Xorg.conf pronto per Monitor-TV Inno-Hit IH19855WT!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Scrivo questo articolo per due precisi motivi: uno quello di mantenere online una bella e sempre disponibile copia online del file di configurazione xorg per il mio Monitor TV, l’altro per offrire a tutti coloro che si ritrovano tra le mani questo monitor che ormai non si trova più nemmeno sul web, qualche speranza d’utilizzo con le recenti distro Linux.

Xorg.conf pronto?

Come saprete, ogni distro Linux fa affidamento a Xorg per la gestione dello schermo (risoluzioni, refresh rate, spazio colore e tutto il resto). Solitamente, viene generato automaticamente un bel file Xorg.conf, in maniera da avere già tutto pronto, ma come nel mio caso, se avete un prodotto quasi totalmente sconosciuto, beh….potrebbe non filare tutto così liscio. Proprio no.

Vi posto quindi il contenuto del mio Xorg.conf, modificato manualmente (ho una Nvidia GTX 970 come GPU):

# nvidia-settings: X configuration file generated by nvidia-settings

# nvidia-settings: version 367.35 (buildd@lgw01-18) Tue Aug 9 10:11:49 UTC 2016

Section “ServerLayout”

Identifier “Layout0”

Screen 0 “Screen0” 0 0

InputDevice “Keyboard0” “CoreKeyboard”

InputDevice “Mouse0” “CorePointer”

Option “Xinerama” “0”

EndSection

Section “Files”

EndSection

Section “Module”

Load “dbe”

Load “extmod”

Load “type1”

Load “freetype”

Load “glx”

EndSection

Section “InputDevice”

# generated from default

Identifier “Mouse0”

Driver “mouse”

Option “Protocol” “auto”

Option “Device” “/dev/psaux”

Option “Emulate3Buttons” “no”

Option “ZAxisMapping” “4 5”

EndSection

Section “InputDevice”

# generated from default

Identifier “Keyboard0”

Driver “kbd”

EndSection

Section “Monitor”

# HorizSync source: xconfig, VertRefresh source: xconfig

Identifier “Monitor0”

VendorName “Unknown”

ModelName “CRT-0”

HorizSync 30.0 – 85.0

VertRefresh 50.0 – 150.0

Option “PreferredMode” “1440×900”

Option “DPMS”

EndSection

Section “Device”

Identifier “Device0”

Driver “nvidia”

VendorName “NVIDIA Corporation”

BoardName “GeForce GTX 970”

EndSection

Section “Screen”

# Removed Option “metamodes” “1440×900 +0+0”

Identifier “Screen0”

Device “Device0”

Monitor “Monitor0”

DefaultDepth 24

Option “Stereo” “0”

Option “nvidiaXineramaInfoOrder” “CRT-0”

Option “metamodes” “1440x900_60 +0+0”

Option “SLI” “Off”

Option “MultiGPU” “Off”

Option “BaseMosaic” “off”

SubSection “Display”

Depth 24

EndSubSection

EndSection

scusate se non vi posto il tutto con il tag code, ma sembra proprio non accettarlo l’editor ora come ora.

Potete anche scaricare il file con i parametri di Xorg.conf pronto (un po’ più ordinato) da qui.

A cosa mi serve tutto quel codice?

Avete presente il copia/incolla? Bene, procedete così:

  • aprite un terminale e date il seguente comando (se non avete gedit, sostituite il comando con il nome del vostro editor di testo, ad esempio pluma se siete su Ubuntu Mate):

sudo gedit /etc/X11/xorg.conf

vi si aprirà un file. Incollateci all’interno tutto quel materiale. Salvate, chiudete, riavviate e godetevi le nuove risoluzioni che appariranno sull’Nvidia Server Settings.

Uh…credo che qualcosa sia andato storto…

Se il file non va, sostituite solamente le seguenti stringe al vostro Xorg.conf di base (se il file è vuoto prendetene uno di base dal web oppure togliete le sezioni input device e lasciate vuote le sezioni con la versione della GPU se non avete una 970):

HorizSync 30.0 – 85.0

VertRefresh 50.0 – 150.0

salvate, chiudete, riavviate. Fatto!

Importare preferiti Chrome in Edge

By Manuel Baldassarre

importare preferiti chrome in edge

Con l’aggiornamento a Windows 10 molti utenti hanno deciso di passare ad Edge – browser di casa Microsoft – incontrando però l’ostacolo di dover importare preferiti Chrome in Edge per non perdere tutto il lavoro svolto. In realtà la procedura, nonostante non sia molto intuitiva, risulta essere alquanto semplice. Questa guida vi mostrerà come importare i preferiti in Edge da Chrome e sarà divisa in due passi: nel primo esporteremo tutti i preferiti che abbiamo salvati in Chrome, successivamente li importeremo in Edge.

Questa guida, in linea teorica, può essere applicata a qualunque browser abbia tra le impostazioni la possibilità di esportare/importare preferiti, tuttavia la vedremo con due dei browser più utilizzati, appunto Chrome ed Edge.

Ripristinare Chrome se non si apreGoogle Chrome è lento, mostra pubblicità a vostra insaputa, non si apre o ha altri problemi? Forse è il caso di ripristinare Chrome!

1 – Esportare preferiti da Chrome

Prima di importare i preferiti in un nuovo browser, è necessario esportarli dal vostro browser in uso. In particolare aprendo Chrome recatevi nel Gestore dei preferiti tenendo premuti CTRL + SHIFT + O oppure digitando nella barra degli indirizzi:

chrome://bookmarks/

Si aprirà una pagina simile a quella nell’immagine qui in alto. Assicuratevi che, nella colonna di sinistra, abbiate selezionato la ”cartella” Barra dei Preferiti.

Nella pagina di destra troverete tutti i preferiti che avete salvato. Cliccate su “Organizza” in alto, e dal menù a tendina selezionate “Esporta i Preferiti in file HTML“:

importare preferiti chrome in edge

A questo punto si aprirà una finestra dalla quale potrete scegliere dove salvare il file contenente i preferiti. Scegliete la cartella dalla barra laterale, è importante che ricordiate dove salverete il file HTML:

importare preferiti chrome in edge

Nell’esempio abbiamo selezionato la cartella Download, salvando un file denominato automaticamente “Bookmarks_data odierna“. Ora non ci resta che importare preferiti Chrome in Edge.

Browser leggero per PC: i migliori su WindowsAbbiamo un PC con meno di 4 GB di RAM? Meglio puntare su un browser leggero, poco esoso in termini di risorse. Scopriamo insieme i migliori per Windows.

2 – Importare Preferiti in Edge

Per importare i preferiti in Edge non dovrete far altro che cliccare il tasto Opzioni in alto a destra in Edge: si aprirà un menù a tendina, cliccate Impostazioni in fondo a tutto!

importare preferiti chrome in edge

Nelle Impostazioni cliccate su “Importa da un altro Browser” sotto la voce Importa Favoriti ed Altre info. Nella sezione che si aprirà infine, cliccate sul pulsante “Importa” per selezionare il file precedentemente scaricato, e il gioco è fatto!

Nelle più recenti versioni di Edge, tutto questo è stato reso estremamente più semplice: non c’è più bisogno di esportare preferiti da Chrome manualmente! Nelle Impostazioni infatti, troverete la voce “Visualizza Impostazioni Preferiti“:

importare preferiti chrome in edge

Nella finestra successiva non vi resta che selezionare da quale browser volete importare preferiti. Per ora è possibile scegliere fra Internet Explorer e Google Chrome.

importare preferiti chrome in edge

Spuntate dunque Chrome e confermate cliccando su “Importa“. Comparirà la scritta Fatto subito al di sotto del pulsante per la conferma.

Microsoft Edge, ecco alcune utili scorciatoie da tastieraScopriamo insieme come usare al meglio la tastiera per aumentare la produttività nel nuovo browser di Microsoft

Conclusioni

E’ possibile che i prossimi aggiornamenti di Edge possano ulteriormente modificare il metodo per importare preferiti Chrome in Edge.

Noi rimarremo aggiornata la nostra guida ma se dovessero esserci problemi o avreste bisogno di aiuto, non esitate a lasciare un commento qui in basso! Saremo lieti di aiutarvi al più presto possibile.

Navigazione in incognito: quando e come usarlaCapiamo insieme le situazioni in cui usare la relativa funzionalità offerta dai browser può tornare utile

L’articolo Importare preferiti Chrome in Edge appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Smartphone, test costo-prestazioni

By Monfy-Mate Team

leeco-le-max-2-2417-vs-samsung-galaxy-s8-2486

Costo e prestazioni, vale la pena spendere così tanto per uno smartphone?

Sul mio profilo facebook e su quello del mio caro amico Massimo, ci siamo presi la briga di richiedere ai nostri amici presenti nei contatti alcuni test reali effettuati con il programma Antutu, reali perchè sono stati fatti sul momento senza alcuna eventuale manipolazione da parte delle aziende costruttive per valorizzare più o meno i loro prodotti…

questo valore è stato successivamente suddiviso per il costo d’acquisto dello stesso smartphone, il valore che ne è risultato ha dato il reale rapporto matematico fra costo e prestazioni ponendomi una domanda:

vale la pena spendere così tanto per uno smartphone?

se osserviamo unicamente i test hardware effettuati con l’App Antutu sembrerebbe proprio di si, ma il valore oggettivo di un programma sarà davvero tutto quello che serve per definire un acquisto…

guardando la tabella a seguire il valore più alto riscontato nei test è stato quello del nuovissimo Samsung S8+ dal valore d’acquisto di circa 800€ il test ha riportato infatti 182262 punti… e sarebbe quindi il “cellulare del momento” … ma siamo proprio sicuri?
No! … se suddividiamo il valore di Antutu con il prezzo acquistato il Samsung S8+ non è il miglior cellulare in commercio.

CALCOLO-PREZZO-PRESTAZIONI

da premettere però che i valori riportati sono esenti dal vostro gusto personale ma è soltanto un rapporto “prezzo-prestazioni

lascio a voi i commenti, vale la pena spendere di più sapendo che potreste acquistare uno smartphone che ha prestazioni superiori con un costo nettamente inferiore?

FB_IMG_1497098884941 s8

Archiviato in:

CS:GO, nuovo anti-cheat.

By noreply@blogger.com (Ubuntu Software Libero)

CS:GO, nuovo anti-cheatMolti hacker di CS:GO riescono a compromettere la natura competitiva dello sparatutto Valve senza subire conseguenze, anche per anni.

Valve occasionalmente mette in piedi delle campagne che portano a ondate di ban, ma ciò non impedisce ad alcuni di questi cheater di accumulare nel corso degli anni oggetti di gioco anche di valore consistente.

Solitamente i cheater giocano CS:GO su Linux perché il sistema di anti-cheat di Valve non riesce ad accedere al meccanismo di allocazione della memoria del sistema operativo per individuare i cheat. Ma le cose sono destinate a cambiare perché negli ultimi giorni Valve ha introdotto uno dei più consistenti upgrade al suo sistema anti-cheat, volto proprio a combattere il cheating tramite Linux.

Sostanzialmente ha reso il controllo sul cheating lato server, piuttosto che lato client come da approccio precedente.

Un utente di Reddit, con nickname GivePLZ-DoritosChip, ha descritto in maniera dettagliata il funzionamento del nuovo sistema anti-cheat: “Fino a oggi avresti potuto installare un hack gratuito senza mai essere bannato a meno di non essere individuato manualmente tramite il sistema Overwatch, ma adesso il cheat principale (di cui non posso fare il nome ma che tutti conoscono) è stato attaccato per la prima volta in tre anni”.

Secondo il giocatore in questione fra coloro che sono stati colpiti dalla nuova ondata di ban anche un utente che aveva ottenuto skin per le armi dal valore di 771 mila dollari, proprio grazie ai cheat, con un raro coltello Karambi fra i suoi possedimenti. Adesso questo utente è stato bannato dal Valve Anti-Cheat in maniera permanente e per questo non può giocare online nessun titolo Valve.

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/

Disponibile KDE Frameworks 5.35

By Matteo Gatti

kde frameworks 5.35

Gli sviluppatori del KDE Project hanno annunciato KDE Frameworks 5.35.0.

Una nuova maintenance update della suite di KDE è ufficialmente disponibile con una buona serie di nuove funzioni e migliorie per tutti i componenti supportati.

KDE Frameworks 5.35.0 è un major update che contiene circa 55 modifiche, introduce nuove funzioni nella maggior parte dei core components usati da Plasma 5. Gli sviluppatori hanno corretto la maggior parte dei bug scovati nella release precedente (Frameworks 5.34.0) rilasciata circa un mese fa.

Disponibile KDE Frameworks 5.35

E’ stata migliorata la gestione delle notifiche d’errore per Attica e aggiunto il supporto alla tray icon per VLC Media Player in Plasma. Aggiunto un template per l’applet Plasma QML e un nuovo modulo FindGperf.

Tra gli altri componenti che hanno ricevuto piccole modifiche in questa versione della suite troviamo: BluezQt, KActivitiesStats, KPeople, KDE Doxygen Tools, KNotification, KAuth, KI18n, KCodecs, KNewStuff, KCoreAddons, KWindowSystem, KDBusAddons, KWidgetsAddons, KDeclarative, KEmoticons, KIO, KXMLGUI, and KHTML. Migliorato il supporto a KDELibs 4, Breeze icons, KWayland, KWallet Framework e KFileMetaData.

Questa release rientra nel piano di rilasci mensili pianificati da tempo dal team di KDE. Ora che KDE Frameworks 5.35.0 è stato ufficialmente rilasciato non dovrete attendere molto tempo per vederlo nei repo della vostra distribuzione di riferimento.

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Disponibile KDE Frameworks 5.35 sembra essere il primo su Lffl.org.