Ubuntu touch, progetto destinato al fallimento?

By Matteo Gatti

snap ubuntu touch

Cattive notizie per quanto riguarda Ubuntu touch.

Se speravate di vedere il rilascio di un nuovo Ubuntu phone abbiamo delle cattive notizie per voi… ma anche se avete un vecchio Ubuntu phone e sperate di vedere miglioramenti a breve termine dobbiamo darvi delle brutte notizie.

Brutte notizie un po’ per tutti insomma, sì perche Canonical ha annunciato che non è in cantiere il rilascio di alcuno smartphone basato su Ubuntu touch. Inoltre le parole di Pat McGowan, di Canonical, hanno dato forza ai rumour secondo cui non verrà rilasciata alcuna OTA 15.

Non si parla ancora di cessazione del supporto, gli aggiornamenti di sicurezza verranno sicuramente rilasciati non appena saranno disponibili ma mirabolanti nuove funzioni o semplici migliorie generali non sono sicuramente dietro l’angolo.

Snap To The Future

Gli sviluppatori stanno puntando molto sulla transizione verso gli Snap soprattutto lato desktop. Gli snap si basano su funzioni presenti nelle versioni più recenti del kernel Linux. Portare gli snap sugli smartphone in modo da avere un ambiente perfettamente funzionante, user friendly ma anche sicuro non è semplice. Inoltre Canonical sta concentrando i propri sforzi su Unity 8.

Canonical non è un colosso come Google o Apple e deve decidere su cosa puntare, probabilmente non riesce a portare avanti in parallelo troppi progetti. Speriamo riesca a tener vivo Ubuntu touch.

sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Ubuntu touch, progetto destinato al fallimento? sembra essere il primo su Lffl.org.

Disponibile la MIUI ROM 7.1.5: novità e download

By Giuseppe Monaco

Il venerdì, in casa Xiaomi, si chiama Orange Friday! Come ogni settimana ecco arrivare un nuovo aggiornamento per la versione developer della ROM MIUI. Nell’appuntamento odierno, che porta l’update 7.1.5, vede un changelog che coinvolge diverse parti del software proprietario, pur non essendo particolarmente corposo.

Meteo

  • Ottimizzazione – Visualizzazione dell’effetto del vento in base alla velocità.

Sicurezza

  • Novità – Nuovo installer con antivirus integrato;
  • Ottimizzazione – Game Speed Booster causava blocchi nei giochi.

Calcolatrice

  • Ottimizzazione – Cambiati i provider utilizzati per il cambio valuta.

Ulteriori novità

  • Aggiunta la lingua svedese;
  • Ottimizzato il GPS.

Sospensione/salto aggiornamenti

  • Aggiornamenti per Mi 4c, Mi 4s, Mi Note Pro e Mi Max sospesi per inizio dei lavori su Android 7.0 Nougat;
  • Aggiornamento per Redmi Note 2 sospeso questa settimana per test di stabilità.

Bug Noti (Mi 5)

  • Chiusura forzata dopo il download di file con Chrome.

Per ulteriori informazioni vi lascio il link al post del forum ufficiale e al download della ROM per tutti i dispositivi supportati.

Download| MIUI 7.1.5 da Xiaomi.eu

Link| Changelog MIUI 8 Global Beta da en.miui.com

cat-logocat-logo

L’articolo Disponibile la MIUI ROM 7.1.5: novità e download appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Recensione Xiaomi Redmi 4 Prime: altro Redmi, altro best buy!

By Giuseppe Monaco

Xiaomi Redmi 4 Prime

L’ultimo dispositivi Xiaomi di cui vi abbiamo parlato è stato il Mi Note 2, uno degli ultimi top di gamma presentati dall’azienda in grado di colpire per prestazioni e ancor di più per eleganza.

Quest’oggi torniamo a parlare di device della casa cinese appartenenti, però, alla fascia medio bassa. Lo Xiaomi Redmi 4 Prime finito nelle nostre mani, infatti, si è rivelato l’ennesimo smartphone dall’eccellente rapporto qualità/prezzo.

Confezione

La confezione di vendita del nuovo device della serie Redmi si presenta in colorazione bianca, con la facciata principale occupata unicamente dal numero 4 inciso sulla superficie, il retro con le specifiche del dispositivo e i bordi con il nome del prodotto (in cinese) e il logo Mi in colorazione rossa.


Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime

Sollevato il vano principale ci troviamo davanti subito lo smartphone, mentre al di sotto abbiamo il caricabatterie da parete con annesso cavo USB/Micro-USB, i libretti illustrativi in cinese e la solita graffetta.

Design ed ergonomia

Elemento che contraddistingue i dispositivi appartenenti alla serie Redmi, solitamente, sono le dimensioni contenute che rendono lo smartphone estremamente maneggevole. Nonostante la scocca posteriore sia stata realizzata con un alluminio opaco particolarmente scivoloso, infatti, lo Xiaomi Redmi 4 Prime rimane saldamente nel palmo di una mano e garantisce un ottimo utilizzo, con il pollice che arriva a toccare praticamente tutto lo schermo.

  • Dimensioni: 141.3 x 69.6 x 8.9 mm
  • Peso: 156 g

Il retro del device ricorda molto gli altri device della serie Redmi, con fotocamera principale e sensore biometrico della stessa dimensione affiancati da un doppio flash led bicromatico.

Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime

I bordi, poi, presentano le solite caratteristiche come potete vedere nelle foto e, in particolare, sul lato basso troviamo l’ingresso per il cavo USB/Micro-USB (dunque niente Type-C) e sul lato alto resta imperterrito il sensore a infrarossi, elemento che personalmente non disdegno affatto.

Hardware

Come ogni smartphone della serie Redmi, anche questo Xiaomi Redmi 4 Prime si pone nella fascia medio bassa e punta agli utenti attenti al portafoglio ma che, non per questo, vogliono accontentarsi. La dicitura Prime, infatti, denota alcune migliorie rispetto alla versione standard del Redmi 4, con specifiche specifiche tecniche che consentono di godere di un ottima esperienza utente.

  • CPU: Qualcomm Snapdragon 625 MSM8953 octa-core a 2.0 GHz
  • GPU: Adreno 506
  • RAM: 3 GB
  • Archiviazione: 32 GB / Espandibile fino a 256 GB (slot in comune con seconda SIM)
  • Display: IPS LCD da 5 pollici / 1080 x 1920 pixel (443 ppi)
  • Batteria: 4100 mAh
  • NFC: No
  • Banda 20 (800 MHz): No

Come potete vedere, certo possono dar fastidio l’assenza dell’NFC e, ancor di più, quella della banda a 800 MHz che, come sicuramente saprete, rende difficile la connessione 4G agli utenti wind.

Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime

Proprio in relazione a questo, la ricezione in fase di chiamata l’ho trovata ottima, mentre in trasmissione mi è capitato che talvolta l’interlocutore non riuscisse a sentirmi. In particolare, tale episodio mi è capitato 2-3 volte in chiamate dalla durata di più di un’ora.

Frontalmente, poi, il display IPC LCD Full HD da 5 pollici l’ho trovato di ottima qualità, sicuramente un passo avanti rispetto agli altri terminali della serie Redmi. Considerando le dimensioni contenute, infatti, l’alta risoluzione e la buona densità pixel consentono di visualizzare immagini ben definite.

Software

Come su ogni dispositivo Xiaomi, anche lo smartphone in questione monta a bordo l’interfaccia proprietaria MIUI 8 basata su Android 6.0 Marshmallow. Personalmente ho avuto modo di provare la versione 8.1.2.0 China Stable della ROM e, proprio per definizione, l’esperienza è risultata priva di bug o errori di alcun genere.

Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime

La navigazione mi è parsa decisamente fluida e le app di sistema presenti svolgono funzionalità basilari come spesso accade, fornendo calcolatrice, orologio, scanner per codici QR e documenti , pulizia e tanto altro.

Fotocamera

Quando si acquista un terminale appartenente a questa fascia di prezzo, il comparto fotografico è sempre uno dei punti carenti, non perché le foto risultino pessime ma, vuoi anche per il prezzo al quale viene venduto il terminale, la camera non è in grado di fornire prestazioni al top. Il sensore da 13 MP, infatti, si comporta discretamente di giorno, ma non si può dire lo stesso quando cala la luce, dove sarà un requisito fondamentale tenere la mano ben salda durante lo scatto. In generale, le immagini catturate appaiono definite e con colori correttamente bilanciati, mentre la messa a fuoco (più in particolare l’autofocus) impiega qualche attimo in più rispetto al solito.

Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime

Anche la fotocamera interna non dà molte soddisfazioni, con una rapidità di scatto piuttosto buona e una definizione discreta, sempre però in ambienti ben illuminati.

Xiaomi Redmi 4 Prime

Per quanto riguarda i video, è possibile girare filmati fino a Full HD, con immagini piuttosto fluide e una messa a fuoco stabile. L’app di sistema relativa alla fotocamera, poi, presenta una collezione di filtri applicabili in tempo reale e alcune interessanti modalità come Tilt Shift e Gradient.

Per apprezzare gli scatti nella qualità originale, trovate le foto scattate nell’album Imgur qui sotto.

Galleria| Foto Redmi 4 su Imgur

Batteria

Se la fotocamera è una nota dolente, la batteria ribalta totalmente la situazione. Lo Xiaomi Redmi 4 Prime, infatti, con i suoi 4100 mAh garantisce un’eccellente autonomia.

Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime
Xiaomi Redmi 4 Prime

Personalmente, col solito uso giornaliero, con connessione internet costante e GPS sempre attivo, sono riuscito a totalizzare più di 9 ore di schermo acceso e più di 2 giorni di utilizzo.

Rapporto qualità/prezzo

Come già detto in fase di introduzione, i dispositivi della serie Redmi sono sempre quelli che più offrono a fronte di una spesa davvero ridotta. Il Redmi 4 Prime in particolare è disponibile all’acquisto a circa 170€, mentre le varianti meno potenti sono vendute anche a 140-150€.

Scegliendo Honorbuy.it, poi, potrete usufruire di uno sconto di 5€ che sicuramente non dispiace. Per tutte le informazioni relative allo store in questione e alle relative offerte vi rimando all’apposito articolo esplicativo.

Conclusioni

Altro Redmi, altro colpaccio. Xiaomi continua a sfornare una quantità spropositata di terminali con brevi intervalli l’uno dall’altro e, sebbene ce ne siano alcuni la cui effettiva produzione poteva forse essere evitata, i prodotti appartenenti alla serie Redmi continuano a imporsi come best buy nella loro fascia di prezzo.

Questo Redmi 4 Prime, in particolare, vista l’eccellente qualità del display, le ottime prestazioni e la buona qualità costruttiva a fronte di prezzo e dimensioni ridotti, si pone come ottima soluzione per tutti gli utenti alla ricerca di uno smartphone stabile, veloce, recente e che costi poco.

L’articolo Recensione Xiaomi Redmi 4 Prime: altro Redmi, altro best buy! appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.