KDE Partition Manager 2.1 aggiunge il supporto F2FS

By Salvo Cirmi (Tux1)

KDE Partition Manager, che da anni ha proposto un’ottima alternativa a GParted su Kubuntu e distribuzioni con Desktop Environment KDE, si è aggiornato nella versione 2.1 che aggiunge finalmente il supporto al filesystem F2FS.

KDE Partition Manager 2.1 quindi, il cui nome nome in codice completo è 2.1.0, aggiunge come caratteristica principale il supporto al filesystem pensato per i dischi di tipologia flash, SSD (tant’è che l’acronimo è appunto Flash-Friendly File-System), supporto che verrà coadiuvato da f2fs-tools.

Inoltre, è stato inserito il supporto al flag delle partizioni, che effettivamente sarebbe dovuto essere presente già da prima. Potete leggere altri dettagli in questo post.

Se vuoi sostenerci, puoi farlo acquistando qualsiasi cosa dai diversi link di affiliazione che abbiamo nel nostro sito o partendo da qui oppure alcune di queste distribuzioni GNU/Linux che sono disponibili sul nostro negozio online, quelle mancanti possono essere comunque richieste, e su cui trovi anche PC, NAS e il ns ServerOne. Se ti senti generoso, puoi anche donarmi solo 1€ o più se vuoi con PayPal e aiutarmi a continuare a scrivere più contenuti come questo. Grazie! 

Hai dubbi o problemi? Ti aiutiamo

Se vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale Telegram. Se vuoi ricevere supporto per qualsiasi dubbio o problema, iscriviti alla nostra community Facebook o gruppo Telegram.
Cosa ne pensi? Fateci sapere i vostri pensieri nei commenti qui sotto.
Ti piace quello che leggi? Per favore condividilo con gli altri.

Scopri le ultime offerte per dischi ssd su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per memorie RAM DDR su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Chromebook su Acquista su Amazon
Scopri le ultime offerte per Raspberry su Acquista su Amazon

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.