blender è completo di funzionalità, offrendo una gamma completa di strumenti di modellazione, superficie, scultura, pittura, animazione e rendering.

Il software è abbastanza buono da aver prodotto numerosi cortometraggi di grande effetto ed è utilizzato da diversi studi professionali.

Blender è stato criticato fin dall’inizio per avere un’interfaccia confusa, ma non lasciare che i reclami obsoleti ti fuorviano. Il software è stato sottoposto a una revisione completa circa un anno fa ed è emerso con una nuova interfaccia e un set di funzionalità che mira alla parità con i migliori.

Mentre non si vede in nessuna lista di effetti nei films di Hollywood in cui Autodesk e Houdini sono profondamente radicati, Blender ha costantemente scavato una nicchia nella grafica e nell’animazione, simile a quella dove Cinema 4D eccelle. Di Più “

Pixologic Sculptris:

Sculptris è un’applicazione di scultura digitale simile a Zbrush o Mudbox ma con meno risorse di apprendimento. Poiché Sculptris utilizza la tassellazione dinamica, è essenzialmente indipendente dalla geometria, il che significa che è un pacchetto di apprendimento ideale per qualcuno con poche o nessuna abilità di modellazione che vuole cimentarsi nella scultura. Sculptris è stato originariamente sviluppato in modo indipendente da Tomas Pettersson, ma è ora di proprietà e gestito da Pixologic come controparte gratuita di Zbrush. Di Più “

SketchUp

SketchUp è un modellatore intuitivo e accessibile, sviluppato originariamente da Google e ora di proprietà di Trimble. SketchUp eccelle per la progettazione pratica e architettonica e probabilmente ha più cose in comune con un pacchetto CAD rispetto ai tradizionali modellatori di superfici come Maya e Max.

Come Blender, SketchUp è stato incredibilmente ben accolto e gradualmente si è ritagliato una nicchia di professionisti nel campo della visualizzazione grazie alla sua facilità d’uso e alla sua velocità.

Il software ha molto poco in termini di strumenti di modellazione organica, ma se il tuo interesse principale è nella modellazione architettonica, SketchUp è un ottimo punto di partenza. Di Più “

Ali 3D

Wings è un semplice modellatore di superfici open source, il che significa che ha capacità di modellazione simili a Maya e Max, ma nessuna delle loro altre funzioni.

Poiché Wings utilizza tecniche di modellazione poligonale (standard) tradizionali , tutto ciò che apprendi qui sarà applicabile in altri pacchetti di creazione di contenuti, rendendo questo un punto di partenza ideale per chiunque desideri imparare come modellare per animazione, film e giochi. Di Più “

Tinkercad

Tinkercad è una suite impressionante di strumenti 3D leggeri offerti da Autodesk come punto di ingresso libero e facile nel mondo del 3d. Autodesk sviluppa in realtà cinque diverse applicazioni sotto il banner di Tinkercad, comprese le app per modellare e scolpire, un “designer di creature” basato su iPad e uno strumento per assistere alla fabbricazione e alla stampa 3d.

In un certo senso, Tinkercad è la risposta di AutoDesk a Sculptris e Sketchup, ed è pensata per attirare i principianti interessati al 3D senza la tremenda curva di apprendimento delle loro applicazioni di punta (CAD, Maya, Max, Mudbox). Di Più “

Daz Studio

Daz Studio è uno strumento per la creazione di immagini che include una vasta gamma di personaggi, oggetti di scena, creature ed edifici che puoi organizzare e animare per creare immagini fisse o cortometraggi. Il software è destinato principalmente agli utenti che desiderano creare immagini o film in 3D senza il sovraccarico di creare a mano tutti i loro modelli e trame.

L’insieme di strumenti di animazione e rendering del software è abbastanza robusto e nelle mani giuste gli utenti possono creare scene impressionanti. Tuttavia, senza una gamma completa di strumenti di modellazione, creazione di superfici o scultura incorporati, i contenuti possono essere limitati a meno che tu non sia disposto ad acquistare risorse 3D nel marketplace Daz o crearle tu stesso con un pacchetto di modellazione di terze parti.

Tuttavia, è un ottimo software per le persone che vogliono semplicemente entrare e creare un’immagine o un film in 3D senza un sovraccarico.

Vedi anche: iClone5 (molto simile). Di Più “

Mandelbulb 3D

Se ti interessano i frattali, questo dovrebbe essere proprio il tuo vicolo! Lo ammetto, ho scaricato il software solo per curiosità ed ero abbastanza disorientato. L’applicazione richiede sicuramente pò per abituarsi, ma il risultato finale è stellare se si sa cosa si sta facendo, come questi ragazzi qui , e qui , e qui . Di Più “

Gratuito ma limitato:

Queste applicazioni sono versioni limitate di pacchetti software commerciali che sono disponibili come edizioni di apprendimento gratuito per lo sviluppatore. Queste edizioni di apprendimento non sono limitate nel tempo e non scadono mai:

  • Autodesk Software – Autodesk offre praticamente la loro intera linea software gratuita per uso non commerciale a “studenti e membri della comunità”, tuttavia non è necessario essere iscritti a una scuola per scaricarli. Se vuoi eventualmente lavorare nel settore, l’apprendimento del software Autodesk è una scommessa molto forte, quindi questo è un percorso altamente raccomandato. L’unica limitazione è che non è possibile utilizzare alcun software in progetti commerciali.
  • Vue 11 Personal Learning Edition – Vue è uno dei migliori strumenti per la creazione di paesaggi digitali, ed e-On offre ora una versione di apprendimento gratuita per uso non commerciale. Come le licenze degli studenti Autodesk, Vue PLE è identico alla versione completa del software, l’unica limitazione è la clausola di non utilizzo commerciale.

di Justin Slick
fonte: https://www.lifewire.com/

Attenzione alle truffe sul Web

Truffe online

Truffe online

“Come dire no a un iPhone 7 – valore 660 euro – a 350 euro? O a un frigorifero doppia anta da 2800 euro a soli 900? Oppure, visto che l’estate è alle porte, come non farsi ingolosire da un fuoribordo a metà del prezzo di listino? Troppo bello per essere vero? Infatti, è falso. Sono solo alcune delle “imperdibili” offerte con le quali la “Banda del Bonifico di Napoli” dal 2012 a oggi ha irretito e poi alleggerito centinaia – ma potrebbero essere migliaia – di acquirenti online. Una vera e propria holding del sito fake che spazia dalla telefonia ai computer, dagli elettrodomestici agli obiettivi fotografici. Tutta merce virtuale, nel senso che la paghi ma col cavolo che la vedi.”

L’articolo inizia così e qui la fonte online dell’ articolo: ‘La Banda del bonifico di Napoli’, truffa via web da milioni di euro che nessuno prova a fermare pubblicato su Business Insider dove potete continuare a leggere.

Essendo alcuni siti web ancora attivi e quindi da evitare inserisco direttamente il loro nome:

www.styletech.it
www.zetastore.it

quindi evitateli e non lasciatevi ingannare.

Mentre questi a seguire sono i vecchi nomi dei siti web adesso spenti dalle autorità competenti. Se qualcuno ha avuto pessime esperienze con i prossimi siti non si esima dal comunicarlo alle autorità competenti al fine di aiutare la giustizia a fare il suo corso e magari sperare di recuperare qualche Euro. Ecco l’elenco in ordine alfabetico:

www.alashop.it
www.chlshop.it
www.cornertech.it
www.edomestic.net
www.eglobal-market.com
www.elettrofarm.com
www.elettrohub.it
www.elledishop.net
www.emcstore.it
www.foto-digit.it
www.fotohd.net
www.fridomestici.it
www.go-shopping.it
www.gotronic.it
www.hdelettronica.net
www.hdpix.net
www.hdpoint.it
www.hdstore.net
www.hessishop.it
www.hi-go.it
www.hi-technology.it
www.hitronic.it
www.hpmotor.net
www.hpmotormarine.com
www.i-tecno.net
www.italprice.it
www.italysistem.it
www.jackshop.it
www.jamshop.it
www.lcshop.it
www.masterpix.it
www.maxtronica.it
www.maxwatt.it
www.mediaesse.it
www.mediatechstore.it
www.mediatelshop.it
www.miotech.it
www.mister-market.it
www.mistermarket.it
www.mistertop.it
www.moonclik.it
www.movishop.it
www.myprix.it
www.partytech.it
www.pc-market.it
www.pc-office.it
www.pcoffices.it
www.pixdistribuzione.com
www.pixdistribuzione.it
www.seamotor.net
www.simplystore.it
www.softprices.it
www.speedyprice.it
www.stopstore.it
www.tech-and-sound.com
www.techitaly.it
www.tecnocino.net
www.tecnoitalia.net
www.tecnoticino.com
www.tekno-zone.com
www.teknozona.it
www.tematek.it
www.tv-side.com
www.vistelshop.it
www.webphonia.it
www.yourpixel.it
www.zeta-video.com

E mi raccomando, prima di fare un acquisto online su un sito per voi sconosciuto, usate Google per cercare informazioni o chiedete a chi ne sà più di voi 😉

Attivare lo SPID gratuitamente in videochat

Come attivare lo SPID gratuitamente? Ecco una guida per gestire la procedura via webcam grazie ai servizi di SielteID.

SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale

SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale

Lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale è il passpartout unico per ogni servizio della Pubblica Aamministrazione o PA per evitare code agli sportelli e perdere ore di lavoro. Abbiamo sognato un giorno dove ogni incombenza potesse essere gestita via PC da casa; ora è possibile.

L’elenco dei servizi di pubblica amministrazione è piuttosto ampio, anche se molti Comuni e Regioni sono in ritardo. Si può controllare la propria situazione INPS, INAIL, fare visure, pagare tasse e tributi, effettuare prenotazioni, etc. Il sito ufficiale segnala 4.155 servizi erogati da 3.654 amministrazioni. E sapete a quanto ammonta il numero di SPID attivati? Più di 1.300.000 e continua a crescere giorno dopo giorno.

Sono andato sul sito ufficiale dell’Agenzia per l’Italia Digitale per richiedere lo SPID. Mai mi sarei aspettato una tale qualità e semplicità di comunicazione. E dire che avevo letto delle proteste per accedere al bonus cultura: la procedura per attivare lo SPID veniva denunciata come troppo complessa. Analfabetismo funzionale? Può darsi.

Per ora sono disponibili 5 identity provider, in pratica i fornitori del servizio:
Poste, TIM, Aruba, Infocert e Sielte
Ho scelto Sielte quest’ultimo perché dava la possibilità di attivare lo SPID gratuitamente via webcam. Gli altri in alcuni casi fanno pagare. Ovviamente chi dispone già di carta d’identità elettronica, CNS o firma elettronica è agevolato.

Come ho attivato lo SPID gratuitamente

Mi sono connesso alla pagina web di SielteID e nel modulo di adesione online ho inserito, come richiesto, i miei dati personali. In email mi è arrivata la richiesta di conferma e una password provvisoria. Ho confermato e ho proseguito con la registrazione inserendo le copie digitali in JPEG (scannerizzate) del mio documento di identità (va bene anche il passaporto) e della tessera sanitaria, documenti obbligatori da fornire.

SielteID
SielteID

 

Fatto ciò mi è stato richiesto come autenticare la mia identità digitale e tra le varie possibilità ho potuto scegliere un appuntamento webcam subito disponibile una mezz’ora dopo, con tanto di orario specifico. In pratica da un calendario si seleziona il momento che fa più comodo. Le modalità di video-conferenza sono tante: potete selezionare Skype, Google Hangout, Messenger di FaceBook oppure altre applicazioni da una lista. Ho scelto per comodità Skype che ho installato sul mio smartphone e uso per diletto e per lavoro.

Ho ricevuto una mail da parte dell’operatore di SielteID di conferma dell’appuntamento e poco dopo un SMS in cui mi indicava il suo ID Skype da inserire nei miei contatti. A breve mi chiama e ho avviato la videoconferenza. Dopodiché mi è stato chiesto di confermare l’autorizzazione al trattamento dei dati e mostrare documento identificativo e carta sanitaria precedentemente forniti. L’operatore ha fatto una registrazione audio-video e probabilmente degli scatti (print-screen) dei documenti mostrati. In pochi minuti tutto è terminato e subito dopo ho ricevuto una email con la conferma dell’attivazione. Una volta cliccato sul link in email ho potuto cambiare la password temporanea che mi era stata consegnata domenica e inserire la nuova.

Ed ecco fatto, adesso ho il numero di SPID e posso usarlo, tutto semplice e rapidissimo.

Fonte per questo articolo: tom’s hardware

EasyEDA, disegno e simulazione di circuiti elettronici e realizzazione del circuito stampato (PCB)

EasyEDA è un programma per il supporto al disegno elettronico (EDA, electronic design automation) gratuito che non necessita di installazione e basato sul cloud, progettato per fornire un’esperienza ancora più facile nell’EDA ad ingegneri elettronici, insegnanti, studenti di ingegneria e hobbisti. È un programma per disegnare e simulare circuiti elettronici facile da usare e che permette altresì il disegno di circuiti stampati, usufruibile direttamente dal proprio browser.

Home Page

Caratteristiche di EasyEDA:

Disegno rapido di schematici

Disegna rapidamente degli schemi elettrici grazie alle librerie disponibili direttamente nel browser. Upgrade automatici trasparenti.

Schema elettrico

Simulatore di circuiti

Verifica i circuiti analogici, digitali o misti mediante sottocircuiti e modelli SPICE!

Simulazione

Disegno di PCB online

Operazione veloce anche con molti livelli (PCB multistrato) e migliaia di fori e/o piazzole (pads).

Disegno di PCB online

Il sistema è molto stabile, affidabile e semplice da apprendere. L’interfaccia utente è accattivante e veloce. EasyEDA possiede una ricca libreria contenente migliaia di componenti elettronici (per circuiti, circuiti stampati e per realizzare modelli) e decine di migliaia di esempi di schemi elettrici!

Chiunque può usare la libreria e contribuire ad espanderla. È inoltre possibile importare disegni da Altium, Eagle e KiCad ed modificarli in EasyEDA.

Un’ulteriore caratteristica di EasyEDA è il fatto che gli utenti possono accedere a dei moduli Open Source, sviluppati da migliaia di ingegneri elettronici.

Moduli Open Source

C’è un tutorial che ne spiega le principali caratteristiche ed un Ebook di Simulazione, che guida passo passo alla simulazione di circuiti in EasyEDA mediante ngspice.

Il video seguente presenta brevemente le caratteristiche del programma EasyEDA.

Come disabilitare l’avvio di video e audio nel browser

Quando sei al lavoro o in classe, non c’è niente di più fastidioso dell’apertura di siti web che automaticamente avviano video. Un minuto prima si sta felicemente tranquilli e … improvvisamente ci fanno sobbalzare sulla sedia o infastidiscono. Per non parlare del capo che subito intuisce che non stai lavorando !!!
La buona notizia è che c’è un modo per spegnere l’autoplay ed evitare di essere scoperti o comunque infastiditi.
Ecco come fare in tutti e quattro i principali browsers.

 Firefox

In Firefox, è possibile attivare una funzione chiamata Click To Play che sostituisce i contenuti Flash con un’immagine statica dove è necessario fare clic sopra prima che i contenuti multimediali si avviino.

Per attivarlo, digitare about:config nella barra degli URL, dove dovrebbe apparire un avvertimento. Dopo averlo rimosso, digitare plugins.click_to_play nella barra di ricerca, quindi fare clic col pusante di destra del mouse e selezionare Toggle. Dopo il riavvio di Firefox, si dovrebbe vedere l’immagine qui sotto al posto del video. 

disable-annoying-autoplay-media-firefox

 Chrome e Chromium

Per fare la stessa cosa in Chrome e Chromium, digitare chrome://chrome/settings/content nella barra degli indirizzi e scorrere la pagina fino a trovare il plug-in come mostrato sotto.

disable-annoying-autoplay-media-chrome

Ora, tutto ciò che dovete fare è selezionare Click to play. È anche possibile impostare le autorizzazioni per plug-in specifici cliccando Gestisci eccezioni (Manage exceptions).

 Safari

In Safari, è possibile scaricare un paio di estensioni per disabilitare autoplay.

ClickToPlugin disabilita tutti i plug-in che avviano contenuti multimediali senza il vostro permesso, e può sostituire un sacco di lettori multimediali con HTML5. Se vi interessano soltanto i contenuti Flash, ti consigliamo ClickToFlash invece.

 Internet Explorer

Secondo la pagina di supporto del sitoMicrosoft, è possibile utilizzare il filtro ActiveX per prevenire l’autoplay in IE. Basta andare nel menu Strumenti e selezionare la sicurezza, quindi attivare ActiveX Filtering. Ora, quando si visita un sito con contenuti ActiveX, vedrete una piccola icona blu nella barra degli indirizzi per farvi sapere che è stato bloccato.

disable-annoying-autoplay-media-internet-explorer1

Per riprodurre i contenuti bloccati, fare clic sull’icona. Apparirà un menu pop-up in cui è possibile disattivare il filtro per quel sito. Una volta avviato è possibile ribloccarlo cliccando nuovamente sull’icona.

Traduzione dalla fonte
Altra fonte originale

Distribuzioni GNU/Linux adatte x vekki PC

Se avete un vekkio PC ke nn ha + un sistema operativo si può mettere a buon uso nuovamente cn un sistema operativo ke nn rikiede un processore veloce o una unità disco grande. Fortunatamente ci sono molte distribuzioni GNU/Linux ke funzionano su vekki hardware ed il cui funzionamento è soddisfacente anke se il PC è veramente molto vekkio.  Qsto xkè ci sono alcune distribuzioni GNU/Linux ke nn rikiedono troppe risorse.

Prima di tutto bisogna stare lontano da distribuzioni ke usano Gnome o KDE. Qesti ambienti grafici tendono ad utilizzare troppe risorse x il vekkio hardware e il PC sarà troppo lento x le applicazioni di base. Bisogna qindi cercare distribuzioni GNU/Linux ke nn utilizzano qeste interfacce grafiche.

La stragrande maggioranza delle distribuzioni odierne realizzate x operare su vekki PC sn x lo + basate su Ubuntu e qst significa ke si ha accesso a tutti i pakketti Debian ke Canonical supporta e ke danno accesso a un’infinità di programmi.

Xubuntu è una distribuzione di qalità ke nn rikiede troppa potenza. Utilizza cm ambiente grafico il leggero ma completo XFCE ke x i computer vekki è un’ottima scelta. Qesto ambiente grafico funziona bene ma potrebbe nn essere la migliore scelta x PC molto vecchi dove XFCE è un po’ + impegnativo rispetto a qalke altra interfaccia di minore potenza. Qesta scelta xò faciliterà molti utenti ke sn abituati ad usare Windows xké l’interfaccia di base è molto somigliante.

Linux Mint 6 Fluxbox Community Edition è una scelta decisamente migliore x vekki PC. Ad oggi è arrivata alla versione 9 ma potrebbe essere troppo pesante. Anke Linux Mint si basa sui pakketti Debian essendo derivata cmq da Ubuntu. Qesta distribuzione utilizza Fluxbox cm ambiente grafico e funzionerà meglio cn computers su cui nn è possibile eseguire troppo bene Xubuntu. Qesta distribuzione ha tutte le cose di base presenti ma ha un desktop e una modalità di funzionamento particolari x cui ci vorrà un po’ di tempo x abituarsi. Ad esempio, invece di un pulsante di avvio, dovete fare clic destro sul desktop x aprire le applicazioni. CMQ nulla di particolarmente ostico da apprendere.

MoonOS LXDE è un’altra buona distribuzione da provare. Qesta utilizza LXDE cm ambiente grafico ke usa pokissima memoria RAM x eseguire i suoi compiti. In genere è possibile scaricare e usare LXDE anke cn altre distribuzioni ma MoonOS ha tutto già impostato dopo l’installazione in modo da avere tutto già pronto.

Qst sn le distribuzioni suggerite negli articoli ke si trovano in rete ma se ne conoscete altre, fatemi sapere 😉

NN solo informatica

Come sempre navigando in quel mare rikkissimo ke è il Web della grande rete internet ho trovato questo sito dedicato all’elettronica Open Source decisamente interessante. Da quello ke ho visto è la traduzione del corrispondente sito inglese di appassionati di elettronica. Realizzato sul modello di un blog è ricco di tantissimo articoli di tutti i generi in ambito elettronico e x poter valutare schemi e + approfonditamente rikiede di registrarsi.  Questo è il link:

http://it.emcelettronica.com/

Se trovate qualcosa di interessante nn dimenticate di segnalarcelo 🙂