Loganaddon TV per KODI: download ed utilizzo!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Ho citato davvero diverse volte il media Center Kodi (Ex XBMC) ed i suoi Add-on, ma è la prima volta che vi parlo di Loganaddon, un fantastico Add-On che permette di vedere la TV satellitare italiana in maniera gratuita.

Tempo fa l’Add-On era stato abbandonato, ma di recente ha ricevuto un aggiornamento che gli ha regalato nuove fonti, nuovi repository che l’hanno quindi fatto rifiorire!

Andiamo a vedere l’installazione!

(ovviamente trovate tutte le varie guide sull’installazione di Kodi ecc. sulla sezione IPTV del mio sito!)

Come installare Loganaddon su KODI!

  • Scaricate il file zip di LOGANADDON cliccando su QUESTO LINK.
  • Avviate Kodi, andate su Sistema -> Add-on -> Installa da un file zip e cercate il file ZIP scaricato precedentemente (plugin.video.loganaddon.zip) ed installatelo selezionandolo.
  • se avete seguito la procedura correttamente vi comparirà la notifica di conferma in basso a destra su Kodi dell’installazione su Kodi.
  • adesso andate nel percorso Video –>Add-on Video –>LOGANADDON TV
  • Godetevi il plug-in!
Loganaddon in esecuzione.

Navigando nelle varie sezioni sono presenti tantissimi link di qualità anche in Italiano ed in qualità HD che dai nostri test si sono dimostrati stabili e senza blocchi.

Con Loganaddon TV dunque potrete:

  • Guardare televisione italiana in streaming gratis con Kodi
  • Guardare canali italiani in streaming gratis con Kodi
  • Guardare TV Italia in streaming gratis con Kodi
  • Guardare programmi italiani in streaming gratis con Kodi
  • Guardare film in italiano in streaming gratis con Kodi
  • Guardare serie tv in italiano in streaming gratis con Kodi
  • Guardare cartoni in italiano in streaming gratis con Kodi
  • Guardare canali RAI in italiano in streaming gratis con Kodi
  • Guardare canali Mediaset in italiano in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Sky in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Mediaset Premium in streaming gratis con Kodi
  • Guardare partite in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Euro 2016 in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Formula 1 F1 in streaming gratis con Kodi
  • Guardare MotoGP in streaming gratis con Kodi
  • Guardare calcio in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Serie A in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Serie B in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Europa League in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Champions League in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Premier League inglese in streaming gratis con Kodi
  • Guardare Liga spagnola in streaming gratis con Kodi
  • Guardare partite di calcio in streaming gratis con Kodi
  • Guardare gli eventi sportivi in streaming gratis con Kodi
  • Guardare lo sport da tutto il mondo in streaming gratis con Kodi
  • Vedere tutto il calcio gratis su Kodi

Come configurare un ripetitore Wi-Fi

By Gaetano Abatemarco

Immaginate lo scenario: a casa vostra alcune stanze non sono coperte dal segnale WiFi oppure avete una casa a più piani e non riuscite a far arrivare la WiFi oltre il piano corrente. Questo capita perché il segnale WiFi emesso da un router perde intensità a causa di ostacoli come pareti, muri in cemento armato, cartoni, elementi in metallo e tanto altro.

Come fare quindi ad aumentare la potenza del segnale Wi-Fi? Semplicemente è arrivato il momento di comprare un ripetitore Wi-Fi (oppure una powerline, ma di questo ne abbiamo già parlato in passato). Prima di spiegarvi cos’è un ripetitore Wi-Fi e come configurare un ripetitore Wi-Fi vi consiglio la lettura di alcuni nostri approfondimenti che trovate di seguito per poter potenziare il segnale WiFi e migliorare la connessione:

Potenziare il segnale WiFi: guida completaLa connessione di rete senza fili fa le bizze? Ecco i migliori consigli per potenziare il segnale WiFi per connessioni ultra veloci.

Migliorare la connessione Wi-Fi: guida pratica e completaEcco alcuni validi consigli per migliorare la connessione wireless di casa.

Se avete una connessione ADSL non dimenticatevi che anche la scelta di un buon router WiFi ADSL è fondamentale, stesso discorso per il router Fibra se invece avete un abbonamento fibra ottica.

Ripetitore Wi-Fi: cos’è?

Un ripetitore Wi-Fi – detto anche range extender o repeater – è un dispositivo che permette di estendere la potenza del segnale Wi-Fi aumentandone la copertura. Di vitale importanza, ancor prima di acquistare e configurare il ripetitore, è la scelta della posizione del router Wi-Fi: cercate di posizionarlo quanto più possibile al centro della vostra casa per coprire più ambienti possibili. Dove il segnale diventa debole, invece, agite aggiungendo e installando un ripetitore Wi-Fi.

Attenti anche alla scelta del canale Wi-Fi! Per maggiori info vi consigliamo la lettura dei nostri approfondimenti:

Come trovare il miglior canale WiFiLa vostra rete WiFi fa i capricci? Avete disconnessioni e rallentamenti? Con la nostra guida per trovare il miglior canale WiFi risolverete ogni problema.

WiFi 2,4 GHz e 5 GHz: le differenzeAbbiamo un router che supporta entrambe le frequenze? Qual è la migliore per copertura e velocità? Scopriamo le differente tra Wi-Fi 2,4 GHz e 5 GHz.

Un ripetitore Wi-Fi agisce nel seguente modo: grazie al suo hardware cattura il segnale Wi-Fi del router, lo “rilancia” ristabilendone anche la stabilità e intensità del segnale e, infine, funge da intermediario tra il router e i dispositivi che vogliono collegarsi al Wi-Fi. Ogni ripetitore Wi-Fi per funzionare deve essere collegato a una presa elettrica a muro: alcuni dispongono anche di uscita ethernet RJ-45 oltre che Wi-Fi. Con l’ausilio delle porte ethernet sarà possibile collegare alla rete anche i dispositivi non dotati di connettività Wi-Fi (ad esempio un PC fisso senza modulo Wi-Fi).

I migliori ripetitori Wi-Fi

Prima di proseguire nella configurazione, bisogna acquistare un ripetitore Wi-Fi. Non mi dilungherò molto poiché abbiamo già trattato tale argomento in modo approfondito e troverete tutto al seguente link:

Ripetitore WiFi per case grandi: guida all’acquistoIl segnale wireless del router non copre tutta la casa? Possiamo utilizzare un ripetitore WiFi per amplificare il segnale wireless.

Dove posizionare il ripetitore Wi-Fi

Una volta scartocciata la confezione del vostro ripetitore Wi-Fi, la prima cosa da fare è scegliere dove posizionarlo. L’ideale è posizionare il ripetitore Wi-Fi a circa metà della distanza tra il router e gli altri dispositivi da collegare. Il consiglio è di fare alcune prove: se il segnale (o meglio la sua potenza) non vi soddisfa, provate ad avvicinare il ripetitore al router.

ripetitore wifi

Cercate di eliminare quanto più possibile eventuali ostacoli tra il ripetitore e il router: in questo modo eviterete perdite di intensità di segnale. Attenti alle interferenze che possono provocare dispositivi bluetooth, telefoni cordless, elettrodomestici, microonde e altri. Alcuni ripetitori Wi-Fi sono dotati di una luce LED che vi informa se la distanza tra il router ed il ripetitore è ottimale oppure no.

Un’altra buona idea è quella di posizionar il ripetitore Wi-Fi al centro della vostra casa in modo da replicare il segnale del router, come da immagine:

ripetitore wifi

Configurare il ripetitore Wi-Fi

La procedura di configurazione è solitamente sempre riportata nel libretto di istruzioni che troverete all’interno della confezione di ogni ripetitore Wi-Fi. Solitamente però esistono due modalità:

  • tramite WPS (Wi-Fi Protected Setup): in questo caso basta premere l’apposito pulsante sul router e sul ripetitore e la configurazione sarà automatica.
  • manualmente: dovete collegarvi dal vostro PC (o altro dispositivo) all’indirizzo URL fornito dal ripetitore Wi-Fi (lo trovate sul libretto delle istruzioni), inserire eventuali username e password e scegliere il nome della rete Wi-Fi (SSID) che volete estendere.

Insomma, non è affatto difficile ma se incontrate difficoltà non esitate a lasciare un commento e vi cercheremo di aiutare quanto prima.

L’articolo Come configurare un ripetitore Wi-Fi appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Brightness controller: miglioriamo la gestione della luminosità

By Matteo Gatti

brightness controller

Brightness Controller: il tool per gestire al meglio la luminosità del monitor.

Brightness controller è una semplice utility open-source che vi permette di gestire al meglio la temperatura del display, la luminosità e il colore.

Potrete impostare al volo la luminosità che preferite in un range che va da 1% (luminosità minima) a 100% (luminosità massima). Il tool è sviluppato in Python2 e Pyside e dovrebbe supportare tutti i display senza distinzioni di marca o dimensioni.

Brightness controller: miglioriamo la gestione della luminosità

Per tutte le versioni di Ubuntu (da Ubuntu 14.04 passando per Ubuntu 16.04 Xenial Xerus, Ubuntu 16.10 Yakkety Yak, Ubuntu 17.04 Zesty Zapus fino all’atteso Ubuntu 17.10 Artful Aardvark) l’utility è disponibile via PPA.

Per aggiungere il PPA aprite il terminale (Ctrl+Alt+T) e date il seguente comando:

  • sudo add-apt-repository ppa:apandada1/brightness-controller

Successivamente controllate gli aggiornamenti e installate l’utility dando:

  • sudo apt-get update
  • sudo apt-get install brightness-controller

Per chi non volesse aggiungere il PPA è possibile scaricare il pacchetto .deb cliccando qui. Se volete rimuovere l’utility è sufficiente dare da terminale

  • sudo apt-get remove brightness-controller && sudo apt-get autoremove

mentre per rimuovere il PPA andate in system settings -> Software & Updates ->Other Software.

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Brightness controller: miglioriamo la gestione della luminosità sembra essere il primo su Lffl.org.

Rimuovere PIN alla SIM su iPhone

By Habby

impostazioni telefono iphone

Dopo aver spento e riacceso il nostro l’iPhone ci verrà chiesto di inserire due codici: il PIN della SIM e in seguito il codice di sblocco. Se vi siete stufati di inserire ogni volta il PIN della vostra scheda ecco la guida su come disabilitarlo: rimuovere il PIN su iPhone è davvero molto semplice e di seguito troverete la procedura dettagliata.

Togliere il PIN su iPhone

Si possono verificare due casi: uno in cui ci ricordiamo il PIN della SIM e uno in cui non lo ricordiamo. Se ci ricordiamo il codice allora basterà utilizzare le impostazioni di iOS, mentre se non ce lo ricordiamo dobbiamo utilizzare il codice PUK per disabilitarlo.

Trova il mio iPhone: localizzare iPhone rubato o persoLa guida per utilizzare al meglio il servizio Trova il mio iPhone di Apple, utilissimo nel caso bisogna localizzare il proprio dispositivo perso o rubato.

Disabilitazione con codice PIN

Se conosciamo il PIN della nostra SIM basterà andare in Impostazioni e selezionare la voce Telefono. In seguito selezioniamo la voce PIN SIM e disabilitiamo il toggle spostandolo su Off. Ora ci verrà chiesto di inserire il codice di sblocco della sim (che non è quello del telefono). Per disattivarlo definitivamente ci basterà inserirlo e cliccare su Fine. Se proviamo a spegnere e riaccendere il nostro iPhone ci verrà chiesto di inserire solo il codice di sblocco del telefono.

rimuovere pin iphone
rimuovere pin iphone

Smartphone dual SIM: guida all’acquistoAbbiamo due SIM da gestire contemporaneamente?Vediamo insieme i migliori smartphone dual SIM che possiamo acquistare in offerta.

Disabilitazione con codice PUK

Se invece non ci ricordiamo il codice della SIM perché magari lo abbiamo dimenticato, possiamo comunque disabilitarlo sfruttando il codice PUK.

Sulla scheda di plastica dove era alloggiata la scheda telefonica al momento dell’acquisto vi sono stampati il pin di default e il codice puk. Se abbiamo cambiato il codice predefinito dobbiamo utilizzare il puk. Per inserirlo ci basterà sbagliare 3 volte l’inserimento del codice predefinito e ci verrà visualizzata l’avvertenza SIM Bloccata.

PUK iPhone

Clicchiamo su Sblocca e inseriamo il codice PUK. Una volta che abbiamo sbloccato la nostra scheda potremo disabilitare definitivamente il codice di default, il quale non ci verrà chiesto ogni volta all’accensione del nostro iPhone.

Se il codice puk risulta errato dobbiamo contattare subito l’assistenza del nostro operatore telefonico per risolvere il problema. Se invece hai esaurito tutti i tentativi del puk ci dispiace, ma la tua SIM è definitivamente bloccata e non ti resta altro che ricomprarne una nuova.

Blocco schermo iPhone: come renderlo automaticoIl blocco schermo è molto di più di quello che pensate. Siete convinti di sapere tutto su questo argomento? Rimarrete sorpresi!

L’articolo Rimuovere PIN alla SIM su iPhone appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Anche il Media Center Kodi disponibile come Snap

By Matteo Gatti

kodi

Kodi, popolare Media Center, è ora disponibile come Snap App.

Kodi è il software open source, un tempo noto come XBMC (Xbox Media Center), che ha consentito di trasformare la prima console Xbox in un media center. Il software è stato successivamente sviluppato ed ottimizzato per l’utilizzo su tutte le piattaforme, da Linux a Windows passando per OS X, senza dimenticare i sistemi operativi per gli smartphone quali iOS e Android. Sino ad ora ha rappresentato un progetto incentrato prettamente sul software, anche se recentemente il team di sviluppo ha deciso di esplorare nuovi orizzonti, presentando il case ufficiale Kodi Edition Raspberry Pi.

Anche il Media Center Kodi disponibile come Snap

Il team member “DaVu” ha annunciato di recente la disponibilità dello snap package. “Sempre più app sono disponibili in formato Snap e siamo felici di contribuire anche noi alla rivoluzione snap mettendo a disposizione dei nostri utenti la snap-version. Se riscontrate problemi o bug non esitate a segnalarceli”. Attualmente il media center nell’incarnazione Snap è disponibile nell’edge channel (ovvero il canale instabile).

Per installare Kodi 18 Alpha 1 su Ubuntu 16.04 LTS (e sulle altre distro che supportano il formato snap) dovete semplicemente dare il seguente comando:

  • snap install kodi –edge

Se in prima battuta le cose non funzionassero potreste dover collegare manualmente le varie interfacce, ecco come:

  • for PERM in alsa avahi-observe hardware-observe locale-control mount-observe network-observe removable-media shutdown system-observe; do sudo snap connect kodi:${PERM}; done

Per lanciare l’app dovrete poi dare:

  • snap run kodi

Per ulteriori informazioni vi rimando al sito ufficiale. Se riscontrate dei problemi il luogo migliore per trovare una soluzione è visitare il forum ufficiale.

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Anche il Media Center Kodi disponibile come Snap sembra essere il primo su Lffl.org.

Essential Phone: come comprarlo in Italia

By Gaetano Abatemarco

Da quando Andy Rubin (il papà di Android) ha annunciato Essential Phone, tutti sono rimasti piacevolmente colpiti dalle caratteristiche di questo smartphone. Tuttavia il problema principale resta la sua commercializzazione, al momento destinata solo agli Stati Uniti. Essential Phone, però, non ha nessun blocco e dunque può essere utilizzato senza problemi anche in Italia (con tutte le bande supportate).

Per questo motivo molti appassionati stanno cercando un modo per acquistare Essential Phone in Italia: le alternative non mancano, certo, però se siete intenzionati a far vostro questo dispositivo allora potete utilizzare uno dei seguenti metodi che andiamo a proporvi.

Migliori smartphone 2017: quale comprareIndecisi su quale sia il miglior smartphone da comprare? Ecco la classifica sempre aggiornata con i migliori smartphone (e le migliori offerte) del momento!

Sfruttate il Mail Forwarding

Si tratta di servizi molto utili per comprare dall’estero: voi fornirete i vostri dati di spedizione ma il prodotto verrà da prima consegnato in un indirizzo straniero negli USA e da lì poi inoltrato a casa vostra. Naturalmente in questo caso le spese di spedizione a cui andrete incontro saranno abbastanza importanti ma avrete la possibilità di importare in Italia l’Essential Phone. Tra i migliori servizi del genere consigliamo forward2.me che permette la spedizione tramite DHL o UPS e spese totali di spedizione di circa 30/40 euro. Un’altra valida alternativa è USAbox.com, servizio analogo che funziona in modo simile e vi garantirà la spedizione del prodotto in Italia.

Acquistarlo negli USA

La soluzione migliore ma non papabile per la maggior parte degli utenti. Se avete amici che vivono lì o siete in viaggio per qualche giorno, allora sfruttate queste occasioni per acquistare il prodotto e farvelo spedire in Italia dal vostro amico. Alternativamente potete usare l’indirizzo dell’albergo per farvi consegnare l’Essential Phone durante il vostro soggiorno.

Scheda tecnica Essential Phone

Essential Phone, annunciato a Maggio 2017, è uno smartphone con a bordo Android 7.1 Nougat e display da 5.71” con risoluzione 2560 x 1312 pixel. Il processore è un Qualcomm MSM8998 Snapdragon 835 Octa-core (4×2.45 GHz Kryo & 4×1.9 GHz Kryo) affiancato da 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna, non espandibile tramite microSD. Due le fotocamere principali, entrambe da 13.0 MP, mentre la frontale è da 8.0 MP. Essential Phone è dual SIM e dispone di batteria da 3040 mAh.

Essential Phone

EssentialPhoneSmartphoneScheda Tecnica

L’articolo Essential Phone: come comprarlo in Italia appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Essential Phone

By Gaetano Abatemarco

Essential Phone, annunciato a Maggio 2017, è uno smartphone con a bordo Android 7.1 Nougat e display da 5.71” con risoluzione 2560 x 1312 pixel. Il processore è un Qualcomm MSM8998 Snapdragon 835 Octa-core (4×2.45 GHz Kryo & 4×1.9 GHz Kryo) affiancato da 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna, non espandibile tramite microSD. Due le fotocamere principali, entrambe da 13.0 MP, mentre la frontale è da 8.0 MP. Essential Phone è dual SIM e dispone di batteria da 3040 mAh.

L’articolo Essential Phone appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Girada: truffa oppure occasione da non perdere?

By Andrea Rossi

girada

Ultimamente sul web sentiamo parlare sempre più spesso di Girada, un sito che sta catalizzando su di sé l’attenzione di tantissimi utenti. Si tratta di negozio online, che commercializza prodotti tecnologici a prezzi davvero bassi. Come mai? Questo lo analizzeremo in seguito. Le opinioni su Girada sono veramente contrastanti. Tra chi lo bolla senza mezzi termini come una truffa e chi invece lo ritiene un sito affidabile e conveniente, non è facile capire la realtà dei fatti.

Giusto per fare un esempio, su Girada potete trovare il nuovissimo iPhone 7 Jet Black 128 GB a 279,99 €. Se avete difficoltà a crederci ci riportiamo direttamente l’immagine del prodotto così da fugare ogni dubbio.

Ora, il segreto che permette a Girada di applicare questi prezzi ad alcuni prodotti top non ha alcun segreto e viene spiegato molto chiaramente nella pagina dedicata. Visto che cerchiamo di essere sempre attenti a quelle che posso essere delle vere e proprie truffe, oggi cercheremo di analizzare i meccanismi di vendita in modo del tutto neutrale. Questo ci porterà a capire se effettivamente Girada è una possibile truffa o un occasione da non perdere.

Comprare online: metodi di pagamento sicuriIndecisi se acquistare online per paura di truffe o furti di soldi? Usiamo solo i metodi di pagamento sicuri consigliati dalla nostra guida.

Girada: quali sono i meccanismi di vendita?

Visto la crescente attenzione che questo sito sta ricevendo da parte degli utenti abbiamo deciso di dedicargli un focus. Il nostro intento è di non partire prevenuti, in modo da poter dare un giudizio del tutto oggettivo. La prima cosa che siamo andati a cercare una volta approdati su Girada sono i meccanismi di vendita. Solo in questo modo potremo capire se le intenzioni di questa società sono chiare e spiegate in modo dettagliato.

Quando si fanno offerte fin troppo vantaggiose si fa presto ad essere considerati un soggetto che effettua pratiche commerciali scorrette. In effetti, dando un’occhiata alla pagina come funziona, i fatti sembrano essere ben chiari e ve li riportiamo esattamente come li trovate scritti nel sito.

  • “Scegli il prodotto desiderato ed effettua il pagamento per prenotarlo
  • “Per ottenere il prodotto al prezzo prenotato invita tre amici a prenotare un prodotto di fascia di prezzo uguale o superiore: 1 amico = fino al 30% di sconto, 2 amici = fino al 50% di sconto, 3 amici = fino al 80% di sconto.
  • Se non trovi amici puoi comunque ottenere gli sconti. Per ricevere il prodotto a prezzo prenotato dovrai attendere che altre persone, non legate, facciano acquisti sul sito.
  • Se non vuoi attendere potrai acquistare il prodotto a prezzo pieno.
Siti e store cinesi sicuri e affidabili per acquisti onlineVoglia di shopping online dal paese dei dragoni? Vediamo insieme i migliori siti cinesi per acquistare e risparmiare in sicurezza.

Si tratta quindi di un sistema di referral. Più persone convinci ad acquistare un determinato prodotto, maggiore sarà lo sconto ricevuto. Fin qui, nonostante la pratica della “catena” non sia certo fra le nostre preferite, dobbiamo dire che Girada è stato decisamente chiaro sulle condizioni di vendite. Non si fanno promesse e viene specificato che il prodotto rimane prenotato fino a che altri non effettuano il pagamento. Non fate quindi confusione, prenotare non significa acquistare e questo comporta dei tempi di attesa più o meno lunghi.

girada

Quali prodotti troviamo su Girada?

Sfatiamo subito un mito: non aspettatevi che Girada abbia lo stesso assortimento di prodotti di Amazon. Ciò che trovate su questo sito è solo una piccola parte del catalogo che potete trovare sui negozi online che siete abituati a frequentare. D’altra parte il richiamo dello sconto è davvero forte. Per questo motivo, se volete provare ad ottenere i vostri vantaggi vi elenchiamo i prodotti più interessanti che potete trovare.

Inoltre potete trovare anche un buon assortimento dei migliori smartphone e tablet, prodotti da Apple, Google, Asus e molti altri. Se desiderate dare un’occhiata ai prodotti in vendita non dovete fare altro che cercare direttamente nel sito. Il nostro compito di oggi non è fare una guida d’acquisto, bensì un analisi critica sulle pratiche commerciali messe in campo da Girada.

Migliori smartphone 2017: quale comprareIndecisi su quale sia il miglior smartphone da comprare? Ecco la classifica sempre aggiornata con i migliori smartphone (e le migliori offerte) del momento!

Quali sono le opinioni degli utenti su Girada?

Se cercate spesso le opinioni degli utenti su di un sito web sapete già che esiste una piattaforma specializzata nel raccogliere queste recensioni. Si chiama Trust Pilot e cerca d’indicizzare le pagine di shop online fornendo un indice di affidabilità. Al suo interno potete ovviamente trovare anche le opinioni espresse su Girada.

Visto che gli utenti si sono spaccati riguardo a questo sito forse vi farà piacere sapere i risultati. Con 176 recensioni ricevute, Girada ha in realtà un punteggio più che buono. Parliamo di un voto complessivo di 8,5 su 10, decisamente sopra la sufficienza. Questo è un indice della fiducia che i consumatori ripongono su questo shop online. Vi aspettavate un risultato peggiore?

girada

Se volete approfondire, con una lettura più dettagliata, vi invitiamo a raggiungere la pagina dedicata su Trust Pilot. Se avete avuto anche voi esperienze con Girada non esitate a condividerle con gli altri utenti. Questo metodo può dare realmente una mano a tutti i consumatori che come voi cercano maggiori informazioni.

Quali metodi di pagamento è possibile utilizzare?

Un altro argomento che sta molto a cuore a chi effettua acquisti online sono i metodi di pagamento. Essere coperti da una sorta di garanzia in caso ci siano problemi è un fatto molto gradito e per fortuna anche possibile, sopratutto grazie a PayPal. Da questo punto di vista siamo rimasti piacevolmente sorpresi nello scoprire che i metodi accettati su Girada sono davvero molti e per tutti i gusti. Inoltre, dato da non sottovalutare, la spedizione è completamente gratuita su tutto il territorio italiano.

Per scendere più nei dettagli andiamo ad elencare quali sono i metodi realmente accettati su Girada.

  • Carte di credito Visa, Mastercard, Maestro e America Express.
  • Bonifico Bancario.
  • PayPal.
  • Postepay.
  • Bollettino postale.

Come vedete, qualsiasi sia il vostro tipo di pagamento preferito lo potrete tranquillamente utilizzare. Ciò che noi consigliamo è di utilizzare sempre, se possibile, PayPal, in quanto è la soluzione che offre più garanzie all’acquirente.

Come funziona PayPal: spendere online in sicurezzaPerché questo sistema, inizialmente collegato ad eBay ma oggi indipendente, è consigliato per tutelarsi acquistando in rete?

Conclusioni

Non essendo assolutamente di parte ci siamo approcciati a Girada in modo del tutto oggettivo. Si tratta di un sito che tutte le carte in regola per farvi risparmiare davvero tanto sui prodotti elettronici che intendete acquistare. Le condizioni di acquisto sono molto chiare, così come i metodi di pagamento, che lasciano davvero pochi dubbi.

Unica nota dolente sono i tempi di ricezione della merce, che possono variare in base alla celerità con cui riuscirete a condividere il prodotto che avete scelto. Non abbiamo mai amato i sistemi di acquisto che utilizzano dei referral, non li amiamo neanche ora ma è senza dubbio un meccanismo che ha portato vantaggi ad alcuni utenti che hanno acquistato su Girada. Se avete avuto già esperienze con Girada non esitate a comunicarcelo con un commento, ve ne saremo davvero grati.

Inoltre, se avete ancora dei dubbi o intendete approfondire l argomento siamo a vostra disposizione tramite il box dei commenti o la nostra pagina Facebook.

L’articolo Girada: truffa oppure occasione da non perdere? appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.