Grosso aggiornamento per Neofetch

By Matteo Gatti

neofetch 2.0

Neofetch è fa parte dei cosiddetti CLI system info tools. Ve ne ho parlato recentemente qui.

L’app ha ricevuto da pochi giorni un importante aggiornamento con una miriade di novità, vediamole insieme.

Neofetch 2.0

“Questa è la più grossa release di sempre” questo un sunto delle parole dello sviluppatore Dylan Araps. Una grossa parte dello script è stata riscritta e ripulita. Corretti anche numerosissimi bug.

Queste sono alcune delle novità che trovate in Neofetch 2.0:

  • Improved ASCII art handling, including default OS fallback when distro not detected
  • ASCII colour tweaks for select distros, including Arch
  • Support for HyperTerm
  • GPU info is cached until reboot
  • Dedicated GPU preferred over integrated
  • ‘Now Playing’ support for select music players
  • Wallpaper detection on Cinnamon desktops
  • Improved documentation & wiki

Le informazioni supportate sono:

  • distro
  • model
  • kernel
  • uptime
  • packages
  • shell
  • risoluzione
  • tema
  • icone
  • cpu
  • gpu
  • memoria
  • font
  • disco
  • batteria
  • ip locale e pubblico
  • compleanno dell’utente
  • cpu usage

Potete scaricare Neofetch 2.0 cliccando qui.

Alternativamente potete aggiungere il PPA e poi installare il tool dando i seguenti comandi:

  • sudo add-apt-repository ppa:dawidd0811/neofetch
  • sudo apt update && sudo apt install neofetch

Una volta eseguita l’installazione per lanciarlo basta dare “neofetch” da terminale. Mentre

  • neofetch –help

vi mostra tutta la lista di comandi eseguibili

sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Grosso aggiornamento per Neofetch sembra essere il primo su Lffl.org.

Far funzione la web cam sui portatili Vaio con chipset Ricoh r5u87x su Ubuntu e derivate

By Marco Giannini

Alcuni modelli di portatili Sony Vaio (inclusi i modelli VGN-AR, VGN-CR, VGN-FE, VGN-FZ, modelli più recenti del VGN-SZ e VGN-TZ11) hanno al loro interno una web cam basata sul chipset Ricoh R5U87x (VGP-VCC 4 to 9, product IDs 0x1835 to 0x183e). Queste web cam richiedono la presenza di un firmware che non è presente sul Kernel Linux.
Per fortuna nel mondo GNU/Linux c’è rimedio a quasi tutto e c’è una soluzione anche a questo http://vaio-utils.org/camera/.
Per gli utenti Ubuntu e derivate c’è anche un comodo repository che supporta i seguenti modelli:

05ca:1803 Flybook V5
05ca:1810 HP Pavilion Webcam
05ca:1835 Sony Camera VGP-VCC5 (used on Sony Vaio SZ laptops)
05ca:1836 Sony Camera VGP-VCC4 (used on Sony Vaio FE laptops)
05ca:1837 Sony Camera VGP-VCC4 (used on Sony Vaio FZ laptops)
05ca:1839 Sony Camera VGP-VCC6 (used on Sony Vaio CR laptops)
05ca:183a Sony Camera VGP-VCC7 (used on Sony Vaio SZ and TZ11 laptops)
05ca:183b Sony Camera VGP-VCC8 (used on Sony Vaio FZ laptops)
05ca:183e Sony Camera VGP-VCC9 (used on Sony Vaio FZ laptops)
05ca:1841 Fujitsu F01 / Fujitsu Lifebook U810

Se il vostro laptop è nella lista non vi resta che aggiungere il repository “r5u87x, firmware loader for cameras based on Ricoh R5U87x chipsets” team (attualmente compatibile con Precise, Trusty, Xenil e Yakkety) dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:r5u87x-loader/ppa

aggiornate

sudo apt-get update

Installate ora il pacchetto contenente il firmware per la web cam Ricoh dando i seguenti comandi:

sudo apt-get install r5u87x

sudo /usr/share/r5u87x/r5u87x-download-firmware.sh

Ora non vi resta che riavviare il vostro Vaio e avviare la web cam che automaticamente riconosciuta dal sistema.

Ringrazio Salvo per aver postato il problema e testato la soluzione 🙂

Rilasciato Chrome 55!

By Matteo Gatti

chrome 55

Google ha rilasciato Chrome 55.

La nuova versione, targata 55.0.2883.75 è disponibile, oltre che per Linux, anche per Windows e Mac OS X e introduce diverse novità. La più importante è il supporto completo allo standard HTML 5. Una novità fondamentale, dunque, per fruire di una navigazione internet efficiente e reattiva anche sui computer meno performanti, che però necessita ancora del supporto degli sviluppatori web di tutto il mondo.

La prima volta che si visiterà un portale che utilizza ancora Flash Player, e sono moltissimi, Chrome chiederà all’utente con un messaggio pop up se acconsente all’esecuzione di Flash. Un messaggio che Big G ha deciso di non far apparire se si visualizzano i dieci portali più visitati al mondo: Amazon.com, Facebook.com, Live.com, Mail.ru, OK.ru, Twitch.tv, VK.com, Yahoo.com, Yandex.ru e YouTube.com.

Bug fixing e ottimizzazione

Big G ha poi apportato 36 nuove correzioni al sistema di sicurezza, la risoluzione di bug minori attraverso l’ottimizzazione del codice ed il supporto al CSS Automatic Hyphenation che si occupa di portare a capo in maniera automatica le parole troppo lunghe all’interno di un testo.

Infine, in questo caso più che mai vale il detto “last but not least”, Google avrebbe lavorato anche per diminuire la memoria RAM utilizzata durante la navigazione.La memoria occupata diminuirebbe del 50% assicurando prestazioni maggiori su tutti i dispositivi. L’installazione di Google Chrome 55 è consigliatissima.sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

L’articolo Rilasciato Chrome 55! sembra essere il primo su Lffl.org.

Ubuntu 16.04 LTS no login con i driver nvidia 304.132: Ecco come risolvere il problema

By Marco Giannini

Gli utenti di Ubuntu 16.04 LTS che fanno uso dei driver nvidia 304.132 hanno riscontrato recentemente un grosso problema che gli impedisce di effettuare il login sul proprio PC.
Il problema è connesso all’ultima versione dei driver del ramo 304 attualmente presenti (come update) nei repository di Ubuntu.
In attesa di un possibile fix a monte da parte di nvidia o di Canonical con il downgrade dei pacchetti l’unica soluzione è quella di utilizzare i driver nvidia 304.131 che sono ancora presenti nei repository di Ubuntu 16.04 LTS.
Vediamo come risolvere il problema.
Nel caso in cui avete già installato i driver nvidia-304.132 la prima cosa da fare è quella di rimuoverli.
Dalla schermata di login premete la combinazione di tasti CTRL+ALT+F1 per loggarvi nella consolle e inserite i vostri dati di accesso.
Da terminale aggiorniamo dando
sudo apt-get update
rimuoviamo i driver nvidia con
sudo apt-get remove nvidia*
sudo apt-get autoremove
ora non ci resta che installare i driver nvidia-304.131 che non sono afflitti dal bug dando
sudo apt-get install nvidia-304=304.131-0ubuntu3
Bene, ora riavviamo il sistema e logghiamoci su Ubuntu.
Adesso dobbiamo istruire il sistema dicendogli di non aggiornare i driver alla nuova versione buggata. Per fare questo dobbiamo creare una regola di pinning.
Con il nostro editor di testo preferito e con i permessi da super utente creiamo il file /etc/apt/preferences.d/local-nvidia-quirks
Mettiamo il caso di voler utilizzare Gedit. Da terminale diamo:
sudo gedit /etc/apt/preferences.d/local-nvidia-quirks
Adesso abbiamo due strade. Se vogliamo saltare soltanto la versione 304.132 incolliamo all’interno del file

Package: nvidia-304
Pin: version 304.132-0ubuntu0.16.04.2
Pin-Priority: -10
e salviamo.
Se invece vogliamo bloccare anche futuri update del ramo 304 dei driver e restare sempre sulla versione 304.131 incolliamo

Package: nvidia-304
Pin: version 304.131-0ubuntu3
Pin-Priority: 1001
e ovviamente salviamo il tutto.
Per maggiori dettagli sul bug vi rimando alla segnalazione fatta su Launchpad dove ho tratto la soluzione a questo problema https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+source/nvidia-graphics-drivers-304/+bug/1639180

Le app Android da non installare su ASUS

By Luca

I produttori di smartphone Android hanno il vizio (bello o brutto che sia) di installare molte applicazioni sugli smartphone. Quello che poi succede è che un utente installa le sue app preferite e finisce per ritrovarsi con app doppione che fanno la stessa cosa. Questo articolo, quindi, nasce proprio con lo scopo di evitare applicazioni ripetute. Oggi ci occuperemo dei dispositivi ASUS e vi mostreremo quali applicazioni è inutile installare sugli smartphone ASUS poiché già presenti di sistema.

Se volete, abbiamo trattato l’argomento anche per altri tipi di smartphone e trovate i link di seguito:

App Android già presenti su Asus

Note

Se avete la necessità di prendere appunti, non c’è bisogno di installare app di terze parti. Asus, infatti, mette a disposizione ben due app per questo scopo:

  • Appunto rapido: che consente di prendere appunti rapidamente e senza la necessità di salvarlo (lo fa da solo)
  • Supernote: applicazione più completa della precedente con la possibilità di prendere appunti come se ci trovassimo su un foglio di carta.

Il lato negativo di entrambe è quello di non avere integrazione con servizi cloud quali dropbox, Google Drive ecc.

Backup

Anche questa è presente sui dispositivi di casa Asus. L’applicazione, come dice il nome, consente di fare il backup dei file di installazione delle altre applicazione e dei loro dati. Sia di quelle installate dall’utente che di quelle di sistema. Inoltre è possibile scegliere se salvare il backup nella memoria interna o su una microSD. Essendo preinstallata di fabbrica offre una maggiore integrazione con il sistema, e questo la rende migliore di molte altre.

Lista delle cose da fare

Sotto il nome di “Do it later” è presente anche questa. Se avete la necessità di farvi una lista delle cose da fare, con anche la possibilità di un promemoria, questa fa al caso vostro. Inoltre l’integrazione con il sistema vi permette, con un semplice tocco, di rispondere a SMS o di richiamare qualcuno.

Gestore file

Non poteva mancare, quest’applicazione si sta pian piano diffondendo su tutti gli smartphone. Consente di gestire i file e le cartelle presenti sul dispositivo, o sulla memoria interna. E’ presente anche un “cestino” per recuperare i documenti eliminati per errore.

Meteo

Un applicazione molto comoda. Seppur non ci da le informazioni dettagliate sulle previsione, fa vedere la percentuale di umidità, la probabilità di pioggia (o altri fenomeni atmosferici) e l’orario in cui il sole sorge e tramonta. Integrata con l’app orologio, inoltre è presente un comodissimo widget che mostra le informazioni di entrambe le applicazioni.

Registratore suoni

Non serve installare altri registratori, Asus ha pensato anche a questo. Con una grafica molto curata l’app permette, appunto, di registrare tutto quello che il microfono dello smartphone può catturare.

Risparmio energia

Un’applicazione sicuramente molto utile. Permette di scegliere tra vari profili (Prestazioni, bilanciato, risparmio energia, super e personalizzato) per settare il funzionamento dello smartphone. Il primo non bada per niente ai consumi, mentre il penultimo riduce l’attività alle sole funzioni base per risparmiare energia. Con il personalizzato è possibile scegliere il profilo più adatto alle proprie esigenze.

Specchio

Non è altro che l’attivazione della fotocamera interna, senza la possibilità di scattare foto o regolare impostazioni. Ad alcuni potrebbe essere utile, visto che tutto lo schermo diventa uno specchio per controllare il proprio viso.

Splendid

Per chi sta cercando un app che regoli i colori dello schermo, eccola qui. Consente di modificare la saturazione, la tonalità e il “profilo”, per trovare il bilanciamento dei colori più adatto alle vostre esigenze.

Torcia

E’ inutile installare applicazioni esterne, anche questa è presente sugli smartphone Asus.

What’s next

Perfettamente integrata con le app “calendario” e “contatti”, se siete alla ricerca di qualcosa che vi ricordi i compleanni e quello che dovete fare, non dovete perdere altro tempo. Avete l’applicazione sotto il naso, e vi ricorda i compleanni da una settimana prima, fino al fatidico giorno.

L’articolo Le app Android da non installare su ASUS appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.