GTA V crasha all’avvio? Ecco la soluzione definitiva!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Ultimamente mi è capitato di fare una partita o due su GTAV. Dando un’occhiata in giro però, mi sono accorto di come moltissime persone, almeno con l’edizione modificata del gioco, avessero avuto problemi di crash all’avvio su GTAV. La maggior parte di queste non ha trovato una soluzione decente e GTA5 continuava a crashare subito dopo il caricamento iniziale.

Moltissimi siti web hanno proposto di cambiare l’orario del computer, di lanciare il Social Club cracckato tramite GTAVLauncher.exe, aspettando che caricasse per poi avviare il gioco e proseguire ma nulla: appena finito il caricamento iniziale, su GTA5 compariva il messaggio “attivazione necessaria“, impedendo a tutti di proseguire. Stufo della situazione (e soprattutto, di una soluzione decisamente rara da trovare online), vi propongo la soluzione definitiva ai crash ed al messaggio “richiesta attivazione” su GTA5!

Come risolvere il problema dell’attivazione su GTA5?

Per risolvere il problema dell’attivazione necessaria richiesta su GTAV, che non vi fa proseguire oltre la schermata di caricamento iniziale, dovete semplicemente scaricare il launcher modificato da qui (MEGA). Scompattatelo, apritelo, copiate il file Non USA.exe dentro la cartella dei file di gioco (nel caso aveste l’edizione americana, selezionate ovviamente USA.exe) e avviate il gioco da lì.

A questo punto, si aprirà un terminale che avvierà GTAV cambiando automaticamente l’orario di Windows pingando un server speciale, che vi permetterà di accedere al gioco senza problemi ed evitando la richiesta d’attivazione.

NOTA: Prima di avviare il gioco, avviate il Social Club premendo su GTAVLauncher.exe. Una volta che avrà finito di caricare, potrete avviare il gioco da Non USA.exe in piena libertà se senza problemi sui salvataggi.

Minecraft: Pocket Edition 0.16.0.5 APK Download!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Minecraft è ancora uno dei titoli più interessanti, almeno secondo le nuove generazioni, su Android e non solo ed è il momento di postarvi l’ultimo APK della Pocket Edition in versione completa. Descrizione, immagini, Download.

Descrizione!

Il nuovo aggiornamento gratuito, l’aggiornamento Boss, include il Wither, i monumenti oceanici, i comandi via barra e gli ADD-ON. Visita minecraft.net/addons per ulteriori informazioni e per provare alcuni esempi senza costi aggiuntivi. E a ottobre non perdere il pacchetto skin Racconti del terrore, che include mostri leggendari, orrori spettrali e altri fenomeni da brivido!

Esplora mondi generati casualmente e realizza costruzioni di ogni tipo, dal più umile dei rifugi al più maestoso dei castelli. Gioca in modalità Creativa con risorse illimitate o scava nelle profondità del mondo in modalità Sopravvivenza, creando armi e armature con cui difenderti dai nemici.

Crea, costruisci ed esplora come giocatore singolo o con gli amici, su dispositivi mobili o Windows 10.

NOVITÀ!

Novità della versione 0.16.0
Stiamo introducendo la prima versione degli add-on, che permettono di modificare dinamiche e aspetto del gioco. Visita minecraft.net/addons per ulteriori informazioni e per provare alcuni esempi senza costi aggiuntivi.
Una delle creature più feroci mai concepite… il Wither!
Usa i comandi via barra per modificare il gioco. Puoi donare oggetti, evocare creature, modificare l’ora del giorno e molto altro.
Guardiani antichi che sparano laser!

Download!

Scaricate Minecraft: Pocket Edition 0.16.0.5 APK completo da qui!

Rilasciato Krita 3.1

By Matteo Gatti

krita 3.1

Il team di Krita ha annunciato il rilascio di Krita 3.1.

Krita è un programma per il disegno e la modifica delle immagini, ha ampie funzioni utili per il fotoritocco. Krita è un software libero distribuito con licenza GPL.

Questa nuova release contiene i risultati del lavoro svolto durante gli ultimi mesi e le nuove funzioni sono veramente numerose. Segnalo innanzitutto l’introduzione del supporto completo per Mac OS X, ovviamente saranno presenti numerosi bug e i devs si sono raccomandati di segnalarli immediatamente. Introdotta poi la possibilità di renderizzare un’animazione in MKV, GIF, MP4 o OGG usando il multimedia framework FFmpeg.

Tra le altre novità troviamo:
  • Supporto completo a OpenGL
  • Nuovo selettore di colore con supporto alla selezione dei colori HDR
  • Quick Brush engine, un motore per i pennelli molto veloce e semplice da usare
  • Introdotto un editor di gradienti stop-based

Per maggiori dettagli vi rimando alle note di rilascio complete. Potete scaricare Krita direttamente dal sito ufficiale del progetto.

sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Rilasciato Krita 3.1 sembra essere il primo su Lffl.org.

Rilasciato Krita 3.1: supporto completo a OSX e miglioramento delle prestazioni generali

By Marco Giannini

Il team di Krita ha annunciato il rilascio di Krita 3.1.0. Questa è la prima release di Krita ad offrire un supporto completo a OSX (versioni 10.9 e successive) ed è il frutto di oltre un anno e mezzo di intenso lavoro volto al miglioramento delle prestazioni e correzioni di bug.
Fra le caratteristiche principali di Krita 3.1.0 troviamo:
  • Supporto completo a OSX e OpenGL
  • Krita può ora, grazie a FFmpeg, renderizzare una animazione nei formati git, mp4, mkv e ogg
  • Nuovo selettore di colore con supporto alla selezione dei colori HDR
  • Quick Brush engine, un motore per i pennelli molto veloce e semplice da usare
  • Aggiunto un editor di gradienti stop-based
  • Aggiunto un filtro mezzitoni
Per farvi una rapida idea vi consiglio di dare uno sguardo al video che segue:

Per tutti gli altri vi lascio il link alle note di rilascio https://krita.org/en/release-notes-for-krita-3-1/
Potete scaricare Krita 3.1.0 per Windows, Linux e OSX all’indirizzo https://krita.org/en/download/krita-desktop/ o, se siete su Linux, attendere l’aggiornamento nei repository della propria distribuzione.

Offerte Vodafone: Internet ADSL e Fibra per la casa

By Giuseppe F. Testa

Soluzione UfficioVodafone è uno degli operatori più giovani nel panorama delle connessioni ADSL e fibra ottica, ma ha saputo conquistarsi una buona fetta di pubblico grazie ai prezzi concorrenziali e alle buone velocità di connessione. Se dobbiamo cambiare operatore di telefonia o ci siamo trasferiti in una nuova abitazione, consigliamo di prendere in esame le offerte Vodafone per la connessione ADSL e Fibra ottica.

Abbiamo elencato tutte le offerte presentate dall’operatore e attive per il mese corrente, sia per i privati sia per i possessori di partita IVA. Tutte le offerte sono catalogate dalla più economica alla più costosa.

Di seguito un pratico indice per accedere subito all’offerta desiderata.

Offerte Vodafone privati

Offerta ADSL

  • Costo: 25 € ogni 4 settimane
  • Velocità massima teorica: 20 Megabit/s
  • Tecnologia: ADSL
  • Chiamate: gratuite senza scatto alla risposta
  • SIM inclusa con 1 GB per navigare fuori casa
  • Altro: contributo d’attivazione gratis se si effettua l’abbonamento via Web, Vodafone Station Revolution con consegna gratuita

LINK | Offerta ADSL

Offerta IperFibra

  • Costo: 25 € ogni 4 settimane
  • Velocità massima teorica: 300 Megabit/s o 1000 Megabit/s
  • Tecnologia: Fibra ottica
  • Chiamate: gratuite senza scatto alla risposta
  • SIM inclusa con 1 GB per navigare fuori casa
  • Altro: contributo d’attivazione gratis se si effettua l’abbonamento via Web (tranne zone coperte da fibra 1000 Mbps), Vodafone Station Revolution con consegna gratuita

LINK | Offerta IperFibra

Offerte Vodafone partita IVA

Ready+

  • Costo: da 29,90 € al mese (IVA esclusa)
  • Velocità massima teorica: 20, 300 o 1000 Megabit/s
  • Tecnologia: ADSL o Fibra ottica
  • Fibra gratis per 3 rinnovi
  • Chiamate: gratuite senza scatto alla risposta, 100 minuti verso numero mobili nazionali
  • Altro: tecnico specializzato, connessione Vodafone Internet Key 4G, Vodafone Station Revolution con consegna gratuita

LINK | Ready+

Red+

  • Costo: da 29,90 € al mese in offerta limitata (IVA esclusa)
  • Velocità massima teorica: 20, 300 o 1000 Megabit/s
  • Tecnologia: ADSL o Fibra ottica
  • Fibra gratis per 3 rinnovi
  • Chiamate: gratuite senza scatto alla risposta, 100 minuti in europa
  • Altro: tecnico specializzato, connessione Vodafone Internet Key 4G, Vodafone Station Revolution con consegna gratuita

LINK | Ready+

Red+ XL

  • Costo: da 39,90 € al mese in offerta limitata (IVA esclusa)
  • Velocità massima teorica: 20, 300 o 1000 Megabit/s
  • Tecnologia: ADSL o Fibra ottica
  • Fibra gratis per 3 rinnovi
  • Seconda linea per collegamenti FAX e POS
  • Chiamate: gratuite senza scatto alla risposta, 500 minuti in europa
  • Altro: attivazione gratuita, tecnico specializzato, connessione Vodafone Internet Key 4G, Vodafone Station Revolution con consegna gratuita

LINK | Ready+ XL

Soluzione Ufficio

  • Costo: 75 € al mese in offerta limitata (IVA esclusa)
  • Velocità massima teorica: 20, 300 o 1000 Megabit/s
  • Tecnologia: ADSL o Fibra ottica
  • Servizio centralino fino a 7 interni
  • Chiamate illimitate verso fissi e mobili nazionali e 150 minuti condivisi tra gli interni in Europa, Stati Uniti e Canada

LINK | Soluzione Ufficio

L’articolo Offerte Vodafone: Internet ADSL e Fibra per la casa appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come disabilitare blocco popup su Chrome, Firefox ed altri

By Jessica Lambiase

disabilitare blocco popup

Le finestre popup sono, in pratica, quelle che si aprono – spesso in automatico – “al di sopra” della finestra corrente del browser e che, generalmente, mostrano pubblicità o contenuti aggiuntivi. A causa dell’abuso che negli anni è stato fatto di tale meccanismo (a volte anche per installare malware), ad oggi tutti i maggiori browser hanno finito per bloccare i popup per impostazione predefinita.

In alcuni casi e per alcuni servizi (ad esempio ApriURL), però, i popup possono tornare utili se non addirittura fondamentali: in questa guida vedremo come disabilitare blocco popup sui browser Google Chrome, Mozilla Firefox, Internet Explorer, Microsoft Edge e Opera. Ovviamente il blocco può essere re-impostato in qualsiasi momento; per tutti i browser, eccetto Edge, è inoltre possibile disabilitare il blocco popup soltanto su alcuni siti.

Disabilitare blocco popup

Google Chrome

Rechiamoci in Menu > Impostazioni e clicchiamo su Mostra Impostazioni Avanzate. Clicchiamo sul pulsante “Impostazioni Contenuti…” presente sotto la voce Privacy.

Scendiamo ora fino alla voce Popup e, per disabilitare completamente il blocco Popup, mettiamo il segno di spunta su “Consenti la visualizzazione dei popup su tutti i siti”. Se invece vogliamo impostare delle eccezioni, ovvero per sbloccare i popup soltanto su determinati siti, clicchiamo invece sul pulsante Gestisci Eccezioni.

Scriviamo l’indirizzo della pagina web nella voce “Schema nome host” ed assicuriamoci che nella tendina a fianco sia selezionato “Consenti”. Diamo Invio per aggiungere il sito alla lista.

Possiamo ripetere l’operazione per tutti i siti che desideriamo, usando eventualmente anche delle wildcard. Una volta aggiunti i siti clicchiamo su “Fine”.

Mozilla Firefox

Per disabilitare blocco popup su Firefox rechiamoci in Menu > Opzioni e, dalla barra laterale, rechiamoci nella scheda Contenuti. A questo punto per disabilitare blocco popup per tutti i siti togliamo il segno di spunta da “Blocca le finestre pop-up”. Se invece desideriamo definire delle eccezioni, ovvero se vogliamo disabilitare blocco popup soltanto su alcuni siti, clicchiamo sul pulsante “Eccezioni…” in corrispondenza di “Finestre pop-up”.

Scriviamo nella voce “Indirizzo del sito” l’indirizzo della pagina per la quale vogliamo disabilitare blocco popup e premiamo Invio. Possiamo farlo per tutti i siti che desideriamo. Al termine clicchiamo su “Salva Modifiche”.

Microsoft Edge

Per disattivare il blocco popup su Microsoft Edge è sufficiente recarsi in Menu > Impostazioni > Impostazioni avanzate e spostare su “Disattivato” l’interruttore in corrispondenza di “Blocca Popup”.

Internet Explorer

Per disabilitare blocco popup in Internet Explorer possiamo recarci in Menu > Opzioni Internet (o Strumenti > Opzioni Internet) e cliccare sulla scheda Privacy. Per disattivare completamente il blocco popup togliamo il segno di spunta da “Attiva blocco popup” e diamo OK.

Se invece vogliamo disabilitare blocco popup soltanto su specifici siti, caso clicchiamo su “Impostazioni” in corrispondenza di “Attiva Blocco Popup”, poi digitiamo l’indirizzo della pagina per cui disabilitare blocco popup nella casella di testo in corrispondenza di “Siti da cui consentire i popup” e clicchiamo Aggiungi. Possiamo farlo con quante pagine vogliamo.

Clicchiamo poi su chiudi e su OK.

Opera

Per disattivare il blocco popup in Opera rechiamoci in Menu > Impostazioni, clicchiamo sulla voce “Siti web” nel pannello di navigazione. Per disattivare completamente il blocco popup mettiamo il segno di spunta su “Consenti a tutti i siti di mostrare i pop-up”.

Per definire delle eccezioni, invece, clicchiamo su “Gestione delle eccezioni…” in corrispondenza della voce Pop-up, scriviamo nel campo di testo l’indirizzo del sito per cui disabilitare il blocco popup e assicuriamoci che nella casella di fianco sia selezionato “Consenti”.

Diamo Invio (il sito verrà così aggiunto alla lista); possiamo ripetere l’operazione con quanti siti desideriamo. Una volta finito clicchiamo su Fine.

L’articolo Come disabilitare blocco popup su Chrome, Firefox ed altri appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come aprire più siti contemporaneamente

By Jessica Lambiase

Se siamo navigatori compulsivi, se il nostro lavoro ci impone di aprire molti siti o se utilizziamo spasmodicamente i motori di ricerca, potremmo aver bisogno di aprire più siti contemporaneamente evitando la trafila del copia-incolla-copia-incolla oppure del click-click-click-click.

Ebbene, questo potrebbe essere proprio l’articolo che fa per noi: grazie ad un paio di estensioni per Firefox e Chrome ed un sito web, potremo aprire più siti contemporaneamente in modo semplice e senza perdere tempo. L’unica differenza tra le estensioni e il sito è che con le prime sarà possibile aprire il link nel giro di qualche click, con il secondo i siti dovranno essere copiati e incollati in una casella di testo.

Aprire più siti contemporaneamente

Estensione Google Chrome – LinkClump

LinkClump è un’estensione per Google Chrome che permette di aprire più link contemporaneamente “rinchiudendoli” in un rettangolo disegnato col mouse. Innanzitutto scarichiamo l’estensione dal link in basso:

LINK | LinkClump (Chrome Web Store)

Una volta installata ci sarà mostrata una pagina in cui provarla; ora aprire più siti contemporaneamente è semplice: basta premere e tenere premuto il tasto destro del mouse e tracciare un rettangolo che contenga tutti i link da aprire insieme (ad esempio i risultati di una pagina di ricerca). Quando rilasceremo il tasto destro del mouse i link dentro la selezione saranno aperti in nuove schede. Nell’angolino in basso a destra viene mostrato il numero di link che saranno aperti.

Possiamo anche modificare il comportamento predefinito di LinkClump accedendo alle sue opzioni (click destro sulla sua icona nella barra di Chrome > Opzioni): possiamo modificare la combinazione di tasti per richiamare il rettangolo, definire filtri per escludere o includere link in base alle parole contenute.

Inoltre possiamo anche far sì che i siti vengano aperti in nuove finestre oppure aggiunti direttamente ai preferiti.

Estensione Firefox – Multi Links Plus

Il funzionamento di Multi Links Plus è molto, molto simile a quanto visto in precedenza: anche qui possiamo aprire più siti contemporaneamente “rinchiudendoli” in un rettangolo disegnato con il mouse. La prima cosa da fare è scaricare Multi Links Plus ed installarlo in Firefox (richiede riavvio).

DOWNLOAD | Multi Links Plus

Fatto ciò, l’estensione sarà immediatamente attiva; per aprire più siti contemporaneamente premiamo e teniamo premuto il tasto destro del mouse, disegnando un rettangolo che contenga i siti da aprire. Quando rilasceremo il tasto destro, tutti i siti chiusi nella selezione saranno aperti in schede separate.

Per disattivare l’estensione al volo e provvisoriamente, possiamo cliccare col tasto sinistro del mouse sull’icona nella barra di Firefox. Anche Multi Links Plus può essere personalizzato, e tanto: clicchiamo destro sulla sua icona e selezioniamo Options.

Dai vari pannelli che compaiono potremo definire il funzionamento della selezione, le combinazioni di tasti, il numero massimo di link da aprire, i colori, potremo aggiungere i link agli appunti immediatamente dopo averli selezionati e molto, molto altro.

Online – ApriURL

Se non vogliamo installare estensioni di terze parti possiamo invece usare un sito web come ApriURL.

NOTA: il sito ApriURL è compatibile anche con Opera, Internet Explorer e Microsoft Edge, al contrario di quanto scritto sul sito stesso.

Il funzionamento è estremamente semplice: basta copiare ed incollare i link che vogliamo aprire nell’apposita casella di testo, uno per riga, e poi cliccare su Apri Tutte le Schede.

Affinché il sito web funzioni correttamente è fondamentale sbloccare i popup del browser: potrete far riferimento al nostro articolo dedicato per scoprire come fare.

L’articolo Come aprire più siti contemporaneamente appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Visualizzare testo e ID chiamate su Xiaomi Mi band 2

By Giuseppe Monaco

id chiamate Mi Band 2

Nel vasto universo dei dispositivi realizzati da Xiaomi, più volte ci è capitato di pescare lo Xiaomi Mi Band 2, accessorio in grado di portare numerose funzionalità al vostro polso. Battito cardiaco, ora, passi, notifiche, tutte informazioni recapitate direttamente al bracciale e in grado di essere lette in modo sicuramente più rapido. Inoltre, la smart band della casa cinese viene costantemente aggiornata grazie all’apposita applicazione con la quale viene scaricato, di volta in volta, il firmware più aggiornato e viene effettuato il collegamento con i dispositivi in nostro possesso.

Quest’ultima ha da poco ricevuto un aggiornamento che introduce la possibilità di visualizzare le informazioni del contatto che sta cercando di contattarci, sia tramite chiamata che SMS. In particolare, con questa nuova feature potremo vedere il nome del contatto che ci sta chiamando oppure, se non fa parte dei nostri contatti, potremo visualizzarne il numero. Siccome, però, la versione in questione dell’app non è ancora stata rilasciata ufficialmente, vediamo insieme come installarla correttamente sui nostri dispositivi.

Per prima cosa, è necessario scaricare la giusta versione del’applicazione nel formato apk. La potete trovare nel link qui sotto.

Download| Mi Fit 2.2.9 per Android da APKMirror

Scaricato il file in questione, i passi da seguire sono i seguenti:

  • Dissociate la vostra Mi Band 2 dall’applicazione attualmente installata sul vostro smartphone:
  • Disinstallate la versione di Mi Fit in vostro possesso;
  • Impostate la lingua del vostro smartphone in inglese;
  • Installate l’apk appena scaricato;
  • Effettuate il collegamento con la Mi Band 2;

A questo punto, dopo aver eseguito il collegamento, dovrebbe partire il download automatico del nuovo firmware e la sua successiva installazione sulla Mi Band 2 appena collegata.


id chiamate Mi Band 2

  • Recatevi nella sezione dell’app relativa alle notifiche (penultima icona in basso a destra);
  • Andate alle impostazioni di chiamata;
  • Attivate l’ultima voce della lista;
  • Eseguite la stessa operazioni nelle impostazioni relative agli SMS;
  • (Opzionale) Impostate la lingua del vostro dispositivo nuovamente in Italiano.

Se avrete seguito tutti i passi appena descritti alla lettera, adesso sarete in grado di visualizzare sul piccolo display del Mi Band 2 il mittente della chiamata in arrivo o dell’SMS appena recapitato.

Via (en.miui.com)

L’articolo Visualizzare testo e ID chiamate su Xiaomi Mi band 2 appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Dodocool In-Ear per iPhone e iPad: suono cristallino!

By Giuseppe F. Testa

Apple ha rimosso il supporto al Jack audio da 3,5 mm dai suoi dispositivi per favorire la diffusione del connettore Lightning, ora unico connettore disponibile sugli ultimi modelli di iPhone e iPad. Molti utenti, fan della mela morsicata e non, non hanno apprezzato fino in fondo questa scelta, ma subito i produttori di cuffie e auricolari si sono adeguati rilasciando prodotti compatibili con l’unico connettore.

Tra questi anche Dodocool, che offre ad un prezzo interessante i suoi auricolari In-Ear compatibili con Lightning. Sapranno mantenere inalterato il fascino Apple? Scopriamo da vicino la qualità delle cuffie In-Ear proposte.

Dodocool In-Ear

Design e confezione

Gli auricolari Dodocool si presentano fin da subito come dispositivi di qualità, perfetti da abbinare ad un iPhone o ad un iPad.


I cavi sono sufficientemente lunghi e i dettagli sono ben curari: il porta microfono (con il tasto di controllo per Siri) ed il controller sono in alluminio, così come il connettore Lightning.

Sul controller del volume troviamo i tasti per poter controllare la riproduzione, alzare o abbassare il volume e il tasto per controllare gli effetti sonori.

I gommini degli auricolari sono intercambiabili per potersi meglio adattare a qualsiasi canale uditivo. Nella confezione è presente una piccola busta con tutti i ricambi per gli auricolari.

Caratteristiche

Questi auricolari In-Ear trasmettono l’audio in digitale, senza alcuna conversione in analogico (cosa tipica degli auricolari con jack da 3,5mm). Vista anche la bontà del chip audio integrato nei moderni iPhone, il suono ottenibile è di qualità elevata, con alti e medi ben definiti e bassi discreti (specie attivando la modalità Bas).

Di seguito possiamo trovare tutte le caratteristiche tecniche di questi auricolari:

  • Vari colori disponibili: Silver, Gold, Space Gray or Rose Gold (Optional)
  • Sensibilità alla pressione sonora: 91 dB +/- 4 dB @ 1mW/1kHz
  • Bit Rate: Max. 24 Bit
  • Input Voltage: 3.3V
  • Output: Max. 30 mW + 30 mW ( 32 ohm – 1% THD)
  • Tasti funzione: Volume +, Volume -, Play / Pause / FF / FR / Siri, Bass Boost On / Off
  • Lunghezza cavo + auricolari: 1.5m
  • Peso: 28.3g

Prezzo

Possiamo trovare gli auricolari In-Ear Dodocool in offerta su Tomtop al prezzo di 65€. In alternativa possiamo trovare gli stessi auricolari in vari colori anche su Amazon.

Conclusioni

Gli auricolari In-Ear Dodocool offrono una buona qualità ad un prezzo tutto sommato accessibile, considerando il costo medio degli accessori compatibili con iPhone e iPad. Se cercate dei buoni auricolari per il vostro dispositivo Apple, possiamo prendere in considerazione il prodotto offerto da Dodocool, in grado di unire un buon design, buoni materiali ad una ottima resa sonora.

L’articolo Dodocool In-Ear per iPhone e iPad: suono cristallino! appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Il 2016 di Google: le parole più ricercate

By Jessica Lambiase

Anno che volge al termine, statistiche che arrivano, conclusioni che vengono tratte. Sicuramente una delle letture più interessanti è quella dedicata al motore di ricerca Google! Ogni giorno vengono cercati miliardi e miliardi di contenuti ed è proprio per questo che basta dare un’occhiata alle sue classifiche per comprendere cosa è stato in voga durante questo 2016 in Italia!

Come succede ogni anno, Google ha creato un ritratto delle attitudini di ricerca degli italiani durante l’intero 2016 analizzando il motore di ricerca; da qui potremo capire – e piuttosto in fretta – quali sono state le tendenze che hanno contraddistinto l’anno che volge al termine, quali i personaggi più chiacchierati e quali i temi che più hanno affascinato, spaventato o interessato il popolo italiano!

Quest’anno molti argomenti hanno segnato nuovi record assoluti per quanto riguarda l’interesse di ricerca. Alcuni erano prevedibili mentre altri sono stati più sorprendenti!

Il 2016 di Google

Parole

In Italia è stato indubbiamente l’anno di Pokémon Go, in testa alla classifica delle parole emergenti. Ma non potevano non riflettersi nelle ricerche i grandi eventi sportivi – le Olimpiadi e gli Europei 2016 -, la politica internazionale con le elezioni politiche statunitensi e la Brexit, e i tristi fatti di cronaca, con il terremoto che ha colpito molte aree dell’Italia e gli addii a due grandi artisti, David Bowie e Bud Spencer.

Ecco la classifica:

  1. Pokémon Go
  2. Olimpiadi Rio 2016
  3. Europei 2016
  4. Elezioni USA
  5. Terremoto
  6. Sanremo 2016
  7. David Bowie
  8. Donald Trump
  9. Bud Spencer
  10. Brexit

Personaggi

Uno sguardo ai personaggi che hanno fatto tendenza? A David Bowie, Donald Trump e Bud Spencer fanno seguito il calciatore argentino Gonzalo Higuain, Ezio Bosso e il compianto Prince – scomparso a fine marzo -, ma anche nomi dello spettacolo come Gabriel Garko e Virginia Raffaele, entrambi protagonisti dell’ultima edizione del Festival di Sanremo. Chiudono la classifica, la poetessa Alda Merini e la cantante Patty Pravo, grande presenza canora a Sanremo.

Ecco la classifica:

  1. David Bowie
  2. Donald Trump
  3. Bud Spencer
  4. Gonzalo Higuain
  5. Ezio Bosso
  6. Prince
  7. Gabriel Garko
  8. Virginia Raffaele
  9. Alda Merini
  10. Patty Pravo

Come fare… & “Perché?”

Analizzando le ricerche di tendenza, si vede come Google sia spesso utilizzato per rispondere alle curiosità e agli interrogativi di tutti i giorni: tra i “come fare…” primeggia “come fare il gelato al caffè in casa”…

  1. Il gelato al caffè in casa
  2. Un massaggio erotico
  3. Lo slime
  4. I fiori di stoffa
  5. Un’assonometria
  6. Il trapasso moto
  7. I passati di verdura
  8. La pizza
  9. Uno spritz
  10. Un uovo sodo

mentre tra i “perché…” ha fatto tendenza la simpatica domanda “perché si intasa il braciere”.

  1. Si intasa il braciere
  2. I gatti hanno paura dei cetrioli
  3. Il colpo di stato in Turchia
  4. Un neonato piange sempre
  5. Un uomo sposato tradisce
  6. Fumi
  7. Belen e Stefano si sono lasciati
  8. La Russia gioca agli Europei
  9. Trump ha vinto
  10. I terremoti avvengono di notte

Cosa significa…

Tra gli innumerevoli quesiti, la ricerca del significato delle parole: e se in cima alla lista emergono idolatria, ad maiora e Brexit, non possiamo trascurare l’ingresso in classifica dell’originale termine “petaloso”.

  1. Idolatria
  2. Ad Maiora
  3. Brexit
  4. Trust
  5. Scisma
  6. Taggare
  7. Vegano
  8. Petaloso
  9. Gomorra
  10. Podolico

Eventi

Gli eventi che hanno interessato gli italiani nel 2016, come ci si può aspettare, sono un mix tra il “soft” ed il più serio; una classifica variegata, questa, che tratta tematiche che spaziano dagli Oscar ai tremendi terremoti, passando per i tragici attentati di quest’anno e l’evento Sanremo.

  1. Olimpiadi Rio 2016
  2. Europei 2016
  3. Elezioni USA
  4. Terremoto
  5. Sanremo 2016
  6. Oscar 2016
  7. Attentato Nizza
  8. Attentato Bruxelles
  9. Miss Italia
  10. Referendum 17/04

Ricette

Un bel po’ di importanza anche al palato, ci mancherebbe! Google non si è lasciata sfuggire l’occasione di studiare cosa gli italiani hanno cucinato, o almeno voluto imparare a cucinare, durante questo variopinto 2016! Ecco la classifica:

  1. Tiramisu
  2. Peperonata
  3. Zucchine in carpione
  4. Pane sardo
  5. Panettone gastronomico
  6. Panini integrali morbidi
  7. Mojito
  8. Pasta alla Norma
  9. Friggione
  10. Amatriciana

Mete vacanze

Che sia stato per vacanze, per lavoro o semplicemente per curiosità, ecco le mete che più hanno catturato l’interesse degli italiani durante l’anno che volge al termine!

  1. Corfù
  2. Pantelleria
  3. Lecce
  4. Tropea
  5. Palma de Maiorca
  6. Praslin
  7. Ksamil
  8. Budua Montenegro
  9. Punta Grossa
  10. Zante

Biglietti

E in ultimo, ma solo in ordine di elenco, diamo un’occhiata ai biglietti che più hanno suscitato interesse nel popolo italiano durante questo 2016 ricco di grandi ed importanti eventi!

  • Lotteria Italia 2016
  • Coldplay
  • Finale Coppa Italia 2016
  • Milan Inter
  • Depeche Mode 2017
  • Salone del Gusto 2016
  • Finale Champions
  • Ligabue Autodromo di Monza
  • Vinitaly 2016
  • Passerella Lago Iseo

L’articolo Il 2016 di Google: le parole più ricercate appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.