Machinarium 2.3.0 FULL APK+DATA Download!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Mi chiedevo come mai non vi avessi postato questo capolavoro. Tanto vale rimediare adesso. Vi presento Machinarium, un Puzzle-design d’avventura davvero unico nel suo genere e davvero piacevole da giocare. Dategli un’occhiata: ne vale la pena.

Descrizione!

Machinarium è un pluripremiato gioco indipendente di avventura sviluppato dai realizzatori di Samorost e Botanicula.

Aiuta il robot Josef a salvare la sua fidanzata Berta rapita dalla banda delle Capinere.

“Assolutamente fantastico” – TouchArcade
4/4 – USA TODAY
4/4 – SlideToPlay
9/10 – Pocket Gamer

Premi:
– IGF, Excellence in Visual Art Award
– Gamasutra, Best Indie Game Of The Year
– VGChartz.com, Best Indie Game Of The Year

Download!

Scaricate Machinarium 2.3.0 FULL APK da qui!

Scaricate Machinarium 2.3.0 FULL DATA da qui!

Steam Linux Beta client si aggiorna: riconoscimento idle, fix generici e tanto altro

By Salvo Cirmi (Tux1)

Era da tempo che non vedevo una versione aggiornata del client Steam su Linux. Si, l’aggiornamento riguarda l’edizione Beta, ma noi linuxiani non ci facciamo certo problemi, no? Grazie Valve della gradita novità. Il nuovo Client integra varie novità piuttosto importanti oltre che diversi fix.

Per iniziare, potrei parlarvi della migliorata interazione tra il runtime Steam e le librerie di distribuzione host, che permette a Steam di lavorare in maniera migliore interagendo con driver OpenSource sulle distro Linux moderne. Se su alcune antiche distro trovate problemi con questo aggiornamento, potete usare STEAM_RUNTIME_PREFER_HOST_LIBRARIES=0 per far si che Steam elimini questa specifica novità che abbiamo introdotto.

Aggiunto ora il riconoscimento all’idle. Per intenderci, se non siete davanti al PC, ai vostri amici spunterete come “Away/Snooze”, non come onnipresenti davanti allo schermo.

Aggiornati inoltre il loader Vulkan, effettuati molti fix interni, aggiornata libxcb per sistemare alcuni problemi legati a dei crash con DRI3. Altre novità sull’aggiornamento qui.

AMD Vega: le GPU con memoria video infinita arriveranno a metà del 2017

By Salvo Cirmi (Tux1)

AMD questa volta ci è andata giù pesante, molto pesante. Dopo l’incredibile annuncio dei processori logici RYZEN, ecco arrivare altri dettagli riguardo le nuove schede video di AMD, della serie Vega. Le novità ovviamente arrivano direttamente dal CES 2017 e comprendono una serie di GPU davvero eccezionali.

Dal 2011, AMD ha continuato ad usare per le proprie GPU l’architettura GCN, Vega ne è la diretta evoluzione ed offrirà chip di memoria VRAM velocissimi in HBM2 (fino a 256GB/s) ed una rivoluzionaria gestione della memoria della scheda.

Una rivoluzione nel campo delle GPU

La Vega NCU (Next-GenerationComputeUnit) potrà infatti spostare ciclicamente parti dei dati dalla memoria della GPU ad un supporto non volatile, come un normale SSD o un Hard Disk o un supporto SSD M2 di un PC, permettendo alla schede video basate su questa architettura di avere una capacità di memoria illimitata (avete un SSD da 1TB e la vostra GPU AMD Vega ha 8GB? Potete avere tutto lo spazio che volete, portando ad esempio la GPU fino ad un massimo di 500 TB di memoria. Ripeto, 500 Terabyte).

Qualche altra specifica tecnica?

Al momento, non sono presenti dati relativi ai modelli delle schede, al numero di unità computazionali (che sono state di molto migliorate) ecc, ma sembra che in generale, una scheda AMD Vega che esegue DOOM su Windows, ottenga delle prestazioni che stanno tra una NVIDIA GTX 1070 ed una 1080.

Le schede arriveranno a metà del 2017, nel frattempo dovrete accontentarvi di qualche scheda NVIDIA. Potete trovare altre informazioni e video ufficiale a questo indirizzo. Date anche un’occhiata alla galleria d’immagini:












Come vedere i canali italiani all’estero

By Giuseppe F. Testa

Quando un italiano viaggia all’estero o si trasferisce in un paese straniero (per studio o per lavoro) rimane il più delle volte “legato” alle proprie radici, anche grazie alla TV italiana. Se il paese straniero non trasmette canali in lingua italiana, possiamo vedere i canali italiani all’esterno tramite Internet, sfruttando uno dei seguenti metodi disponibili gratuitamente.

Vedere i canali italiani all’estero

VLC

Il primo metodo per guardare canali italiani all’estero è utilizzare il media player gratuito VLC. Installiamo sul nostro PC il player open source VLC dal seguente link.

DOWNLOAD | VLC

Una volta installato il player sul nostro PC apriamolo e sfruttiamo il link URL disponibile nella nostra guida per guardare i canali italiani all’estero.

NOTA: i canali Mediaset non sono visibili all’estero con questo procedimento.

Kodi

In alternativa a VLC possiamo sfruttare il media center open source Kodi per vedere la TV italiana all’estero. Per ottenere i canali italiani all’estero potremo utilizzare il gestore liste IPTV, come indicato nella nostra guida disponibile in basso.

O, in alternativa, utilizzare l’add-on Kodi Live TV per ottenere numerosi canali TV da guardare in streaming gratis.

Streaming ufficiale da Web

I siti di RAI e Mediaset offrono le dirette dei loro canali in streaming gratis, ma solo per chi si collega dall’Italia. Per poter “fregare” il meccanismo di protezione possiamo utilizzare un sistema proxy che finga la nostra presenza in italia per le pagine Web RAI e Mediaset.

Il miglior servizio gratuito e facilmente integrabile in Chrome è Hola VPN.

Con questo servizio potremo impostare la nostra connessione per risultare in Italia, anche quando siamo all’estero.

Installiamo Hola VPN come estensione del browser dal seguente link per Chrome.

DOWNLOAD | Hola VPN (Chrome)

Una volta installato impostiamo From Italy come nazione da cui risultare connessi e raggiungiamo uno dei seguenti siti.

LINK | Streaming RAI

LINK | Streaming Mediaset

Risulteremo connessi come cittadini italiani e potremo guardare i canali italiani all’estero.

NOTA: Hola VPN è gratuito ma, per tutto il tempo in cui è installato, utilizzerà una parte della connessione anche per gli altri utenti, incluso il nostro IP. Se temete per la vostra privacy, evitate di utilizzare questo servizio.

Utilizzare un proxy

Non ci fidiamo di Hola VPN? In alternativa possiamo utilizzare un proxy per mascherare la nostra connessione e risultare dall’Italia. Di seguito le nostre guide aggiornate per configurare un proxy su qualsiasi sistema.

Altri articoli utili

Desideriamo vedere la TV italiana all’estero? Possiamo utilizzare uno dei servizi di streaming dedicati all’IPTV dei canali satellitari.

I migliori servizi possono essere provati leggendo le nostre guide dedicate disponibili in basso.

L’articolo Come vedere i canali italiani all’estero appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

*GUIDA*: Installare ROM MIUI 7.2.1 su Cube iWork 10!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Avendo trovato su alcuni forum inglesi e di varie lingue alcune interessanti ROM per questo dispositivo, vi propongo una bella ROM MIUI 7.2.1 basata su Android 5.1 per il tablet PC dual-boot Cube iWork 10! Ecco come installarla in maniera semplice e veloce (siete capaci di dire di no ad una MIUI?).

1: Download e preparazione generale al modding

  • Scaricate la ROM MIUI 7.2.1 per Cube iWork 10 da qui e copiatelo nel tablet;
  • Scaricate le Google APPS (in questo caso specifico comprende solo il Google Play Store) da qui e copiatelo nel tablet;
  • Caricate almeno al 40% il tablet PC;
  • Seguite la guida per sbloccare il bootloader ed installare la recovery TWRP, entrambe necessarie per proseguire, da qui;
  • Popcorn, patatine o quello che volete e si comincia!


2: MIUI 7 pronta per l’installazione!

Entrate in modalità recovery (tablet spento, Accensione+Volume Su o Giù, provate uno dei due per alcuni secondi fino a quando non si avvia la recovery TWRP):

La recovery in Landscape mode.
  • selezionate Install e scegliete la ROM. Installatela e alla fine del procedimento ripetete lo stesso per il Google Play Store. Finito anche quello, riavviate il tablet e, dopo un primo avvio piuttosto lungo, godetevi ROM e Play Store!

Vivaldi 1.7 in sviluppo

By Matteo Gatti

vivaldi 1.7

Vivaldi Technologies ha annunciato la disponibilità di Vivaldi 1.7.715.3.

Vivaldi è stato progettato per gli utenti che cercano la massima personalizzazione e funzionalità avanzate per una navigazione senza compromessi.

Vivaldi 1.7 (snapshot 1.7.715.3 per la precisione) ha avuto un ciclo di sviluppo breve, arriva venti giorni dopo il rilascio di Vivaldi 1.6, al quale abbiamo dedicato un articolo che trovate qui.

Le novità.

Vivaldi 1.7.715.3 è una development release incentrata sul bugfixing, corregge numerose problematiche segnalate dagli utenti. Questa dev release è molto importante perchè sistema un bug che non permetteva l’installazione di Vivaldi 1.5 e superiori su Ubuntu 12.04.

Introduce poi una nuova funzione che permette di nascondere tute le estensioni con un clic in modo da poter fruire di un’interfaccia pulita (vedi immagine sopra). La versione definitiva di Vivaldi 1.7 dovrebbe essere rilasciata a breve, vi terremo aggiornati.

sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Vivaldi 1.7 in sviluppo sembra essere il primo su Lffl.org.

*GUIDA*: ROOT, sblocco bootloader e Recovery TWRP su Cube iWork 10!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Essendomi pervenute diverse richieste in merito al modding di questo tablet PC (ma anche al ripristino delle partizioni sul Forum), è venuto il momento di mostrarvi la guida più completa presente sul web in Italia sul Cube iWork 10 (almeno per il momento).

Vi mostro quindi come ottenere i permessi ROOT, sbloccare il bootloader ed inserire una recovery TWRP su Cube iWork10! Al solito per i vari dubbi, le perplessità e le domande, vi prego di scrivere sul forum (o nei commenti se si tratta di una piccolezza).

1: Cube iWork 10: File necessari al modding!

  • Iniziate scaricando la recovery TWRP da qui;
  • Scaricate SuperSU per il Root da qui e copiatelo nella memoria del tablet;
  • Scaricate l’immagine al boot modificata da qui (per il modello i15TCL) o da qui (se avete il modello i15TD);
  • Caricate la batteria al 30% come minimo prima di andare avanti o rischiate di doverlo tornare a caricare se si spegne durante le procedure;
  • Scaricate ed installate ADB da qui (un installer veloce che vi farà risparmiare tempo e che creerà un percorso ADB su C–>ADB bello e pronto da usare).

2: Sblocco bootloader su Cube iWork10!

I passaggi che sto per elencarvi cancelleranno tutti i vostri dati, foto musica video e quant’altro, quindi copiate tutto prima di proseguire se volete conservarli.

  • Andate nelle impostazioni–>Informazioni tablet, premete 7 volte sulla scritta “Numero build” e avrete attivato le Opzioni Sviluppatore;
  • Tornate nelle impostazioni e troverete la voce Opzioni Sviluppatore. Apritela e abilitate la voce Debug USB;
  • Riavviate il tablet, entrate su Android e collegatelo al PC;
  • Sul PC, aprite un terminale dentro la cartella che si trova in C–>ADB e scrivete il seguente comando:

adb devices

  • se il tablet è collegato correttamente avrete un risultato simile (con codice diverso ovviamente):
List of devices attached 
0123456789ABCDEG	device
  • mettete il tablet in fastboot mode. Scrivete quindi:

adb reboot fastboot

  • il tablet si riavvierà e tornerà alla schermata di selezione del sistema operativo. Scegliete Android ed entrerà in modalità fastboot;
  • date il comando per sbloccare il bootloader:
fastboot oem unlock

compariranno diverse scritte:

...
(bootloader) Unlock protection is set
(bootloader) Unlocking anyway since this is not a User build
OKAY [ 15.330s]
finished. total time: 15.330s

se il bootloader è stato sbloccato, vedrete le seguenti scritte:

SECURE BOOT – DISABLED
LOCK STATE – unlocked

adesso, per evitare che il tablet si blocchi all’avvio, copiate il file modificato del boot preferito nella cartella del PC C–>ADB e date il comando:

fastboot flash boot i15TDboot.img

(ovviamente cambiate nome se utilizzate l’altro file).

Il vostro piccolino.

2: Recovery TWRP e ROOT su Cube iWork10!

E’ arrivato il momento della recovery e del ROOT. Dato che ci siamo, possiamo continuare procedendo da fastboot. Copiate il file della recovery nel solito percorso C–>ADB, aprite il terminale e date il comando:

fastboot flash recovery i15t_recovery.img
La recovery in Landscape mode.

usate i tasti volume per spostarvi nella recovery. Selezionate Install e scegliete il file ROOT di nome UPDATE-SuperSU-v2.79-20161211114519.zip che avete scaricato. Selezionate Yes ed installatelo. Finito ciò, potete riavviare il tablet e avrete ROOT, bootloader sbloccato e TWRP sul vostro amato Cube iWork 10!

Pagefile: cos’è e come cancellarlo ad ogni arresto

By Jessica Lambiase

In più occasioni abbiamo parlato del pagefile di Windows, senza però soffermarci in alcun modo sull’utilità che questo file effettivamente ricopre all’interno del sistema operativo.

Il pagefile – o file di paging, comunque lo si voglia chiamare – è una delle componenti di Windows che è rimasta immutata nel tempo proprio per la sua importanza; per capire a cosa serve il pagefile dobbiamo dare un’occhiata a come Windows gestisce la memoria RAM.

Cosa è il pagefile di Windows

La RAM serve per ospitare dati importanti per i programmi in uso in modo che la CPU possa richiamarli più rapidamente (rispetto al disco) per l’elaborazione; virtualmente, il sistema operativo suddivide i dati presenti nella RAM in pagine di memoria, ciascuna delle quali viene inviata alla CPU al momento del bisogno.

Il pagefile di Windows aiuta la memoria di sistema: in esso infatti vengono memorizzate le pagine di memoria meno usate nel momento in cui la memoria RAM stessa non è più sufficiente a contenere le informazioni per la corretta esecuzione dei programmi attivi.

In sé il pagefile non aiuta Windows per velocità – poiché si tratta esso stesso di un file nascosto sul disco di sistema (di norma C:pagefile.sys) -, tuttavia è importante poiché aiuta a preservarne la stabilità – i programmi, grazie al pagefile, non vanno in crash anche se la memoria RAM è satura.

Come viene cancellato il pagefile di Windows

Sappiamo che l’intero contenuto della memoria RAM viene eliminato nel momento in cui Windows viene spento, tuttavia ciò non capita con il pagefile. E’ infatti il sistema operativo a decidere quando eliminarne il contenuto; tale eliminazione viene portata a termine riempiendo il file di “zero” ed impedendo, in tal modo, il recupero dei dati presenti in precedenza.

Il sistema operativo può decidere di eliminare il pagefile in qualsiasi momento della sessione e non necessariamente al riavvio; ciò può teoricamente rappresentare un problema di sicurezza, poiché i dati in esso presenti potrebbero essere letti anche dopo aver terminato la sessione.

Possiamo però, usando il registro di sistema o l’editor delle politiche di gruppo, far sì che Windows cancelli il pagefile ad ogni arresto del sistema. Come al solito l’editor delle politiche di gruppo può essere usato soltanto per le versioni di Windows differenti da Basic, Home e Home Premium. Per queste ci toccherà usare il registro.

Teniamo ben presente che cancellare il page file ad ogni arresto, pur aiutando in termini di sicurezza, provocherà un rallentamento più o meno sensibile nello spegnimento.

Il nostro consiglio è quello di usare l’editor delle politiche di gruppo ove possibile, poiché più “semplice” e a rischio minore di errori. In tutti i casi, prima di procedere, vi raccomandiamo di creare un backup del registro di Windows da ripristinare in caso di problemi.

Cancellare il pagefile di Windows

Registro di sistema

Premiamo la combinazione di tasti WIN+R e, al suo interno, digitiamo

regedit

seguito da Invio. Ora rechiamoci, dalla parte sinistra della finestra, in

HKEY_LOCAL_MACHINESYSTEMCurrentControlSetControlSession ManagerMemory Management

Cerchiamo il valore ClearPageFileAtShutdown. Se non è presente creiamolo: clicchiamo destro su Memory Management e scegliamo Nuovo > Valore DWORD (32 bit).

pagefile Windows

Diamo al nuovo valore il nome di

ClearPageFileAtShutdown

come mostrato nell’immagine in basso.

Facciamo click doppio sul valore ClearPageFileAtShutdown e inseriamo il numero 1 nel campo Dati Valore. Diamo OK.

Da questo momento il pagefile di Windows sarà cancellato ad ogni spegnimento o riavvio del PC. Se lo spegnimento del dispositivo dovesse rallentare troppo, per annullare la modifica è sufficiente ripetere la procedura ed inserire 0 (zero) nel campo “Dati valore” del valore ClearPageFileAtShutdown.

Editor delle politiche di gruppo

Premiamo la combinazione di tasti WIN+R e, al suo interno, digitiamo

gpedit.msc

seguito da Invio. Dalla parte sinistra della finestra rechiamoci in Configurazione Computer > Impostazioni di Windows > Impostazioni di sicurezza > Criteri locali > Opzioni di sicurezza.

Cerchiamo ora, nella parte destra della finestra, la voce “Arresto del sistema; cancella file di paging della memoria virtuale”.

Facciamo doppio click su di essa, spostiamo il segno di spunta di Attivato e diamo OK.

Da questo momento il pagefile di Windows sarà cancellato ad ogni spegnimento o riavvio del PC. Se lo spegnimento del dispositivo dovesse rallentare troppo, per annullare la modifica è sufficiente ripetere la procedura e spostare di nuovo su Disattivato la spunta modificata in precedenza.

L’articolo Pagefile: cos’è e come cancellarlo ad ogni arresto appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Le migliori tastiere per Android (gratis)

By Giuseppe F. Testa

L’arrivo del touch, ormai elemento predominante su qualsiasi dispositivo voglia farsi chiamare smartphone o tablet, ha portato alla perdita delle tastiere fisiche (le famose QWERTY), in favore delle moderne app per le tastiere Android personalizzabili nel colore, nella grandezza e spesso fornite con gustosi extra (emoji integrate, Swype etc.). Vediamo insieme la raccolta delle migliori tastiere per Android da installare sullo smartphone o su un tablet. Tutte le tastiere indicate sono gratuite, così da non dover spendere soldi per l’acquisto di una componente facilmente integrabile come la tastiera.

Le migliori tastiere per Android

GBoard

GBoard è la tastiera ufficiale di Google e Android sui dispositivi Pixel. Col tempo è diventata molto potente, funzionale e ricca di caratteristiche che renderanno la scrittura un vero piacere. Ne abbiamo già parlato approfonditamente nel nostro articolo dedicato:

Potete scaricarla dal Play Store al seguente link:

DOWNLOAD | GBoard dal Play Store

SwiftKey

2016-12-02-10_50_31-swiftkey-keyboard-app-android-su-google-play

Una delle tastiere più complete disponibili per Android. Il suo sistema di predizione è imbattibile, riuscendo a costruire intere frasi di senso compiuto in base alle nostre digitazioni e parole utilizzate in precedenza. Oltre al motore di deduzione avanzato SwiftKey offre scrittura tramite gesture, emoji e svariati temi (questi ultimi tutti gratis). L’app era a pagamento, ma da un po’ di tempo è disponibile gratuitamente per tutti.

Possiamo scaricare la tastiera su dispositivi Android dal seguente link.

DOWNLOAD | SwiftKey

Tastiera Fleksy

2016-12-02-10_55_23-tastiera-fleksy-emoji-app-android-su-google-play

Una delle tastiere più particolari disponibili nello store di Google Play. Unisce dei temi estremamente eleganti ad un sistema di scrittura avanzato, in grado di predire qualsiasi cosa. Anche questa tastiera integra emoji e temi tra cui scegliere. Disponibile gratuitamente.

Possiamo scaricare la tastiera su dispositivi Android dal seguente link.

DOWNLOAD | Tastiera Fleksy

GO Keyboard

2016-12-02-10_58_23-go-keyboard-emoji-emoticons-app-android-su-google-play

Una delle tastiere più colorate e ricche di funzionalità! Presenta un numero davvero elevato di faccine, emoji e quanto di più si possa inserire in un campo di testo. Offre anche la tastiera classica (tipo cellulare anni 2000) e numerosissimi temi. Tastiera gratuita che farà la gioia dei giovani.

Possiamo scaricare la tastiera su dispositivi Android dal seguente link.

DOWNLOAD | Go Keyboard

Tastiera Ginger

2016-12-02-11_05_07-tastiera-ginger-traduttore-app-android-su-google-play

Una delle poche tastiere che, oltre al motore predittivo, integra un traduttore per parole. Ottima la dotazione di emoji, così come la velocità di scrittura e la possibilità di personalizzazione.

La tastiera Ginger è disponibile gratuitamente.

Possiamo scaricare la tastiera su dispositivi Android dal seguente link.

DOWNLOAD | Tastiera Ginger

Tastiera ai.type

2016-12-02-11_10_10-tastiera-ai-type-gratisemoji-app-android-su-google-play

Una delle migliori tastiere per Android lato personalizzazione. Possiamo cambiare davvero qualsiasi aspetto, anche aggiungere emoji, senza dimenticare il sistema predittivo multi dizionario. Il tutto ovviamente gratis.

Possiamo scaricare la tastiera su dispositivi Android dal seguente link.

DOWNLOAD | Tastiera ai.type

Hacker’s Keyboard

2016-12-02-11_03_08-hackers-keyboard-app-android-su-google-play

Tra le migliori tastiere per Android. Con questa tastiera potremo utilizzare l’emulatore di terminale su Android alla stregua di un sistema PC con GNU/Linux installato. Presenta tasti e funzionalità normalmente presenti sulle tastiere per PC, così da poter programmare o avviare comandi come un vero professionista. Anche Hacker’s Keyboard è disponibile gratuitamente.

Possiamo scaricare la tastiera su dispositivi Android dal seguente link.

DOWNLOAD | Hacker’s Keyboard

Raccolta tastiere produttori

Di seguito abbiamo raccolto in un’unica sessione tutte le migliori tastiere per Android rilasciate dai produttori sui propri terminali. Se desiderate avere la tastiera Samsung sul vostro smartphone Motorola o altra marca, potete trovare tutte le tastiere in un’unica sezione.

Come cambiare tastiera su Android

Non sappiamo come utilizzare le nuove tastiere sul nostro dispositivo Android? Di seguito possiamo trovare una guida con tutti i passaggi necessari per scegliere una tastiera su Android.

L’articolo Le migliori tastiere per Android (gratis) appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Le scorciatoie da tastiera più utili in Windows 10

By Jessica Lambiase

vis-att3

Avete installato Windows 10, siete soddisfatti di ciò che il sistema operativo ha da offrirvi ma vi state disperando perché non conoscete ancora le hotkey per accedere a questa o quella nuova funzionalità direttamente dalla tastiera, senza passare per il mouse o senza toccare lo schermo? Bene, allora questo è l’articolo che fa per voi!

Vi elenchiamo di seguito quelle che sono le nuove scorciatoie da tastiera più utili per migliorare la produttività una volta presa dimestichezza con esse. Per la lista completa delle hotkey disponibili in Windows 10 potrete consultare la pagina ufficiale dedicata!

Prima di continuare, vi ricordiamo che il tasto Windows è quello contrassegnato da questa immagine o da quest’altra . Le medesime scorciatoie possono essere utilizzate anche su dispositivi Mac, sostituendo al tasto Windows il tasto Comando (⌘).

Indice

Scorciatoie da tastiera Windows 10

Start & Ricerca

Tasto WINDOWS: apre il menu Start in modalità desktop, riporta in primo piano la Start Screen in modalità Tablet;

Tasto WINDOWS + S: apre la barra di ricerca (o Cortana) per l’inserimento testuale;

Tasto WINDOWS + C: apre Cortana in modalità di ascolto (se tale modalità è attiva e Cortana è attiva e disponibile nel proprio Paese);

Tasto WINDOWS + CTRL + F: cerca computer in un dominio Active Directory;

Desktop Virtuali

Tasto WINDOWS + CTRL + D: aggiunge un desktop virtuale;

Tasto WINDOWS + CTRL + Freccia destra/sinistra: naviga tra i desktop virtuali creati a destra (o a sinistra);

Tasto WINDOWS + CTRL + F4: chiude il desktop virtuale in uso; nel caso su quel desktop fossero aperti programmi o app, questi verranno spostati sul desktop immediatamente a sinistra;

Tasto WINDOWS + TAB: apre e lascia attiva la visualizzazione attività.

vis-att3

Pannelli & Notifiche

Tasto WINDOWS + A: apre il centro notifiche;

Tasto WINDOWS + B: sposta il cursore sull’area di notifica di sistema (di fianco all’orologio) e ne permette la navigazione tramite tastiera;

Tasto WINDOWS + CTRL + B: apre immediatamente l’app per cui è stata visualizzata l’ultima notifica;

Tasto WINDOWS + H: apre la barra di condivisione;

Tasto WINDOWS + I: apre il pannello Impostazioni;

Tasto WINDOWS + K: apre la barra di connessione a monitor esterno (pannello Connetti);

Tasto WINDOWS + R: apre la finestra di dialogo Esegui;

Tasto WINDOWS + V: passa da una notifica attiva all’altra; se premuto il tasto MAIUSC, inverte l’ordine di navigazione.

Gestione file & applicazioni

Tasto WINDOWS + E: apre “Esplora File”;

Tasto WINDOWS + G: apre la “barra dei giochi” quando un gioco o un’app compatibili sono aperti; questa barra permette di catturare screenshot o, su periferiche compatibili, di registrare video;

Tasto WINDOWS + X: apre il menu contestuale del tasto Start (Collegamento rapido);

Tasto WINDOWS + Z: quando un’app Universal è eseguita a schermo intero, ne mostra i comandi disponibili;

Tasto WINDOWS + T: naviga tra le icone presenti sulla barra delle applicazioni;

Tasto WINDOWS + numero: passa all’applicazione (o ne apre una finestra) denotata dall’icona numero sulla barra delle applicazioni.

Gestione finestre

Tasto WINDOWS + Su: ingrandisce a tutto schermo (massimizza) la finestra attiva;

Tasto WINDOWS + Giù: demassimizza la finestra intera o, se è già demassimizzata, la riduce a icona;

Tasto WINDOWS + Home: riduce ad icona tutte le finestre tranne quella attiva;

Tasto WINDOWS + Destra/Sinistra: ridimensiona e fissa (snap) la finestra attiva a destra o a sinistra; se si rilascia per prima la freccia direzionale e dopo qualche secondo il tasto WINDOWS, è possibile scegliere un programma o un’app tra quelli attivi da snappare al fianco della finestra;

Tasto WINDOWS + Maiusc + Destra/Sinistra: sposta la finestra attiva da un monitor all’altro;

Tasto WINDOWS + , (virgola): mostra temporaneamente il desktop corrente e i bordi in trasparenza delle finestre attive;

Tasto WINDOWS + D: mostra il desktop riducendo immediatamente ad icona tutte le finestre attive sul desktop corrente;

Tasto WINDOWS + M: riduce ad icona tutte le finestre su tutti i desktop;

Tasto WINDOWS + Maiusc + M: ripristina tutte le finestre ridotte ad icona.

Sistema & Accessi

Tasto WINDOWS + L: blocca il dispositivo o cambia account;

Tasto WINDOWS + O: blocca l’orientamento del dispositivo;

Tasto WINDOWS + Pausa: mostra la finestra “Proprietà del sistema”;

Tasto WINDOWS + P: permette di accedere alla modalità di visualizzazione delle presentazioni (opzioni di estensione schermo)

Accessibilità

Tasto WINDOWS + U: apre il Centro Accessibilità;

Tasto WINDOWS + Invio: apre l’Assistente Vocale;

Tasto WINDOWS + + (più) o – (meno): ingrandisce o riduce la visualizzazione tramite la lente di ingrandimento (Magnifier);

Tasto WINDOWS + Esc: chiude la lente d’ingrandimento.

L’articolo Le scorciatoie da tastiera più utili in Windows 10 appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.