Wine 2.0 work in progress: disponibile la seconda RC.

By Matteo Gatti

wine 2.0

Il team di sviluppo di Wine ha annunciato il rilascio della seconda RC di Wine 2.0.

Wine è un software scritto in C che permette il funzionamento dei programmi sviluppati per il sistema operativo Microsoft Windows su Linux.
In realtà fino al 1997 Wine era l’acronimo di Windows Emulator poi cambiato nell’attuale per distinguerlo dai normali emulatori.

Wine 2.0 è una major release attesa da tempo e da poco è stata rilasciata la prima release candidate. Lo sviluppo è in stato di freeze e la versione definitiva è attesa per gennaio 2017.

Le novità della seconda RC.

Questa seconda RC corregge ben 20 bug riportati agli utenti dal rilascio della rc1. Tra questi possiamo citare la correzione di un problema che si verificava al lancio di alcuni giochi:

  • Hitman: Blood Money
  • STAR WARS: TIE Fighter Collector’s Edition
  • Rollercoaster Tycoon 3

Migliorato il supporto anche per Gauntlet e soprattutto per World of Warcraft.

I client di Skype e del software Dragon NaturallySpeaking 12 non dovrebbero più avere problemi di crash.

Potete consultare il changelog completo e scaricare l’rc2 cliccando qui.

sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Wine 2.0 work in progress: disponibile la seconda RC. sembra essere il primo su Lffl.org.

Scaricare sottotitoli in automatico con Plex

By Giuseppe F. Testa

Abbiamo configurato un media server utilizzando Plex, ma abbiamo un sacco di contenuti in lingua straniera o con parlato forzato in lingua diversa dall’italiano? In questi casi possiamo sfruttare le potenzialità di Plex per scaricare i sottotitoli in automatico senza dover procurarsi nessun file e senza modificare i file video originali, ma sfruttando l’integrazione del servizio offerto da OpenSubtitle.org.

Possiamo scaricare Plex per PC, TV Box e NAS seguendo la nostra guida dedicata.

cat-logocat-logo

Sottotitoli in automatico con Plex

Registrazione

Prima di configurare i sottotitoli in automatico sul Media Server Plex registriamo un account gratuito sul sito di OpenSubtitles.org. Possiamo registrarci utilizzando il link disponibile qui in basso.

LINK | Registrazione OpenSubtitles.org

Consigliamo di utilizzare una email valida per ricevere il link di convalida. Segnamo il nostro nome utente (Username) e password, ci serviranno per ottenere i sottotitoli su Plex in automatico.

Configurazione di Plex

Una volta registrato un account su OpenSubtitles.org, apriamo il programma Plex ed utilizziamo il tasto Impostazioni, come da immagine sottostante.

Nel menu Impostazioni apriamo il sub-menu Server, come indicato nell’immagine in basso.

Tra le varie sezioni disponibili di lato selezioniamo Lingue.

Nella sezione laterale che si aprirà spuntiamo la voce Seleziona automaticamente le tracce audio e sottotitoli. Assicuriamoci anche che le successive voci siano configurate con la lingua italiana e che la modalità sottotitoli sia impostata su Guardato con audio in lingua straniera, come da immagine in basso.

Premiamo su Salva Modifiche per confermare tutto.

Portiamoci ora sulla sezione Agenti, così da poter configurare i plugin che indicizzano il contenuto digitale del media server.

Selezioniamo per ogni contenuto video (Film e Spettacoli) Plex Movie (per i film) o TheTVDB (per le serie TV). Troveremo sotto questi agenti il plugin di OpenSubtitles.org.

Attiviamo il plugin inserendo una spunta sul quadratino bianco di lato; utilizziamo ora l’icona a forma di ingranaggio affianco al plugin per le ultime configurazioni.

Inseriamo nella finestra che comparirà l’username e password di OpenSubtitles.org, inserendo anche la lingua italiana per i sottotitoli.

Clicchiamo su Salva.

Una volta usciti dalle impostazioni dovremo ricaricare tutte le informazioni delle nostre librerie utilizzando la voce presente nel menu indicato nell’immagine in basso.

Ora aprendo ogni contenuto avremo accesso anche ai sottotitoli in automatico su Plex, forzati per essere riprodotti con i contenuti in lingua straniera o con spezzoni video con lingua non italiana.

Altre guide Plex

Possiamo utilizzare Plex su Chromecast leggendo la nostra guida dedicata.

Se invece vogliamo sfruttare Plex su Smart TV, possiamo conoscere le TV compatibili con Plex con il nostro articolo dedicato.

L’articolo Scaricare sottotitoli in automatico con Plex appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come provare Windows 1.0.1 dal browser

By Jessica Lambiase

Windows è sinonimo di un sistema operativo completo e semplice da usare: dalle finestre alla personalizzazione, passando per pratici menu ed – oggi – Cortana, la piattaforma offerta dal big di Redmond è pensata per chi vuole cose tutt’altro che complesse ma immediatamente usabili.

Non tutti sanno, però, che anche Windows è partito come un sistema operativo che oggi definiremmo brutto e scomodo da usare, ma che per l’inizio dell’era del personal computing rappresentava già gran cosa: quanti di voi hanno provato Windows 1.0? E quanti vorrebbero farlo?

windows-1

Ebbene, se siete curiosi sappiate che esiste un sito web, con tanto di emulatore online (per cui sul vostro computer non dovrete installare assolutamente nulla), che permette di provare Windows 1.0.1 dal browser: per farlo dovrete semplicemente recarvi sul link in fondo alla pagina ed attendere il caricamento dell’emulatore.

Da lì potrete usare tutti i programmi preinstallati in Windows 1.0.1 (tra cui il mitico Reversi), usufruendo di un PC IBM XT 5160, con con un processore da ben 4.77 MHz (si, Megahertz) affiancato a 256 Kb di RAM e 10 MB di spazio su disco, il tutto rigorosamente emulato. Tra l’altro, potrete caricare anche dei file personali o eventualmente modificare un po’ le specifiche della macchina. Pronti ad iniziare questo viaggio alla scoperta di quel che era Windows praticamente all’inizio della sua esistenza?

Fate click sul link in basso e… il tempo inizierà a volare senza che ve ne rendiate conto!

LINK | PCJs – Windows 1.0.1

L’articolo Come provare Windows 1.0.1 dal browser appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

I migliori siti per provare e scaricare font gratis

By Jessica Lambiase

scaricare font gratis

Avete bisogno di un carattere particolare per quella lettera che state scrivendo o per quella presentazione così importante che state progettando? State creando un logo, un biglietto da visita o qualsiasi altra cosa richieda un font più particolare rispetto a quelli che avete già installato?

Allora questo è l’articolo che fa per voi: vi segnaliamo i migliori siti per provare e scaricare font gratis, sia per uso personale che per uso commerciale! La raccomandazione è sempre quella di far attenzione al tipo di licenza, onde evitare di ritrovarsi con qualche artista arrabbiato che, senza che voi ve lo aspettiate, verrà a chiedervi il (giusto) compenso per il suo lavoro!

I migliori siti per scaricare font gratis

Font Filing

Si tratta a mio avviso di uno strumento davvero utile: basterà inserire del testo a piacere nell’apposita casella, dopodiché selezionare la famiglia di font dal primo menu a tendina ed il font specifico dal secondo. Dopo qualche secondo, il testo verrà visualizzato con il font che avete scelto ed avrete la possibilità di aggiungere formattazione ove possibile, aumentare o diminuire la dimensione e, ciliegina sulla torta, potrete infine scaricare il font ed utilizzarlo (per scopi non commerciali) a vostro piacimento.

LINK | Font Filing (Home)

Font Squirrel

font-squirrel

Anche se questo portale non permette di provare i font in anteprima su un testo arbitrario, la raccolta di font ivi proposta ha una caratteristica che in molti apprezzeranno: tutto è utilizzabile gratuitamente anche a scopi commerciali, limitando quindi il rischio di ritrovarsi accusati di infrazione di copyright quando meno ci si aspetta.

Sebbene sia apparentemente caotico, bastano davvero pochi minuti per comprendere come Font Squirrel funzioni: è possibile infatti sfogliare le raccolte di font (alcune prelevate da siti esterni) suggerite, raggrupparle per categorie o per nome; ovviamente, una volta trovato il font o i font di gradimento sarà possibile procedere al download.

Font Squirrel prevede anche una sezione contenente font e famiglie di font a pagamento (sezione “Almost Free”).

LINK | Font Squirrel (Home)

Altre risorse

L’articolo I migliori siti per provare e scaricare font gratis appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Carlito e Caladea, due caratteri liberi per sostituire Calibri e Cambria

By Marco Giannini

Quando ci si trova a lavorare con documenti di testo generati da altri utenti che usano suite da ufficio diverse da LibreOffice ci si scontra spesso con l’impossibilità di visualizzare correttamente i testi prodotti per via della mancanza di alcuni fonts. Nel 99% delle volte la colpa è della mancanza dei font proprietari Microsoft Calibri e Cambria.
Calibri e Cambria sono due font introdotti da Microsoft con Windows Vista. Di questi due fonts Calibri è il più conosciuto in quanto Microsoft lo ha scelto come carattere predefinito su Microsoft Office 2007 e quindi viene usato dalla stragrande degli utenti occasionali (e non) della suite Office.
Se proviamo ad aprire un file che contiene questi due fonts e sul nostro sistema non abbiamo installato questi caratteri il documento non si visualizzerà correttamente e ci troveremo con una formattazione del testo diversa da come l’aveva realizzata chi ha generato il file.
Per fortuna esiste un modo per risolvere a questo problema su Linux e LibreOffice senza dover installare i caratteri proprietari Microsoft che, ricordiamo, sono disponibili solo in Microsoft Office, e non sono liberamente disponibili per il download o utilizzare in altro modo.
Esistono infatti due caratteri liberi che sono stati pensati come sostituti dei suddetti caratteri Microsoft e che sono Ecco come viene renderizzato il documento scritto in Calibri senza il font Carlito installato
e con il font Carlito installato
Ecco come viene renderizzato il documento scritto in Calibri con il font Calibri installato
Come potete notare la differenza c’è e si vede. Grazie a Carlito siamo in grado di visualizzare correttamente la formattazione del documento.
Se volete utilizzare Carlito e Caladea su Windows vi toccherà compiere un ulteriore passaggio che consiste nell’applicare una tabella di sostituzione in modo tale da “costringere” LibreOffice ad usare Carlito e Caladea anche in presenza dei fonts Calibri e Cambria.

Per farlo basterà avviare LibreOffice, cliccare su Strumenti, Opzioni, LibreOffice, Tipi di Carattere.

Qui andiamo a spuntare la voce “Applica tabella di sostituzione“.
Ora dobbiamo andare a impostare la tabella come da screenshot che segue
e premere su Ok.

Programmare spegnimento automatico PC

By Jessica Lambiase

Abbiamo bisogno di un metodo che ci aiuti a programmare lo spegnimento automatico del PC Windows, meglio ancora se questo spegnimento può essere ripetuto nel tempo? La strada “difficile” è quella di usare il prompt dei comandi e l’utilità di pianificazione di sistema, ma se invece potessimo contare su un programma che si occupa di fare il “lavoro sporco” per noi e che riduce tutto a qualche click?

Ebbene questo programma c’è, è gratuito e open source e si chiama Simple Shutdown Scheduler: grazie ad esso potremo programmare lo spegnimento automatico del PC, anche con cadenza giornaliera, settimanale o mensile, e programmare anche diversi tipi di altre operazioni!

Senza perderci in altre chiacchiere scopriamo insieme come fare e come sfruttare al meglio questo pratico software.

Programmare spegnimento automatico PC

Scarichiamo, per iniziare, l’applicazione Simple Shutdown Scheduler – rigorosamente open source e gratuita – direttamente da Sourceforge, seguendo il link in basso.

DOWNLOAD | Simple Shutdown Scheduler

Installiamo normalmente il programma e, all’ultima schermata, mettiamo il segno di spunta su “Launch Simple Shutdown Scheduler” per eseguirlo immediatamente dopo.

Una volta aperto il programma si presenterà come segue:

Clicchiamo immediatamente su Options per assicurarci che il programma venga eseguito all’avvio di Windows (altrimenti gli spegnimenti programmati non saranno rispettati): clicchiamo sulla scheda General e mettiamo il segno di spunta su tutte e tre le voci, poi diamo Save.

Ora, tornati alla scheda principale, clicchiamo sul pannello Scenarios: uno scenario è, praticamente, uno spegnimento programmato (o un’altra operazione, come scopriremo tra breve).

Clicchiamo sul menu a tendina sotto New Scenario e, per programmare lo spegnimento automatico del PC, scegliamo Shutdown dalla lista.

Possiamo mettere il segno di spunta su Force – in tal modo lo spegnimento sarà forzato, ovvero il PC verrà spento anche se qualche applicazione lo blocca (ad esempio in caso di lavoro non salvato). Diamo ora uno sguardo più in basso: mettendo il segno di spunta su Date & Time potremo scegliere la cadenza del nostro spegnimento automatico. Selezioniamo dal menu a tendina

  • “one time” per ripetere lo spegnimento una sola volta;
  • daily per spegnere il PC tutti i giorni all’ora prestabilita;
  • weekly per spegnere il PC tutte le settimane nel giorno e nell’ora prestabilita;
  • Monthly per spegnere il PC tutti i mesi nel giorno del mese e nell’ora prestabilita.

A seconda dell’opzione scelta, nella tendina a fianco potremo scegliere la data. Se l’evento è da ripetere una sola volta, la tendina ci permetterà di scegliere la data e l’ora in cui spegnere il PC; se l’evento è da ripetere con cadenza, allora potremo scegliere l’ora di spegnimento (per il giornaliero), il giorno della settimana e l’ora di spegnimento (per il settimanale) o il giorno del mese e l’ora di spegnimento (per il mensile).

Mettendo invece il segno di spunta su Countdown potremo far partire un conto alla rovescia al termine del quale il PC sarà spento automaticamente.

TIP: mettendo il segno di spunta su “Remote Action” potremo, inserendo l’indirizzo IP, il nome utente e la password del PC, anche spegnere da remoto un computer in rete.

Una volta definito il nostro scenario potremo fare click su Add Scenario per programmare lo spegnimento automatico del PC secondo le regole stabilite in precedenza.

La finestra principale del programma mostrerà tutti gli scenari configurati; da qui possiamo attivarli o disattivarli uno ad uno (senza però cancellarli). Possiamo tranquillamente chiudere la finestra: il programma resterà in esecuzione in background e potremo trovare la sua icona, insieme ad un menu rapido richiamabile con il click destro del mouse, nell’area di notifica di Windows.

Come vi raccontavamo poc’anzi, lo spegnimento automatico del PC non è l’unica operazione possibile con Simple Shutdown Scheduler: seguendo una procedura simile potremo creare anche scenari per:

  • riavviare il computer (reboot);
  • spegnere completamente la macchina tramite ACPI (Poweroff);
  • mettere il PC in standby (sleep);
  • disconnettere l’utente corrente (logoff);
  • bloccare il computer (lock);
  • avviare un programma (start program).

Insomma Simple Shutdown Scheduler è uno strumento che rende semplice la pianificazione di alcune operazioni di base del sistema; niente che non possa essere fatto anche con il Prompt dei comandi e le operazioni pianificate, certo, ma questo programma rende il tutto decisamente più semplice.

L’articolo Programmare spegnimento automatico PC appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Vodafone TV: digitale terrestre, Netflix e NOW TV insieme!

By Giuseppe F. Testa

Vodafone allarga l’offerta per i suoi clienti lanciando sul mercato italiano Vodafone TV, un servizio in grado di riunire il meglio della tecnologia in streaming in un unico dispositivo, la Vodafone TV Box.

Scopriamo insieme tutti i vantaggi di Vodafone TV per l’Italia.

Vodafone TV

Contenuti disponibili

La nuova piattaforma di Internet TV offre i migliori contenuti provenienti dalle seguenti piattaforme:

  • Now TV
  • Discovery Italia
  • Chili

Oltre a questi servizi Vodafone TV vanta accordi commerciali per i contenuti di Sky e Netflix. Vodafone TV permette di accedere a tutti i canali del digitale terrestre in streaming ed offre i canali trasmessi da NOW TV, tra cui:

  • Sky Uno
  • Fox Life
  • Disney Channel
  • Disney Junior
  • Nick Jr.
  • Sky TG 24
  • Sky Sport 24
  • Fox Animation
  • History Channel
  • Nat Geo Wild
  • Eurosport 1
  • Eurosport 2

Ma non finisce qui: per i canali Nove, Real Time, DMax, Giallo, Focus, K2 e Frisbee di DISCOVERY ITALIA e per il canale Super! di De Agostini Editore possiamo rivedere i programmi della settimana precedente e registrare i programmi preferiti, senza aspettare la diretta. Tale funzionalità è disponibile anche per tutti i canali del digitale terrestre.

Vodafone TV offre anche numerosi show, documentari, contenuti per bambini e più di 30 nuovi film ogni mese, con 8 film di CHILI inclusi con 2 prime visioni.

Tutti i clienti Vodafone TV avranno inclusi 6 mesi di Netflix Standard inclusi. I clienti Vodafone TV possono visualizzare i contenuti Netflix in Ultra HD 4K pagando l’apposita opzione tramite il Vodafone TV Box, in più pagare l’abbonamento a Netflix direttamente in bolletta.

Infine una gradita sorpresa per chi ama guardare contenuti in mobilità: con la Vodafone TV app è possibile fruire dei contenuti anche tramite smartphone e tablet.

TV Box

Per usufruire dei servizi di Vodafone TV verrà fornito un TV Box brandizzato Vodafone, compatibile con i contenuti 4K e collegabile a qualsiasi TV tramite HDMI.

I contenuti in 4K vincolano il dispositivo all’utilizzo solo su fibra ottica, quindi per offerte Vodafone Fibra.

Costo

Vodafone TV è disponibile per tutti i clienti Vodafone Fibra al costo di 10 euro ogni 4 settimane. Si può attivare Vodafone TV nei centri autorizzati. Arriveranno nuovi contenuti e promozioni in esclusiva per i clienti che acquisteranno Vodafone TV in anteprima.

Possiamo ricevere aggiornamenti su Vodafone TV dal seguente link. Al momento possiamo attivare il servizio solo nei negozi.

LINK | Vodafone TV

Alternative

Non siamo soddisfatti di Vodafone TV? Possiamo utilizzare in alternativa Amazon Prime Video, incluso nell’abbonamento Amazon Prime.

Oppure scegliere Netflix e il suo elenco di contenuti in esclusiva.

L’articolo Vodafone TV: digitale terrestre, Netflix e NOW TV insieme! appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Il Natale con Esselunga è 1000 volte più speciale!

By Giuseppe F. Testa

Fare la spesa è un affare che tiene impegnati migliaia di italiani tutti i giorni. Con l’arrivo del Natale – e dei preparativi per il cenone – fare la spesa diventa la principale attività di chi organizza la classica rimpatriata familiare in casa. Ma fare la spesa da Esselunga può essere ancora più speciale, soprattutto se siete appassionati di novità tecnologiche e di smartphone o non avete ancora scelto il regalo da fare al partner o ai figli!

Con l’iniziativa Natale con Esselunga possiamo partecipare al concorso e vincere 1.000 iPhone 7 al giorno o altri numerosi superpremi. Vediamo insieme tutti i dettagli del concorso.

Festeggia il Natale da Esselunga

Con il concorso Vinci con Esselunga possiamo vincere i seguenti premi tutti i giorni:

  • Uno dei 1.000 iPhone 7 messi in palio ogni giorno (per tutta la durata del concorso sono in palio 24.000 iPhone 7 da 32GB);
  • Una delle 96.000 bottiglie di Magnum di Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Val d’Oca;
  • Uno dei 96.000 buoni spesa da 30 euro.

Inoltre esiste la possibilità di aggiudicarsi uno dei 4.800 iPod shuffle da 2GB in palio semplicemente conservando la cartolina e utilizzando l’app Esselunga, come descritto nella sezione successiva.

Affrettatevi perché il concorso è valido fino al 24 dicembre 2016.

Come vincere i superpremi

Per vincere uno dei premi principali descritti nel paragrafo precedente basterà effettuare la spesa nei negozi Esselunga, nelle Profumerie EsserBella e nella sezione dedicata agli acquisti on-line dei rispettivi siti.

LINK | Esselunga

LINK | EsserBella

Basterà presentare alla cassa la propria Carta Fìdaty (oppure inserendo il relativo codice nell’apposito software per la spesa on line).

Otterrete alla cassa (oppure insieme alla spesa nel caso di acquisti on line) una cartolina “Apri e vinci” ogni 30,00 € di spesa (in un unico scontrino) o ogni 50 Punti Fragola (in un unico scontrino). Sulle cartoline “Apri e vinci” sarà presente una linguetta; rimuovendola scoprirete se avete vinto uno dei premi immediati in palio, da ritirare subito al Punto Fìdaty.

Se non avete vinto, non buttate la cartolina: scansionate il codice a barre all’interno dell’app Esselunga per provare a vincere uno dei 4800 iPod Shuffle in palio.

Possiamo scaricare l’APP di Esselunga* per tutti i dispositivi Android, i dispositivi Apple (iPhone e iPad) e per i dispositivi con Windows Phone o Windows Mobile.

DOWNLOAD | Esselunga (Android)

DOWNLOAD | Esselunga (iPhone/iPad)

DOWNLOAD | Esselunga (Windows Mobile)

*ricordati di scegliere il negozio dove vuoi ritirare il tuo regalo. Dopo soli 3 giorni, potrai ritirarlo al Punto Fìdaty.

Chi ha già vinto

Numerose sono le testimonianze di chi ha già vinto, i numeri parlano da sé:

  • 15.714 iPhone 7 da 32 GB vinti finora;
  • 57.115 Magnum di Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Val d’Oca vinte finora;
  • 50.879 Buoni spesa da 30 euro vinti finora;
  • 2.502 iPod shuffle da 2GB vinti finora.

Di seguito possiamo trovare un video con la testimonianza dei vincitori che hanno ritirato il loro premio.

Informazioni e regolamento completo

Maggiori informazioni sono disponibili ai seguenti link.

LINK | Esselunga

LINK | Esselunga ti premia

Possiamo leggere il regolamento completo del concorso dal seguente link, dove possiamo trovare tutti i dettagli della promozione Esselunga Natale.

DOWNLOAD | Regolamento completo

L’articolo Il Natale con Esselunga è 1000 volte più speciale! appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come vedere Amazon Prime Video su TV

By Giuseppe F. Testa

Amazon Prime Video, la piattaforma di streaming di Amazon, è giunto ormai in Italia. Possiamo utilizzare il servizio su PC, su notebook e su qualsiasi dispositivo mobile (Android e iOS). Abbiamo però la necessità di vedere Amazon Prime Video su TV in salotto?

Per godere di Amazon Prime Video sul televisore di casa possiamo utilizzare i seguenti metodi. I seguenti metodi sono validi sia se abbiamo un TV Smart sia se abbiamo una televisione senza funzionalità Smart.

Amazon Prime Video su TV

Miracast

Il metodo più veloce per guardare Amazon Prime Video su TV è utilizzare uno smartphone o tablet con la condivisione dello schermo wireless tramite Miracast. In questo modo potremo inviare il contenuto dello schermo del dispositivo mobile al TV tramite tecnologia senza fili. Se la TV non è compatibile con Miracast nativamente possiamo utilizzare degli adattatori HDMI, in stile Chromecast.

Possiamo verificare se i nostri dispositivi mobili e se la TV sono compatibili con Miracast più tutte le informazioni su come utilizzarlo leggendo la nostra guida dedicata.

Chromecast

Attualmente il Chromecast non è supportato dall’app di Amazon Prime Video, per decisioni commerciali di Amazon. In ogni caso è possibile sfruttare comunque il Chromecast utilizzando la funzione Mirroring disponibile con l’app Google Home, trasmettendo lo schermo del dispositivo Android, con l’app avviata, su TV.

Possiamo scaricare Google Home dal seguente link.

DOWNLOAD | Google Home

Possiamo vedere come utilizzare l’app Google Home per trasmettere video da dispositivo mobile al Chromecast leggendo la nostra guida.

AirPlay

L’app di Amazon Prime Video per iPhone e iPas è compatibile nativamente con i dispositivi AirPlay presenti sulla rete (Apple TV). In questo caso è sufficiente utilizzare l’apposita icona per la trasmissione del video presente in alto a destra durante la riproduzione di un contenuto di Amazon Prime Video.

Possiamo scaricare l’app di Amazon Prime Video per iOS dal seguente link.

DOWNLOAD | Amazon Prime Video (iOS)

TV Box

Per vedere Amazon Prime Video su TV possiamo in alternativa utilizzare un TV Box, molto utile anche per sfruttare altre app utili su TV (tipo Kodi). L’app di Amazon Prime Video per Android non ha limitazioni di risoluzione o di blocco root, quindi è compatibile con qualsiasi dispositivo Android. In basso una guida per acquistare il miglior TV Box Android in commercio.

Possiamo scaricare l’app per TV Box Android dal seguente link.

DOWNLOAD | Amazon Prime Video (Android)

In alternativa possiamo utilizzare un TV Box Windows, su cui possiamo utilizzare qualsiasi browser Web compatibile con Amazon Prime Video.

Smartphone/tablet collegato a TV

Invece di usare una connessione Miracast sui dispositivi mobili, possiamo utilizzare un cavo per collegare lo smartphone o il tablet alla TV. I migliori metodi per collegare lo smartphone o il tablet possiamo trovarli nella nostra guida dedicata.

MiniPC collegato a TV

Come ultima istanza possiamo utilizzare un mini PC Windows per visualizzare Amazon Prime Video su TV, alla stregua di un TV Box Windows ma con più potenza a disposizione. Possiamo assemblare un miniPC completo per salotto seguendo la nostra guida dedicata.

L’articolo Come vedere Amazon Prime Video su TV appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Termometro ad infrarossi digitale Tacklife: la nostra recensione

By Manuel Baldassarre

Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06

Oggi siamo in compagnia di un gadget molto particolare. Si tratta di un termometro ad infrarossi – venduto da Tacklife – in grado di misurare con estrema precisione e sensibilità la temperatura di un oggetto, senza doverci avvicinare.

Come potete immaginare il suo campo di applicazione è davvero vasto, soprattutto se si pensa che questo termometro è in grado di percepire temperature che vanno dai -50 °C ai 550 °C. Senza dilungarci oltre vediamo insieme di cosa si tratta!

Confezione

La confezione di vendita è amica dell’ambiente: il box è realizzato in cartone riciclato e mostra il termometro sulla parte frontale e qualche informazione sulla parte posteriore.

All’interno invece troveremo una sacca protettiva dov’è riposto il pirometro che, a sua volta, è avvolto in un sacchetto di plastica ed è già pronto all’uso. Infatti nello scompartimento dell’impugnatura è alloggiata una batteria da 9V pronta per essere scartata e messa in funzione (non dovrete far altro che collegarla ai due morsetti e richiudere il vano).


Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06
Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06

Dietro la sacca da trasporto poi, è cucita una fibbia abbastanza larga da poter essere infilata praticamente su qualsiasi tipo di cintura o cinturone. Ciò consente di poterla portare ovunque con comodità e praticità! Infine troviamo in confezione un comodo manuale utente ricco di informazioni e dati utili per un corretto utilizzo del nostro termometro ad infrarossi.

Design & Ergonomia

Questo termometro di Tacklife è interamente realizzato in plastica e prende la forma di una “pistola“, sul cui retro è installato un piccolo display LCD e dei tasti utili a gestirne le funzionalità.

Sulla parte frontale ci sono i due laser ad infrarossi con, al centro, un “occhio” per la lettura della temperatura. Sulle facce laterali invece, sono presenti degli adesivi utili a conoscere le condizioni ottimali di funzionamento (in termini di distanza di misura e temperatura max/min misurabile).

Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06
Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06
Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06
Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06

Il display LCD si trova proprio sul retro ed è retroilluminato (anche se in condizioni di luce intensa si fatica un po’ a leggere) con al di sotto quattro tasti che servono a: cambiare unità di misura, attivare la modalità NCV, cambiare la modalità di utilizzo, attivare/disattivare il laser.

Ne esistono di vari modelli: questo è IT-T06 che potremmo definire il “top” fra i termometri ad infrarossi Tacklife perché oltre alla sensibilità decisamente elevata rispetto ai fratelli più economici, può vantare della funzione NVC che spiegheremo a breve.

Utilizzo

Ma veniamo al sodo! Come si comporta? Durante il nostro periodo di test il pirometro di Tacklife ci è sembrato particolarmente preciso e sensibile, anche con distanze abbastanza importanti. Ma per parlare più approfonditamente di ciò, è opportuno dare un’occhiata alla scheda tecnica:

SCHEDA TECNINCA

  • Temperature: -50°C ~+550°C [ -58°F ~ 1022°F]
  • Accuratezza (accuracy): >100°C +- 2% / <100°C +- 2°C
  • Tempo di Risposta: <0.5 s
  • Emissività: regolabile (0.1 ~ 1.0)
  • Rapporto Distanza/Punto (D:S): 12:1
  • Alimentazione: 9V ~ 12 ore

Tra le caratteristiche ce ne sono alcune in particolare che rendono questo termometro ad infrarossi molto versatile ed in grado di misurare praticamente qualunque superficie: l’emissività ed il rapporto D:S.

Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06
Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06

Il coefficiente di emissività – in parole povere – è la proprietà di un materiale di irradiare energia, utile affinché il termometro possa effettuare la misurazione. Sul pirometro questo valore è preimpostato su 0.95 (che va bene per la maggior parte dei materiali), ma può essere modificato per adattarsi a qualunque superficie.

Il rapporto distance-to-spot invece ci da un’idea della distanza dalla quale possiamo misurare la temperatura di un oggetto. Il suo rapporto ci dice che possiamo misurare un area di 1 cm di diametro a 12 cm di distanza. Ad esempio per misurare un area di 3 cm dovremmo porci a 36 cm di distanza.

NCV

Un discorso a parte va fatto per la funzione NCV (Non Contact Voltage Function) che, in poche parole, permette di controllare la pericolosità – in termini di temperatura – di un materiale semplicemente avvicinando il termometro ad infrarossi in prossimità di esso.

Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06
Tacklife termometro ad infrarossi digitale pirometro IT-T06

Il display mostra quattro linee tratteggiate che stanno ad indicare il livello di pericolosità di quella superficie. Man mano che ci si avvicina le linee inizieranno ad alzarsi ed il pirometro incrementerà ed aumenterà la velocità di intermittenza di un suono acustico, che appunto ci avverte del pericolo.

Conclusioni & Prezzo

Come detto si tratta di un oggetto sicuramente professionale e adatto, dunque, ad utilizzi di specifico interesse (soprattutto considerata la sua sensibilità di quasi 550°C). Tuttavia questo tipo di oggetto è largamente utilizzato anche in casa o in ambienti lavorativi più comuni.

Per questo vi consiglio di dare un’occhiata anche agli altri termometri ad infrarossi prodotti da Tacklife, più adatti ad un uso domestico e, di conseguenza, nettamente più economici. Se vi interessa dargli un’occhiata, di seguito ci sono i link per tutti i modelli disponibili, direttamente da Amazon Italia:

ACQUISTA | Termometro digitale Tacklife IT-T06 (Amazon)

ACQUISTA | Termometro digitale Tacklife IT-T05 (Amazon)

ACQUISTA | Termometro digitale Tacklife IT-T04 (Amazon)

ACQUISTA | Termometro digitale Tacklife IT-T03 (Amazon)

ACQUISTA | Termometro digitale Tacklife versione base (Amazon)

L’articolo Termometro ad infrarossi digitale Tacklife: la nostra recensione appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.