Shadow Wars 1.3 MOD APK (Monete illimitate) Download!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Tra gli APK modificati di oggi, vi mostro Shadow Wars, un gioco che assomiglia molto ad altri come Candy Crush et similia. Vi posto descrizione, un immagine ed il download della versione modificata del gioco.

Descrizione!

Preparati alle feste con gli aggiornamenti festivi

I mostri sono reali…

Ma tu sei un dominatore d’ombre e hai il potere di controllarli. Per sopravvivere, i tuoi mostri devono lottare contro quelli di altri dominatori sparsi per il mondo.

Unisciti alla battaglia che imperversa nel pianeta all’oscuro della gente comune. Viaggia nelle città più importanti e scontrati con cinque fazioni segrete, cattura nuovi mostri e colleziona reperti rari in ogni luogo palpitante di vita. Bilancia con attenzione le capacità dei tuoi mostri e dai vita a una banda letale per affrontare quelle nemiche in un gioco di strategia basato su pianificazione, tempismo e maestria. Più sali di livello ed evolvi i tuoi mostri, più gli avversari che incontrerai lungo il cammino saranno temibili. Unisciti alla guerra o preparati alla tua fine.

FUNZIONALITÀ:
● Colleziona, fai salire di livello ed evolvi potenti mostri, ciascuno dotato di abilità e capacità uniche.
● Rifletti sulla strategia, forma una banda di mostri, configura le loro abilità e pianifica le tue mosse.
● Unisciti a coalizioni con giocatori di tutto il mondo e sconfiggi insieme a loro i rivali.
● Gioca eventi giornalieri e settimanali basati su notizie del mondo reale, e lotta per collezionare mostri rari, risorse cruciali e reperti leggendari.
● Raccogli reperti utili per personalizzare la tua esperienza.

NOVITÀ!

Preparati alle feste con gli aggiornamenti festivi
● NOVITÀ: Mercato nero
● NOVITÀ: Offerte per eventi settimanali
● NOVITÀ: Leghe per assalti della coalizione
● NOVITÀ: Vantaggi della coalizione
1.2:
● Assalti della coalizione: prendi d’assalto altre coalizioni e trafuga le loro scorte di arconio grezzo!
● Miglioramenti alle prestazioni e correzioni di errori

Download!

Scaricate Shadow Wars 1.3 MOD APK (Monete illimitate) da qui (USERCLOUD) o da qui (ZIPPYSHARE) o da qui (dailyuploads)

Come Hackerare una WPA/WPA2 in maniera facile e veloce con Fluxion!

By Salvo Cirmi (Tux1)

Qualche tempo fa vi proposi diversi metodi e programmi con il quale effettuare un hacking completo e funzionale su PC con sistema operativo Linux o Windows (in alcuni casi anche MAC OS e BSD). Non vi ho però ancora postato nulla di ESTREMAMENTE intuitivo, qualcosa che abbia una bella interfaccia grafica, una GUI che vi faccia facilmente capire cosa state facendo e cosa volete fare. Vi parlo oggi di come hackerare una rete WiFi WPA/WPA2 con Fluxion su Linux

Hacking semplice? con una interfaccia grafica?

Esattamente. Cominciate scaricando Fluxion da qui in formato .deb ed installatelo sulla vostra distro preferita (preferibilmente su Kali Linux, in maniera da avere già tutti i driver ed i file necessari).

Come si hackera una rete WiFi WPA/WPA2 con Fluxion?

Vi mostro di seguito tutti i passaggi.

  • Fate uno scan delle reti;
  • Catturate un handshake;
  • Usate l’interfaccia WEB;
  • Lanciate un istanza FakeAP per imitare l’access point originale;
  • Spawnate un processo MDK3, che andrà a deautenticare tutti gli utenti connessi alla rete che volete hackerare, in maniera da connetterli dentro una FakeAP e permettegli di inserire una password WPA;
  • Un server DNS falso viene lanciato per catturare tutti i DNS richiesti e che vengono reindirizzati agli host che fanno girare lo script;
  • Un portale malevolo viene lanciato per mostrare una pagina, che mostra e chiede all’utente di inserire la sua password WPA;
  • Ogni password inserita viene verificata dall’handshake catturato prima;
  • L’attacco viene automaticamente terminato nel momento in cui la giusta password viene inserita.

Trovate dei tutorial approfonditi sul programma a questo indirizzo e la pagina del programma GitHub qui.

Importare i contatti nella rubrica Android

By Giuseppe F. Testa

Uno dei peggiori “incubi” acquistando un nuovo telefono è sicuramente quello del trasferimento dei propri contatti salvati in rubrica. Con le moderne tecnologie basta davvero poco per portare la rubrica dei contatti tra dispositivi con sistema operativo simile (tra dispositivi Android per esempio) ma se i produttori presentano sistemi diversi la cosa può diventare leggermente frustrante, specie per i principianti. In questa guida vi mostreremo i migliori metodi per importare i contatti nella rubrica Android in modo semplice da altri dispositivi.

Di seguito un pratico indice per accedere ad ogni sezione della guida.

Importare i contatti Android

Importare contatti da iPhone ad Android

Se proveniamo da un dispositivo Apple possiamo importare tutti i contatti presenti nella rubrica dell’iPhone in un device Android in maniera semplice ed indolore, basterà seguire la seguente guida firmata Chimera Revo, dove troveremo tutto il necessario per effettuare il trasferimento dei contatti.

cat-logo

Importare contatti da Windows Phone ad Android

Se proveniamo da un dispositivo Windows Phone o Windows 10 Mobile possiamo importare tutti i contatti presenti nella rubrica del device Microsoft in un device Android in maniera semplice ed indolore, basterà seguire la seguente guida firmata Chimera Revo, dove troveremo tutto il necessario per effettuare il trasferimento dei contatti.

Trasferire contatti da iPhone su SIM

Invece di utilizzare dei servizi online per importare i contatti sul nuovo smartphone Android, possiamo utilizzare la buona vecchia SIM card del nostro operatore per spostare tutti i contatti.

Possiamo trasferire i contatti da iPhone alla SIM card seguendo la nostra guida dedicata disponibile qui in basso.

Importare contatti da SIM ad Android

Abbiamo esportato i contatti su SIM Card? Possiamo copiarli su Android senza associare account, utilizzando esclusivamente l’app Rubrica di Android.

Apriamo l’app Rubrica e tappiamo sui 3 punti in alto a destra, selezionando il menu Importa/Esporta. Da questo menu basterà selezionare la voce Importa da scheda SIM per recuperare tutti i contatti.


Gestione rubrica tramite Google contatti

Se proveniamo da un vecchio dispositivo Android normalmente è sufficiente associare l’account Google sul nuovo dispositivo per ottenere tutti i contatti e gli altri dati utili finora utilizzati sul vecchio. Se questo non avviene (innumerevoli le cause) possiamo importare i contatti manualmente tramite Google Contatti, il servizio online in grado di mostrarci tutti i contatti salvati nell’account Google.

Trasferire dati da un account Google all’altro

Se vogliamo creare un nuovo account Google mantenendo però tutti i nostri dati (contatti, email, file di Drive, calendario) possiamo seguire la semplice procedura descritta nella guida in basso. Potremo trasferire un account Google in un altro con relativà semplicità, senza perdere nessun dato.

Programmi ufficiali produttori

Invece di utilizzare servizi online possiamo affidarci alle Suite offerte da tutti i produttori per i dispositivi messi in vendita. Con questi programmi potremo salvare non solo i contatti ma anche tutti i dati presenti sul nostro vecchio dispositivo, pronti per essere importati su un nuovo dispositivo (specie se il nuovo è dello stesso produttore).

Possiamo gestire lo smartphone da PC seguendo la nostra guida disponibile qui in basso.

Rimuovere contatti duplicati

Abbiamo dei duplicati tra i contatti salvati sull’account? Una volta importati i contatti sul device Android e associato un account Google possiamo utilizzare Google contatti per rimuovere i “doppioni”, come indicato nella nostra guida dedicata disponibile qui in basso.

L’articolo Importare i contatti nella rubrica Android appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Creare screensaver per Windows con IrfanView

By Jessica Lambiase

unica

Abbiamo sempre voluto creare screensaver personale ma la complessità degli editor di immagini e contenuti adatti allo scopo ci hanno sempre spaventati? Allora questo potrebbe essere l’articolo giusto!

IrfanView altri non è che un programma completamente open source che nasce in effetti come un visualizzatore di immagini di svariati formati, tuttavia nel tempo si è evoluto acquisendo strumenti di editing e di visualizzazione per presentazioni multimediali, file audio, GIF animate e molto altro. In questo piccolo tutorial utilizzeremo proprio IrfanView per creare screensaver per Windows, un salvaschermo molto semplice, con la possibilità di aggiungere ad esso interi video, immagini animate e addirittura musica di sottofondo!

Creare screensaver per Windows grazie a IrfanView

La prima cosa da fare per creare screensaver (in formato .scr) è scaricare ed installare sia IrfanView che il pacchetto lingua italiano, entrambi reperibili dai link in basso:

DOWNLOAD | IrfanView

DOWNLOAD | IrfanView – Lingue

Installato tutto eseguiamo IrfanView e come primo step modifichiamo la lingua, accedendo a Options > Change Language. Una volta comodi, entriamo nella modalità Presentazione utilizzando il secondo tasto da sinistra sulla pulsantiera nella finestra principale…

opzione-tasto

…oppure il menu File > Presentazione (o, ancora, il tasto W).

opzione-menu

Ci ritroveremo davanti i parametri con cui personalizzare il nostro screensaver (le impostazioni sono davvero tante ed è per questo che, all’inizio, in nome dell’intuitività vi ho fatto installare la lingua italiana): tramite la parte in alto a destra della finestra (evidenziata in rosso), potremo scegliere i contenuti da aggiungere (immagini, GIF, audio e quant’altro) semplicemente scegliendo la cartella (o le cartelle) in cui sono contenuti. E’ possibile aggiungere uno o più elementi, rimuoverli e riordinarli grazie agli appositi tasti.

Dalla parte sinistra della finestra (evidenziata in rosso), potremo invece definire numerosi parametri della presentazione grazie alle opzioni specificate (il tempo di transizione tra un contenuto ed un altro, l’ordine lineare o casuale, il punto d’inizio, l’eventuale riproduzione continua di contenuti ed MP3, l’aggiunta di un testo e quant’altro).

NOTA: nel caso si scegliesse un sottofondo in MP3, bisogna sottolineare che le immagini smetteranno di scorrere fino al suo termine se non è selezionata la riproduzione continua, altrimenti l’MP3 sarà riavviato nel momento in cui le immagini ricominceranno daccapo.

Particolare attenzione va fatta al tasto Opzioni Schermo Intero: tramite esso si accede ad una serie di opzioni che regolano la visualizzazione delle immagini sul display; consiglio in particolare di attivare la voce “Espandi tutte le immagini/animazioni allo schermo“, la quale permette di visualizzare i contenuti utilizzando tutto lo spazio a disposizione.

SCHERMO-INTERO

Una volta definite tutte le impostazioni sarà possibile visualizzare un anteprima della presentazione cliccando sul tasto “Avvia presentazione“; quando il risultato sarà soddisfacente, è sufficiente premere il tasto “Salva presentazione EXE/SCR” e, dalla finestra successiva, selezionare “Crea file SCR“, il percorso di salvataggio del salvaschermo ed il suo nome.

salvataggio

A questo punto il gioco è fatto: siamo riusciti a creare uno screensaver!

install

Per installarlo ed usarlo in Windows, è sufficiente fare click destro sul file appena creato e selezionare Installa, dopodiché selezionarlo tramite l’apposito gestore di Windows.

L’articolo Creare screensaver per Windows con IrfanView appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come trasformare Android in un telecomando universale

By Giuseppe F. Testa

I telecomandi sono i dispositivi più utilizzati in casa! Ogni dispositivo moderno dispone di un telecomando per controllarne le funzioni: TV, climatizzatori, impianto HiFi, decoder satellitare, lettore DVD, lettore Blu-Ray e decoder del digitale terrestre (solo per citare i telecomandi più utilizzati). Ma l’avere troppi telecomandi in casa porterà inevitabilmente frustrazioni! Tutti prima o poi perdono un telecomando, lo rompono (magari facendolo cadere dal divano o dal tavolo) o le pile ci abbandoneranno sul più bello, senza possibilità di sostituirle. In questa guida vedremo come far diventare il nostro fedele smartphone o tablet Android un vero e proprio telecomando universale.

Con una sola app potremo avere tutti i telecomandi riprodotti fedelmente su un’unica app, così da utilizzare solo il nostro smartphone per controllare ogni dispositivo dotato di sensore ad infrarossi.

NOTA: per poter usufruire dell’app telecomando universale consigliata nella guida è richiesto un sensore ad infrarossi (IR) sul dispositivo Android utilizzato.

Trasformare Android in un telecomando universale

Control It

Con quest’app disponibile gratuitamente potremo ottenere centinaia di telecomandi per un grande numero di dispositivi. L’app gratuita offre pubblicità integrata e solo 3 telecomandi, ma acquistando la licenza potremo ottenere qualsiasi telecomando supportato, nessuna pubblicità e la suddivisione in cartelle per maggiore comodità.

Le caratteristiche principali dell’app:

  • Immagini fotorealistiche dei telecomandi supportati
  • Codici automatici per i telecomandi disponibili; non dovremo inserire alcun codice, ci penserà l’app ad associarsi al dispositivo da controllare
  • Nuovi telecomandi aggiunti ogni giorno

Attualmente l’app supporta i telecomandi per un gran numero di produttori e modelli di qualsiasi tipo, ma nel caso non fosse presente un prodotto o un produttore possiamo mandare una foto del dispositivo o del telecomando danneggiato o non funzionante; lo sviluppatore provvederà ad aggiungere il telecomando mancante.

Download app

Possiamo scaricare Control It per Android dal seguente link. L’app è gratuita ma presenta dei contenuti pubblicitari e non permette di utilizzare più di 3 telecomandi. Acquistando una licenza potremo sbloccare tutte le funzionalità dell’app, rimuovere la pubblicità e sbloccare l’uso di qualsiasi telecomando senza limiti.

DOWNLOAD | Control it

Alternative

Se il nostro smartphone non dispone di sensore ad infrarossi possiamo provare a sfruttare le app specifiche per produttore e controllare il dispositivo via WiFi. Di seguito la nostra guida completa per trovare le altre app telecomando, utili se abbiamo una smart TV con WiFi.

Se il TV in nostro possesso non ha il WiFi ma ha una porta Ethernet, possiamo sfruttare quest’ultima collegata in Powerline alla rete per controllare il TV tramite una delle app specifiche per produttore. Di seguito la nostra guida a Powerline.

Se il TV non ha né WiFi né porta Ethernet possiamo controllarlo a distanza solo utilizzando alcuni dispositivi esterni connessi tramite HDMI.

Uno dei dispositivi esterni più gettonati è Chromecast, utile per controllare l’aspetto multimediale del dispositivo.

In alternativa possiamo utilizzare un TV Box ed integrare il controllo del TV Box con DroidMote.

Se sul TV Box utilizziamo Kodi possiamo utilizzare l’app Yatse per controllare ogni aspetto del media center.

Abbiamo puntato su un miniPC con Windows installato? Possiamo controllarlo a distanza utilizzando una delle applicazioni consigliate qui di seguito.

Telecomando su iPhone

Vogliamo controllare il nostro TV utilizzando lo smartphone iPhone? Basterà leggere la nostra guida dedicata per trovare utili consigli e le app telecomando più gettonate.

Codici telecomando

Se abbiamo acquistato un telecomando universale classico possiamo recuperare i codici e configurarlo utilizzando la nostra guida.

L’articolo Come trasformare Android in un telecomando universale appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come tracciare pacchi con Telegram

By Jessica Lambiase

Chiunque abbia usato Telegram (l’antagonista open di WhatsApp) per qualche tempo saprà sicuramente che, oltre ad essere un servizio di messaggistica, grazie ai cosiddetti BOT – ovvero degli “interlocutori automatici” che possono compiere svariati tipi di operazioni – può trasformarsi da client di messaggistica ad una sorta di piattaforma multifunzione. Ce ne sono davvero tanti e per tutti i gusti!

cat-logocat-logo

In questo articolo parleremo di quello più utile in assoluto per chi compra spesso su Internet: si tratta di un bot che permette di tracciare pacchi con Telegram nei servizi di numerosi corrieri semplicemente grazie ad una serie di comandi intuitivi e, ovviamente, al numero di tracking.

Come tracciare pacchi con Telegram

Come tracciare pacchi con Telegram

Questo BOT si chiama TrackBot e, come qualsiasi BOT per Telegram, è in grado di ricevere istruzioni semplicemente attraverso una finestra di chat di Telegram: grazie a comandi come /segui, /traccia ed altri che vi saranno mostrati all’avvio della conversazione – o semplicemente digitando /help in qualsiasi momento o usando i pratici pulsanti -, TrackBot è in grado di tenere traccia delle spedizioni effettuate dai più noti corrieri operanti in italia. Tra questi si distinguono FedEx, UPS, DHL, Brt (Bartolini), GLS, Poste Italiane, SDA, TNT e Nexive. TrackBot invierà una notifica ad ogni cambio di stato del nostro pacco, dalla consegna alla sede del corriere fino all’arrivo in casa nostra.

TrackBot è un servizio completamente gratuito e può essere utilizzato tramite tutti i client di Telegram mobile, desktop e web; come specificato nelle FAQ del servizio, durante il tracciamento potrebbero arrivare piccoli messaggi pubblicitari – questo per assicurare la gratuità del servizio ma sostenere contemporaneamente le spese di gestione del server.

Aggiungere TrackBot alla propria lista di conversazioni ed iniziare subito a tracciare i propri pacchi tramite Telegram è semplicissimo: basta recarsi da smartphone o tablet alla pagina linkata in basso e, se la conversazione non fosse aperta automaticamente, cliccare sul tasto “Send Message”.

LINK | Aggiungi TrackBot su Telegram

L’articolo Come tracciare pacchi con Telegram appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Instagram+: scaricare video e foto da Instagram

By Salvo Vosal

Abbiamo spesso parlato di app mod, adesso è il turno di una mod dell’app Instagram che permette di scaricare facilmente i video e di fare molto altro. Avevamo già parlato di un altro modo per scaricare video da Instagram (come potete leggere un po’ più sotto tramite il link riportato) ma la variante che vi mostriamo oggi ha delle aggiunte interessanti.

Instagram è un social network che permette agli utenti di scattare foto o video, applicare filtri e naturalmente condividerli. Oramai questo social network ha raggiunto un successo planetario, ed è sempre più presente su dispositivi Android o iOS, alla pari di applicazioni blasonate come Facebook e Twitter.

Il client di Instagram per Android è sempre stato molto buono, però ha ancora troppe limitazioni, per questo il team di OGMods si è messo al lavoro creando una interessante mod: il suo nome è Instagram+.

Instagram+ per Android

Questa interessante mod aggiunge al client di Instagram alcune interessanti opzioni che lo rendono Instagram+.

Le aggiunte sono:

  • Un nuovo menu dedicato al download dei contenuti (video e foto);
  • Un indicatore vi dirà se qualcuno vi sta seguendo;
  • Un tap prolungato vi permetterà di aprire e vedere le immagini di profilo;
  • Un tap prolungato vi permetterà di allargare una immagine;
  • Potete scegliere di fare partire automaticamente i video con il suono (si consiglia di disattivare questa opzione nelle ultime versioni);
  • Avrete la possibilità di poter condividere una URL direttamente.

scaricare video instagram

Instagram+ è disponibile gratuitamente, è semplice da usare ed aggiornato. Avviso: se con la ultima versione non si dovessero vedere i contenuti, si consiglia di andare nel menu impostazioni e togliere la spunta (quindi disabilitare) l’opzione che fa partire i video con l’audio abilitato.

Prima di installare questa mod si consiglia di disinstallare il client ufficiale dal proprio dispositivo Android.

Potete scaricare l’apk della mod da questa pagina. Dopo il download Instagram+ potrà essere installato come un normale file apk (potete seguire la nostra guida). Ovviamente Instagram+ non si aggiornerà automaticamente via Play Store e dovrà essere aggiornato manualmente scaricando la apk delle nuova versione quando il team la rilascerà.

Dopo essersi abituati ad Instagram+ sarà difficile tornare alla versione ufficiale con tutte le sue limitazioni…

L’articolo Instagram+: scaricare video e foto da Instagram appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Le migliori app per controllare PC a distanza

By Giuseppe F. Testa

Abbiamo piazzato un TV Box Windows o un mini PC in salotto e vogliamo controllarlo a distanza senza utilizzare un mouse o una tastiera senza fili? Possiamo trasformare il nostro fedele smartphone o tablet in un vero e proprio telecomando per controllare il cursore su schermo o per controllare le singole applicazioni utilizzate. In questa guida abbiamo raccolto tutti i metodi per controllare PC a distanza.

Avremo quattro sezioni della guida: le app che permettono di controllare il cursore e i programmi in un’unica schermata, le app che permettono di gestire lo schermo del PC e le app per controllare a distanza ogni singolo programma su schermo.

Per comodità possiamo utilizzare l’indice disponibile qui in basso per accedere rapidamente ad ogni sezione della guida.

App per controllare PC a distanza

App controllo puntamento e programmi

Con queste app non dovremo preoccuparci di dover cambiare ogni volta app per controllare un programma sul dispositivo da controllare. Potremo muovere il cursore con un trackpad virtuale o controllare le opzioni dei vari programmi direttamente da queste app.

Unified Remote

Decisamente una delle migliori app per controllare il PC a distanza. Basterà installare sul dispositivo da controllare il server (gratuito) e in seguito installare l’app su smartphone o tablet Android o iOS. Difficilmente rimarrete delusi da quest’app: potremo controllare il cursore o le opzioni di oltre 70 programmi. Per sfruttare al massimo l’app è consigliabile comprare la versione Premium.

Possiamo scaricare Unified Remote ed imparare ad utilizzarlo leggendo la nostra guida dedicata.

cat-logocat-logocat-logo

PC RemotePC remote app home

Un’alternativa gratuita a Unified Remote è PC Remote, che offre la possibilità di controllare il cursore su schermo e i programmi con un semplice tap sul telefono o sul tablet. Anche in questo caso basterà scaricare il server sul PC e in seguito procurarsi l’app per il device portatile per controllare PC a distanza. L’app ed il server sono disponibili gratuitamente.

Possiamo scaricare PC Remote ed imparare ad utilizzarlo leggendo la nostra guida dedicata.

App controllo schermo

Con queste app potremo controllare direttamente lo schermo del PC sullo smartphone. Lo schermo sarà presente “a specchio” sul nostro dispositivo portatile e potremo controllare ogni programma aperto.

TeamViewer

scherm-princ

Senza ombra di dubbio il miglior programma per controllare il PC a distanza con schermo condiviso. Basterà avviare il programma, prendere nota dell’ID e della password fornita ed utilizzare l’app mobile per controllare PC a distanza, sia nella stessa rete LAN sia fuori casa.

Possiamo scaricare TeamViewer ed imparare ad utilizzarlo leggendo la nostra guida dedicata.

Chrome Remote Desktop

Una buona alternativa a TeamViewer è Chrome Remote Desktop, un’app per Google Chrome utile per controllare a distanza lo schermo del PC. Una volta abilitato sarà semplice aggiungere nuovi PC da controllare ed utilizzando l’app dedicata potremo controllare PC a distanza in un batter d’occhio. Unico requisito: Chrome deve essere avviato per poter utilizzare l’applicazione.

Possiamo scaricare Chrome Remote Desktop per Google Chrome dal seguente link.

DOWNLOAD | Chrome Remote Desktop

Per i dispositivi mobile possiamo scaricare le seguenti app.

DOWNLOAD | Chrome Remote Desktop (Android)

DOWNLOAD | Chrome Remote Desktop (iOS)

App specifiche per ogni programma

Invece di usare un solo programma per controllare ogni aspetto del PC, possiamo utilizzare delle app “telecomando” specifiche per i programmi più famosi e gettonati. Vediamo insieme le app da utilizzare.

VLC Mobile Remote

Con quest’app potremo controllare ogni aspetto della riproduzione sul famoso player open source VLC, uno dei migliori della categoria.

Possiamo scaricare VLC Mobile Remote dai seguenti link.

DOWNLOAD | VLC Mobile Remote (Android)

DOWNLOAD | VLC Mobile Remote (iOS)

Per configurare correttamente VLC possiamo far riferimento alla parte della nostra grande guida a VLC per il controllo remoto.

LINK | Controllo remoto VLC

Yatse

2016-11-22-15_43_08-telegramdesktop

Con quest’app potremo controllare a distanza un PC su cui è installato e avviato Kodi. Potremo scegliere direttamente dal telecomando cosa riprodurre senza navigare nei menu, oltre a tutti gli altri aspetti del media center open source.

Possiamo scaricare Yatse e configurare Kodi seguendo la nostra guida dedicata.

Timote – Remote for Spotify

Con quest’app potremo controllare il client di Spotify a distanza utilizzando il nostro device portatile come un telecomando! Potremo scegliere la musica da riprodurre, controllarne l’esecuzione e cambiare brano, autore o album. Richiede l’installazione di un server sul PC, scaricabile gratuitamente.

Possiamo scaricare Timote dal seguente link.

DOWNLOAD | Timote

Transmission Remote

Con quest’app potremo controllare il client BitTorrent open source Transmission, così da poter aggiungere e controllare lo scaricamento dei torrent a distanza, anche quando siamo fuori casa.

Possiamo scaricare Transmission Remote dal seguente link.

DOWNLOAD | Transmission Remote

Per utilizzare al meglio Transmission possiamo leggere le seguenti guide.

uTorrent

Possiamo controllare uTorrent da remoto utilizzando l’app consigliata nella nostra guida dedicata.

L’articolo Le migliori app per controllare PC a distanza appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come controllare uTorrent da remoto

By Giuseppe F. Testa

Usciamo di casa lasciando uTorrent a scaricare i nostri file ma quando siamo tornati non solo i download erano ancora in corso, ma il programma non rispondeva più. Per evitare situazioni spiacevoli identiche a queste, dobbiamo attrezzatci per tenere uTorrent sempre sotto controllo.

Tramite una funzione specifica ed un’app gratuita per Android è possibile controllare uTorrent da remoto, interagendo con quest’ultimo da qualsiasi PC o smartphone connesso ad Internet o dalla propria rete LAN. Vediamo in questa guida come fare.

Controllare uTorrent da remoto

Impostazioni uTorrent

Avviamo uTorrent, selezioniamo la voce Impostazioni dal menu Opzioni e, nella finestra che si apre, clicchiamo sulla voce Interfaccia web presente nel submenu Avanzate.

Abilitiamo quindi il controllo remoto del programma spuntando la voce Abilita interfaccia web; digitiamo quindi un nome utente e una password per proteggere l’accesso non autorizzato e clicchiamo su OK per salvare le impostazioni. Ignoriamo qualsiasi altra voce presente nella finestra, non utili nel nostro caso. L’interfaccia da remoto è abilitata, ora possiamo passare a configurare i client.

Prima di proseguire però dobbiamo ricavare due informazioni importanti: la porta usata da uTorrent, l’indirizzo IP del nostro PC e l’indirizzo IP pubblico della nostra linea ADSL.

La porta possiamo ricavarla nel menu Connessione.

Impostazioni connessioni

L’indirizzo IP del computer e l’indirizzo IP pubblico della nostra linea ADSL possiamo ricavarli leggendo la nostra guida dedicata.

cat-logocat-logocat-logo

Controllare uTorrent da remoto con altri PC (LAN)

Proviamo ad accedere all’interfaccia web di uTorrent direttamente da un altro PC presente nella rete locale. Apriamo il browser e colleghiamoci a questo indirizzo:

http://IP_del_PC:porta_di_uTorrent/gui/index.html (es. http://192.168.1.4:27199/gui/index.html)

Il browser ci chiederà il nome utente e la password per accedere alla webUI di uTorrent (ossia quelli che hai impostato precedentemente).

Interfaccia web

Controllare uTorrent da remoto da Android (LAN)

Per controllare uTorrent usando il nostro fedele smartphone Android su rete LAN basta installare l’app uTorrent Remote, prodotta dagli stessi sviluppatori dell’applicazione per PC.

Possiamo aggiungere torrent, controllare l’andamento dei torrent già avviati, controllare la velocità e molte altre opzioni. Anche in questo caso dovremo inserire indirizzo IP e porta di uTorrent.

Possiamo scaricare uTorrent Remote dal seguente link.

DOWNLOAD | µTorrent Remote

Controllare uTorrent da remoto via Internet

Proviamo ad accedere all’interfaccia web di uTorrent direttamente da Internet usando un altro PC. Apriamo il browser e colleghiamoci a questo indirizzo:

http://IP_pubblico_ADSL:porta_di_uTorrent/gui/index.html (es. http://xxx.xxx.xxx.xxx:27199/gui/index.html)

Il browser ci chiederà il nome utente e la password per accedere alla webUI di uTorrent (ossia quelli che hai impostato precedentemente).

Interfaccia web

Per poter accedere correttamente al PC su cui abbiamo configurato il controllo remoto dovremo aprire le porte del router. Di seguito una guida a riguardo firmata Chimera Revo.

Controllare uTorrent da remoto via Internet da Android

Per controllare uTorrent usando il nostro fedele smartphone Android quando siamo fuori casa ed utilizzando esclusivamente la connessione ad internet basta installare l’app uTorrent Remote, prodotta dagli stessi sviluppatori dell’applicazione per PC.

Possiamo aggiungere torrent, controllare l’andamento dei torrent già avviati, controllare la velocità e molte altre opzioni. Anche in questo caso dovremo inserire indirizzo IP e porta di uTorrent.

Possiamo scaricare uTorrent Remote dal seguente link.

DOWNLOAD | µTorrent Remote

L’articolo Come controllare uTorrent da remoto appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Come controllare uTorrent da remoto

By Giuseppe F. Testa

Usciamo di casa lasciando uTorrent a scaricare i nostri file ma quando siamo tornati non solo i download erano ancora in corso, ma il programma non rispondeva più. Per evitare situazioni spiacevoli identiche a queste, dobbiamo attrezzatci per tenere uTorrent sempre sotto controllo.

Tramite una funzione specifica ed un’app gratuita per Android è possibile controllare uTorrent da remoto, interagendo con quest’ultimo da qualsiasi PC o smartphone connesso ad Internet o dalla propria rete LAN. Vediamo in questa guida come fare.

Controllare uTorrent da remoto

Impostazioni uTorrent

Avviamo uTorrent, selezioniamo la voce Impostazioni dal menu Opzioni e, nella finestra che si apre, clicchiamo sulla voce Interfaccia web presente nel submenu Avanzate.

Abilitiamo quindi il controllo remoto del programma spuntando la voce Abilita interfaccia web; digitiamo quindi un nome utente e una password per proteggere l’accesso non autorizzato e clicchiamo su OK per salvare le impostazioni. Ignoriamo qualsiasi altra voce presente nella finestra, non utili nel nostro caso. L’interfaccia da remoto è abilitata, ora possiamo passare a configurare i client.

Prima di proseguire però dobbiamo ricavare due informazioni importanti: la porta usata da uTorrent, l’indirizzo IP del nostro PC e l’indirizzo IP pubblico della nostra linea ADSL.

La porta possiamo ricavarla nel menu Connessione.

Impostazioni connessioni

L’indirizzo IP del computer e l’indirizzo IP pubblico della nostra linea ADSL possiamo ricavarli leggendo la nostra guida dedicata.

cat-logocat-logocat-logo

Controllare uTorrent da remoto con altri PC (LAN)

Proviamo ad accedere all’interfaccia web di uTorrent direttamente da un altro PC presente nella rete locale. Apriamo il browser e colleghiamoci a questo indirizzo:

http://IP_del_PC:porta_di_uTorrent/gui/index.html (es. http://192.168.1.4:27199/gui/index.html)

Il browser ci chiederà il nome utente e la password per accedere alla webUI di uTorrent (ossia quelli che hai impostato precedentemente).

Interfaccia web

Controllare uTorrent da remoto da Android (LAN)

Per controllare uTorrent usando il nostro fedele smartphone Android su rete LAN basta installare l’app uTorrent Remote, prodotta dagli stessi sviluppatori dell’applicazione per PC.

Possiamo aggiungere torrent, controllare l’andamento dei torrent già avviati, controllare la velocità e molte altre opzioni. Anche in questo caso dovremo inserire indirizzo IP e porta di uTorrent.

Possiamo scaricare uTorrent Remote dal seguente link.

DOWNLOAD | µTorrent Remote

Controllare uTorrent da remoto via Internet

Proviamo ad accedere all’interfaccia web di uTorrent direttamente da Internet usando un altro PC. Apriamo il browser e colleghiamoci a questo indirizzo:

http://IP_pubblico_ADSL:porta_di_uTorrent/gui/index.html (es. http://xxx.xxx.xxx.xxx:27199/gui/index.html)

Il browser ci chiederà il nome utente e la password per accedere alla webUI di uTorrent (ossia quelli che hai impostato precedentemente).

Interfaccia web

Per poter accedere correttamente al PC su cui abbiamo configurato il controllo remoto dovremo aprire le porte del router. Di seguito una guida a riguardo firmata Chimera Revo.

Controllare uTorrent da remoto via Internet da Android

Per controllare uTorrent usando il nostro fedele smartphone Android quando siamo fuori casa ed utilizzando esclusivamente la connessione ad internet basta installare l’app uTorrent Remote, prodotta dagli stessi sviluppatori dell’applicazione per PC.

Possiamo aggiungere torrent, controllare l’andamento dei torrent già avviati, controllare la velocità e molte altre opzioni. Anche in questo caso dovremo inserire indirizzo IP e porta di uTorrent.

Possiamo scaricare uTorrent Remote dal seguente link.

DOWNLOAD | µTorrent Remote

L’articolo Come controllare uTorrent da remoto appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.